Psichiatria e antipsichiatria

La psichiatria era una professione biopsicosociale che permetteva il tempo per conoscere la persona, non solo per trattare il sintomo. Ma i drastici tagli al finanziamento dei servizi di salute mentale hanno drasticamente ridotto la qualità del servizio che possono fornire. Gli psichiatri sono ora costretti a seguire vasti gruppi di pazienti. La maggior parte del tempo limitato a loro concesso viene speso per discutere i sintomi, regolare i farmaci e determinare gli effetti collaterali. Poco tempo è lasciato per forgiare una relazione di guarigione, fornire supporto e insegnare le abilità attraverso la psicoterapia. E i pazienti di solito arrivano da uno psichiatra – se non del tutto – come ultima risorsa, solo dopo che altre cose hanno fallito – e con l'aspettativa del paziente e della fonte di riferimento che lo scopo principale della visita è solo quello di prescrivere farmaci.

Gli psichiatri non hanno inventato questo sistema, ma devono vivere al suo interno (ad eccezione di quelli i cui pazienti possono pagare di tasca in tasca per cure molto più personalizzate). La maggior parte degli psichiatri fa un buon lavoro di diagnosi, prescrive farmaci e fornisce supporto. Certo, alcuni sono incompetenti: ogni professione ha i suoi grandi professionisti, le sue tette e l'intero spettro nel mezzo.

I risultati complessivi per il trattamento psichiatrico sono buoni. La maggior parte dei pazienti migliora a tassi uguali o superiori a quelli raggiunti dai medici che curano le malattie mediche. Ma, come nel resto della medicina, una significativa minoranza di pazienti non migliora affatto e una piccola minoranza peggiora. Il fallimento del trattamento può essere dovuto al decorso naturale della malattia, a circostanze di vita difficili, al comportamento del paziente o all'incompetenza dello psichiatra. Alcuni psichiatri non sono bravi nella diagnosi, usano troppi farmaci e / o non riescono a stabilire un buon rapporto con il paziente. E a volte può essere solo una brutta corrispondenza tra medico e paziente – la natura della loro relazione può influenzare fortemente il comportamento del paziente.

Un altro fattore importante nel fallimento del trattamento è che la maggior parte della "psichiatria" non viene eseguita dagli psichiatri. I medici delle cure primarie prescrivono il 90% delle benzodiazepine; 80% di antidepressivi; Il 60% di stimolanti; e il 50% di antipsicotici. Alcuni sono bravi in ​​questo, ma la maggior parte ha troppo poco tempo e poca formazione e sono troppo soggetti ai tiri di vendita dei venditori di droga. Gli psichiatri sono chiaramente responsabili di alcuni dei danni causati dall'eccesso di farmaci, ma il problema più grande è di gran lunga affrettato ai medici di base, che prescrivono farmaci sbagliati, ai pazienti che spesso non ne hanno bisogno. Il marketing ingannevole dell'azienda farmaceutica aumenta la prescrizione inappropriata convincendo sia il medico che il paziente che esiste una pillola per ogni problema.

La psichiatria subisce molte critiche: dall'interno della professione; da altri professionisti della salute mentale; e da pazienti insoddisfatti. Alcune delle critiche sono giuste, alcune sono esagerate e alcune sono semplicemente sbagliate.

Io, e altri nella professione, ho criticato la psichiatria per il suo crescente bio-riduzionismo, la riduzione dell'umanesimo, l'esuberanza diagnostica e l'eccessiva dipendenza dalla prescrizione di farmaci.

Gli psicologi criticano la psichiatria per la sua dipendenza da un modello medico, dalla sua terminologia, dal suo bio-riduzionismo e dal suo uso eccessivo di farmaci. Tutte queste sono preoccupazioni legittime, ma gli psicologi spesso vanno ugualmente fuori bordo nella direzione esattamente opposta – sposando un riduzionismo psicosociale estremo che nega qualsiasi causa biologica o qualsiasi ruolo per i farmaci, anche nel trattamento di persone con gravi malattie mentali. Gli psicologi tendono a trattare problemi più lievi, per i quali uno stretto approccio psicosociale ha perfettamente senso e le medicine non sono necessarie. Il loro errore è generalizzare dalla loro esperienza con il quasi bene ai bisogni dei veri malati. Per le persone con gravi malattie mentali, ad es. Schizofrenia cronica o disturbo bipolare, è necessario un ampio modello biopsicosociale per comprendere l'eziologia e di solito i farmaci sono necessari come parte del trattamento. Il riduzionismo biologico e il riduzionismo psicosociale sono in perenne guerra gli uni con gli altri e anche con il semplice buon senso.

Gli attacchi più importanti e preoccupanti per la psichiatria provengono da persone che si sentono danneggiate da essa. È stato sorprendente per me che le mie numerose e forti critiche alla psichiatria abbiano incontrato così poche critiche da parte degli psichiatri, mentre le mie difese molto meno frequenti e smorzate di psichiatria hanno attirato un tale fastidio dai pazienti insoddisfatti. Ogni volta che faccio twitter o blog su qualcosa che suggerisce che il trattamento psichiatrico è prezioso per alcune persone ma non per altre, ricevo una raffica di reazioni rabbiose che dichiarano che è totalmente dannoso per tutti.

I pazienti soddisfatti sono una maggioranza silenziosa – le persone che hanno beneficiato della psichiatria in genere hanno poca motivazione a rendere pubblica la loro gratitudine. I pazienti insoddisfatti vogliono essere ascoltati per esprimere le proprie lamentele personali e per proteggere gli altri da ciò che considerano una professione pericolosa.

Le loro preoccupazioni consistono in molte varianti diverse su due temi fondamentali: che la psichiatria peggiora le persone e che è coercitiva.

In genere, hanno avuto un'esperienza disastrosa con farmaci psichiatrici che sono stati prescritti in una dose troppo alta e / o per combinazioni troppo lunghe e / o in dispari e / o per un'indicazione errata. Sono arrabbiati per un motivo perfettamente comprensibile che li ha resi peggio e che le medicine li hanno resi migliori. La loro naturale conclusione è che la medicina è roba cattiva, per tutti.

E questo è confermato dalla lettura errata della letteratura scientifica da parte del giornalista Robert Whitaker, che lo porta alla posizione estrema che: "Penso che gli antipsicotici, nel complesso, peggiorino i risultati a lungo termine … le persone trattate con farmaci antipsicotici, starebbero meglio se questi farmaci non esistevano ". I miei due blog precedenti mostrano perché Whitaker ha torto, ma la sua affermazione che le medicine peggiorino le cose sembra convincente per i pazienti insoddisfatti perché conferma la loro esperienza vissuta. http://m.huffpost.com/us/news/antipsychotics

La loro passione è comprensibile e la loro visione fortemente negativa dei farmaci è, in molti casi, appropriata, per quanto riguarda la loro esperienza personale. Ma non esiste una "taglia unica" nel trattamento psichiatrico. I medici non sono tutti buoni o tutti cattivi. Misapplied sono cattivi. Prescritti correttamente sono buoni. Non è corretto generalizzare dall'esperienza vissuta di una persona all'esperienza vissuta da tutti gli altri. Meds che sono dannosi per qualcuno che non ne ha bisogno possono essere essenziali per qualcuno che lo fa.

A volte c'è anche la denuncia che lo psichiatra o la famiglia hanno costretto il paziente a prendere la medicina e / o ha ammesso il paziente involontariamente in trattamento ambulatoriale o ambulatoriale. La coercizione psichiatrica era una delle vergogne della nostra società. Cinquant'anni fa, più di 600.000 persone erano alloggiate in fosse di serpente di ospedale psichiatrico statale, spesso per periodi prolungati con poche cure e nessuna protezione dei diritti civili.

Ma i tempi sono cambiati. La coercizione è ora peggiore che mai, ma deriva dalla criminalizzazione della malattia mentale e dalla vergognosa negligenza dei malati di mente. Il novanta per cento dei letti degli ospedali statali sono stati chiusi e ci sono meno di 35.000 posti letto rimasti. I letti sono così scarsi che ora è molto più facile essere scaricati da un ospedale psichiatrico che essere ammessi a uno. I soggiorni in ospedale vengono misurati in giorni o settimane, mentre i soggiorni in carcere sono misurati in mesi, anni e decenni.

Le persone con problemi psichiatrici che erano costretti a farsi curare negli ospedali psichiatrici statali ora subiscono la coercizione molto peggiore del carcere prolungato (circa 350.000) o dei senzatetto (circa 250.000). La paura della coercizione psichiatrica è comprensibile, ma ora mal riposta. Molte persone stanno ancora combattendo la guerra di ieri e stanno andando alla grande nella guerra di oggi. Oggi la vergognosa coercizione è la criminalizzazione della malattia mentale e l'essere costretti a vivere nelle segrete. Ed è una coercizione diversa, solo leggermente meno terribile per essere costretti a vivere senzatetto per strada. Una maggiore cura psichiatrica nella comunità, unita a un alloggio dignitoso, proteggerebbe umanamente le persone dalla coercizione, certamente non la promuoveva.

La psichiatria è tutt'altro che perfetta, ma rimane la più centrata e umanistica di tutte le specialità mediche e ha il più basso tasso di malasanità tra tutte le specialità. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3204310/

I pazienti insoddisfatti ritraggono gli psichiatri come bulli affamati di potere che cercano di controllare le loro vite e li usano con i veleni. Al contrario, gli psichiatri spesso si sentono come ingranaggi impotenti in un sistema di salute mentale non adeguatamente finanziato e disorganizzato, cercando di fare del loro meglio, in circostanze molto difficili, per migliorare la quantità di persone che soffrono di sintomi terribilmente dolorosi e di terribili circostanze di vita.

La spaccatura di Psichiatria / Antipsichiatria ha avuto un effetto devastante sulla vita delle persone con gravi problemi psichiatrici. Per loro, questo è il peggiore dei tempi e il peggiore dei casi – la mancanza di un'efficace difesa ha molti di loro vergognosamente trascurati nelle prigioni o nelle strade. Le linee di battaglia sbagliate sono state disegnate. Dovremmo tutti lottare insieme affinché i nostri cittadini più vulnerabili abbiano accesso a un posto decente in cui vivere e ad un'assistenza umana e completa.

I vincoli imposti dal settore assicurativo e dai datori di lavoro hanno drasticamente cambiato la natura della pratica. I finanziamenti per i servizi di salute mentale sono stati drasticamente ridotti e gli psichiatri ora trattano gruppi molto ampi di pazienti. la maggior parte del tempo limitato a loro consentito viene speso per discutere i sintomi, aggiustare i farmaci e determinare gli effetti collaterali. Poco tempo è lasciato per forgiare una relazione di guarigione, fornire supporto e insegnare le abilità attraverso la psicoterapia. E i pazienti di solito arrivano da uno psichiatra – se non del tutto – come ultima risorsa, solo dopo che altre cose hanno fallito – e con l'aspettativa del paziente e della fonte di riferimento che lo scopo principale della visita è di prescrivere farmaci.

Gli psichiatri non hanno inventato questo sistema, ma devono vivere al suo interno (ad eccezione di quelli i cui pazienti possono pagare di tasca in tasca per cure molto più personalizzate). La maggior parte degli psichiatri fa un buon lavoro di diagnosi, prescrive farmaci e fornisce supporto. Certo, alcuni sono incompetenti: ogni professione ha i suoi grandi professionisti, le sue tette e l'intero spettro nel mezzo.

I risultati complessivi per il trattamento psichiatrico sono buoni. La maggior parte dei pazienti migliora a tassi uguali o superiori a quelli raggiunti dai medici che curano le malattie mediche. Ma, come nel resto della medicina, una significativa minoranza di pazienti non migliora affatto e una piccola minoranza peggiora. Il fallimento del trattamento può essere dovuto al decorso naturale della malattia, a circostanze di vita difficili, al comportamento del paziente o all'incompetenza dello psichiatra. Alcuni psichiatri non sono bravi nella diagnosi, usano troppi farmaci e / o non riescono a stabilire un buon rapporto con il paziente. E a volte può essere solo una brutta corrispondenza tra medico e paziente – la natura della loro relazione può influenzare fortemente il comportamento del paziente.

Un altro fattore importante nel fallimento del trattamento è che la maggior parte della "psichiatria" non viene eseguita dagli psichiatri. I medici delle cure primarie prescrivono il 90% delle benzodiazepine; 80% di antidepressivi; Il 60% di stimolanti; e il 50% di antipsicotici. Alcuni sono bravi in ​​questo, ma la maggior parte ha troppo poco tempo e poca formazione e sono troppo soggetti ai tiri di vendita dei venditori di droga. Gli psichiatri sono chiaramente responsabili di alcuni dei danni causati dall'eccesso di farmaci, ma il problema più grande è di gran lunga affrettato ai medici di base, che prescrivono farmaci sbagliati, ai pazienti che spesso non ne hanno bisogno. Il marketing ingannevole dell'azienda farmaceutica aumenta la prescrizione inappropriata convincendo sia il medico che il paziente che esiste una pillola per ogni problema.

La psichiatria subisce molte critiche: dall'interno della professione; da altri professionisti della salute mentale; e da pazienti insoddisfatti. Alcune delle critiche sono giuste, alcune sono esagerate e alcune sono semplicemente sbagliate.

Io, e altri nella professione, ho criticato la psichiatria per il suo crescente bio-riduzionismo, la riduzione dell'umanesimo, l'esuberanza diagnostica e l'eccessiva dipendenza dalla prescrizione di farmaci.

Gli psicologi criticano la psichiatria per la sua dipendenza da un modello medico, dalla sua terminologia, dal suo bio-riduzionismo e dal suo uso eccessivo di farmaci. Tutte queste sono preoccupazioni legittime, ma gli psicologi spesso vanno ugualmente fuori bordo nella direzione esattamente opposta – sposando un riduzionismo psicosociale estremo che nega qualsiasi causa biologica o qualsiasi ruolo per i farmaci, anche nel trattamento di persone con gravi malattie mentali. Gli psicologi tendono a trattare problemi più lievi, per i quali uno stretto approccio psicosociale ha perfettamente senso e le medicine non sono necessarie. Il loro errore è generalizzare dalla loro esperienza con il quasi bene ai bisogni dei veri malati. Per le persone con gravi malattie mentali, ad es. Schizofrenia cronica o disturbo bipolare, è necessario un ampio modello biopsicosociale per comprendere l'eziologia e di solito i farmaci sono necessari come parte del trattamento. Il riduzionismo biologico e il riduzionismo psicosociale sono in perenne guerra gli uni con gli altri e anche con il semplice buon senso.

Gli attacchi più importanti e preoccupanti per la psichiatria provengono da persone che si sentono danneggiate da essa. È stato sorprendente per me che le mie numerose e forti critiche alla psichiatria abbiano incontrato così poche critiche da parte degli psichiatri, mentre le mie difese molto meno frequenti e smorzate di psichiatria hanno attirato un tale fastidio dai pazienti insoddisfatti. Ogni volta che faccio twitter o blog su qualcosa che suggerisce che il trattamento psichiatrico è prezioso per alcune persone ma non per altre, ricevo una raffica di reazioni rabbiose che dichiarano che è totalmente dannoso per tutti.

I pazienti soddisfatti sono una maggioranza silenziosa – le persone che hanno beneficiato della psichiatria in genere hanno poca motivazione a rendere pubblica la loro gratitudine. I pazienti insoddisfatti vogliono essere ascoltati per esprimere le proprie lamentele personali e per proteggere gli altri da ciò che considerano una professione pericolosa.

Le loro preoccupazioni consistono in molte varianti diverse su due temi fondamentali: che la psichiatria peggiora le persone e che è coercitiva.

In genere, hanno avuto un'esperienza disastrosa con farmaci psichiatrici che sono stati prescritti in una dose troppo alta e / o per combinazioni troppo lunghe e / o in dispari e / o per un'indicazione errata. Sono arrabbiati per un motivo perfettamente comprensibile che li ha resi peggio e che le medicine li hanno resi migliori. La loro naturale conclusione è che la medicina è roba cattiva, per tutti.

E questo è confermato dalla lettura errata della letteratura scientifica da parte del giornalista Robert Whitaker, che lo porta alla posizione estrema che: "Penso che gli antipsicotici, nel complesso, peggiorino i risultati a lungo termine … le persone trattate con farmaci antipsicotici, starebbero meglio se questi farmaci non esistevano ". I miei due blog precedenti mostrano perché Whitaker ha torto, ma la sua affermazione che le medicine peggiorino le cose sembra convincente per i pazienti insoddisfatti perché conferma la loro esperienza vissuta. http://m.huffpost.com/us/news/antipsychotics

La loro passione è comprensibile e la loro visione fortemente negativa dei farmaci è, in molti casi, appropriata, per quanto riguarda la loro esperienza personale. Ma non esiste una "taglia unica" nel trattamento psichiatrico. I medici non sono tutti buoni o tutti cattivi. Misapplied sono cattivi. Prescritti correttamente sono buoni. Non è corretto generalizzare dall'esperienza vissuta di una persona all'esperienza vissuta da tutti gli altri. Meds che sono dannosi per qualcuno che non ne ha bisogno possono essere essenziali per qualcuno che lo fa.

A volte c'è anche la denuncia che lo psichiatra o la famiglia hanno costretto il paziente a prendere la medicina e / o ha ammesso il paziente involontariamente in trattamento ambulatoriale o ambulatoriale. La coercizione psichiatrica era una delle vergogne della nostra società. Cinquant'anni fa, più di 600.000 persone erano alloggiate in fosse di serpente di ospedale psichiatrico statale, spesso per periodi prolungati con poche cure e nessuna protezione dei diritti civili.

Ma i tempi sono cambiati. La coercizione è ora peggiore che mai, ma deriva dalla criminalizzazione della malattia mentale e dalla vergognosa negligenza dei malati di mente. Il novanta per cento dei letti degli ospedali statali sono stati chiusi e ci sono meno di 35.000 posti letto rimasti. I letti sono così scarsi che ora è molto più facile essere scaricati da un ospedale psichiatrico che essere ammessi a uno. I soggiorni in ospedale vengono misurati in giorni o settimane, mentre i soggiorni in carcere sono misurati in mesi, anni e decenni.

Le persone con problemi psichiatrici che erano costretti a farsi curare negli ospedali psichiatrici statali ora subiscono la coercizione molto peggiore del carcere prolungato (circa 350.000) o dei senzatetto (circa 250.000). La paura della coercizione psichiatrica è comprensibile, ma ora mal riposta. Molte persone stanno ancora combattendo la guerra di ieri e stanno andando alla grande nella guerra di oggi. Oggi la vergognosa coercizione è la criminalizzazione della malattia mentale e l'essere costretti a vivere nelle segrete. Ed è una coercizione diversa, solo leggermente meno terribile per essere costretti a vivere senzatetto per strada. Una maggiore cura psichiatrica nella comunità, unita a un alloggio dignitoso, proteggerebbe umanamente le persone dalla coercizione, certamente non la promuoveva.

La psichiatria è tutt'altro che perfetta, ma rimane la più centrata e umanistica di tutte le specialità mediche e ha il più basso tasso di malasanità tra tutte le specialità. http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC3204310/

I pazienti insoddisfatti ritraggono gli psichiatri come bulli affamati di potere che cercano di controllare le loro vite e li usano con i veleni. Al contrario, gli psichiatri spesso si sentono come ingranaggi impotenti in un nonsistema sanitario inadeguatamente finanziato e disorganizzato, cercando di fare del loro meglio, in circostanze molto difficili, per migliorare la quantità di persone che soffrono di sintomi terribilmente dolorosi e di terribili circostanze di vita.

La spaccatura di Psichiatria / Antipsichiatria ha avuto un effetto devastante sulla vita delle persone con gravi problemi psichiatrici. Per loro, questo è il peggiore dei tempi e il peggiore dei casi – la mancanza di un'efficace difesa ha molti di loro vergognosamente trascurati nelle prigioni o nelle strade. Le linee di battaglia sbagliate sono state disegnate. Dovremmo tutti lottare insieme affinché i nostri cittadini più vulnerabili abbiano accesso a un posto decente in cui vivere e ad un'assistenza umana e completa.

NOTA: Robert Whitaker mi informa che è errato in questo pezzo. Non ha mai scritto o affermato: "le persone trattate con farmaci antipsicotici starebbero meglio se questi farmaci non esistessero". Mi scuso per l'errore.

Solutions Collecting From Web of "Psichiatria e antipsichiatria"