Provochiamo le nostre sofferenze emotive?

Alcuni anni fa, ho inviato un articolo a una grande rivista online. Ero amico di uno degli editori e pensavo che sarebbe stato un grande pezzo da pubblicare. Prima di presentarla, ho parlato con la mia amica e lei sembrava un po 'resistente all'idea di un pezzo di auto-aiuto che correva nella rivista. Le ho detto di non preoccuparsi se non fosse una buona idea. Dopo averlo presentato tramite il mio amico, non ho avuto notizie di nessuno dalla rivista per settimane. Quando ho visto la mia amica, lei non me ne ha parlato e sembrava distante e fredda. Ogni volta che l'ho vista, dopo aver presentato l'articolo, ha continuato a stare in disparte e ho iniziato ad essere ansiosa e preoccupata di aver fatto qualcosa per offenderla. L'ho ripetuto nella mia mente ancora e ancora cercando di ricordare quello che ho detto e quello che ho fatto potrebbe averla sconvolta. Mi è rimasta l'incertezza di non aver mai più sentito dalla rivista e il mio amico che mi evitava.

Dopo settimane di sofferenza con questi pensieri, ho ricordato la seguente storia buddista:

Un cacciatore sta cercando di catturare una scimmia che sta rubando del cibo dalla sua città. Anche dopo un lungo periodo di rincorsa alla scimmia, non ha avuto fortuna. La scimmia era abbastanza intelligente e correva veloce, saliva e saltava da un albero all'altro. Il cacciatore cominciò a sentire che era quasi impossibile catturare la scimmia. Proprio mentre il cacciatore stava per arrendersi, un vecchio saggio gli diede alcune istruzioni su come portare a termine il compito. Gli fu detto di prendere una corda, una noce di cocco, dello zucchero e delle noccioline. Seguendo le istruzioni del vecchio, il cacciatore tagliò una porzione dalla parte superiore della noce di cocco, lasciando un piccolo foro al centro abbastanza grande da contenere la mano di una scimmia. Quindi mise le arachidi con lo zucchero dentro il buco e legò la noce di cocco ad un albero con la corda. Dato che si stava facendo tardi, lo chiamò una sera e tornò a casa per riposarsi. La mattina dopo, quando il cacciatore si è svegliato, è andato a controllare la sua noce di cocco. Proprio come il vecchio saggio aveva consigliato a lui, la scimmia era lì, ancora correva intorno all'albero in un cerchio con la sua mano bloccata all'interno della noce di cocco. La scimmia aveva infilato la mano nella noce di cocco per recuperare le arachidi zuccherate e le teneva nel pugno. Dal momento che il suo pugno con le noccioline era più grande del buco nella noce di cocco, non riusciva a tendere la mano ed era bloccato. Se la scimmia fosse stata disposta a lasciar andare le dolci noccioline e ad aprire la sua mano, allora sarebbe stato in grado di rimuoverlo dal cocco e correre libero. Il cacciatore non era in realtà quello che ha catturato la scimmia, perché aveva dormito tutta la notte. Alla fine, è stata la scimmia ad imprigionarsi all'albero a causa della sua riluttanza a lasciarsi andare.

Nel momento in cui ho ricordato questa storia ho capito che ero io a causare tutte le mie sofferenze, non il mio amico. Mi sentivo emotivamente intrappolato perché non ho mai sentito il ritorno dalla rivista online e ho percepito il mio amico come non recitazione gentile e amichevole con me. Avevo perso tempo a preoccuparmene e non essere presente alla vita di fronte a me. Mi sono reso conto che non potevo davvero sapere cosa fosse successo con il mio amico o la rivista e non avevo idea di cosa il futuro avesse in serbo. Mentre lasciavo andare quello che era "nella noce di cocco", ero in grado di vedere che forse questo era il meglio, forse sarebbe accaduto qualcos'altro, e forse non ho fatto nulla di sbagliato e il mio amico stava attraversando un momento difficile o si sentiva a disagio il mio aver presentato il pezzo. Tutto quello che sapevo è che avevo agito professionalmente e il resto era fuori dal mio controllo.

Certo, un po 'di tempo dopo che l'ho lasciato andare, ero in una funzione e mi sono imbattuto in un vecchio amico che mi ha chiesto di scrivere un pezzo sul mio lavoro con Maybe per la sua pubblicazione online che aveva un enorme pubblico e, infine, il mio libro, The Gift of Maybe, è stato acquistato da Penguin Random House. Questa esperienza mi ha davvero messo in evidenza ancora di più che tutta la mia sofferenza era stata solo la mia mente aggrappata a come pensavo che la vita dovesse svolgersi. Trovo che, essendo in grado di lasciar andare quei pensieri che inducono dolore, apro tutto ciò che la vita ha da offrire. È interessante notare che, quando il mio amico editore ha sentito parlare del nuovo accordo, mi ha chiamato immediatamente, offrendo gli auguri. Mi ha fatto capire che forse ha attraversato un periodo difficile e il suo comportamento potrebbe non aver avuto niente a che fare con me!

Quindi, quali pensieri stai trattenendo che ti tengono bloccato con la mano nella noce di cocco? Ti preoccupi costantemente di ciò che il tuo capo o amico pensa di te o di come avrai successo nella tua linea di lavoro? Come ti sentiresti se dovessi semplicemente allentare la tua presa su qualunque sia la radice della tua sofferenza? In realtà sarà davvero d'aiuto se sarai in grado di visualizzare te stesso lasciando andare quello che stavi afferrando e immagina di liberare la tua mano dalla proverbiale noce di cocco. Oppure, se sei bloccato, dì a te stesso: "Lascia andare quello che c'è nel cocco". In ogni caso, più fai questo esercizio o mantra, più profonda sarà la comprensione della fonte della tua sofferenza e come lasciare va

Scoprirai che lasciare andare anche solo un pensiero doloroso fa la differenza. Cerca di ricordare che c'è sempre Forse ad ogni svolta e c'è più di un modo per ottenere la dolcezza della vita!

Solutions Collecting From Web of "Provochiamo le nostre sofferenze emotive?"