Protezione attiva contro la solitudine

Proprio questa mattina, una donna di mezza età sposata ha ammesso di provare la solitudine. "È molto grave quando sono al centro commerciale", ha detto, "o in mezzo alla folla".

Un nuovo rapporto discusso oggi sul New York Times , rileva che circa il 13% degli anziani (60+) afferma di essere spesso soli, mentre il 30% afferma che la solitudine a volte è un problema.

La solitudine potrebbe non avere nulla a che fare con il vivere da soli; Il 62,5 per cento degli adulti più anziani che hanno riferito di essere soli in questo nuovo studio erano sposati. E questo può avere molto poco a che fare con l'età; i tassi di suicidio per gli uomini anziani sono all'incirca gli stessi di quelli degli adolescenti.

Se si vive da soli o in una situazione di vita condivisa, la difesa dalla solitudine richiede abilità, ricorda Steven Kurutz, scrivendo per il New York Times . E coltivare questa abilità è importante, perché, se non lo fai, ci possono essere gravi conseguenze per la salute.

In una cultura in cui l'indipendenza è il massimo della maturità e del successo, sempre più persone stanno "andando da sole", secondo il sociologo Eric Klinenberg. La notizia sorprendente che ha portato alla luce è questa: tra l'ossessione per l'indipendenza, i single lavorano duramente per essere social.

Da quello che ho visto nella mia ricerca, un buon numero di americani nella fascia di età superiore ai 85 anni sta sempre più "invecchiando sul posto" e quindi vive da solo. Eppure, nonostante quello che potremmo aspettarci, anche loro hanno strategie per difendersi attivamente dalla solitudine. Coltivano le routine quotidiane che animano le loro giornate. Lo cambiano qua e là. Proteggono la loro privacy e godono le loro vite sociali.

Considera questi individui e le loro strategie:

Una nonagenaria, Ann, ha fatto volontariato per decenni in una casa di cura, spingendo sedie a rotelle e facendo conversazione. Probabilmente pensò "Un giorno potrei finire lassù". E lo fece. E lei lo amava, perché tutti conoscevano il suo nome.

Un altro non geniale, Glenn, ha detto al suo pastore che vorrebbe condividere la sua casa con qualcuno che ha bisogno di un posto dove vivere, gratuitamente. Ad oggi, è attualmente al suo secondo boarder. La prima era una madre single e una maestra d'asilo. Il secondo è un attore in difficoltà.

E poi c'è Johanna, una centenaria che ama stare seduta sulla sua veranda, che presto si è fatta amichevole con tutti i suoi vicini. Un giorno, chiamò un vicino e gli chiese se non gli dispiaceva portarla al negozio di mobili. "Sono stanco di guardare il mio vecchio divano; Ho bisogno di uno nuovo. "E così hanno preso un pomeriggio per andare a comprare i mobili insieme.

Esistono molti approcci diversi per far fronte alla solitudine. Ho imparato questo, così come l'importanza di prendersi del tempo per se stessi, dagli anziani che ho seguito negli ultimi 5 anni.

Ma vedo anche come bramano il contatto umano, come tutti noi. Sorprendentemente, loro e gli altri riescono a creare opportunità di contatto – iniziando i caffè informali, chiacchierando in palestra, raggiungendo i vicini, twittando, facendo visite mediche, o diventando un normale in un ristorante locale.

Sono venuto a vedere che queste strategie di connessione sono un ingrediente chiave in vite lunghe, sane e significative.

Va bene ammettere la solitudine. Lo viviamo tutti, come il mio amico che lo sente più intensamente in mezzo alla folla. La domanda è, cosa fai dopo?

Quali sono le tue strategie preferite per la connessione?

La prossima volta: uno studente solitario, lontano da casa, fa una connessione per tutta la vita …

Meika Loe è professore associato di sociologia e studi femminili presso la Colgate University. È l'autrice di Aging Our Way: Lessons for Living from 85 and Beyond.

Solutions Collecting From Web of "Protezione attiva contro la solitudine"