Propaganda mascherata da marketing farmaceutico

L'attuale epidemia di oppioidi e la relativa crisi di eroina hanno devastato le famiglie praticamente in ogni comunità americana. Gli oppioidi includono antidolorifici legalmente prescritti come ossicodone, idrocodone, codeina, morfina e fentanil, che sono spesso riconosciuti da marchi come Demerol, Dilaudid, OxyContin, Percocet e altri, così come la forma di strada dell'eroina della droga. Gli oppioidi da prescrizione, che comprendono forme più pure di eroina, stanno alimentando questa epidemia. Una volta che i pazienti diventano dipendenti dagli oppioidi, molti si rivolgono all'eroina, che è economica e in abbondanza, per evitare il ritiro quando i medici riducono o interrompono le loro prescrizioni o non possono più permettersi questi farmaci costosi. Secondo i Centers for Disease Control and Prevention, almeno il 75% dei nuovi utilizzatori di eroina ha utilizzato per la prima volta un oppiaceo di prescrizione.

Oltre 2 milioni di americani sono ormai dipendenti o abusati di oppioidi da prescrizione e oltre mezzo milione o più di cittadini sono alle prese con la dipendenza da eroina. Dal 2000, questo problema ha causato la morte di almeno 250.000 americani. [Ii] Come notato da Elizabeth Capps e Kurt Michael, tali morti quadruplicarono tra il 2000 e il 2015. [iii] Il tasso di mortalità cumulativo equivale ad aver spazzato via un pacchetto folla al circuito di Indianapolis. Altre 1.000 persone vengono trattate nei reparti di emergenza per problemi derivanti dall'abuso di oppioidi ogni giorno. Nel corso di un anno, ciò equivale all'intera popolazione di città delle dimensioni di Tampa, Cleveland o Minneapolis che richiedono cure urgenti.

Nel 2007, tre ex dirigenti della Purdue Pharma si sono dichiarati colpevoli di accuse penali per i regolatori, i medici e i pazienti ingannevoli riguardo alla dipendenza della droga. Di conseguenza, la società ha pagato $ 600 milioni di multe per risolvere le accuse civili e penali per "falsare il marchio" OxyContin, l'oppioide una volta più venduto. Questa multa era una goccia nel secchio rispetto ai miliardi di Purdue Pharma e altre compagnie farmaceutiche continuano a rastrellare a causa dell'epidemia di droga che hanno contribuito a creare.

Un'emergenza nazionale

L'attuale mania dell'oppioide prese piede nel 1984, quando Purdue Pharma iniziò a promuovere l'ossicodone (OxyContin), una forma a lento rilascio di morfina, come un farmaco antidolorifico non additivo. OxyContin e altri oppioidi sono tutt'altro che non provocanti dipendenza. Molti tossicodipendenti e spacciatori di droga li conoscono come "eroina da uomo bianco" o "assassino".

L'epidemia di oppiacei americana è esplosa in una catastrofica crisi di salute pubblica che la Casa Bianca di Trump ha recentemente dichiarato come emergenza nazionale. Risolvere questa crisi richiederà una risposta di tutta la società; tuttavia, più di chiunque altro, le aziende che producono e vendono oppioidi dovrebbero finanziare gli sforzi per risolvere questo problema, ma è improbabile che si offrano volontari per farlo.

Mascherare la propaganda come marketing

Le compagnie farmaceutiche hanno speso milioni di oppioidi di marketing come non-dipendenza. I loro sforzi hanno funzionato: una delle classi di farmaci utilizzate più raramente è ora una delle classi di farmaci più frequentemente utilizzate. Una volta riservati principalmente per l'uso tra pazienti oncologici ospedalizzati e per cure di fine vita, gli oppioidi sono ora prescritti a oltre la metà di tutti i pazienti ospedalieri statunitensi.

Al centro di questo straordinario colpo di marketing stava vendendo la nozione – la grande bugia degli oppiacei – che meno dell'uno per cento dei pazienti diventava dipendente dagli oppioidi.

Merriam-Webster definisce la propaganda come "la diffusione di idee, informazioni o voci per lo scopo di aiutare o ferire un'istituzione, una causa o una persona; idee, fatti o accuse diffuse deliberatamente per promuovere la propria causa o per danneggiare una causa opposta. "

Secondo Joseph Goebbels, un membro di spicco della macchina di propaganda nazista che convinse soldati e cittadini tedeschi che era loro dovere sterminare gli ebrei: "Se dici una bugia che è abbastanza grande e continua a ripeterla, alla fine la gente finirà per crederci "La famigerata citazione di Goebbels ha anche avvertito che una propaganda di successo dipende dalla soppressione della preoccupazione per la verità: il gruppo che desidera promuovere una grande bugia deve anche" usare tutti i suoi poteri per reprimere il dissenso, perché la verità è il nemico mortale della menzogna ". ”

Guardando indietro all'evoluzione dell'attuale epidemia di oppioidi, la commercializzazione degli oppioidi sembra una propaganda redditizia. La grande bugia degli oppioidi è stata ripetuta così spesso che i dottori alla fine hanno creduto che fosse vero, nonostante in precedenza pensassero il contrario. Come se fosse un segnale, i medici prescrivevano questi farmaci con frequenza crescente, credendo che fosse la cosa giusta da fare.

Coloro che desiderano convincere la gente che gli oppioidi non creano dipendenza usano anche il loro potere per nascondere la verità. Hanno ideato e promosso il concetto chiamato "pseudoaddizione", sostenendo che si riferisce alla sindrome correlata al trattamento di comportamento anormale che si sviluppa come conseguenza diretta di una gestione inadeguata del dolore. Come tale, il comportamento del paziente coinvolgente era un segnale per un bisogno di più-non meno del farmaco. In verità, "pseudoaddiction" è semplicemente un concetto inventato; equivale a un'altra bugia, un altro pezzo di propaganda.

Promuovere il quinto e il falso segno vitale del dolore

Nel suo premiato libro, Dreamland: Il vero racconto dell'epidemia di oppiacei dell'America , Sam Quinones spiega in dettaglio come persino la Joint Commission, che è il più grande organismo di regolamentazione dell'ospedale, abbia preso parte alla brillante propaganda dell'industria farmaceutica. [I] Nel 2001, la Commissione mista ha dichiarato che il dolore rappresenta il quinto segno vitale, qualcosa che deve essere monitorato con la stessa intensità e frequenza della temperatura corporea, della frequenza cardiaca, della frequenza respiratoria e della pressione sanguigna.

Con il mandato per un attento monitoraggio del dolore è arrivata la richiesta di un miglioramento aggressivo di esso. In effetti, i tassi di rimborso di Medicare sono stati associati ai risultati dei sondaggi sulla soddisfazione dei pazienti sponsorizzati dal governo che chiedono ai pazienti come si sentono bene l'ospedale che ha gestito il loro dolore. Questo è anche il motivo per cui le cartelle del dolore sono ora intonacate sui muri dell'ospedale (e della clinica). Questi grafici raffigurano dolore su una scala da 1 a 10 con smiley e facce tristi corrispondenti e sono progettati per ricordare ai fornitori di chiedere e controllare il dolore del paziente.

A tempo debito, gli operatori sanitari sono arrivati ​​a credere che i livelli di dolore di ogni paziente dovrebbero essere ridotti al minimo e che gli oppioidi sono il mezzo più efficace per farlo. Inoltre, fare qualcosa di meno potrebbe portare a un ospedale che viene citato dalla Commissione mista o ai medici che vengono rimproverati dagli amministratori ospedalieri, evitati dai pari, o denunciati dai pazienti.

Rivendicazione della responsabilità

Potrebbe sembrare strano che i medici siano saliti a bordo con la nozione di pseudoaddizione, ma lo hanno fatto. Alla fine, tuttavia, il relitto composto di oppioidi liberali ha travolto la propaganda. Oggi molti medici si rendono conto di essere stati ingannati e stanno ancora una volta pensando al dolore semplicemente come un sintomo piuttosto che un segno vitale che può o dovrebbe essere misurato frequentemente. Sanno anche che gli oppioidi sono sostanze potenti a cui molti pazienti diverranno dipendenti da alti dosaggi o uso prolungato, apprezzando anche che alcuni pazienti diventeranno tossicodipendenti anche dopo un'esposizione a breve termine a bassi dosaggi.

L'anno scorso, l'American Medical Association (AMA) ha ufficialmente riconosciuto il pericolo di pensare al dolore come un segno vitale che dovrebbe essere trattato in modo aggressivo. Il presidente della gilda ha dichiarato che i medici hanno avuto un ruolo nell'epidemia di oppioidi e che erano pronti ad assumersi la responsabilità per questo. La principale soluzione dell'AMA è quella di smettere di chiedere ripetutamente ai pazienti il ​​loro dolore come una questione di routine.

Tradurre la politica in pratica

In genere occorrono dai 15 ai 17 anni per i risultati delle ricerche mediche e le politiche per diventare prassi di routine. Robert Pearl, MD fornisce un ottimo esempio nel suo nuovo libro: Mistreated: perché pensiamo di ricevere una buona assistenza sanitaria e perché siamo di solito sbagliati . [I] Nei primi anni '80, il Dr. Barry Marshall, un australiano medico, ha scoperto che le ulcere gastriche erano quasi sempre causate da un batterio specifico e curabili con antibiotici. I pari medici protestarono, continuando a credere che il cibo piccante e lo stress fossero i soliti colpevoli. Frustrato da tale resistenza, Marshall si infettò con il batterio e permise a un'ulcera di svilupparsi prima di curarsi (con successo) con antibiotici e pubblicò i risultati del suo esperimento personale e ben documentato sul Medical Journal of Australia. Tuttavia, la gestione medica delle ulcere peptiche non cominciò a cambiare per 20 anni, quando Marshall ricevette un premio Nobel per il 2005 per questo lavoro.

Anche di fronte all'abbondanza di prove che l'uso liberale di oppioidi non è efficace, sono dannosi per la salute dei pazienti e della società in generale, e sanzioni penali e multe per la società per promuovere tali pratiche, i cambiamenti nelle cure mediche rimangono lenti. Caso in questione: all'inizio di quest'anno, ho avuto l'opportunità di testimoniare quanto sia difficile annullare la suoneria degli oppioidi. Mentre visitava la mia amica Nancy Thom in California, suo figlio, Wes, è atterrato in ospedale per un'infezione dolorosa causata da una punta dell'ago che si è staccata alla caviglia mentre sparava all'eroina alcune settimane prima. Nonostante fosse un eroinomane auto-svelato nella fase iniziale della guarigione, gli fu somministrato oppioidi di cui avrebbe potuto fare a meno.

Riconoscere i professionisti competenti e premurosi

Quando Wes visitò un pronto soccorso, la sua caviglia stava gradualmente diventando più rossa e con sintomi più gonfi che Wes cercò di ignorare mentre il suo migliore amico del college era in città. Quando il suo amico se ne andò e Wes alla fine andò dal medico, fu immediatamente inviato in ospedale.

Wes si è rivelato coraggiosamente a tutti i dottori e infermieri che si prendevano cura di lui che era stato un tossicodipendente per via endovenosa e di recente è entrato in terapia intensiva ambulatoriale per la sua dipendenza da eroina. Tutti lo trattavano con rispetto, senza mostrare alcun segno di attenzioni inferiori a causa della sua dipendenza. Nondimeno, a ogni svolta, sua madre – una professionista della salute alleata che aveva letto molto sull'abuso e il recupero dell'eroina – si aggirava nelle vicinanze per rinforzare il messaggio, se necessario, che suo figlio non doveva ricevere alcun oppiaceo.

Dopo ore di attesa nel dipartimento di emergenza, Wes e Nancy Thom hanno appreso che un chirurgo traumatizzato che si era da poco diplomato in una scuola di medicina della Ivy League stava per eseguire l'operazione. Per l'enorme sollievo di Nancy Thom, il chirurgo ha assicurato loro che, sebbene durante l'intervento venissero usate sostanze che creassero dipendenza, vi erano numerosi regimi di gestione del dolore non oppioidi efficaci che potevano essere usati per trattare qualsiasi dolore post-operatorio – un punto il chirurgo ripetuto a Nancy subito dopo l'intervento. Il chirurgo si è anche offerto volontario di essere stato recentemente sensibilizzato alla necessità di considerare alternative non oppiacee alla gestione del dolore. Sottolineò che se il primo regime di trattamento non oppioide era inefficace; c'erano altri che poteva prescrivere.

Advocating for Patients

Wes è riuscito a superare i suoi primi cinque giorni di degenza senza ricorrere agli oppioidi. Durante i primi giorni post-operatori, un infermiere che faceva parte della squadra del chirurgo lo controllò. Ascoltava sempre attentamente mentre Wes descriveva il suo dolore e poi lo rassicurava sul fatto che ciò che stava vivendo era normale, sarebbe presto calato, e non era un segno che qualcosa non andava.

Nancy Thom era orgogliosa di suo figlio per aver cambiato la sua vita. Temendo, tuttavia, che la decisione di Wes potesse svanire nelle circostanze attuali o qualcos'altro potesse andare storto durante il ricovero, Nancy Thom rimase vicina a Wes fino alla prima casa del mattino, quando sarebbe tornata nella sua casa vicina per ripulire e prendi qualche ora di shuteye. L'infermiera che supervisionava le cure postoperatorie di Wes sembrava comprendere e sostenere la protezione di Nancy Thom.

Superare la resistenza al cambiamento

Poiché l'infermiere dell'équipe chirurgica era fuori servizio durante il fine settimana, un medico ospedaliero (chiamato un ospedale) ha controllato su Wes il sabato e la domenica (giorni quattro e cinque postoperatori). Dopo aver ascoltato la risposta di Wes alle sue domande sul suo dolore, il primo ospedale a controllarlo immediatamente ha detto che avrebbe ordinato farmaci anti-dolore oppioidi più forti. Quando Nancy Thom chiese all'ospedale se aveva letto il grafico di Wes (che lei non aveva) e disse che era un eroinomane in ripresa, l'ospedaliere scivolò via per non essere più visto.

Qualcosa di simile accadde il giorno seguente, ma Nancy non era nei paraggi. L'infermiera di turno di domenica si è incaricata di convincere il chirurgo di Wes che aveva bisogno di farmaci per il dolore più forti e ha cambiato l'ordine per trattenere gli oppioidi, rendendo il Percocet (ossicodone) disponibile su Wes su richiesta. Piuttosto che aspettare che Wes chiedesse il farmaco, le infermiere hanno ripetutamente chiesto se ne avesse avuto bisogno.

Tollerante dolore temporaneo

Sebbene Wes non avesse avuto bisogno della droga per superare quella che era probabilmente la peggiore delle sue prove, una volta offerta, "ha ceduto". Wes ha pensato che il Percocet avrebbe fornito più sollievo del Toradol per via endovenosa, un antinfiammatorio non narcotico droga – e che sarebbe al sicuro dall'abuso della droga in ospedale. In effetti, era sicuro che fosse abbastanza avanti nel suo recupero che prendere il farmaco come prescritto non avrebbe "mandarmi una lacrima" o comunque precipitare un ritorno all'eroina.

Il Percocet ha fornito un maggiore sollievo dal dolore rispetto al Toradol. Forse perché il Percocet non ha eliminato tutto il dolore o perché Nancy ha continuato a insistere su Wes – ricordandogli come fosse riuscito ad andare d'accordo senza la droga e quanto sarebbe stato bello mantenere quel tipo di droga che lo aveva quasi ucciso da il suo sistema – o a causa di una combinazione di entrambi, o per qualcos'altro – Wes ha rapidamente deciso di smettere di prendere il Percocet. Un giorno e mezzo dopo, Wes è stato dimesso.

Il primo giorno di lavoro di Wes a casa è stato difficile, probabilmente a causa dell'improvviso aumento dell'attività fisica legata al rientro a casa e all'abbandono e all'aumento delle richieste di terapia fisica. Ma il dolore diminuiva ogni giorno e lui si staccava da tutti i farmaci antidolorifici e tornava al lavoro nove giorni dopo l'intervento. Normalmente, questo non sarebbe stato il caso. La maggior parte dei pazienti sottoposti a un intervento chirurgico di 2,5 ore come Wes 'sarebbe stato medicato con oppioidi per tutta la durata della degenza ospedaliera e spedito a casa con una prescrizione per più del farmaco.

È interessante notare che non è stato molto tempo fa quando il dolore postoperatorio non è stato trattato in modo riflessivo con gli oppioidi, né i pazienti sono stati mandati a casa con prescrizioni di oppioidi. Questi pazienti "non trattati" non hanno avuto conseguenze a lungo termine. Il dolore è una cosa divertente; è difficile ricordarlo una volta scomparso. E, a meno che non ci sia una complicazione dall'intervento, il dolore postoperatorio generalmente scompare.

Educare infermieri

Una volta che a Wes furono dati alcuni Percocets e poi li declinò, l'infermiera Aneeka si offrì di portargli di nascosto un po 'di più in modo che sua madre non se ne accorgesse, credendo che Nancy Thom interferisse con le cure mediche di suo figlio cresciuto. Sebbene Wes informasse l'infermiera Aneeka che non era necessario nascondere ciò che stava succedendo a sua madre, si presentò con Percocet in una tazza di medicinali e annunciò che era Benadryl e poi sussurrò a Wes che era davvero Percocet. Wes in realtà apprezzava lo stretto monitoraggio e l'appoggio di sua madre, anche se non era convinto che evitare gli oppioidi durante il suo ricovero fosse di fondamentale importanza.

Apparentemente, come molte infermiere americane, Aneeka pensava che fosse importante per i pazienti "stare al passo con il dolore" e l'incapacità di farlo rappresenta una cura scadente e inumana.

I 36 milioni di persone che sono dipendenti da oppioidi includono operatori sanitari, in particolare infermieri ospedalieri. Come descritto in The Nurses: Un anno di segreti, Drama e Miracoli con gli eroi dell'Ospedale di Alexandra Robbins, [i] infermieri ospedalieri stanno impiegando una serie di tattiche per rubare oppioidi da pazienti in ospedali, case di cura e assistenza hospice centri. Per esempio, si suppone che "sprechino" (in modo sicuro scarti) i farmaci antidolorifici dei pazienti, ma è sorprendentemente facile per gli infermieri dare ai pazienti solo una parte di ciò che è prescritto per i loro pazienti e intascare il resto. Alcuni hanno addirittura ammesso di aver tolto i cerotti dai pazienti.

The Nurses include una nota laterale avvincente. Jan Stewart, un'infermiera che è stata certificata per 28 anni come infermiera anestesista ed è diventata presidente dell'American Association of Nurse Anesthetists e ampiamente rispettata e amata dai suoi colleghi, ha sofferto di dipendenza da oppiacei e morì all'età di 50 anni da un'overdose da oppiacei. La dipendenza da infermiera Stewart è iniziata con gli antidolorifici che le sono stati prescritti dopo un intervento chirurgico alla schiena. Proprio come il protagonista di The Goldfinch , [ii] un romanzo vincitore del premio Pulitzer 2013, le persone possono sembrare che stiano funzionando relativamente normalmente mentre abusano o sono dipendenti da oppioidi.

Targeting chirurghi e dentisti ambulatoriale

Un anno prima che visitassi Nancy Thom, in California, mi ero sottoposto a un'operazione ortopedica minore in un centro chirurgico indipendente. Durante i processi di dimissione, un'infermiera mi ha consegnato una prescrizione di oppioidi, notando che il farmaco "potrebbe causare sonnolenza". Nessuno mi ha chiesto se io o altri membri della famiglia avessimo una storia di abuso di sostanze o discusso di altre precauzioni.

Volendo "stare al passo con il dolore", come avevo sempre sentito dire dagli operatori sanitari, ho preso una pillola al momento di coricarsi per le prime due notti, ma nessuna durante il giorno e non ho mai provato più di un lieve disagio. A posteriori, prendere le pillole per il dolore non era necessario.

Quello stesso anno vidi un parodontologo per un impianto dentale. Ogni volta, ero intorpidito e non sentivo dolore durante la procedura. Dopo, il parodista mi ha detto che tutto è andato per il meglio, mi ha stretto la mano e mi ha consegnato al suo assistente. Ogni volta, l'assistente mi ha dato una prescrizione per un oppiaceo. Quando ho chiesto del livello di dolore da aspettarsi, mi è stato detto che dovrebbe essere "minimo" e che potrei probabilmente tornare immediatamente al lavoro. Ogni volta, ho preso 800 mg di Tylenol prima di lasciare la clinica. Non ho mai riempito le prescrizioni o sentito alcun dolore.

Tre volte in un anno mi è stata data una prescrizione oppioide non necessaria. Se non fossi stato a conoscenza dell'uso eccessivo di farmaci da prescrizione e generalmente predisposto a evitare qualsiasi farmaco non necessario, avrei potuto prendere tutti gli oppioidi prescritti dal mio chirurgo e dai miei dentisti. Questo non è perché ho un'insolita tolleranza al dolore. Un amico intimo ha subito lo stesso intervento ortopedico pochi mesi dopo di me e anche lui non ha avuto bisogno del suo prescritto farmaco oppiaceo.

Migliorare la sicurezza dei pazienti

Lawrence Kelmenson, MD suggerisce che l'aumento epidemico dell'uso di farmaci ADHD iniziati negli anni '90 ha contribuito a alimentare l'attuale epidemia di eroina. [I] Come psicologo che una volta studiava le ricadute per abuso di stimolanti per l'ADHD, ho appreso che il medico prescrive Il modello è guidato più da ciò che i suoi colleghi fanno e da ciò che i loro pazienti richiedono che da ciò che le linee guida professionali suggeriscono. [ii] Mentre scrivevo il mio nuovo libro sugli errori medici, Your Patient Safety Survival Guide , mi è stato ricordato che serve molto tempo per le informazioni contenute in linee guida mediche nuove e riviste da tradurre nella pratica clinica di routine … tranne quando le aziende farmaceutiche intervengono con brillanti campagne di marketing. [iii] Questo punto è anche chiarito in Drug Dealer, MD – un libro sul ruolo della psichiatria in l'epidemia di oppioidi di Anna Lembke, MD. [iv]

È ovvio che quando le aziende farmaceutiche mettono il loro know-how di marketing e i loro dollari per lavorare, hanno un enorme successo nel cambiare le aspettative dei pazienti e il comportamento dei medici. Quindi il modo più rapido per ripristinare l'uso sicuro della prescrizione di oppiacei è insistere sul fatto che le compagnie farmaceutiche che promuovono l'uso eccessivo di oppioidi ora creino un po 'di denaro per sviluppare potenti pubblicità per TV, radio e stampa, offerte gratuite di formazione continua e ricerca sulla riabilitazione dalla droga.

Una nota di cautela: a meno che gli sforzi finanziati dall'industria per porre fine all'epidemia di oppioidi siano controllati da persone senza legami finanziari o di reputazione con le compagnie farmaceutiche, è improbabile che abbiano successo.

Nota: questa storia è vera: tuttavia, per la privacy degli altri, include nomi fittizi e lievi modifiche di dettagli irrilevanti. Questo articolo è apparso per la prima volta su Mad in America.

Solutions Collecting From Web of "Propaganda mascherata da marketing farmaceutico"