Pronomi e loro antecendenti

Quando sei al lavoro in ufficio, chi è più propenso a condire il loro discorso con pronomi singolari in prima persona come "Io", "io" e "mio"? I top manager o quelli che riferiscono al top management?

Molti di noi indovinerebbero il top management. Sappiamo che le persone con un grande potere tendono ad essere espansive nella loro postura e nei loro gesti, occupando molto spazio con le braccia akimbo, ed è facile immaginarsi quelle in cima alla gerarchia della società che affermano con sicurezza che "Credo che …" "Dico che andiamo avanti e …" "Penso che l'unico piano che abbia senso sia …" o "secondo me, le vendite per il prossimo anno dovrebbero …".

In realtà, quelli in posizioni di alto rango usano meno pronomi singolari in prima persona di quelli che lavorano sotto di loro. In una serie notevole di studi, Ewa Kacewicz, Jamie Pennebaker ed i loro colleghi hanno usato l'analisi del testo computerizzata per tabulare l'uso pronome di persone che occupano posti diversi in varie gerarchie. Hanno esaminato la corrispondenza e-mail dei volontari di facoltà e studenti universitari, le lettere scritte da soldati di diverso rango nell'esercito di Saddam Hussein e, per il controllo sperimentale, il discorso registrato di studenti assegnati a posizioni di alto o basso livello in una squadra di consulenti simulata. In ogni caso, quelli vicini alla parte superiore della gerarchia usavano io, io, mio molto meno spesso di quelli che avevano superato.

Gli sperimentatori hanno attribuito le loro scoperte alle esigenze della gerarchia. Gli individui di status inferiore tendono ad essere focalizzati su se stessi per essere consapevoli di dove si trovano nell'organizzazione e di come ogni loro parola e azione possa influenzare il modo in cui gli altri (specialmente quelli con uno status più elevato) reagiscono a loro. Gli individui di status superiore, al contrario, sentono meno bisogno di monitorare ciò che dicono e fanno.

Queste differenze contribuiscono senza dubbio all'utilizzo discrepante di pronomi singolari in prima persona che Kacewicz, Pennebaker e colleghi hanno osservato. Ma qualcos'altro è probabile che sia in gioco pure. Mentre discutiamo a lungo sul nostro recente libro, The Wisest One in the Room , la maggior parte delle persone è soggetta a un "ingenuo realismo" o alla convinzione che ciò che sperimentano mentre attraversano la vita e reagiscono a ciò che li circonda è il mondo come è , non come hanno interpretato, filtrato o costruito. È questa illusione dell'oggettività personale che sta nel cuore della commovente ironia del comico George Carlin, "hai mai notato che chiunque guida più lentamente di te è un idiota e chiunque va più veloce di te è un maniaco? Poiché guidiamo tutti alla velocità, pensiamo che le condizioni della strada dettino, quelli che guidano più lentamente sembrano idioti e quelli che guidano più velocemente maniacali. Ciò che non riusciamo ad apprezzare è che il nostro senso di ciò che le condizioni stradali lo consentono è proprio il nostro senso delle condizioni prevalenti; e che altri conducenti potrebbero avere (e stanno rispondendo) un senso molto diverso di ciò che è ragionevole.

Status, potere e privilegio permettono a chi si trova in cima alla gerarchia di indulgere a un realismo ingenuo senza costrizioni. Possono semplicemente affermare "Quello che serve …", "La migliore strategia sarebbe quella di …" o "La competizione reagirà per …" Gli individui di status inferiore, al contrario, usano i pronomi in prima persona per qualificare le loro asserzioni. Consapevole del fatto che i loro superiori potrebbero avere punti di vista diversi e che potrebbe essere pagato un prezzo per contraddirli in modo vistoso, è più probabile che dicano "Secondo me …" "Sospetto che …" o "Ciò che mi preoccupa potrebbe essere la maggior parte probabile che accada è … "

Al di là del contenuto di ciò che diciamo, il modo in cui parliamo riflette non solo il punto in cui ci troviamo in una gerarchia di status, ma fa anche luce su come è l'esperienza di essere alti o bassi sul totem. E potrebbe essere una buona idea esaminare le dichiarazioni di individui di alto rango con occhio particolarmente attento.

Solutions Collecting From Web of "Pronomi e loro antecendenti"