Progressi di Stonewalling

La caritatevole organizzazione britannica per i diritti degli omosessuali, Stonewall, ha prodotto un nuovo rapporto sull'entità dell'omofobia nelle scuole britanniche. Esaminando 1.600 giovani appartenenti a minoranze sessuali, rileva che il 55% degli studenti lesbiche, gay e bisessuali (LGB) subisce il bullismo omofobico, il 96% ascolta "osservazioni omofobiche" e che l'omofobia spesso non viene contestata. Ciò si basa sul rapporto del 2007, secondo il quale l'omofobia era "endemica" e "quasi epidemica" nelle scuole britanniche. Questi sono risultati strazianti, ma oscurano piuttosto che rivelare le dinamiche sociali di molte scuole britanniche oggi.

È importante riconoscere che nessuna ricerca accademica sottoposta a peer review ha mai documentato livelli così elevati di omofobia nel Regno Unito. Infatti, mentre gli studiosi trovavano le scuole omofobiche negli anni '80 e all'inizio degli anni '90, ricerche più recenti, compresa la mia, hanno sostenuto che c'è stata un'erosione dell'omofobia nelle scuole. Suggerisco che questa differenza nei risultati è il risultato di difetti metodologici e analitici nel sondaggio di Stonewall.

Il primo numero è sempre rivolto alla ricerca quantitativa sul reclutamento di giovani minorenni a minoranza sessuale. Anche se il rapporto di per sé non documenta i metodi di reclutamento della minoranza sessuale giovanile, uno degli autori ha scritto che ha coinvolto il contatto con "gruppi LGB, portali scolastici e universitari, FB, alcuni tweet" (corrispondenza personale). È noto che i giovani che frequentano i gruppi LGB e sono conosciuti dagli insegnanti come LGB nelle scuole, tendono ad essere quelli che hanno avuto esperienze negative, spesso a causa della loro non conformità di genere. Reclutando partecipanti da questi gruppi, il rapporto è prevenuto verso l'ascolto delle storie dell'orrore – da coloro che hanno avuto esperienze negative – e probabilmente ha più da dire sulla non conformità di genere rispetto alle minoranze sessuali. Mentre il bullismo basato sulla non conformità di genere è un problema orribile come il bullismo per qualsiasi altra ragione, distorce i risultati di un particolare tipo di giovani LGB.

Il secondo problema è di attrito . Sebbene Stonewall non abbia reso disponibili le domande del sondaggio, le ho lette mentre il sondaggio era in diretta. Ci sono voluti 15 minuti per leggere tutte le domande, che erano ripetitive e ha chiesto se il partecipante avesse vissuto una vasta gamma di eventi (da atti positivi a omofobia estrema). La lunga inchiesta spinge il rapporto verso coloro che hanno avuto esperienze negative: i giovani che hanno subito l'omofobia saranno molto più motivati ​​a completare il sondaggio rispetto a quelli la cui sessualità non è stata un problema significativo. Mettendo in risalto questo, un mio collega accademico omosessuale ha preso il sondaggio e mi ha riferito che ha lasciato a metà strada – era troppo lungo. Questo, naturalmente, solleva un altro problema: chiunque può compilare il sondaggio e non esiste un metodo di controllo per i giovani che frequentano la scuola.

Nessuno di questi problemi sarebbe significativo se Stonewall avesse mitigato le loro affermazioni di generalizzabilità. The School Report 2012 è un documento importante nella misura in cui aiuta a illuminare le vite problematiche degli studenti che subiscono continue molestie omofobiche. In altre parole, dimostra come gli studenti che hanno un brutto momento abbiano un brutto momento. Ciò che non fa e non può fare, tuttavia, è fornire statistiche generalizzabili sulle esperienze dei giovani LGB nelle scuole. La grande vergogna, quindi, è che il rapporto fa affermazioni sulle esperienze di tutti gli studenti LGB, senza mai riconoscere i limiti del suo campione.

Questa sovrastima è evidente in altri modi. Ad esempio, le citazioni fornite per le dichiarazioni di supporto nel report sembrano essere spesso esemplari del caso peggiore. Quindi, quando il rapporto afferma che "più della metà" degli studenti LGB "sperimenta il bullismo omofobico", la citazione di accompagnamento si riferisce a una minaccia di morte in cui qualcuno "mi infila un coltello nel culo e nella gola". Questo è un giornalismo sensazionalista e non ricerca rappresentativa e serve a oscurare la realtà della vita di molte persone LGB. Inoltre, la continua insistenza di Stonewall che "è così gay" è omofobica (discutendo in una sezione sul bullismo ) dimostra una mancanza di volontà di impegnarsi con i dibattiti contemporanei sull'omofobia nei contesti scolastici. E mentre trova che molti studenti LGB non amano "è così gay", non spiega se i giovani interpretano questa frase come un atto di bullismo.

La schiacciante enfasi sugli aspetti negativi dell'omofobia nelle Stonewall's School Reports è alquanto sconcertante. Dopotutto, hanno una serie di pubblicazioni che esaminano il cambiamento dell'atteggiamento nei confronti dell'omosessualità nel Regno Unito, la maggior parte delle quali documenta miglioramenti significativi con alcune questioni negative. Ad esempio, in Living Together, Cowan (2007) ha rilevato che l'87% dei cittadini britannici dichiara di sentirsi a proprio agio con i propri parlamentari gay e l'86% sarebbe a suo agio se un amico intimo fosse gay. Tuttavia, quando si parla di scuole, la presentazione dei dati da parte di Stonewall è irrimediabilmente negativa. Può darsi che lo staff di Stonewall non sia consapevole dei difetti metodologici e analitici o che sia influenzato dalle proprie esperienze a scuola. O forse hanno trovato un'area che riceve grande attenzione da parte dei media e allenta le tasche dei donatori finanziari. Qualunque sia la ragione, è significativo che i Rapporti scolastici siano così molto negativi, nonostante risultati apparentemente positivi collocati nella sua seconda metà.

Non è mia opinione che l'omofobia non sia più presente nei contesti scolastici. Piuttosto, la mia tesi è che ciò che è necessario è una ricerca di alta qualità, metodologicamente rigorosa, per esaminare quando e perché ciò si verifica. Ciò comporterebbe il coinvolgimento di ricercatori nelle scuole e il rilevamento di una serie di studenti. Richiederebbe tempo, denaro e sforzi per reclutare la panoplia completa dei giovani delle minoranze sessuali per garantire che tutte le loro voci siano ascoltate. Ciò richiede molto più lavoro del semplice invio di un sondaggio online e il reclutamento attraverso reti esistenti che hanno probabilmente avuto una particolare esperienza scolastica. Il Rapporto scolastico 2012 è un'occasione mancata per informare il dibattito sull'omofobia nelle scuole britanniche, ma la preoccupazione maggiore è che il suo tono schiacciante negativo potrebbe incoraggiare i bambini a restare nell'armadio.

Solutions Collecting From Web of "Progressi di Stonewalling"