Profilo di uno sparatutto di massa: il collegamento di violenza domestica

La scorsa settimana, la mia città natale di Mongtomery County, nel Maryland, era bloccata a causa di uno sparatutto pubblico. Come riassume le notizie locali:

Un ufficiale federale è stato catturato venerdì, un giorno dopo che la polizia ha dichiarato di aver ucciso a morte la sua estranea moglie a Beltsville, e gli investigatori hanno detto che "hanno ragione di credere" che lo stesso uomo sia collegato a due sparatorie fatali all'inizio del Westfield Montgomery Mall a Bethesda e Giant Foods in Silver Spring. (Cintura, 2016, para 1).

Questo sparatutto ha sparato e ucciso la moglie separata mentre stava raccogliendo la figlia dalla scuola superiore, poi è andata in giro per le prossime 24 ore, uccidendo fatalmente una donna nel parcheggio di un negozio di alimentari e un'altra al di fuori di una prominente centro commerciale nella zona. C'era un ordine protettivo contro il suo andare alla scuola superiore dove la figlia era una studentessa, ma questo non gli impediva di tendere un'imboscata alla moglie separata e di ucciderla di fronte alla figlia.

In seguito alle sparatorie pubbliche, i ricercatori non riescono a compilare un profilo completo e infallibile di un tiratore. Ci sono così tante variabili estranee, e non tutto ciò che apparirebbe in superficie per essere collegato a fattori di rischio per atti di violenza pubblici necessariamente regge all'esame scientifico (per esempio, in un precedente post, ho riferito che circa il 4% della violenza di massa nella nostra cultura può essere attribuito alla malattia mentale, una statistica sconcertante che sorprende la maggior parte della gente e sfida le descrizioni dei media dei malati di mente, per l'articolo completo clicca qui). L'imprevedibilità delle sparatorie pubbliche di massa, in particolare, li rende molto difficili da prevenire o prevedere per i responsabili politici e gli studiosi.

Un collegamento spesso trascurato per quanto riguarda le sparatorie di massa, sia private che pubbliche (una sparatoria di massa è definita come atto violento in cui vi sono almeno quattro morti – non deve essere un atto pubblico di per sé per soddisfare questo standard) ha a che fare con incidenti di violenza domestica.

In effetti, la violenza domestica in America è in misura significativa un problema di violenza armata. Negli ultimi 25 anni, omicidi di partner più intimi negli Stati Uniti sono stati commessi con armi da fuoco rispetto a tutte le altre armi combinate. E le persone con una storia di violenza domestica hanno cinque volte più probabilità di uccidere successivamente un partner intimo quando un'arma è in casa. ("Guns & Violence Against Women", 2014, para 3).

Il sorprendente legame tra la violenza dei partner e le sparatorie di massa è che in uno stupefacente 57% delle riprese di massa tra il 2009-2014 "l'autore ha ucciso un partner o un familiare intimo" (Guns & Violence Against Women, 2014, para 4). Inoltre, spesso l'uccisione di un partner può diventare un catalizzatore per atti di violenza pubblici ancora più gravi, come sparatorie a caso, come nel caso della sparatoria che si è verificata questa settimana nel Maryland.

Nella stessa analisi delle recenti sparatorie di massa è stata studiata una dimensione campionaria di 133 incidenti, e oltre a tale numero del 57% identificato, i ricercatori hanno scoperto che una precedente carica di violenza domestica era presente anche per un numero significativo di casi che si trovavano nel campione ("Analisi delle riprese di massa", 2015). Quindi, affrontare la violenza domestica servirebbe non solo a impedire ai partner di diventare vittime (che è abbastanza significativo) ma potrebbe anche aiutare in generale a ridurre le sparatorie di massa che hanno eluso studiosi e politici riguardo alla prevenzione (in particolare sulla scia delle nostre leggi sulle armi libere e la mancanza di volontà politica di cambiare scappatoie che sono spesso direttamente implicate nell'acquisizione delle armi che i perpetratori usano per le loro atrocità).

Anche la mia descrizione delle sparatorie di massa può essere fuorviante dal momento che sto usando esempi che si svolgono in pubblico. Ad esempio, un articolo suggerisce che "la maggior parte delle sparatorie di massa negli Stati Uniti avvengono in privato. Si verificano in casa, e le vittime sono prevalentemente donne e bambini "(Jeltsen, 2015, para 6). Questi casi tendono a ricevere meno copertura mediatica rispetto alle sparatorie pubbliche di massa, tuttavia, probabilmente perché le sparatorie pubbliche generano un rischio maggiore (e quindi di interesse) per il pubblico in generale e come accennato in precedenza tendono ad essere imprevedibili e apparentemente casuali.

La storia non raccontata di sparatorie di massa in America è una delle violenze domestiche. È uno degli uomini (sì, per lo più uomini) che prende di mira e uccide le loro mogli o ex-fidanzate o famiglie. Le vittime sono intimamente familiari agli sparatutto, non estranei casuali. Questo tipo di violenza non è indiscriminato, anche se amici, vicini e passanti vengono spesso uccisi accanto agli obiettivi previsti. (Jeltsen, 2015, paragrafo 7)

È chiaro che la violenza domestica e la violenza armata vanno di pari passo. Infatti, il 93% delle donne uccise da uomini viene ucciso da qualcuno che conoscono, spesso intimamente (Sugarmann, 2014). Esiste anche un ulteriore collegamento, il che significa che la violenza vista dai perpetratori nei confronti dei loro partner è anche a rischio di un'escalation in una violenza più generale contro il pubblico. Questo è stato il caso delle sparatorie di questa settimana nel Maryland (che tecnicamente non avrebbero nemmeno rispettato lo standard per "sparatorie di massa" perché finora sono stati segnalati tre decessi).

Purtroppo, proprio come le vittime della violenza domestica, anche le donne sono a rischio di diventare bersagli in caso di sparatorie di massa (in effetti lo studio a cui si è accennato precedentemente ha calcolato che il 50% delle vittime erano donne). Altri studi hanno identificato il 64% delle vittime di sparatorie di massa come donne e bambini (come riportato da Jeltsen, 2015). Nel caso specifico della tragedia del Maryland questa settimana, finora tutti gli obiettivi sembrano essere stati donne, anche se una delle vittime, purtroppo, era un passante maschio che ha tentato di aiutare una delle donne dopo che le hanno sparato.

Gli atti di violenza specificamente rivolti alle donne continuano ad essere emarginati nella nostra cultura. Forse se si combinasse più esplicitamente la violenza domestica con le sparatorie di massa, la minaccia verrà presa più seriamente e i responsabili delle politiche avranno un incentivo ancora maggiore per mantenere le donne al sicuro.

Belt, D. (2016, 6 maggio). Washington Beltway Shootings: 4 colpi, 2 morti in Mall and Grocery; Ufficiale federale in custodia. Patch di inseguimento di Bethesda-Chevy. Estratto il 7 maggio 2016 da: http://patch.com/maryland/bethesda-chevychase/police-investigate-bethesd …

Analisi delle riprese di massa. (2015, 20 agosto). Everytown For Gun Safety. Estratto il 7 maggio 2016 da: https://everytownresearch.org/reports/mass-shootings-analysis/

Guns and Violence Against Women. (2014, 16 giugno). Everytown For Gun Safety. Estratto il 7 maggio 2016 da: https://everytownresearch.org/reports/guns-and-violence-against-women/

Jeltsen, M. (2015, 25 agosto). Ci manca il grande ritratto sulle riprese di massa. The Huffington Post: Politics. Estratto il 7 maggio 2016 da: http://www.huffingtonpost.com/entry/mass-shootings-domestic-violence-wom…

Sugarmann, J. (2014, 1 dicembre). Per le donne, la violenza delle pistole è spesso legata alla violenza domestica. Huffington Post: politica. Estratto il 7 maggio 2016 da: http://www.huffingtonpost.com/josh-sugarmann/for-women-gun-violence-of_b…

Copyright Azadeh Aalai 2016

Solutions Collecting From Web of "Profilo di uno sparatutto di massa: il collegamento di violenza domestica"