Problemi di attaccamento dei genitori

Wikimedia Commons
Fonte: Wikimedia Commons

È stato ampiamente studiato quanto può essere dannoso l'abbandono emotivo dei genitori. Come dimostrano gli esperimenti dello psicologo americano Harry Harlow negli anni '50, un forte legame emotivo con i propri genitori – o quello che gli psicologi chiamano "attaccamento sicuro" – è cruciale per una buona salute e fiorente più avanti nella vita. Harlow ha testato se giovani scimmie rhesus avrebbero scelto una madre surrogata fatta di spugna morbida, ma che non ha fornito cibo, o una di filo, ma che ha consegnato il cibo da un biberon attaccato. Scoprì che le scimmie bambino passavano molto più tempo con la loro madre che con la madre. Le scimmie bambino si sarebbero rivolte alla loro madre di stoffa per comodità e sicurezza e avrebbero usato la madre di stoffa come base sicura per esplorare la stanza.

Lo psichiatra e psicanalista britannico John Bowlby, il padre fondatore della teoria dell'attaccamento, ha descritto l'attaccamento come un legame emotivo che influisce sul comportamento "dalla culla alla tomba". Il modo in cui ti leghi ai caregivers durante la prima infanzia influenza il comportamento nei rapporti e nelle amicizie, come in contatto sei con le tue emozioni e quanto ti permetti di amare gli altri a livello cosciente. Bowlby ha sostenuto che i primi processi di attaccamento portano a un particolare modello mentale di relazioni che continua a modellare le interazioni del bambino con altre persone quando il bambino matura. Il modello mentale è un sistema di credenze implicito sulle interazioni bambino-caregiver che in una certa misura predice come il bambino interagirà con futuri caregiver, partner romantici, amici, insegnanti e colleghi.

La psicologa Mary Ainsworth, che lavorava con Bowlby, realizzò il primo studio sull'attaccamento nell'infanzia in Uganda dal 1953 al 1955. Lo studio osservò ventotto bambini non sposati di ventitré famiglie in sei villaggi locali. Era consuetudine sradicare i bambini dalla madre quando erano svezzati e lasciarli con la nonna. Questa usanza permetteva ai ricercatori di valutare in modo conveniente come si comporterebbero i giovani se separati dalla loro madre naturale.

Ainsworth ha scoperto che i bambini di madri che erano in sintonia con i bisogni dei loro piccoli hanno sviluppato uno stile di attaccamento sicuro, mentre i bambini di madri che erano impercettibili, distanti o irregolari hanno sviluppato uno stile di attaccamento insicuro. Apparentemente, cinque dei ventotto bambini non erano riusciti a sviluppare un attaccamento alla loro madre, e questo era in correlazione con uno stile genitoriale in gran parte inavvicinabile o imprevedibile. Sette bambini erano attaccati in modo insicuro e avevano grandi difficoltà a separarsi dalla madre, probabilmente a causa dell'incoerenza della madre e delle proprie insicurezze.

Dal momento culminante della carriera di Bowlby, molte situazioni della vita reale sembrano confermare la teoria secondo cui i bambini hanno bisogno di un legame sicuro per prosperare.

Negli anni '80 e '90 un divieto di aborto in Romania ha portato ad un forte aumento dei bambini da orfanotrofio. Questi bambini sono stati nutriti e mantenuti puliti ma non stavano formando un legame emotivo sano con un caregiver. Di conseguenza, hanno sviluppato comportamenti di tipo autistico, ripetutamente dondolando o sbattendo la testa. Inoltre sono stati colpiti fisicamente. La loro circonferenza della testa era significativamente più piccola della media, e avevano problemi a frequentare e comprendere il linguaggio.

I bambini che hanno trascorso la loro prima infanzia in contesti istituzionali in cui hanno ricevuto cure ma non amore sviluppano sistemi immunitari indeboliti, abilità fisiche, capacità di apprendimento e problemi con l'interazione sociale. Spesso non riuscivano ad aumentare di peso e altezza, avevano problemi a dormire e sviluppavano depressione e persino i segni di ritiro dell'autismo.

Forse il caso estremo più recente di mancanza di stimoli emotivi nella prima infanzia è quello di Danielle, un caso orribile di trascuratezza infantile. Quando la situazione di Danielle stava finalmente ottenendo l'attenzione della polizia e dei servizi di protezione dei minori, Danielle aveva sette anni, ma era ancora in pannolini raramente cambiati, rinchiusa in una piccola stanza, non aveva mai assistito, non aveva mai parlato, non aveva mai provato alcun segno di affetto. Era denutrita, incapace di parlare e aveva subito gravi danni cerebrali come conseguenza della negligenza fisica ed emotiva. Ora adolescente, non è ancora in grado di parlare e, mentalmente, non è molto più grande di un bambino molto piccolo.

Il caso di Danielle è estremo. E raro, per fortuna. Ma l'attaccamento insicuro non lo è. Rapporti recenti rivelano che un numero altissimo di bambini non è fissato in modo sicuro ai loro genitori. Il 40% dei bambini statunitensi non ha forti legami emotivi con i propri genitori e quindi è probabile che abbia uno stile di attaccamento insicuro, secondo un rapporto pubblicato da Sutton Trust. La ragione di ciò può attivare la mancanza di autonomia genitoriale che, come abbiamo visto, è probabilmente una conseguenza della genitorialità e che può influenzare l'interesse dei genitori e la capacità di legarsi con i loro figli.

Quando manca un adeguato attaccamento tra bambino e caregiver, il bambino cresce con un'abilità ridotta a credere che il mondo sia un posto sicuro e che gli altri si prenderanno cura di lei. L'abbandono dell'infanzia, un comportamento imprevedibile dei genitori, aspettative irrealistiche dei genitori e abusi fisici, verbali o emotivi insegnano al bambino che il suo ambiente non è un luogo sicuro e che le persone che incontra non si possono fidare.

Di conseguenza, il bambino trascurato sviluppa uno stile di attaccamento insicuro. Uno stile di attaccamento insicuro può portare a serie difficoltà a gestire relazioni romantiche, rapporti di lavoro e amicizia più avanti nella vita. Se si dispone di uno stile di allegato sicuro, si mantiene una buona vicinanza ad altre persone. Non hai paura della vicinanza e dell'intimità e non ne fai affidamento in modo patologico. Se hai uno stile di attaccamento insicuro, al contrario, eviti la vicinanza con gli altri o la tua intera esistenza dipende da esso.

Esistono due tipi principali di stili di attaccamento insicuri per adulti, l'ansioso (o "dipendente") e l'evitante. Si differenziano in diversi modi. Lo stile di allegato evitante è un tipo di disattivazione del sistema di allegati. Le persone con uno stile di attaccamento evitante non si preoccupano delle relazioni intime e preferiscono non essere troppo dipendenti da altre persone e preferiscono che gli altri non siano troppo dipendenti da loro. Tendono ad evitare relazioni romantiche strette e amicizie intime. Hanno difficoltà a fidarsi degli altri e non sono in grado di condividere i propri sentimenti con amici o partner perché la maggior parte delle loro emozioni non viene percepita. Inoltre tendono ad avere difficoltà con l'intimità e la vicinanza e sono più propensi a impegnarsi nel sesso occasionale che a fare sesso in una relazione monogama. Il sesso è una sorta di controllo o prova della loro attrattiva o status.

Quando gli individui evitanti entrano nelle relazioni, impiegano meccanismi di disattivazione per evitare la vicinanza. Se la relazione sta diventando troppo intima, o l'altra persona mostra segni di aderenza, si chiudono e prendono le distanze. Un modo per farlo è concentrarsi sulle caratteristiche negative delle altre, piccole imperfezioni come il modo in cui il partner socializza, parla, si veste o mangia. Possono provocare intenzionalmente gelosia flirtando con gli altri, trattenere espressioni di affetto, per esempio, astenendosi intenzionalmente dal dichiarare il loro amore per l'altro, rimanendo fuori dal contatto dopo un incontro intimo o lasciando ambiguo lo status della relazione. Usano queste tattiche come meccanismi di distanziamento che aiutano a sopprimere ogni sentimento romantico che possono avere e mantengono un sentimento di indipendenza.

Lo stile di attaccamento ansioso può essere visto come un'iperattivazione del sistema di attaccamento. Si manifesta in continui tentativi di far corrispondere l'altro a determinati obiettivi previsti. Le persone ansiosamente attaccate sono caregivers compulsivi e si sovrastimano emotivamente. Desiderano ampi contatti e dichiarazioni di affetti e lodi e sono preoccupati e dipendono dalla relazione o dall'amicizia. La relazione o l'amicizia è il mezzo principale attraverso il quale possono sperimentare un senso di sicurezza e un senso di sé. Tendono ad idealizzare gli altri e idealizzano le relazioni e le amicizie. Tendono a mettere partner e amici romantici su un piedistallo e continuano a nutrire il loro sogno della perfetta, grande relazione. Hanno un profondo desiderio di partner o amici di ricambiare. Si preoccupano che altri possano non amarli completamente, e sono facilmente amareggiati o irritati quando i loro bisogni di attaccamento non sono soddisfatti. Si aspettano che il loro investimento emotivo venga restituito sotto forma di lode e affetto e hanno un desiderio profondamente irrazionale per i partner o gli amici di condividere lo stesso sogno. Per loro, il sesso è generalmente considerato come prova dell'impegno del partner sessuale nei loro confronti.

Le persone ansiosamente attaccate tendono a diventare overachievers perché credono implicitamente che ciò fornirà loro attenzione e affetto. Percepiscono gli altri come difficili da capire, imperscrutabili e imprevedibili. Inoltre tendono ad essere ipersensibili alla critica e al rifiuto.

Inoltre rispondono con paura alla rabbia negli altri. Le loro personalità sono grottescamente contorte dalle loro intense emozioni, più frequentemente morbose o addirittura da omicida gelosia. Pedro Bravo ha iniziato a uscire con Erika Friman alla Doral Academy, una scuola superiore di Miami. La relazione è durata tre anni. Questa era la prima relazione di Pedro ed Erika, ma per Pedro era più di questo. Era per sempre. Quando Erika finì le cose prima di andare al college, il mondo di Pedro cadde in pezzi. Diventò ancora più follemente ossessionato da lei e cambiò i suoi piani di carriera, così da poterla seguire nella città dove andò al college. Ma lì ha scoperto che Erika era andata avanti. In realtà, stava frequentando Christian Aguilar, il migliore amico di Pedro del liceo. Pedro era furioso quando ha scoperto. Quando alla fine Christian accettò di incontrarlo per appianare le cose, Pedro avvelenò la bevanda imbottigliata di Christian, lo strangolò a morte e lo seppellì in una foresta. I resti di Christian sono stati trovati alla fine e Pedro è stato riconosciuto colpevole di omicidio di primo grado e condannato all'ergastolo senza possibilità di libertà vigilata. Il caso di Pedro è un esempio di quanto le cose possano finire male con uno stile di attaccamento ansioso impazzito.

Sotto i loro pensieri ed emozioni coscienti, le persone con un ansioso dolore stile attaccamento e anelano per l'amore dei genitori o l'amore di un protettore che può svolgere un ruolo genitoriale. All'inizio della vita credevano che i loro genitori sarebbero sempre stati il ​​loro solido fondamento e una fonte persistente di convalida. La loro prima angoscia si è verificata con il primo rifiuto, l'abbattimento, la sminuire o la critica delle vesciche. Per tutta la loro vita hanno continuato a cercare la convalida dei genitori. Ancora desiderosi di riconquistare il passato, continuano a cercare il genitore perfetto nelle loro amicizie e relazioni intime, il genitore perfetto che può dare loro l'approvazione e l'affermazione che i loro veri genitori o i loro precedenti amici o amanti non erano in grado di fornire.

Poiché gli individui ansiosamente attaccati sono in grado di sentire le loro risposte emotive negative, hanno in genere livelli più bassi di ormoni dello stress nei loro corpi rispetto agli individui evocati, che potrebbero non percepire che i loro corpi sono in allerta; sperimentano sempre solo disagio quando si parla di impegno. Poiché sono in grado di sentire le loro risposte emotive negative, le persone ansiosamente attaccate non sono così a rischio di complicazioni pericolose per la vita come persone evitanti. Sono anche più propensi a cercare un trattamento professionale per la loro condizione.

Si è tentati di pensare che i genitori troppo coinvolti abbiano uno stile di attaccamento ansioso, e alcuni senza dubbio lo fanno. Ma nella maggior parte dei casi hanno uno stile di attaccamento del tutto opposto e sopravvivono agli orrori della genitorialità fondendo la propria vita con quella del loro bambino.

È facile rilevare la differenza tra i genitori che sono ansiosamente legati a un bambino e quelli che stanno prendendo in consegna le vite dei loro figli. I primi non sono tipicamente fanatici del controllo esteriore, ma hanno bisogno di ascoltare i loro figli e rimanere in contatto con loro perché sviluppano ansia quando sentono che la relazione di legame non è forte come una volta.

D'altra parte, i genitori che stanno incorporando la vita del bambino nella propria, sono di solito perfezionisti, il tipo di persone che potrebbero aver sviluppato anoressia nervosa o bulimia nervosa per avere un controllo sulla vita. Devono avere il controllo di ogni parte della loro vita. Maniaci di anoressia che controllano la loro prole piuttosto che la loro assunzione di cibo. Non dipendono veramente da nessuno. Hanno solo bisogno di avere il controllo e microgestire le loro vite e quelle dei loro figli, a volte anche le vite dei loro coniugi.

I genitori troppo coinvolti non sono in genere meno estranei dai loro figli che genitori negligenti o indifferenti. Assicurano che la vita di Munchkin non sia inquinata dalla spazzatura della cultura commerciale, ma che non sia mai veramente all'altezza delle sue esigenze. A differenza dei genitori negligenti e indifferenti, i genitori troppo coinvolti sono cresciuti sentendo che tutto doveva essere perfetto: niente Diet Coke, niente Austin e Ally, nessun cheeseburger junior di Wendy. Invece: perfetta partecipazione al Parent Club, salutari scatole pranzo vegan-ish e early pickup 2:40. Perfezione per eccellenza. Il perfezionismo basato sull'esigenza di controllare il mondo, un'esigenza che i loro ignari bambini dovrebbero soddisfare.

I bambini che sono abbandonati, trascurati o maltrattati sperimenteranno inevitabilmente diversi modi di affrontare le ferite psichiche e la mancanza di sicurezza. Qualunque sia l'influenza più efficace su quale tipo di attaccamento si sviluppi il tuo piccolo bambino dalle guance grassocce. Un ragazzo può ripristinare un qualche tipo di equilibrio ricercando continuamente l'attenzione e l'approvazione del caregiver. Se, tuttavia, i tentativi iniziali di ristabilire l'equilibrio cercando l'attenzione non funzionano, il bambino alla fine si libererà dal mondo esterno e si ritirerà nella sua mente. Impara che tenere i suoi pensieri e sentimenti a se stessa porta alla minima quantità di angoscia e dolore.

Rimpiangere te stesso dai tuoi figli rimane impunito. A volte si tirano indietro e fanno pagare i loro genitori. Questo è quello che è successo a Michael Ricci e Maura McGarvey. Nel 2013 la loro figlia Caitlyn Ricci, allora junior alla Temple University, ha citato in giudizio i suoi genitori estranei per denaro. Il verdetto? Il giudice della contea di Camden ha ordinato ai genitori di pagare $ 16.000 ogni anno che la loro figlia è ancora iscritta alle lezioni.

Crescere con un genitore indifferente può anche portare a una relazione continua di indifferenza, il tipo di relazione genitore-figlio che gli altri trovano assolutamente sconcertante. La collaboratrice del guardiano Caroline Archer descrive la sua relazione lontana con la madre indifferente ma non esplicitamente negligente sotto lo pseudonimo:

Non avevo un'educazione infelice. Non ero un bambino particolarmente felice, ma non era dovuto all'abuso o alla negligenza dei minori. Ero vestito, nutrito, avevo lezioni di balletto, andavo all'università, pagato dai miei genitori e sapevo – e so – che c'è sempre un posto dove stare se ne ho bisogno e probabilmente soldi da prendere in prestito se necessario. Ma mia madre e io non abbiamo mai avuto quel tipo di vicinanza che ho visto nelle relazioni dei miei amici. Andavano a fare shopping o condividere segreti. Dicevano alle loro mamme cose sulle loro vite. L'unica volta in cui ho cercato di chiedere a mia madre della sua adolescenza mi ha detto di farmi gli affari miei. Così ho fatto. Sono cresciuto pensando ai fatti miei e lei si è preoccupata per lei. […] Mia madre è l'ultima persona in cui vado in crisi. È certamente l'ultima persona a cui direi un segreto o un problema […]. Ma la mia mancanza di uno stretto rapporto con lei disturba molto gli altri. Quando dico che non ho una relazione stretta con lei, ci chiedono se combattiamo molto. No, non ricordo di aver mai litigato con mia madre. Ciò comporterebbe preoccuparsi abbastanza da disturbare. Ero solito passare attraverso fasi di preoccuparsi e cercare di riparare il danno. Ma per tutto il tempo ero consapevole che lo stavo facendo per altre persone. […] Qualche anno fa, prima di rendermi conto che non mi importava più, l'ho chiamata e ho chiesto se avremmo potuto risolverlo. La sua risposta mi ha detto tutto quello che dovevo sapere: "Ordina cosa?" Ho smesso di preoccuparmi di quel momento. Ora la mia preoccupazione principale è spiegare alla gente perché non la vedo così spesso. E mi sento in colpa per non aver davvero una ragione sufficiente.

Caroline Archer scrive la sua indifferenza nei confronti della madre indifferente come "un grosso problema". Ma è molto spesso un grosso problema. I bambini adulti indifferenti sono feriti. Profondamente ferito. Non sono feriti perché non hanno fatto lezioni di balletto, o perché i loro genitori non hanno detto loro che li amavano. I loro genitori indifferenti nutrivano le loro nidiate, le guidavano alle lezioni di balletto, le mandavano al college, dicevano loro che li amavano, eppure odiavano essere genitori, odiare i genitori.

fonti

Ainsworth, MD (1969). "Relazioni oggettuali, dipendenza e attaccamento: una revisione teorica della relazione madre-bambino", Child Development 40, 969-1025.

Berit "Brit" Brogaard è un coautore di The Superhuman Mind e autore di On Romantic Love.

Oxford University Press, used with permission
Fonte: Oxford University Press, utilizzata con permesso

Solutions Collecting From Web of "Problemi di attaccamento dei genitori"