Principio Uno: Road to Hell è lastricato di buone intenzioni

Questa è una puntata di una serie chiamata "Dieci Principi per la Disciplina Morale"

La strada per l'inferno è lastricata di buone intenzioni. Adoro assolutamente questa massima. Chiunque l'abbia inventato è un genio incredibile. Aiuta a spiegare la maggior parte dei problemi nel mondo.

Pochissime persone hanno cattive intenzioni. Ma la maggior parte dei problemi nel mondo sono causati da buone intenzioni. Potrebbero non sembrare buoni per noi, ma sembrano buoni per chi fa l'azione. Le buone intenzioni da sole non bastano a rendere le nostre azioni morali.

Tutti noi giustificiamo le nostre azioni a noi stessi. È la natura umana a farlo. La teoria della Dissonanza Cognitiva di Leon Festinger afferma che noi proviamo angoscia psichica quando facciamo cose che violano consapevolmente i nostri valori, quindi creiamo giustificazioni per ciò che facciamo, permettendoci di vivere comodamente con noi stessi. Persino Hitler, il simbolo moderno del male supremo, aveva buone intenzioni, come i suoi seguaci. Altrimenti, non sarebbe stato in grado di convincere europei intelligenti, istruiti e illuminati che il mondo sarebbe stato un posto migliore senza ebrei e altre persone impure come gli omosessuali, gli zingari, i neri e le persone intellettualmente carenti. Tuttavia, le sue buone intenzioni hanno generato la più orribile crociata genocida nella storia umana.

Durante il Medioevo e in seguito, ben intenzionati cacciatori di streghe in Europa e in America hanno bruciato decine di migliaia di donne sul rogo nella speranza di porre fine alle epidemie e hanno instillato

paranoia nella popolazione, perché chiunque potrebbe essere sospettato di essere una strega o un complotto con le streghe.

Nel 1919 il nostro governo istituì il divieto di alcol con l'intenzione di ridurre il crimine e altri problemi sociali associati al consumo di alcol. Le intenzioni erano eccellenti ma la cura era molto peggiore della malattia. Fortunatamente, il nostro governo ha avuto la saggezza di abrogare il proibizionismo tredici anni dopo.

Negli anni '70, gli allevatori di pesci gatto hanno introdotto la carpa asiatica nelle loro attività di pesca con la buona intenzione di tenere l'acqua pulita dal plancton e dalle alghe, consentendo un pesce gatto più sano. La vorace e aggressiva carpa asiatica, che può raggiungere più di cento chili, vola nell'aria, ferendo i navigatori e decimando le specie ittiche autoctone. Ora ha superato i fiumi Mississippi e Ohio e minaccia di fare lo stesso con i Grandi Laghi.

Negli ultimi decenni il nostro governo ha intrapreso una massiccia guerra contro l'uso di droghe. Ciò ha portato a un'industria farmaceutica da molti miliardi di dollari e ad uno stabilimento governativo per la lotta ai tossicodipendenti. Molti analisti politici e commentatori sociali, e persino alcuni funzionari che lavorano nell'applicazione della droga, insistono sul fatto che il problema mondiale della droga e il relativo crimine e violenza sono il risultato finale della nostra guerra contro la droga.

Non possiamo assumere che tutto ciò che risulta dalle nostre buone intenzioni sarà positivo. Gli scienziati fanno spesso riferimento alla "legge delle conseguenze non intenzionali". Il recente best-seller, SuperFreakonomics, afferma ripetutamente che non dobbiamo sottovalutare il potere delle conseguenze negative non intenzionali.

A causa delle sparatorie della Columbine, il nostro paese e gran parte del mondo moderno hanno fatto una crociata contro il bullismo. Più recentemente, la causa del bullismo di alto profilo contro la South Hadley High School in Massachusetts ha infiammato l'odio della gente per i bulli. Per reazione, le legislature degli stati in tutto il paese hanno rinforzato le loro leggi e politiche antibullismo scolastico e il Dipartimento dell'Istruzione degli Stati Uniti ha appena fatto sradicare il bullismo come priorità numero uno. La maggior parte degli altri paesi che hanno intrapreso massicce e intenzionate crociate sostenute dal governo per eliminare il bullismo hanno fallito miseramente, di solito sperimentando un'intensificazione del bullismo. È sciocco credere che avremo successo usando le stesse tattiche.

Il bullismo si è intensificato nel mondo moderno durante lo stesso periodo in cui abbiamo lottato più duramente, e il reesarch ha dimostrato che la maggior parte dei programmi anti-bullismo non ha alcun beneficio o peggiora ulteriormente il problema. Molti esperti insistono sul fatto che la crociata anti-bullismo stia fallendo perché non stiamo implementando politiche antibullismo in modo coerente e abbastanza intensivo. Tuttavia, dobbiamo considerare un'altra possibilità: il bullismo si sta intensificando a causa dei nostri sforzi anti-bullismo.

Le buone intenzioni non portano automaticamente ad azioni morali. Dobbiamo considerare le possibili conseguenze negative prima di istituire interventi anti-bullismo. Se i nostri interventi causano più danni che benefici, gli interventi non sono morali, indipendentemente dall'altitudine delle nostre intenzioni.

Il primo passo per affrontare con successo il problema del bullismo è rifiutarsi di intraprendere iniziative anti-bullismo solo perché suonano giuste, chiedere di considerare il danno che i nostri interventi proposti possono causare e di interrompere l'attuazione di interventi che possono essere dimostrati per causare più male che bene. Esiste già una sufficiente comprensione morale e psicologica per permetterci di anticipare gli effetti negativi che potrebbero derivare dai nostri benevoli interventi anti-bullo.

Leggi la prossima puntata di questa serie:

Principio numero due: le azioni parlano più delle parole-o-pratica ciò che si predica

Solutions Collecting From Web of "Principio Uno: Road to Hell è lastricato di buone intenzioni"