Principio numero sette: non giudicare

(Attenzione: tra tutti gli articoli di questa serie, questa potrebbe essere la più difficile da comprendere se letta in isolamento. L' articolo attuale non riguarda il processo cognitivo di "giudizio". Riguarda gli adulti che giocano a giudice tra i bambini in episodi di bullismo .

Questa è una puntata di una serie chiamata "Dieci principi per la disciplina morale". Essi sono pensati per formare la base di una politica morale ed efficace di bullismo scolastico. Queste idee hanno migliaia di anni. Sto semplicemente applicandoli per l'uso nelle scuole di oggi.)

"Quando giudichi un altro, non li definisci, ti definisci." -Wayne Dyer

"Non è per me giudicare la vita di un altro uomo. Devo giudicare, devo scegliere, devo respingere, puramente per me stesso. Per me, solo. " -Hermann Hesse, a Siddhartha

"Siamo tutti ipocriti. Non possiamo vedere noi stessi o giudicare noi stessi il modo in cui vediamo e giudichiamo gli altri. " -José Emilio Pacheco, in Battles in the Desert e altre storie

(Il credito va a http://www.goodreads.com/quotes/tag/judgement per le ultime due citazioni.)

"Non giudicare, o anche tu sarai giudicato. Poiché nello stesso modo in cui giudichi gli altri, sarai giudicato, e con la misura che usi, sarà misurato su di te. "- Matteo 7: 1-2

"Colui che è senza peccato scagli la prima pietra". – Giovanni 8: 7

"Ogni volta che agiamo da giudice tra le persone, facciamo in modo che si odino ancora di più e una parte finisce per odiarci anche noi." -Izzy Kalman [tuo davvero]

Before you judge me, make sure that you're perfect

Giudicare è un affare precario. La psicologia tradizionale e la maggior parte dei sistemi religiosi ed etici ci consigliano di non giudicare i nostri simili. Nella mia formazione come psicoterapeuta, ho più volte imparato che giudicare i nostri clienti rende difficile comprenderli e aiutarli.

È certamente necessario esprimere giudizi nelle nostre vite abituali. Ma come indica la citazione di Hesse sopra, i giudizi dovrebbero essere per noi stessi. Dobbiamo essere particolarmente attenti quando giudichiamo gli altri.

Nonostante gli avvertimenti di filosofi, leader religiosi e psicologi di astenersi dal giudicare, poche persone lo prendono sul serio. Oggi le nostre organizzazioni psicologiche ci incoraggiano a identificare i nostri compagni che sono prepotenti. "Bully" non è una diagnosi. È un giudizio. È una determinazione che la persona è un essere malvagio che ferisce intenzionalmente gli altri. È diventato completamente accettabile demonizzare le persone chiamandole bulli. Ironia della sorte, nella nostra crociata per liberare la società dai bulli, stiamo diventando la cosa che stiamo veramente condannando.

Ancora più portentoso è quando agiamo da giudice tra le persone, determinando chi è il persecutore e chi è la vittima, prendendo la parte delle vittime contro i persecutori, e punendo e / o cercando di riformare i persecutori.

Mosè Maimonide, il preminente filosofo ebreo del Medioevo – e forse di tutti i tempi – scrisse 800 anni fa:

I saggi dei vecchi erano estremamente riluttanti a essere nominati [come giudici]. Evitavano di sedersi a giudizio a meno che non fossero sicuri che non c'era nessun altro qualificato come loro, e che il sistema giudiziario sarebbe collassato se non servissero. Anche allora, si sono seduti in giudizio solo quando la comunità e gli anziani li hanno fatti pressioni, chiedendo loro di accettare l'appuntamento. (Mishneh Torah, Yad Hachzakah, 3:10)

In effetti, le persone sagge non hanno fretta di giocare al giudice. Giudicare dovrebbe essere fatto solo quando assolutamente necessario e lasciato a autorità legali addestrate.

Prendere le parti tra le persone è spesso definito in psicologia come "triangolazione". È la principale causa di ostilità tra le persone. Può distruggere relazioni, famiglie e organizzazioni. Porta persino a intensificare la violenza tra le nazioni. Le ostilità si intensificano mentre ciascuna parte cerca di convincerci che è quella buona e l'altra è quella cattiva. Quando prendiamo la parte di una persona, l'altra diventa ostile anche a noi. Inoltre, impediamo loro di capire come risolvere la situazione l'uno con l'altro.

Quando giudichiamo le dispute tra i nostri figli a casa, crea una rivalità fraterna senza fine. Nella maggior parte delle famiglie con bambini estremamente ribelli, un genitore sta cercando di proteggere il bambino dall'altro genitore. Diventa "divide et impera" quando il bambino scopre di poter fare tutto ciò che vuole e i genitori continuano a combattere l'uno con l'altro. Se facciamo consulenze matrimoniali e giudichiamo le dispute della coppia, probabilmente non torneranno più a vederci. I nostri padri fondatori hanno ripetutamente avvertito di non schierarsi in dispute tra altre nazioni. Non è diverso in una scuola. Le dispute si intensificano mentre ogni parte ei loro genitori cercano di portare la scuola dalla loro parte.

Considera le tue vite da adulti. Ti precipiti in un tribunale ogni volta che hai un problema con un capo o un vicino? No. Cerchi di risolvere il problema con loro. Se dopo mesi di mancata risoluzione, puoi decidere di portare la persona in tribunale.

Vorresti che il giudice fosse un Joe Schmoe dalla strada: "Ehi, chiunque tu sia. Abbiamo bisogno di un giudice. Per favore, vieni qui e ascolta il nostro caso! " No. Vuole qualcuno che sia saggio e intelligente, qualcuno che è andato alla scuola di legge e ha studiato a giudicare.

Quando il giudice emette un verdetto, tu e il tuo avversario vi abbracciate e ringraziate il giudice per la loro saggezza? No. Voi due siete ancora arrabbiati l'un l'altro, e anche il perdente è arrabbiato con il giudice. I giudici non sono persone popolari. Anche nel nostro paese illuminato ci sono stati giudici uccisi da persone che hanno perso sentenze nei loro tribunali.

Ma cosa facciamo quando i nostri figli hanno un problema l'uno con l'altro? Diamo loro giorni o settimane per risolvere il problema prima di giocare a giudice? No. Ci affrettiamo subito a scoprire chi l'ha iniziato, chi ha ragione e chi ha torto e chi ha bisogno di essere punito.

Siamo andati alla scuola di legge? Comprendiamo la complessità del giudizio? No. Siamo completi amatori. I problemi tra i nostri figli non sono necessariamente meno complessi di quelli tra adulti, eppure pensiamo di essere qualificati per giudicarli.

Quando emettiamo un verdetto tra i nostri figli, si abbracciano e dicono: "Grazie mamma / papà! Eri così intelligente! Perché non potremmo pensarci da soli? "No. Sono ancora arrabbiati l'uno con l'altro e uno di loro è arrabbiato con noi. E quello vuole anche aumentare il punteggio, quindi è probabile che loro si mettano in una nuova lotta per cercare di tirarci dalla loro parte. Pertanto, nel nostro sforzo di far andare d'accordo i nostri figli, creiamo uno stato di costante conflitto tra di loro.

Se sono tuo padre, sono la persona più importante della tua vita. Mi vuoi dalla tua parte. Perché dovrei fare una cosa così dolorosa come giudice tra te e l'altro mio figlio? Eppure la maggior parte dei genitori fa questo e non si rende conto che c'è qualcosa di sbagliato in questo.

Oggi, grazie al lobbismo delle nostre organizzazioni antibullismo, le scuole sono obbligate per legge a svolgere il ruolo di giudice tra i bambini. La stessa cosa che causa l'infinita ostilità tra fratelli a casa viene presentata come la cosa giusta da fare nelle scuole! Senza una formazione legale e senza comprendere appieno le implicazioni di ciò che stanno facendo, insegnanti e amministratori sono ora tenuti ad assumere questo ruolo epocale.

Di conseguenza, la tensione e l'ostilità all'interno delle scuole hanno raggiunto livelli senza precedenti. Terrorizzati di essere citati in giudizio dai genitori per non aver protetto i loro figli, le scuole si scontrano con i bulli. Fanno del loro meglio per indagare su tutti i compiacenti e assicurarsi che il prepotente venga punito. Ogni bambino e i suoi genitori vogliono che la scuola giudichi in loro favore. Quindi quello che inizia come un problema tra un paio di bambini si trasforma in una faida tra famiglie. Di solito la scuola può rendere felice solo una parte. La parte perdente odia la scuola ed è probabile che si lamenti con il distretto scolastico o addirittura assuma gli avvocati per citare in giudizio la scuola. Poi le ostilità – e le spese – volano attraverso il tetto.

Potresti pensare di stare sul sicuro rispettando la legge e determinando quale figlio è la vittima e quale è il bullo. Ma tu non lo sei. Molti genitori hanno fatto causa alle scuole per aver dichiarato che il loro figlio è un bullo. E i genitori spesso vincono.

Quindi cosa dovrebbero fare le scuole quando i bambini si lamentano di essere vittima di bullismo? Dobbiamo ricordare lo scopo della scuola. Le scuole sono istituzioni educative, non agenzie di contrasto. Il loro compito non è quello di proteggere i bambini dalle sfide della vita ma di prepararli ad affrontare tali sfide. Gli studenti meritano di essere istruiti su come gestire le sfide della vita, compresa l'ostilità, perché lo affronteranno per tutta la vita. Quando i bambini sanno come comportarsi da soli, alla scuola viene risparmiato il bisogno di giudicarli.

A volte, però, sarà inevitabile per la scuola giudicare e punire i bambini. Dovrebbe farlo solo quando si è verificato un vero crimine (danno ai corpi o alla proprietà delle persone) o quando i bambini non sono riusciti a risolvere il problema l'uno con l'altro. Inoltre, quando la scuola determina la punizione, dovrebbe farlo moralmente. Questo sarà l'argomento del principio numero otto.

Dichiarazione di trasparenza: Dichiaro di avere un interesse finanziario in una società che offre prodotti e servizi che possono essere correlati al contenuto dei miei scritti.

Norme dell'autore Riguardo ai commenti: 1. Raramente rispondo ai commenti perché semplicemente non ho tempo. Se non rispondo al tuo commento, per favore non prenderlo sul personale. 2. La psicologia Oggi ha una politica severa riguardo ai commenti cattivi. Credo nella libertà di parola e raramente censuro i commenti, non importa quanto siano cattivi. Ogni commento sgradevole degli adulti specialmente da ardenti difensori anti-bullismo – dimostra quanto sia irragionevole aspettarsi che i bambini smettano di impegnarsi nel bullismo.

Leggi la prossima puntata di questa serie:

Numero di principio otto: occhio per occhio

Leggi le precedenti versioni di questa serie:

Dieci principi per la disciplina morale: Introduzione

Principio numero uno: The Road to Hell è lastricato di buone intenzioni

Principio numero due: le azioni parlano più delle parole-o-pratica ciò che si predica

Principio numero tre: la regola d'oro

Principio numero quattro: la giustizia rende giustizia

Principio numero cinque: ama il tuo nemico

Principio numero sei: accendi l'altra guancia

Abbiamo anche creato una proposta per una politica morale ed efficace di bullismo scolastico basata sulla regola d'oro. Vi invitiamo a usarlo e, se vi piace, raccomandatelo alla vostra amministrazione scolastica: https : //bullies2buddies.com/Essential-Articles-for-Home-Page/proposal-fo…

 

Solutions Collecting From Web of "Principio numero sette: non giudicare"