Princess Culture: di cosa si tratta?

Di cosa parlano le bambine e le principesse? Essendo cresciuto durante il periodo di massimo splendore del femminismo, non ero incline a tutto ciò che era girly, rosa, stucchevole, colorato di caramelle. Mi sembrava che il culto del rosa, che supponevo che i genitori dovessero aver fatto fiasco sulle loro bambine, era opprimente e svalutante, una sorta di caricatura di una personalità senza potere.

Il rosa e tutto ciò che il colore rappresentava, a quel tempo mi colpiva, era un ceppo culturale di cui le ragazzine avevano bisogno di essere protetto, dal momento che inevitabilmente li avrebbe trattenuti.

Non sapevo che mi sarei sentito diverso quando ho accolto la mia bambina nel mondo. Ho fatto del mio meglio per non conformarmi agli stereotipi quando le ho comprato tutti i diversi colori di abbigliamento, evitando con cura il rosa. Fino a quando mia figlia aveva due anni, non avevo mai acquistato nulla di rosa e conservavo tutti gli abiti rosa che erano stati ereditati o dati a mia figlia da lei, a meno che il donatore non fosse in visita.

Si potrebbe dire che avevo una fobia per il rosa. Eppure non appena mia figlia ha potuto parlare, quasi non appena è cresciuta dal suo primo paio di sneakers gialle neutrali di genere scelto con cura, ha iniziato a gravitare verso il rosa, quasi nello stesso modo di un ceppo di girasole verso il sole.

In realtà, la sua propensione al rosa sembrava parallela alla sua posizione nella categoria di genere di "ragazza". Era una sequenza logica nella sua piccola mente. "Sono una ragazza. Le ragazze indossano il rosa. Pertanto, tutto ciò che indosso e possiedo, dovrebbe, in modo ottimale, essere rosa. "

Ora capisco che potrebbe essere stata un'estrema; ad alcune ragazze potrebbe piacere il rosa ma non farne una religione come la mia piccola. Eppure, rosa, nel bene e nel male, è ciò che viene definito un "significante" del femminile (i bambini che sono una variante di genere, cioè non si identificano con quello che viene chiamato il corpo natale, sembrano trafficare in rosa come segno della loro varianza: le ragazze che si sentono ragazzi resistono in modo assertivo e i ragazzi che si sentono ragazze spesso abbracciano il colore).

Sembra che ci siano altri significanti che accompagnano questa equazione rosa = ragazza. Per la maggior parte delle bambine in questa cultura, le principesse sono un'estensione o espansione del culto del rosa, e per quanto sia orribile contemplare la capacità del mercantilismo di colonizzare la mente, le principesse rappresentano l'apogeo di tutto ciò che è desiderabile per le bambine già nella loro fase rosa. Non si può semplicemente respingere il mondo della cultura principessa, né presumere che sia un'invenzione del conglomerato Disney. In effetti, è molto probabile che la popolarità di tutte le cose della principessa, così amata dalle bambine sotto i 5 anni, abbia a che fare con qualcosa di evolutivo, e probabilmente meno con il consumismo in sé.

Quindi per i piccoli per i quali il rosa è già diventato una religione, un'estensione "logica" o un'espansione del concetto, il passo successivo, per così dire, sembra essere la principessa. Per molti bambini nelle profondità della cultura delle ragazze, non deve più essere tutto letteralmente rosa, a patto che possa fare riferimento a "principessa". Questo a sua volta è una sorta di incarnazione simbolica di qualcosa che le ragazzine sembrano voler identificare con passione con. Che cos'è allora?

È questa preoccupazione per la cultura della principessa, che arriva come in una certa finestra di sviluppo, che il fotografo Blake Fitch ha amorevolmente testimoniato in un gruppo di fotografie intitolato "Prove generali".

Blake Fitch, used with permission
Fonte: Blake Fitch, usato con permesso

Le sue fotografie di bambine vestite in brillanti regalie reali hanno una dignità e solennità e gettano una luce sul potere indiscutibile della principessa nella prima infanzia.

Queste immagini di bambine in costumi preferiti, così comode, potenti e allo stesso tempo naturali, ricordano le varianti minuscole e più salutari delle donne regnanti di Game of Thrones o degli aristocratici abitanti di Downton Abbey; le femmine che governano.

Blake Fitch, used with permission
Fonte: Blake Fitch, usato con permesso

Le bambine nei ritratti di Fitch non sono praticamente pedine, manipolate e sfruttate dal consumismo. Al contrario. La persona principessa sembra evidenziare la bellezza e l'individualità di queste bambine e mappare qualcosa sulle loro identità in via di sviluppo che è esattamente l'opposto di debole e vulnerabile. In effetti queste fotografie sembrano offrire un indizio su cosa potrebbero essere le bambine quando insistono nell'indossare quello che alcuni genitori temono che io sia il vero simbolo dell'oppressione femminile. Dobbiamo supporre che l'abbigliamento che fa così tante bambine sentirsi così bene, così completo e così potenziato deve avere un significato rappresentativo che richiede comprensione, non semplicemente rispetto o condanna.

Le fotografie di Blake Fitch sembrano offrirci un portale nella mente della bambina mentre lotta per incarnare e comprendere la sua femminilità. Nell'attaccamento alla cultura rosa e principessa, forse una ragazza sta celebrando e riconoscendo una varietà di cose: il suo corpo di genere, le sue capacità generative, la sua capacità di affascinare e ipnotizzare (come tutti i bambini possono) e il suo posto nella cultura circostante. Naturalmente queste domande e queste lotte si riferiscono ai simboli di genere della cultura circostante; è una specie di linguaggio pubblico. Per quanto banali, questi sono simboli comuni, leggibili e non ambigui. Concreti e riconoscibili, sono ciò che è disponibile per lavorare con un bambino piccolo, un'iconografia visiva accessibile. Se condanniamo semplicemente il mercantilismo e la sua presa in consegna delle menti delle bambine, non stiamo prendendo piede su qualcosa di importante. Così tanti genitori cercano coraggiosamente di allontanare le loro figlie dalla tirannia delle principesse Disney, ma come molti hanno provato a sapere, può essere una battaglia persa. Mia figlia, nonostante ogni sforzo per farlo essere altrimenti, ha rifiutato oggetti come un adorabile vestito verde coperto con immagini di piccoli attrezzi da giardinaggio o sofisticato velluto blu navy per le occasioni speciali. Pantaloni? Dimenticalo. I suoi abiti ideali (compresi indumenti per la notte e intimo) dovevano rappresentare o rappresentare Ariel la Sirena; fortunatamente si fermò prima di volere una coda verde iridescente. Perché Ariel? Forse perché aveva i capelli rossi come mia figlia. Una recente scuola materna con cui ho lavorato è stata in cima al suo gioco quando indossava una lunga coda di cavallo artificiale commercializzata come quella di Elsa, la protagonista di Frozen. La principessa specifica può essere una preferenza personale, ma è l'idea che qualcuno sia la bellissima eroina della sua stessa storia che porta il giorno. Suppongo che non possiamo discuterne.

Blake Fitch, used with permission
Fonte: Blake Fitch, usato con permesso

Solutions Collecting From Web of "Princess Culture: di cosa si tratta?"