"Primo verbo" di You Are Your Child

Cos'è il "primo verbo" di un bambino?

Qui il primo verbo significa genitore. È il caregiver come modello di prestazione. Il caregiver primario è il bersaglio dell'attenzione di un bambino. Pensare al bambino come "soggetto" rende il genitore un "verbo" colorato e pieno di significato. Il "verbo" descrive ciò che il soggetto sta facendo o dovrebbe fare. I genitori negli occhi dei bambini sono "figure d'azione". Lavorano, suggeriscono movimento, mostrano direzione, guida, collegano il bambino con un obiettivo e infondono significato alla relazione.

ALIMENTAZIONE IN TENUTA CHE ABBRACCIA CANTO CONTENENTE …, aggiungi il resto alla cornice del dipinto!

Parenting Landscape, oil, F.J.Ninivaggi
Fonte: Paesaggio per genitori, olio, FJNinivaggi

Il dipinto di accompagnamento, Parenting Landscape , suggerisce uno sfondo neutro sul quale si dipingono i molti stili di genitorialità efficace nel tempo. Parenting è "uno", ma si esprime come una serie infinita di ritratti di famiglia. I termini di azione (Alimentazione, Tenere, Giocare, Sorridere, ecc.) Inquadrano il ritratto di famiglia.

Cos'è il "primo verbo" di un bambino?

Qui il primo verbo significa genitore. È il caregiver come modello di prestazione. Il caregiver primario è il bersaglio dell'attenzione di un bambino. Pensare al bambino come "soggetto" rende il genitore un "verbo" colorato e pieno di significato. Il "verbo" descrive ciò che il soggetto sta facendo o dovrebbe fare. I genitori negli occhi dei bambini sono "figure d'azione". Lavorano, suggeriscono movimento, mostrano direzione, guida, collegano il bambino con un obiettivo e infondono significato alla relazione.

Il dipinto di accompagnamento, Parenting Landscape , suggerisce uno sfondo neutro sul quale si dipingono nel tempo i molti stili di genitorialità efficace. Parenting è "uno", ma si esprime come una serie infinita di ritratti di famiglia. I termini di azione (Alimentazione, Tenere, Giocare, Sorridere, ecc.) Inquadrano il ritratto di famiglia.

Perché questa nuova metafora?

Imparare dall'esempio è l'ultima considerazione genitoriale discussa in questa serie. Questa forma di caregiving ha il potere di imprimere un bambino con ricordi indelebili che durano tutta la vita. Imparare dall'esempio vivente è un apprendimento basato sulle emozioni che inizia nel periodo preverbale dell'infanzia. È basato sullo sviluppo del linguaggio negli anni dell'infanzia e della prima infanzia. Alludendo al potere che i verbi hanno sui loro soggetti trasmette per analogia la forza dell'esempio dei genitori. Una forte prospettiva evolutiva attraversa questo articolo. Esempi di vita reale mostrano come l'apprendimento emotivo inizi alla nascita e si sviluppi in seguito.

Tre tipi di personalità della forma dell'apprendimento emozionale

Esempio, imitazione e identificazione sono tre diversi meccanismi di apprendimento nei bambini. Scorrono attraverso la sensibilità transazionale, lo scambio squisitamente sottile di informazioni consce e non consce tra i membri della famiglia, in particolare genitori e figli.

L'importanza vitale dell'esempio dei genitori nell'educazione dei figli è la chiave per la prospettiva biomentale. Il primato dell'esempio è assiomatico. I bambini, fino a sette anni, imitano naturalmente i genitori. Imitano anche molto dall'ambiente circostante. I bambini sono testimoni naturali e osservatori. Imitano ciò che vedono e ascoltano. Come si svilupperà questo sarà discusso.

Lo sviluppo di una personalità

Alla nascita, tre modelli biomentali guidano la formazione della personalità: (1) crescita, (2) sviluppo maturato e (3) sviluppo. La crescita e lo sviluppo maturo sono in gran parte genetici, costituzionali e disposti. Sono influenzati dal temperamento innato e sono ciò che il bambino porta nel mondo – la componente "natura". Sebbene sia difficile misurare e prevedere con precisione cosa diventerà questo, è significativo nel determinare il corso della propria vita.

Il modello di sviluppo è flessibile e aperto all'apprendimento. "Forma" forme. La sua prima lingua è l'emozione. Lo sviluppo è squisitamente plasmato dall'apprendimento emotivo attraverso l'identificazione imitativa alimentata da un esempio vivente.

Crescita, maturazione e sviluppo contribuiscono alla persona che si diventa. Ognuno interpreta una parte e la loro interazione crea un individuo unico. Le eziologie naturalistiche sono molto difficili da separare. Né solo determina la personalità.

I bambini vengono al mondo con stili e preferenze riconoscibili, i temperamenti. I bambini scelgono entrambe le esperienze e sono esposti a una varietà di esperienze. Le sensibilità emozionali possono rendere tutto ciò vivido e significativo. Si verificano anche eventi imprevisti e conseguenze impreviste. La formazione della personalità è un curioso mix di stabilità e fluidità.

Lo sviluppo dell'apprendimento emotivo nell'infanzia e negli anni prescolari

Mentre l'impressionabilità dei bambini è un fatto familiare, i dettagli chiarificatori aggiungono precisione. L'intero bambino e il bambino intero imparano principalmente vedendo e ascoltando il caregiver come una persona totale. Nei primi anni, le emozioni sono il veicolo che motiva e cristallizza l'apprendimento. La cognizione, le idee piuttosto che i sentimenti, è importante ma non affrontato qui.

L'apprendimento emotivo è codificato distintamente dal condizionamento convenzionale e dalla memoria dichiarativa relativa ai fatti. Sarebbe un errore, tuttavia, considerare questi diversi processi come mutuamente esclusivi. L'apprendimento emotivo aumenta la carica motivazionale nel funzionamento cognitivo esecutivo. Le abilità esecutive potenziate dall'emozione facilitano le prestazioni attualizzate.

Ad esempio, imitare significa riprodurre ciò che si vede e sente; è un mimetismo concreto. L'imitazione segue l'esempio e la dimostrazione espliciti. L'imitazione suggerisce una replicazione consapevole o consapevole. Nelle situazioni di prova, l'imitazione è mostrata a circa ventiquattro mesi.

Il termine copia, più sofisticato dell'imitazione, denota una duplicazione più indipendente e autodiretta di ciò che viene visto e ascoltato. Non richiede dimostrazioni preliminari o esempi viventi. La "copia" qui usata include la riproduzione di qualcosa dagli stampati, ad esempio, copia di un cerchio usando un'immagine di un cerchio. Può anche derivare da qualcosa ricordato. In situazioni di test, viene mostrato a circa trentasei mesi. L'imitazione e la copia sono di routine con poca salienza emotiva.

Il termine identificazione, al contrario, è il verbo psicologico umano che causa impronte e ricordi nella mente del bambino. Più elementare e primitivo dell'imitazione e della copia, l'identificazione psicologica è una interiorizzazione non verbale e non conscia dell'esperienza interpersonale emotivamente carica. Inizia nei primi mesi di vita quando visione, gusto e tatto sono più sviluppati di altri sensi. In altre parole, questo apprendimento è emotivo e basato sui sensi, non concettuale o verbale. Inizia alla nascita!

L'identificazione comprende l'interiorizzazione automatica e implicita nella memoria di un evento personale significativo. Questa modalità di acquisizione segna la vita risveglio non verbale nell'infanzia. Dopo la prima infanzia, l'identificazione è accompagnata da un'imitazione coscientemente consapevole e volutamente guidata e da una copia autodiretta; il linguaggio entra in gioco e ha un significato. L'identificazione, tuttavia, caratterizzata da un assorbimento interpersonale emotivamente carico, rimane il principale canale di apprendimento a tutte le età.

L'esempio vivente per identificazione è il verbo che forgia le impronte nella memoria dei bambini.

Riassumendo: poiché i termini "imitazione" e "copia" si riferiscono a atti esterni, concreti, il termine "identificazione" si riferisce all'internalizzazione implicita psicologica di eventi interpersonali emotivamente carichi. Le impronte interiorizzate di identificazione sono integrate nella vita mentale e riappaiono automaticamente nel comportamento quotidiano. I bambini imparano non solo ascoltando ciò che i genitori dicono e insegnano attraverso le parole, ma soprattutto identificandosi con un esempio genitoriale. I bambini imparano sempre dai genitori. Questo avviene in silenzio – non servono parole!

Esempi di sviluppo

Un esempio di imitazione dello sviluppo è la capacità del ventiquattrenne di tracciare una linea verticale dopo aver visto la dimostrazione esplicita di un'altra. A circa trentasei mesi, quando lo sviluppo diventa più complesso e più competente, non solo il bambino di tre anni può imitare questa forma di base, ma può anche copiare un cerchio, non con l'esempio di una persona, ma semplicemente una rappresentazione statica, come da forme su una pagina.

Quando le persone usano la parola "imitazione" in modo casuale, una scorciatoia per suggerire la nozione più complessa di identificazione imitativa (da persona a persona), più che semplice mimica. In questo articolo, l'imitazione non tecnica del termine significa identificazione imitativa formale, che presuppone che l'identificazione sia il suo processo psicologico di fondo. L'identificazione imitativa è tecnicamente il processo di "identificazione" e si verifica più intensamente durante i primi anni. Questa identificazione ha inizio nei primi sei mesi di vita e si rafforza con l'età.

Pertanto, nella prima infanzia prima dei sei o sette anni, l'incorporazione non cosciente di aspetti di un'altra persona stabilisce l'apprendimento del bambino dagli adulti. In questo processo, il bambino come "identificatore" diventa più simile all'altra persona da cui sta imparando. Durante l'identificazione imitativa, il bambino prima nota una somiglianza tra se stesso e l'altro e vede un attributo visto desiderabile; il bambino psicologicamente "digita" su questo, si identifica con esso e lo rende parte integrante dell'atteggiamento e del comportamento della sua personalità.

Questi passaggi sono inoltre accompagnati dalla capacità di espandere gradualmente la consapevolezza cosciente e il pensiero cosciente. Negli anni prescolari, dai tre ai cinque anni, l'identificazione imitativa è accompagnata da un grado ancora maggiore di imitazione cosciente e premurosa.

Ad esempio, i bambini in età prescolare amano disegnare immagini di case, famiglie, cani e gatti a memoria. Giocano anche giochi di finzione come imitare mamma con un bambino, papà alla guida di un'auto, e così via. Una base nell'identificazione automatica non cosciente viene sempre mantenuta e riflessa nei disegni. Molti genitori iniziano a riconoscere il bisogno di cambiare gli aspetti dei loro comportamenti a lungo termine mentre i bambini iniziano a rispecchiarli ea imitarli in modi ovvi – a volte poco lusinghieri – durante questa fase dello sviluppo pre-scolastico.

Facilitare l'apprendimento emotivo negli anni prescolari

Dalla nascita all'età di sette anni, i bambini imparano principalmente attraverso l'identificazione e l'imitazione, non con l'istruzione orientata intellettualmente. Le pressioni derivanti dal valore eccessivo di oggi posto su velocità, efficienza e accelerazione possono essere fonte di stress. I suoni dei genitori che dicono ai loro figli di "Sbrigati!" Sono avvenimenti fin troppo familiari nella vita familiare contemporanea. Riconoscere i potenziali risultati di questa mentalità affrettata richiede che i caregiver facciano un passo indietro e rivalutino le priorità in modo consapevole.

La genitorialità percettiva rimane consapevole quando un genitore si rende conto che la tecnologia moderna non deve sostituire l'espressione non tecnica dell'umanità delle persone come madri, padri e persone "in carne e ossa". Ad esempio, quando i bambini vedono come gli adulti parlano tra loro e negoziano, come preparano i pasti, come fanno i lavori di casa, come tendono un giardino, guidano un'auto, hanno un'occupazione e trattano i bambini, questi esempi viventi sono ricordati e usati come modelli per comportamenti futuri.

Insegnare ai bambini di età inferiore ai sette a partecipare a discussioni didattiche può essere utile per aiutarli a imparare, ma è secondario in termini di efficacia. L'apprendimento per imitazione e attraverso attività di movimento che includono il corpo fisico rimane primario. Non è utile e può essere inefficace per insegnare ai bambini sotto i sette anni usando solo metodi intellettuali. Prendendo in considerazione l'intero bambino, un'enfasi eccessiva sull'istruzione intellettuale diretta può produrre risultati sbilenchi.

In parole povere, i principali modi in cui i genitori possono aiutare i bambini ad imparare comprendono fare, leggere e permettere ai bambini il tempo di impegnarsi in un gioco libero, relativamente non strutturato, nell'osservare e identificarsi con adulti responsabili. Questo approccio accresce l'alfabetizzazione epistemofilica, la raffinatezza interiore di un amore per la conoscenza. Mette anche le basi per le espressioni elaborate in futuro che nascono dall'interno della creatività e della leadership.

Sensibilità transazionale ed empatia

La sensibilità transazionale denota un punto focale di impegno interdipendente. Comprende lo scambio di informazioni consapevoli e non consci, in particolare comunicando aspettative e bisogni psicologici. Questi attenti focusing comprendono forti elementi di pausa mentale, assunzione di prospettiva ed empatia nello sviluppo di bambini, adolescenti e adulti. L'empatia con esperienza diminuisce il rumore interazionale estraneo. Mettendo in atto la sensibilità transazionale con i bambini, essi si identificano con esso e sviluppano le radici della presa di prospettiva e dell'empatia.

L'empatia si basa sull'ascolto intuitivo e sul processo di comprensione emotiva e cognitiva. Ascoltare e capire sono i motori che guidano la sensibilità transazionale. Man mano che l'empatia si espande nel tempo e nell'auto-riflessione, emergono intuizioni più consapevolmente sviluppate. Lo sviluppo del bambino biomentale pone molta enfasi sulla ricchezza dell'empatia. L'esempio vivente rafforza l'empatia.

I bambini sono acuti osservatori. Osservano attentamente e interiorizzano l'atteggiamento emotivo di un genitore, il tono del linguaggio, l'espressione, i gesti, la postura e i comportamenti. L'intero processo è comunicato e assimilato. La reciproca partecipazione attiva alla promozione dei comportamenti desiderati rafforza questa pratica.

Esempio di genitore: il verbo d'azione Premier

Una genitorialità efficace risulta non solo dal modo in cui i genitori insegnano ai figli, ma anche da come i bambini imparano da queste strategie genitoriali. I primi due articoli di questa serie sulla genitorialità discutevano di due approcci genitoriali decisivi: l'educazione e la disciplina. Quest'ultimo articolo tratta l'esempio vivente come la strategia di insegnamento più potente e duratura.

L'esempio dei genitori, che mostra i comportamenti appropriati, parla molto più forte del precetto, della regola e dell'istruzione verbale. La frase "Tu sei il messaggio" denota l'esempio vivente. In altre parole, la genitorialità non è semplicemente una serie di richieste; è un flusso continuo, vivo, caloroso e comunicativo delle preferenze direttive offerte per guidare lo sviluppo del bambino. Anche se qui delineato dal nutrimento e dalla disciplina, sia l'alimentazione che la disciplina sono incorporate nell'esempio vivente e "lo portano alla vita".

L'esempio è lo strumento principale che i genitori possono usare per amare, coltivare, contornare e facilitare lo sviluppo sano del loro bambino. L'esempio vivente modella fortemente il buon comportamento e come eseguire con successo in situazioni concrete.

Il composito "tu" è il messaggio efficace. Lo sviluppo delle abilità di fronte all'esposizione all'interazione umana è un potente strumento di apprendimento. Genitorialità di successo e disciplina efficace sono persuasive e influenti quando trasmesse in un quadro di sensibilità compassionevole. Questo è mostrato in modo molto convincente da un esempio vivente.

La sensibilità compassionevole è antitetica agli atteggiamenti che sono semplicemente egocentrici, sfacciati, sfacciati, impudenti, autoritari o percepiti come audacemente "antipatici". È importante che i genitori si preoccupino molto che tali modelli non cooperativi e sgradevoli non siano esposti poiché i bambini potrebbero identificarsi con loro . Il medium del caregiver nella sua interezza conferisce adesività a tutti i messaggi motivazionali. La ricerca attuale offre supporto a questo.

La struttura biomentale di ogni individuo ha quello che viene definito un cervello sociale. Le espressioni funzionali di questo substrato neurale innato comprendono la percezione sociale, la cognizione sociale e una pletora di abilità di comunicazione sociale. Questi includono la capacità di distinguere tra sé e gli altri, di percepire gli altri come se avessero emozioni e pensieri propri e di inferire le intenzioni e le motivazioni degli altri come diverse dalle proprie. La capacità di cogliere la prospettiva degli altri con empatia denota questa abilità umanizzante.

L a famiglia: esempio di micro-cultura di un bambino vivente

Il sistema familiare ha una cultura. Una cultura è insieme un insieme di valori, convinzioni, preferenze, obiettivi e abitudini espliciti e impliciti che guidano il flusso del sistema familiare. Le culture familiari con il loro esempio vivente si imprimono nei neonati e nei bambini mentre assistono alla vita quotidiana della loro famiglia. Questa influenza è particolarmente potente negli anni prescolari e primari fino ai sette anni circa. Durante questo periodo e fino all'età adulta, i bambini sono in complessi sistemi ecologici. Queste relazioni includono non solo la famiglia, ma anche le reti a più livelli che comprendono le persone e la logistica che comprende la cultura estesa di una comunità, una società, una nazione e un mondo più grande.

Il gruppo familiare è un sistema transazionale. In questa bidirezionalità tra e tra individui e sistemi, ciascun membro è sensibile alle comunicazioni esplicite e implicite degli altri. Ogni individuo risponde quindi in modi caratteristici e influenza l'altro e la famiglia nel suo complesso. Quindi, non solo sono le guide dei genitori per i loro figli, ma i bambini fungono anche da guide per i loro genitori. In questo dinamico dare-e-prendere, la traiettoria generale della famiglia si muove in modi specifici alle dinamiche di quella famiglia unica.

Riferimento sociale come esempio vivente

I bambini imparano dal mondo in diversi modi. Uno dei primi esempi di bisogno e capacità di orientamento dei bambini verso il mondo è il fenomeno osservabile del riferimento sociale. Questo comportamento può essere visto nei neonati tipici già a partire dai dieci mesi di età. Quando i bambini si trovano in situazioni nuove, ambigue o potenzialmente angoscianti, guardano indietro ai volti della madre o del padre per vedere l'espressione emotiva dei genitori. Si presume che possano differenziare le espressioni positive da quelle negative e quindi rispondere di conseguenza a eventi incerti. Questa capacità contribuisce all'apprendimento di risposte adeguate a situazioni difficili.

Toddlers (da 12 a 24 mesi), desiderosi di esplorare in modi più estesi, come ad esempio la locomozione, usano riferimenti sociali per confrontare le proprie preferenze emotive con quelle espresse da adulti fidati. Potrebbero persino mostrare comportamenti che suggeriscono preferenze personali piuttosto che riferimenti all'adulto. Tali manifestazioni suggeriscono una crescente autonomia e uno sviluppo del senso di sé. Il riferimento sociale tra bambino e caregivers è un comportamento interpersonale di primo piano durante gli anni dell'infanzia.

Tale apprendimento osservativo è il processo di apprendimento di nuove risposte guardando il comportamento di un altro. La modellazione genitoriale offre ai bambini la capacità di sviluppare una visione psicologica più acuta, "occhi per vedere" e il linguaggio per articolare esperienze interiori, formulare domande e iniziare a imparare a risolvere problemi. Questa complessa attività richiede attenzione, conservazione della memoria, riproducibilità motoria e stimola la motivazione di un bambino per un'ulteriore comprensione. Le somiglianze percepite tra osservatore e modello rendono questo apprendimento irresistibile per il bambino.

Il potere durevole dell'esempio può essere visto negli adulti di mezza età che improvvisamente vedono che "agiscono proprio come i miei genitori". Questa realizzazione spesso brusca è sorprendente, inizialmente preoccupante, ma rivelatrice. A poco a poco, ci si rende conto che l'influenza e la modellizzazione precoci precedentemente interiorizzate dai comportamenti dei genitori sono reali e durature. In effetti, in epoche di sviluppo cruciali, come la fase infantile, l'esuberanza, la caparbietà e l'inclinazione naturale dell'opposizione di due anni possono agire come uno specchio che consente ai genitori di riflettere su qualità simili percepite dentro di sé. Se queste realizzazioni diventano ovvie e, forse, angoscianti, i "momenti di apprendimento" possono offrire ai genitori una pausa per l'auto-riflessione, l'esplorazione di sé da una base sicura e un'opportunità di cambiamento personale. I genitori possono notare queste intuizioni derivanti durante le lotte che coinvolgono il controllo interpersonale.

Esempio di vita negli anni della scuola elementare

Gli anni della scuola elementare (dai 6 ai 12 anni) sono l'era della socializzazione e il senso di produttività personale del bambino. L'assunzione di prospettiva ora può essere attualizzata in misura maggiore di quanto non fosse quando il bambino era più naturalmente auto-preoccupato. Condivisione, lavoro di squadra, generosità e reciprocità sono valori importanti appresi dall'esempio.

Ad esempio, i genitori che dicono "Grazie" per ricevere un regalo o un atto di gentilezza mostrano in modo concreto a un bambino la conferma di una transazione di aiuto. Le risposte di "Sei il benvenuto" trasmettono una gratitudine espansa. Inoltre, note scritte o anche scritte elettronicamente "Grazie" rinforzano il bambino riconoscendo la realtà concreta della generosità, dei doni e della gratitudine.

La gratitudine e il senso di generosità migliorano lo sviluppo di tratti di personalità e stili di gradevolezza, collaborazione e coscienziosità per tutta la vita, tutti correlati alla salute mentale. La capacità di provare gratitudine rende possibile il complesso processo del "perdono". Si respingono sentimenti di rabbia, vendetta e rancore. Insegnare ai bambini a scrivere note "Grazie" è particolarmente importante negli anni dell'età della scuola elementare (dai 6 ai 12 anni).

La modellazione mediante l'esempio aiuta anche i bambini a identificarsi, imitare, imparare e interiorizzare caratteristiche di personalità quali pazienza, empatia, fiducia in se stessi, fiducia e attitudini interpersonali rispettose. Le buone maniere, la civiltà e la competenza sociale sono risultati comportamentali positivi di questo processo. Quando i genitori ispirano i loro figli in modo sano, i bambini provano un senso di ammirazione, che contrasta i sentimenti negativi e invidiosi. Piuttosto che sentirsi inferiori, i bambini che sono positivi e vedono i genitori con atteggiamenti positivi ed entusiasti sono stimolati ad agire allo stesso modo.

I genitori possono anche modellare modelli di interazione di base che dimostrano che le persone non devono essere "perfette" per andare d'accordo, amare e essere amate. Ad esempio, i genitori che mostrano responsabilità condivise e condividono sia i doveri finanziari che quelli domestici offrono ai bambini una visione corretta dei diversi stili di genere e della cooperatività di genere. Le madri capiscono che spesso hanno bisogno di chiedere in modo chiaro ciò che è necessario ai padri. I padri rispondono in modo più collaborativo a tali richieste dirette. Per esempio, i bambini in età scolare, che lavorano in casa con i loro padri, vanno d'accordo con i compagni e si comportano in modo più competente nelle attività di gruppo fuori casa.

L'apprendimento osservativo diventa notevolmente influente negli anni della scuola elementare nel guardare e interagire con i coetanei. Quanto prima è stabilito questo fondamento di gradevolezza, cooperazione e coscienziosità, tanto più facile sarà per navigare le sfide e le difficoltà che emergono nell'adolescenza. Particolarmente importante è la creazione anticipata di un senso di rispetto e valore per la comunicazione interpersonale in tempo reale. Il rispetto per l'integrità di se stessi e un altro rinforza l'autocontenimento, il controllo degli impulsi e riduce le tendenze ad "agire" in modi non sicuri, il tutto associato all'adolescenza emergente.

Adolescenti ed esposizione a media screen

Negli anni dell'adolescenza, l'apprendimento osservazionale non è alimentato solo da interazioni e pressioni tra pari, ma soprattutto da ciò che viene vissuto attraverso i media. Questo suggerisce che il materiale visto su Internet e sperimentato – a volte nei cinema 3-D – ha un potente effetto sulla stimolazione di emozioni, fantasie e desideri indiretti di potere e romanticismo. È essenziale che i genitori controllino attentamente la partecipazione dei bambini a queste attività influenti poiché il loro impatto negativo può portare a comportamenti indesiderabili e rinforzanti.

Primo verbo Genitorialità: cosa fare con questo strumento

Primo verbo Genitori significa che i genitori sono il primo verbo di un bambino. Il bambino come soggetto è attivato e motivato verso uno scopo che facilita lo sviluppo, se l'oggetto sta mangiando, coccolando, lenendo, imparando a camminare, parlare, diventare addestrato al bagno, a testimoniare comportamenti sicuri, adattivi, eticamente equilibrati, per frenare l'aggressività, o semplicemente sperimentare tempo calmo e in pausa tra loro.

Il genitore come "primo verbo" è badante come modello di prestazione. Questa modellazione infonde significato al bambino e alla relazione. Il reindirizzamento e la disciplina corretti, trattati in un precedente articolo, aggiungono una struttura concreta all'esempio vivente. Si consiglia al lettore di riesaminare attentamente questo materiale. Disciplina come guida del bambino è discusso con attenzione sul suo effetto ormonale. L'uso di dosi di guida correttiva preventivamente pianificate è un intervento "eu-stress". La disciplina come guida ha effetti "avverbiali" che rafforzano l'esempio. La disciplina non è una parola "sporca"; è alfabetizzazione comportamentale.

L'influenza duratura dell'apprendimento osservativo si trasmette attraverso le generazioni. Ciò che i bambini testimoni dei genitori fanno diventa così fortemente interiorizzato che più tardi nei bambini della vita, da adulti, rievocano scenari osservati durante l'infanzia. I bambini spesso ripetono in età adulta ciò a cui sono esposti durante l'infanzia. Questo fenomeno è il meccanismo attraverso il quale la cultura viene trasmessa di generazione in generazione. Mentre le forme di maltrattamento sui minori e la violenza domestica sono transgenerazionali, i genitori modellano anche forme più sottili di carattere dei bambini, inclusi valori, morale ed etica.

Mentre l'esempio vivente è il migliore quando positivo e che promuove la salute, l'esempio può essere negativo. Questa non è necessariamente un'influenza distruttiva poiché la formazione della personalità è dinamica e fluida. Le emozioni hanno gradi di resilienza e capacità di "raddrizzamento". I temperamenti innati dei bambini e la libertà di scelta possono "annullare" le influenze disadattive e riprendersi dal trauma. La motivazione personale e l'ambiente esteso con la sua ricchezza di opzioni salutari lo rendono possibile.

In un articolo molto recente, Discipline, Nurturance o Living Esempio: che funziona meglio ?, una revisione completa delinea le capacità genitoriali e le strategie di vita reale per un'efficace genitorialità.

Esempio di vita: un "Esempio" di 200 anni

Infine, un esempio commovente di questo principio si può trovare nel lavoro degli studiosi accademici tedeschi, Jacob e Wilhelm Grimm (800 d.C.). I loro studi di filologia (lo sviluppo del linguaggio scritto: storia, struttura e significati) hanno prodotto un voluminoso folclore. Il racconto "Il nonno e suo nipote" riflette le loro scoperte sulla trasmissione delle credenze. La storia descrive una famiglia di madre, padre, figlio di quattro anni e nonno. Quando il nonno era invecchiato e debole, le sue mani tremavano e lui versava gran parte del suo cibo sul tavolo e su se stesso. Per evitare di affrontare questo "inconveniente", i genitori lo hanno rimosso dal suo posto al tavolo da pranzo e gli hanno assegnato il cibo in un angolo oscuro della cucina, usando solo il più piccolo degli utensili e una ciotola. Dopo un po ', i genitori notarono il loro giovane figlio nel suo gioco fantasy spingendo insieme alcuni pezzi di legno sul pavimento. Quando lo interrogarono, disse che stava facendo un piccolo tritolo per madre e padre da usare per i loro pasti quando diventavano vecchi come il nonno. I genitori singhiozzarono e si resero conto che il loro esempio aveva creato condizioni che sarebbero state riorganizzate con loro in futuro. Questa realizzazione ha alterato la loro visione del nonno anziano. Dopo una sobria auto-riflessione, hanno restituito il nonno al tavolo da pranzo per ripristinare la sua dignità e l'integrità della sua famiglia.

Sei davvero il primo verbo di tuo figlio!

twitter: constantine123A

Piace?

Solutions Collecting From Web of ""Primo verbo" di You Are Your Child"