Prime Business: più per paura che per paura

Nel suo discorso inaugurale del 1933, il presidente Franklin Delano Roosevelt si rivolse alla nazione mentre veniva consumata da quella che oggi è conosciuta come la Grande Depressione. Una delle sue dichiarazioni più memorabili di quel famoso discorso è: "L'unica cosa che dobbiamo temere è la paura stessa." Quello che forse non sapete è il contesto completo di quella dichiarazione: "Quindi, prima di tutto, lasciami Affermare la mia ferma convinzione che l'unica cosa che dobbiamo temere è la paura stessa – un terrore senza nome, irragionevole, ingiustificato che paralizza i necessari sforzi per convertire la ritirata in anticipo ".

FDR certamente aveva ragione su quella crisi. Si rese conto che le condizioni economiche, sia cattive che positive, sono influenzate dalla psicologia dei tempi. FDR sapeva anche che la psicologia del panico che stava sorpassando il nostro paese durante quella crisi economica gli avrebbe impedito di intraprendere le azioni necessarie per riprendersi rapidamente.

La prossima grande depressione?

Molte persone hanno definito questa crisi economica la prossima grande depressione. Ma, contrariamente a quanto affermato da FDR, nel clima economico odierno sembra che ci sia più da temere che dalla paura stessa. Quello che sappiamo ora è che la psicologia della paura, della negatività e del panico si è diffusa come un'epidemia in tutto il nostro paese e in tutto il mondo. Abbiamo assistito a una corsa fuori dal mercato azionario, agli investitori che hanno ritirato il denaro in modo riflessivo, alle reazioni istintive dei politici e ai processi decisionali frettolosi e scarsamente pensati dai responsabili politici.

Crisi economica come laboratorio

Questo straordinario episodio ci ha presentato un laboratorio unico che ci offre una rara opportunità di sondare le profondità psicologiche della crisi e ottenere una vera visione della natura delle crisi e del modo in cui rispondiamo a loro. Da questa straordinaria capsula di Petri, possiamo trovare le risposte ad alcune domande essenziali: qual è la nostra reazione emotiva alle crisi ?; a cosa pensiamo in una crisi ?; come reagiamo in caso di crisi ?; e, cosa più importante, che cosa possiamo imparare da questa catastrofe per aiutarci ad affrontare le crisi che inevitabilmente affronteremo in futuro?

Una crisi è una crisi

Credo che una crisi sia una crisi. Affrontiamo ogni giorno crisi di ogni tipo, di vario grado, sotto forma di sfide, ostacoli, battute d'arresto e insuccessi. Inoltre, le crisi sono una prova delle nostre capacità psicologiche, emotive e di leadership. Le crisi ci dicono molto su chi siamo perché il meglio e il peggio di noi si rivela più prominente durante lo stress di una crisi. E, dato che le crisi sono una parte normale della nostra vita, la capacità di superare le crisi ci renderà sicuramente migliori interpreti, leader, genitori e coniugi.

Psicologia delle crisi

La tipica reazione umana alla crisi è meglio conosciuta come la risposta "combatti o fuggi" che si è evoluta negli umani per milioni di anni con uno scopo singolare: assicurare la nostra sopravvivenza. Gli umani primitivi che avevano questa reazione avevano una migliore possibilità di sopravvivenza e trasmesso quei geni alle generazioni future fino ad oggi. Questa mentalità di crisi ha tre componenti: paura, negatività e panico. La paura ci ha preparato fisiologicamente per combattere o fuggire aumentando la nostra forza e resistenza, affinando i nostri sensi e riducendo la nostra percezione del dolore. Concentrandosi sulle dimensioni negative della crisi, in particolare sulla minaccia immediata, ci siamo assicurati di rimanere vigili ai pericoli più evidenti, consentendoci di rispondere più rapidamente. Il panico ha creato un'azione istantanea, resistenza frenetica o fuga rapida, che ha reso più probabile la sopravvivenza. Questa reazione fu molto efficace in tempi primitivi perché le minacce allora erano generalmente immediate e semplici.
Sfortunatamente, la sopravvivenza è molto più complessa oggi. Di conseguenza, la psicologia della crisi dei tempi primitivi semplicemente non funzionerà più. La paura paralizza la nostra capacità di pensare chiaramente, risolvere problemi e prendere decisioni. La negatività diventa una profezia che si autoavvera. E il panico causa reazioni istintive e sconsiderate.

Psicologia delle opportunità

Per sopravvivere nella giungla di cemento, metallo e hard-wired in cui ora viviamo, è necessario sviluppare quella che io chiamo una psicologia dell'opportunità .. Invece della paura, puoi sperimentare la padronanza emotiva, che non è l'assenza di paura, ma piuttosto la capacità di affrontare la paura e agire in modo proattivo e costruttivo nonostante ciò. Implica la capacità di gestire emozioni negative, come paura e rabbia, e generare emozioni utili, tra cui speranza e ispirazione. Al posto della negatività, il pensiero costruttivo promuove una considerazione ponderata, la risoluzione dei problemi e un processo decisionale efficace. Alla fine, invece del panico, la psicologia delle opportunità incoraggia un'azione calma e deliberata diretta e mirata.

Certo, l'adozione della psicologia dell'opportunità è tutt'altro che facile; ci sono milioni di anni di sviluppo umano che ci spingono verso la reazione alla crisi. Ma tu hai qualcosa che le scimmie non hanno, cioè la capacità di controllare le emozioni, pensare in modo riflessivo e agire deliberatamente. Questi punti di forza possono consentire di rompere la presa della reazione di crisi e incorporare la psicologia delle opportunità.

Risultati di laboratorio

Le mie indagini su questa crisi economica fino ad oggi, e molti altri eventi traumatici, hanno rivelato sette dimensioni che distinguono coloro che rispondono bene a una crisi da quelli che non lo fanno. La tua capacità di rifiutare la mentalità della crisi e coltivare una psicologia dell'opportunità dipende dal tuo sviluppo di queste capacità essenziali.
Emozioni. Fare della transizione dall'istinto di crisi a un'opportunità, la psicologia inizia con le emozioni perché sono la parte più primitiva di noi. Di fronte a paura, frustrazione o rabbia, devi evitare di essere sopraffatto da queste emozioni negative prima di poter fare qualcosa di positivo.

Mindset . La tua mentalità, cioè, come pensi alla crisi, è il prossimo passo nel cambiare la mentalità della crisi in una psicologia dell'opportunità. Sfortunatamente, una crisi tende a trasformare una mentalità immediata e fortemente negativa. La tua capacità di rimanere positivo, motivato e lungimirante determinerà il modo in cui rispondi alle dimensioni successive.

Visione Una crisi suggerisce che lo status quo si è rotto e che ciò che ha funzionato in passato non funziona più. Questa condizione richiede che tu abbia la visione di vedere la crisi sotto una luce diversa. Devi guardare indietro alla crisi per apprendere le lezioni essenziali, avere una vasta profondità di campo per vedere tutti i contributori pertinenti, e poi guardare oltre la crisi immediata per considerare le conseguenze a lungo termine delle tue reazioni alla crisi.

Motivazione La tua capacità di rispondere positivamente alla crisi dipenderà dalla tua motivazione ad agire. La tua volontà di agire sulla tua psicologia dell'opportunità e applicarti efficacemente per affrontare la crisi determinerà se emergerai dalla crisi più forte che mai. Questa motivazione include la vostra volontà di assumervi rischi ragionevoli, mantenere la disciplina e persistere di fronte a ostacoli significativi.

Comportamento La psicologia delle opportunità conta poco se non sei in grado di esprimere le emozioni, la mentalità, la visione e la motivazione nelle tue azioni verso la crisi. È necessario agire in modo intenzionale, continuare a raggiungere e connettersi con gli altri e sostenere la concentrazione sulle soluzioni e agire quando la paralisi sarebbe più facile.

Leadership . Se sei in un ruolo di leadership, devi preoccuparti di più della tua psicologia; hai molte psicologie da affrontare. Affinché la tua squadra lavori in modo costruttivo durante la crisi, è necessario fornire una leadership che favorisca la psicologia delle opportunità in tutti. Devi inviare i giusti messaggi di ottimismo, ragione, passione e risolutezza.

Cultura Si svilupperà una cultura organizzativa basata sulla psicologia individuale di tutti i soggetti coinvolti e sulla leadership che viene offerta da coloro che hanno autorità. Il modo in cui la tua azienda risponde alla crisi dipenderà dalla natura di quella cultura. Devi avere una cultura che è stimolata, che vuole assumersi la responsabilità e unificata.

Considerando come reagire alle crisi, sia grandi che piccole, su queste sette dimensioni, sarete in grado di identificare quali cambiamenti dovrete apportare per prepararvi meglio alle crisi future. E diventando un maestro della crisi, diventi un maestro della vita stessa.

Solutions Collecting From Web of "Prime Business: più per paura che per paura"