Prevenzione e segnalazione di abusi sui minori

Questo articolo è stato scritto da Steve Brown, Psy.D. psicologa e direttrice dell'istituto traumatico di stress dei centri familiari Klingberg e coordinatrice del programma di formazione per la connessione al rischio. È stato presidente del consiglio di amministrazione di Stop It Now!, Una delle principali organizzazioni nazionali per la prevenzione degli abusi sessuali su minori. È un educatore / formatore di sessualità di lunga data e coautore di Streetwise to Sex-Wise: Sexuality Education per High Risk Youth, un programma di educazione sessuale utilizzato a livello internazionale da agenzie e scuole per giovani ad alto rischio. Vai su www.stopitnow.org per avere molte risorse su cosa fare da adulto se hai dei sospetti sugli abusi sessuali che accadono a un bambino. Questo articolo è stato stampato con il suo permesso.

La scorsa settimana, un gran giurì della Pennsylvania ha incriminato l'ex coordinatore difensivo della Penn State, Jerry Sandusky, per aver abusato sessualmente di otto ragazzi nel corso di un periodo di 15 anni. L'accusa ha anche imputato a due alti funzionari universitari lo spergiuro e la mancata segnalazione di ciò che sapevano sulle accuse. L'accusa ha dato il via ad una tempesta di attenzione mediatica sia nel mondo dello sport che negli Stati Uniti in generale. Il 9 novembre, il Board of Trustees della Penn State licenziò il leggendario allenatore di football Joe Paterno e il presidente della Pennsylvania Penn Graham Spanier. Presumibilmente, un assistente laureato ha detto a Paterno di aver osservato Sandusky abusare di uno dei ragazzi. Paterno ha riferito questo al direttore atletico Tim Curley, anche se non ha seguito più tardi la questione o allertare le autorità legali. L'accusa affermava che il presidente Spanier era stato messo al corrente dell'incidente riferito a Paterno.

In ogni situazione di abuso particolare c'è un violentatore, una vittima e (quasi sempre) spettatori. Questo è vero nel bullismo, nella violenza di strada, così come negli abusi sessuali su minori. Una delle domande più importanti che la situazione di Penn State e casi simili sollevano è: che cos'è la natura della violenza sessuale intima che impedisce a tanti spettatori di agire quando hanno informazioni dirette che si è verificato un abuso o, più comunemente, solo un accenno al fatto che qualcosa potrebbe non essere giusto.

È vero che uomini come il signor Sandusky possono spesso essere ben considerati, cittadini onesti, coinvolti nella comunità, anche amati come modello da molti. Tuttavia, è anche vero, come è venuto fuori dalla stampa, che numerose persone hanno avuto conoscenza diretta di, e anche direttamente testimoni, il signor Sandusky che abusa sessualmente di ragazzi. Nonostante questa conoscenza, erano passanti passanti, non attivi. Se qualcuno di questi adulti ha intrapreso un'azione appropriata per riferire questo alle autorità legali competenti, forse l'abuso sarebbe finito con uno o due ragazzi anziché otto. Forse alle vittime sarebbe stato dato aiuto e protezione.

Mentre alcuni adulti in questa situazione avevano una conoscenza diretta dell'abuso, immagino che probabilmente ci siano molti altri che provano sentimenti inquietanti nei confronti di Mr. Sandusky – famiglia, vicini, giocatori, allenatori, ecc. Molte di queste persone stanno ora distruggendo il loro cervello su quali segni avrebbero potuto mancare, perché non si fidavano del loro intestino e, cosa più importante, cosa impediva loro di farsi avanti. Queste sono domande buone e importanti. Persino Joe Paterno, la cui squadra di football della Penn State ha orgogliosamente esaltato la reputazione di essere "perfettamente pulito" e il cui motto era "successo con onore", non poteva vedere chiaramente di agire sulla sua responsabilità morale di proteggere le vittime attuali e future. È particolarmente inquietante che coloro che hanno una conoscenza diretta non possano raccogliere la decisione di parlare attivamente.

Tuttavia, per tutti noi, c'è questa domanda critica: che cosa ci impedisce di parlare apertamente, ignorando ciò che vediamo, prestando attenzione a questi sentimenti, controllandoli, parlando con un amico o collega su di loro, e alla fine intervenendo avvisare le autorità competenti?

Penso che ci siano risposte complicate a questa domanda.

Gran parte di esso si riferisce alla negazione della nostra società sulla realtà degli abusi sessuali su minori. Vogliamo che l'abuso sessuale riguardi il perverso inquietante, lo straniero che rapisce e molesta i nostri figli. Mettiamoli tutti sui registri dei reati sessuali, attacciamo i dispositivi GPS alle loro caviglie e andrà tutto bene. Non vogliamo ammettere che il 90 percento degli abusi sessuali è commesso da persone conosciute dalla vittima e dalla famiglia – i nostri fratelli, zii, padri, patrigni e … sì … allenatori.

Se parliamo, stiamo intromettendo la privacy della famiglia consacrata, che si tratti di un nucleo familiare o della famiglia Penn State. A volte, non sappiamo a quali segni prestare attenzione in questi uomini. Anche se lo facciamo, non vogliamo essere coinvolti: "Ho detto al mio supervisore. Se non agiscono, non deve essere un grosso problema. Ad ogni modo, se succede qualcosa, è su di loro, non su di me. "

In particolare, non vogliamo essere coinvolti quando vi sono persone potenti e istituzioni coinvolte. Quando quelle istituzioni hanno immagini "cigolanti" da sostenere, non vogliamo essere responsabili di appannare quell'immagine. Se solleviamo le nostre preoccupazioni, rischiamo il rifiuto sociale. Dobbiamo anche avere un po 'di conforto con i nostri sentimenti legati all'area protetta della sessualità e al linguaggio del sesso per essere coinvolti e parlare. Se parliamo (come un adulto spettatore o una vittima), è ALTAMENTE probabile che le cose peggioreranno nel breve periodo, anche se si spera migliori nel lungo periodo.

Molte persone, che giocano al quarterback del lunedì mattina, sono indignate per il fatto che gli astanti non hanno parlato (e dovremmo essere indignati per questo caso), ma questo NON riconosce la realtà delle barriere sopra elencate. Fino a quando non cadremo come una società con queste molte barriere, faremo progressi limitati sulla prevenzione.

La prevenzione degli abusi sessuali su minori, guidata da organizzazioni come Stop It Now!, Cerca di rispondere esattamente a queste domande: come aiutiamo gli spettatori adulti a riconoscere i segni di abusi sessuali, parlare con gli altri di ciò che vedono e trovare il coraggio e le parole parlare. Diversamente da Penn State, il più delle volte è una moglie che parla di (o di) suo marito che vede uscire ripetutamente dalla camera da letto delle figlie nel cuore della notte; un vicino che parla di (o di) un amato vicino che frequentemente ha ragazzi che entrano e escono da casa sua; una nipote adulta che parla di (o di) di un grande zio che vuole sempre giocare ai videogiochi nel seminterrato da solo con un parente di 10 anni.

Questo non è un argomento facile da sollevare quando l'aggressore è il principale percettore della famiglia; quando è ben amato, anche dal figlio o dalla figlia sta abusando; quando è il fondatore di organizzazioni per bambini vulnerabili che fanno molto bene; quando si parla significa una crisi.

Per prevenire gli abusi sessuali, dobbiamo TUTTI lottare con queste domande. Forse la situazione di Penn State ci spingerà un po 'più vicino a parlare come spettatori attivi, non passivi, cercando il benessere dei nostri figli e di coloro che non sanno parlare da soli.

Studenti e sostenitori della Penn State si riuniscono per una grande veglia a lume di candela per le vittime di abusi sui minori. Foto di Mario Tama / Getty Images

Solutions Collecting From Web of "Prevenzione e segnalazione di abusi sui minori"