Presentazione dello stato psicologico

Qualche anno fa, Perri 6 osservò che, "dal punto di vista del ventunesimo secolo, la visione economicistica dei poteri del governo nel ventesimo secolo potrebbe sembrare obsoleta come la visione militare e imperiale dei secoli precedenti" ( Perri 6, 1995: 2). Al centro delle riflessioni di Perri 6 c'era la convinzione che il 21 ° secolo avrebbe visto l'ascesa di una forma di governo più orientata psicologicamente e socialmente sensibile. Quando Perri scrisse nel 1995, la nozione di un sistema di governo più orientato psicologicamente era in gran parte speculativa.

Mentre ora facciamo la nostra strada collettiva attraverso il secondo decennio del 21 ° secolo, lo stato psicologico sta assumendo una forma tangibile. La svolta psicologica nelle politiche pubbliche può essere vista nel Regno Unito, dove il Behavioral Insights Team (o Nudge Unit) sta usando le intuizioni di economia comportamentale e psicologia per consigliare il governo sulla progettazione di politiche che vanno dalle donazioni di organi alla regolamentazione di internet pornografia. In Francia, il Centre d'analyse stratégique del governo ha attinto alle neuroscienze per informare lo sviluppo della politica di sanità pubblica. In Australia, la Commissione del servizio pubblico ha promosso il valore della psicologia comportamentale nel plasmare una serie di aree di politica pubblica. Nel frattempo, negli Stati Uniti, l'amministrazione Obama ha nominato gli archavari economisti del comportamento Cass Sunstein a capo dell'Ufficio per gli affari informativi e regolatori, e ora sta esplorando la possibilità di istituire una propria unità Nudge.

Perché ora?

Una domanda che spesso ci viene posta è "perché stiamo assistendo all'aumento dello stato psicologico in questo particolare momento?" Rispondere a questa domanda fornisce in realtà una prospettiva preziosa sulla natura e le implicazioni dello stato psicologico. La nostra risposta breve a questa domanda è che lo stato psicologico riflette in realtà una confluenza di idee (largamente attinte dalla micro-economia e dalla psicologia comportamentale) e eventi del mondo reale. In termini di idee, si tende a supporre che l'impatto crescente della psicologia sulla progettazione della politica pubblica possa essere attribuito ad alcuni sviluppi abbastanza recenti. La pubblicazione, nel 2008, di Richard Thaler e del libro di grande influenza di Cass Sunstein, Nudge: Improving Decisions About Health, Wealth, and Happiness è stato interpretato da molti come un momento chiave nella nascita dello stato psicologico. In realtà, tuttavia, le idee che stanno alla base della tesi di Thaler e di Sunstein sono in gran parte tratte dalla psicologia comportamentale e dalla microeconomia, esistono da un po 'di tempo.

Fu durante gli anni '40 e '50, mentre lavorava all'Illinois Institute of Technology, che Herbert Simon rivelò alcune carenze chiave nelle prevalenti teorie economiche del comportamento umano. La nozione di Simon di "razionalità limitata" asseriva che, in contrasto con le teorie economiche neo-classiche di una razionalità apparentemente sconfinata, il processo decisionale umano era in realtà caratterizzato da limiti cognitivi chiave. Queste limitazioni sono state espresse sia nella disponibilità di informazioni rilevanti, sia nella mancanza delle necessarie capacità analitiche e del tempo necessario per elaborare in modo efficace le informazioni disponibili. In definitiva, il lavoro di Simon è indicativo del fatto che una quantità significativa di decisioni umane non si basava su azioni razionali e contemplative, ma su forme di motivazione più intuitive e guidate dalle emozioni. La preoccupazione di Simon per la natura più che razionale del comportamento umano getterebbe le basi per l'emergere di una nuova disciplina accademica: l'economia comportamentale. Nel suo cuore, l'economia comportamentale cercava di fondere gli interessi degli economisti con le intuizioni degli psicologi per sviluppare un ramo dell'economia che fosse in grado di comprendere meglio gli aspetti più intuitivi del comportamento umano. Tuttavia, un'ulteriore serie di idee si dimostrerebbe cruciale nel consentire l'assorbimento politico delle intuizioni degli economisti comportamentali.

Per un periodo di tempo considerevole la ricerca sia nella psicologia comportamentale che nella progettazione cognitiva ha rivelato che sottili cambiamenti nella natura degli ambienti di scelta che circondano le persone potrebbero avere un impatto significativo sul comportamento umano. Le intuizioni della psicologia comportamentale e del design cognitivo sono importanti per gli stati psicologici emergenti per specifiche ragioni politiche. Almeno dal diciannovesimo secolo, i governi all'interno delle società liberali sono stati limitati nella portata potenziale delle loro azioni dal principio di prevenire il "danno agli altri". È sulla base di questo principio che molti governi hanno bandito il fumo in pubblico chiuso ambienti (a causa del danno ad altri causato al fumo passivo), ma non vietato fumare in generale (a causa del danno che può causare alla salute di un individuo). Ciò che la psicologia comportamentale e il design cognitivo suggerivano, tuttavia, era che gli Stati potevano essere in grado di intervenire in "danno ai problemi di sé" (come il fumo e il cibo malsano) senza, necessariamente, minando la scelta individuale e la libertà. Di conseguenza, è stato suggerito che attraverso l'uso intelligente delle impostazioni predefinite (come la dimensione delle tazze in cui vengono servite le bevande analcoliche) e la riprogettazione degli ambienti di scelta (come le mense scolastiche), potrebbe essere possibile allo stato incoraggiare comportamenti sani all'interno di dover erodere la libertà personale.

Se lo stato psicologico è stato informato dalle idee degli economisti comportamentali e del disegno cognitivo, rimane ancora la domanda su ciò che gli eventi del mondo reale sembrano aver effettivamente portato alla diffusione di queste idee all'interno delle politiche pubbliche in tutto il mondo. È nostra opinione che negli ultimi dieci anni si sia assistito a una particolare confluenza di crisi sociali e ambientali che hanno reso le idee di vari aspetti delle scienze psicologiche interessanti per i responsabili politici. Queste crisi possono essere viste nel contesto della finanza, della salute e dell'ambiente. In relazione alla finanza, l'ultimo decennio ha visto un rapido aumento dei tassi di debito personale in molti stati in tutto il mondo. I problemi aggregati associati al cattivo debito alla fine hanno provocato gli effetti paralizzanti della stretta creditizia e assicurando la recessione nelle economie europea e nordamericana. In termini di salute personale, gli stili di vita malsani hanno provocato l'aumento senza precedenti dell'obesità e dei casi correlati di malattie cardiache, cancro e diabete. I costi accumulati nel trattamento delle malattie legate allo stile di vita hanno messo a dura prova il finanziamento pubblico di sistemi sanitari come il Servizio Sanitario Nazionale in Gran Bretagna. Infine, nel contesto ambientale, i rapporti scientifici mostrano che la nostra dipendenza collettiva dalla combustione di combustibili fossili potrebbe creare problemi significativi per il prossimo futuro per il sano funzionamento della nostra biosfera planetaria. Sosteniamo che le crisi interconnesse di finanza, salute pubblica e cambiamenti climatici hanno fornito lo slancio e attraverso il quale le idee delle scienze psicologiche hanno ottenuto un sostegno politico.

Nelle prossime settimane pubblicheremo una serie di blog che cercano di esporre e analizzare criticamente vari aspetti dello stato psicologico. Puoi anche scoprire di più sulla nostra ricerca in un libro pubblicato di recente, Jones, R. Pykett, J. e Whitehead, M. (2013) Changing Behaviors: On the Rise of the Psychological State (Edward Elgar, Cheltenham).

Solutions Collecting From Web of "Presentazione dello stato psicologico"