Preoccupazione mi aiuta a far fronte: una credenza metacognitiva legata alla procrastinazione

C'è più di un tipo di procrastinazione. Possiamo ritardare inutilmente i compiti – procrastinazione comportamentale. Possiamo anche ritardare inutilmente le decisioni: procrastinazione decisionale . Uno studio recente indica che sia la procrastinazione comportamentale che quella decisionale sono legate a convinzioni disadattive note come metacognizioni.

Tre psicologi britannici con formazione psicoterapeutica e interessi di ricerca hanno pubblicato un breve rapporto sul loro studio di "metacognizioni, emozioni e procrastinazione" nel Journal of Cognitive Psychotherapy . Marcantonio Spada (Roehampton University), Kalliopi Hiou (London Metropolitan University) e Ana Nikcevic (Kingston University) hanno raccolto dati da 179 studenti, misurando la loro procrastinazione (comportamentale e decisionale), preoccupazione, ansia, depressione e metacognizione. Il vero obiettivo della loro ricerca era su questa nozione di metacognizione.

"La metacognizione si riferisce a credenze, strutture psicologiche, eventi e processi che sono implicati nel controllo, nella modifica e nell'interpretazione del pensiero stesso" (p. 320). In breve, questi processi sono proposti per far parte delle funzioni esecutive del cervello, le componenti di controllo dell'elaborazione delle informazioni.

Certamente, se le credenze e i processi sono distorti verso la selezione di schemi di pensiero o strategie di controllo disadattivi, ci sarà un problema nel funzionamento. Secondo la teoria della "Self-Regulatory Executive Fucntion" proposta da Wells & Matthews (1994), le metacognizioni disfunzionali sono responsabili di tutta una serie di disturbi tra cui ansia, fobie e ossessioni, per citarne alcuni che sono stati studiati.

Lo scopo dello studio di Spada e colleghi era di estendere questa teoria e l'approccio alla ricerca con procrastinazione. Hanno ipotizzato che potrebbero esserci metacognizioni disadattive legate alla procrastinazione, e hanno trovato qualche prova di ciò (Nota: il loro studio presenta alcune limitazioni che notano, ma i risultati preliminari che presentano sono di interesse in termini di riflessione sulla procrastinazione) .

Quello che hanno trovato
1. Le convinzioni sulla fiducia cognitiva (ad es. "La mia memoria può fuorviarmi a volte") erano legate alla procrastinazione comportamentale.

2. Le convinzioni positive riguardo alla preoccupazione (ad esempio, "la preoccupazione mi aiuta a far fronte") erano legate alla procrastinazione decisionale.

In entrambi i casi, la relazione tra questi pensieri e procrastinazione era indipendente dalla depressione.

Cosa significa
Nelle parole degli autori dello studio, "Nel caso di procrastinazione comportamentale, è plausibile postulare che gli individui che hanno credenze negative sulla loro efficienza cognitiva (una dimensione metacognitiva che è strettamente associata alle emozioni negative, Wells, 2000) possono dubitare della loro capacità di prestazione del compito . È probabile che questo abbia un impatto negativo sulla motivazione, nonché sull'avvio e la persistenza delle attività, portando a procrastinazione comportamentale. "[Enfasi aggiunta]

"Una possibile spiegazione del legame tra credenze positive sulla preoccupazione e procrastinazione decisionale potrebbe essere che quando un individuo sperimenta un innesco emotivo, le credenze positive sulla preoccupazione portano all'attivazione di routine di" test di realtà interna "o" risoluzione di problemi mentali ". È probabile che questi ultimi ostacolino i processi decisionali che portano alla procrastinazione decisionale "(p.332).

Pensieri conclusivi . .
Questa ricerca sottolinea gli effetti distruttivi del dubbio e della preoccupazione, in particolare la falsa convinzione che qualcosa come la preoccupazione ruminativa possa essere produttiva. Queste credenze irrazionali sostengono il ritardo dei compiti. Come Spada e colleghi scrivono, "Da un punto di vista terapeutico questi risultati indicano che la modifica delle credenze sulla fiducia cognitiva e le convinzioni positive sulla preoccupazione potrebbero essere utili nel trattamento del comportamento procrastinatorio" (p.333).

Non potrei essere più d'accordo. Come ho discusso nel post di blog su un approccio di Rational Emotive Therapy alla procrastinazione, la cosa fondamentale è scoprire ciò che l'individuo ha detto a se stesso in quel momento per giustificare la procrastinazione. Se non cambi questi pensieri o credenze, la procrastinazione rimarrà una reazione perfettamente razionale a queste credenze molto irrazionali.

Riferimenti
Spada, MM, Hiou, K., & Nikcevic, AV (2006). Metacognizioni, emozioni e procrastinazione. Journal of Cognitive Psychotherapy: An International Quarterly, 20 , 319-326.

Wells, A. (2000). Disturbi emotivi e metacognizione: terapia cognitiva innovativa . Chichester, Regno Unito: Wiley.

Wells, A., & Matthews, G. (1994). Attenzione ed emozione: una prospettiva clinica . Hove, Regno Unito: Erlbaum.

Solutions Collecting From Web of "Preoccupazione mi aiuta a far fronte: una credenza metacognitiva legata alla procrastinazione"