Prendersi cura di Caregivers

Grazie a un caregiver in questa stagione delle vacanze!

La fine dell’anno è il momento perfetto per ringraziare i caregiver e riflettere sulle richieste di assistenza informale in contrapposizione al caregiving pagato. Aiutare persino un caregiver che conosci, come offrirti di alleggerire temporaneamente il carico di lavoro, può fare un mondo di differenza in questo periodo di vacanze. E c’è la possibilità che ci sia almeno una persona nella tua vita che si assume responsabilità affidatarie.

Secondo la famiglia Caregiver Alliance del National Center on Caregiving, un americano su cinque è un caregiver. I badanti non pagati che sono anche membri della famiglia, come coniugi, figli adulti e fratelli, o anche amici devoti, spesso non riescono a trarre vantaggio dai servizi di supporto di cui si ha estremo bisogno. Una ragione è che queste persone potrebbero non pensare a se stesse come caregivers. Un altro è che i servizi di supporto possono essere difficili da identificare e accedere. Di conseguenza, i caregiver informali non sono solo stressati ma spesso molto soli. Perché? Penso che la risposta sia triplice.

Innanzitutto, molti operatori sanitari sono sopraffatti dalla complessità e dalla sfida dei compiti di assistenza sanitaria clinica, come la somministrazione di farmaci e la gestione di port endovenosa. Queste sono in genere nuove competenze che devono essere apprese. Il caregiver può anche aver bisogno di aiuto con problemi imbarazzanti come l’aiuto per il bagno o il bagno di un genitore. Queste attività sono difficili e impegnative, con conseguente aumento dei livelli di stress e burnout, nonché la tendenza a rivolgersi verso l’interno. Di conseguenza, gli assistenti si ritirano spesso dalle normali attività sociali che altrimenti fornirebbero supporto.

Le richieste di tempo e la logistica del caregiving quindi esauriscono e isolano ulteriormente il caregiver, risultando nella seconda ragione per la solitudine dell’assistente. La padronanza di nuove competenze richiede molto tempo, ma l’esecuzione effettiva di tutti i compiti di assistenza necessari su base giornaliera richiede ancora più tempo. Mantenere il frigorifero pieno, organizzare e coordinare i vari impegni con il sistema medico, prestando attenzione a questioni legali e finanziarie, tutto spinge le persone al limite.

Quella stanchezza, spesso venata di un crescente senso di inefficacia e futilità, conduce alla terza, inevitabile sfida del caregiving: il carico emotivo. Frequentemente, le emozioni negative emergono, specialmente il senso di colpa per non fare un buon lavoro. Raramente ho parlato con un caregiver che non pensava che lui o lei potesse fare un lavoro migliore di esso e si ritenesse responsabile. E, naturalmente, ci sono quelli che sentono che le responsabilità del caregiving sono state gettate su di loro. Questa comprensibile reazione a un obbligo sgradito e inaspettato può essere particolarmente diffusa tra i giovani caregiver. Eppure, i più giovani sono la demografia in più rapida crescita di operatori sanitari. Oltre il 25% dei caregivers è nella popolazione millenaria. Non è difficile immaginare di sentirsi ingiusti o di essere vittimizzati. Questo senso di irritato risentimento viene poi rapidamente seguito da un ulteriore senso di colpa che uno è risentito nell’aiutare qualcuno che ami. E anche quando il risentimento non fa parte del quadro, una cascata di emozioni negative associate al caregiving può isolare ulteriormente le persone. Si sentono imbarazzati e si vergognano. Aggiungilo all’esaurimento e tendono a ritirarsi.

Una conseguenza dell’isolamento e della solitudine è una riduzione tossica dell’auto-cura. I badanti sovraccarichi non danno la priorità a comportamenti di salute positivi per loro stessi; rimosso dal supporto positivo che possono ottenere da una comunità o da una rete di amici intimi, che può ricordare loro l’importanza della cura di sé, la loro salute si deteriora.

Considerato tutto ciò, qual è l’invito all’azione? In primo luogo, dobbiamo tutti riconoscere che il caregiving è potenzialmente isolato. Raggiungi e promuovi questa idea ai caregiver e alle persone che sono in grado di supportare i caregiver. Sviluppare e fornire un facile accesso a programmi specifici per aiutare i caregivers, come abbiamo fatto per la Fondazione per l’arte e la cura ad Augusta, nel 2017 con AARP. Le attività artistiche, come l’adesione a un gruppo corale, possono alleviare la solitudine e allo stesso tempo fornire gioia e soddisfazione sia ai caregiver che alle persone a loro affidate. Uno studio fatto alla Drexel University di Philadelphia ha scoperto che fare arte a qualsiasi livello di abilità riduce gli ormoni dello stress. Aggiungete a ciò il senso di connessione che deriva dalla partecipazione alle attività di gruppo e i benefici sono aumentati di molte volte. I ricercatori dell’Università della California-San Francisco hanno dimostrato che i cori della comunità riducono la solitudine e aumentano l’interesse per la vita degli anziani. Perché non suggerire ai caregiver nella tua vita di poter partecipare ad attività artistiche di gruppo, a volte proprio insieme ai loro cari?

Altrettanto importante è la necessità di assicurarsi che gli operatori sanitari prestino attenzione ai propri bisogni per non diventare fisicamente ed emotivamente impoveriti. La Northwestern University ha riportato che la meditazione può essere un’importante strategia di coping per i menomati della memoria e i loro assistenti. Rendere il tempo per la meditazione può sembrare quasi impossibile per coloro che sono sopraffatti dalle faccende di cura, ma questa attività, specialmente se collegata a misure basilari di cura di sé come tenere il frigorifero rifornito di cibo nutriente e fare un po ‘di esercizio ogni giorno, può promuovere una buona salute.

Potresti anche prendere in considerazione l’idea di offrire cure di sollievo ogni tanto, in modo che i caregivers nella tua vita possano avere delle pause tanto necessarie dalle loro responsabilità. I caregivers torneranno sicuramente riposati e pronti a prendere le redini ancora una volta.

Su una nota incoraggiante, l’attenzione nazionale ai bisogni dei caregivers familiari è in aumento. Al momento sono in vigore leggi che richiederanno agli ospedali di capire chi è il caregiver di un paziente e di allegare tali informazioni al record dell’ospedale del paziente. Ciò consente ai sistemi sanitari di supportare direttamente i caregiver, spesso la chiave per mantenere i propri cari il più salutari possibile. Non solo, ma i datori di lavoro sembrano sempre più disposti a sostenere i caregiver sul posto di lavoro. Più progressivi benefici ai congedi familiari stanno avvenendo a livello statale, con alcuni datori di lavoro che offrono anche congedi retribuiti illimitati ai familiari assistenti.

Questa crescente consapevolezza della solitudine tra gli operatori sanitari sta portando ad una risposta sia al mercato che alle normative nel fornire supporto ai caregiver. Questo è un progresso importante per il quale ringraziare di cuore in questa stagione di gratitudine. Ecco le meritate buone feste per i caregiver e per tutti quelli a loro affidamento!

Sondra Forsythe ha contribuito alla ricerca e alla scrittura di questo blog.

  • Consigli pratici di consapevolezza per spostare il tuo umore
  • La sindrome da esaurimento del lavoro dipendente: perdita di abilità comunicative
  • Come conquistare emozioni difficili e stimolare la tua pace interiore
  • Perché non ti preoccupare di avere un interruttore "Off"?
  • Costruire una cultura di bulli
  • Perché lo stress rende difficile cambiare un'abitudine - e cosa puoi fare a riguardo
  • Nature Soundscapes Indoor conduce a esperienze positive
  • Che sparatorie di massa fanno a chi non ha sparato
  • Regolazione emotiva e HSP
  • 5 modi per affrontare con successo uno psicopatico sul posto di lavoro
  • Il potere curativo della generosità
  • Insegna bene ai cuccioli: lasciali godere della loro infanzia
  • Il potere curativo della generosità
  • La tua soluzione per svegliarti troppo presto
  • Gli americani sono stressati e sta peggiorando
  • Perché alcune donne stanno bruciando nei loro anni '20 e '30
  • La sindrome da esaurimento del lavoro dipendente: perdita di abilità comunicative
  • Ti senti impoverito? È ora di abbandonare, delegare e cancellare
  • Come dotare gli studenti di essere mentalmente duri
  • Inversione della spirale discendente
  • Perché non ti preoccupare di avere un interruttore "Off"?
  • Come conquistare emozioni difficili e stimolare la tua pace interiore
  • Il potere curativo dell'amicizia
  • Smettila di stressare su di me!
  • Lo yoga di 5 modi può giovare alla tua salute mentale
  • Sei sempre stressato? New Blood Test può spiegare perché
  • Donne sull'orlo dell'esaurimento
  • Perché Christine Blasey Ford non ricorda come è arrivata a casa
  • Come faccio a farmi piacere da mia madre?
  • Cura di sé in un mondo occupato: 4 domande da porsi
  • La scienza della gentilezza: 101
  • Quando non puoi andartene: fare il meglio
  • Awake fMRI rivela come i cervelli canini elaborano nuove parole
  • E se il primo principio della medicina fosse anche quello dell'istruzione?
  • Nuove ricerche mostrano quando si dice "Io sono quello che sono"
  • My Child fa male e io sono l'unico a cui importa