Prendendo una pausa (virtuale): puoi sopravvivere senza la tua tecnologia per 24 ore? Ne dubito!

Ho letto l'altro giorno su due "esperimenti" per vedere come le persone potrebbero avere a che fare senza avere certe tecnologie a loro disposizione. A settembre, la Harrisburg University ha dichiarato una settimana senza social media nel campus, mentre 53 studenti della Lincoln High School di Portland, in Oregon, hanno fatto tutto il possibile per eliminare tutta la tecnologia dalle loro vite per una settimana. Tacchino freddo. Una tecnologia letterale veloce. Quindi, come è andata? Bene, secondo le stime di Harrisburg, solo circa il 10% -15% degli studenti ha aderito. Come ha detto il presentatore televisivo di tarda notte Jimmy Fallon durante il suo monologo lunedì: "Guarda questo: un college in Pennsylvania sta bloccando l'accesso al computer ai siti di social networking per un'intera settimana, e poi richiede agli studenti di scrivere un saggio sull'esperienza . Sì. Il tema si chiamerà "Tutti abbiamo smart phone, idiota". Mi chiedo quanti studenti hanno dovuto chiedere a Lincoln High per ottenere quei coraggiosi 53. Per citare uno degli studenti, "Mi sento davvero ansioso perché Non so se mi manca qualcosa di importante. Continuo a pensare che non posso aspettare che questo finisca perché ho bisogno di controllare la mia e-mail. Quante notifiche su Facebook avrò dopo? "

La nostra dipendenza dalla tecnologia non è limitata ai giovani adulti di Net Generation o agli adolescenti di iGeneration. SIAMO TUTTI DIPENDENTI SULLA TECNOLOGIA . Questo è stato portato a casa da me con tutta la forza l'altro giorno. La compagnia elettrica ci aveva detto che alle 21:30 avremmo avuto un blackout per diverse ore o più. Scrivemmo note, caricammo le batterie del nostro telefono e del portatile, scollegammo la maggior parte dell'elettronica in modo da non avere uno scoppio quando la corrente tornò e si sedette sul letto davanti alla TV aspettando che il potere si spegnesse. La testa del nostro letto si muove su e giù e noi abbiamo sempre per guardare la TV. Abbastanza sicuro, verso le 9:30 la TV è uscita come tutte le luci.

Nessun problema. L'abbiamo coperto. Abbiamo aperto i nostri laptop ed entrambi hanno detto, "dannazione, Internet è inattivo!" … aspettalo … ecco che arriva … e ci siamo resi conto che il router wireless è collegato al muro. Nessuna Internet tranne sui telefoni. Sospiro. Potremmo gestirlo. Dopotutto avevamo le luci del flash per leggere libri e riviste, quindi ci siamo sistemati e abbiamo afferrato il telecomando per abbassare il letto. E, avete indovinato, il letto è rimasto in posizione verticale. Il letto è inserito e senza corrente elettrica rimane nella sua posizione. Inutile dire che abbiamo dormito abbastanza a disagio seduti quella notte, ma ho imparato una lezione inestimabile. ABBIAMO TENUTO LA NOSTRA TECNOLOGIA PER CONCEDERE .

Immagina il seguente scenario: sei sulla strada, dì di lavorare e ti rendi conto che hai lasciato il cellulare a casa. Quanti minuti sei disposto a riprendere per recuperarlo? Io di solito chiedo alle mie lezioni del college quella domanda e la risposta va da "Non tornerei indietro" a "Amico, mi stai prendendo in giro? Guiderei un'ora! " È interessante notare che gli studenti più anziani spesso affermano che o non tornerebbero indietro o lo farebbero, ma solo se fossero solo pochi minuti. I più giovani hanno maggiori probabilità di tornare immediatamente a casa.

Un mese fa ho tenuto un discorso a una scuola media privata / scuola superiore e, come amo fare, ho chiesto alla scuola di organizzarmi per incontrarmi con gruppi di studenti. Abbiamo parlato delle solite questioni – multitasking, cyberbullismo, Facebook, ecc. – e poi ho fatto loro la stessa domanda. Uno ha detto che ha fatto sua madre guidare 30 minuti di andata e ritorno per prendere il suo cellulare. Un altro ha detto che è andato a casa a pranzo per averlo. Il consenso era che ogni singolo studente andasse a casa a prendere il telefono.

Come ho accennato nei post precedenti, secondo la Nielsen Company, il tipico teenager invia e riceve più di 3.000 messaggi di testo al mese mentre effettua e riceve meno di 200 telefonate durante lo stesso periodo di 30 giorni. I preadolescenti stanno recuperando quasi 1.200 messaggi al mese. La linea di fondo è che il telefono non è più un telefono. È uno smartphone e il "telefono" sviluppato da Alexander Bell è un termine improprio. Oggigiorno viene usato molto più spesso come un computer e un dispositivo di comunicazione "digitale" con un gran numero di app che collegano l'utente di smartphone a Facebook, Twitter e altri servizi che aiutano l'utente a connettersi al mondo.

Certo, il telefono è un dispositivo per connettersi e comunicare MA quella connessione richiede pressoché entrambi gli utenti unitask. E questa generazione è molto a disagio quando gli viene chiesto di unire. Preferirebbero molto passare da un'attività all'altra e viceversa, il che è facile quando si invia SMS o Facebook o Tweeting. Quando parli al telefono è difficile mascherare che stai scrivendo qualcosa mentre ascolti. Sei obbligato a sentire, "Ehi, mi stai ascoltando? Ti ho appena fatto una domanda! "

Non andrò mai su una tecnologia veloce né ti raccomando di farlo. Tuttavia, ho iniziato a notare quando sto usando una tecnologia specifica e smette di funzionare o non funziona come dovrebbe funzionare. Presto particolare attenzione alle mie reazioni e 9,9 volte su 10 sono turbato, arrabbiato, arrabbiato e mi sento come se fossi alla mercé della tecnologia che non è perfetta. Sto cercando di imparare a calmare quelle reazioni, ma sono viscerali e immediate. Sono andato a un seminario questo fine settimana per ascoltare un discorso sull'etica per gli psicologi e l'oratore è andato in profondità su "Internet Addiction"

e se si tratta di una vera dipendenza simile alla dipendenza dal gioco o alla tossicodipendenza. Ha parlato di come potrebbe essere definito nel Manuale Statistico Diagnostico in termini di sintomi e ha menzionato che, sebbene fosse considerato per l'inclusione nell'ultimo DSM , non lo era. Se parliamo di quante ore passiamo su Internet (o utilizzando tipi simili di tecnologie come gli smartphone) siamo tutti dipendenti. Non è il tempo speso ma come passi il tempo. Se tu (o il tuo adolescente o il tuo coniuge) stai evitando le tue responsabilità familiari, il lavoro o la scuola mancati, non riescono a completare i progetti di lavoro o gli incarichi scolastici, ignorando gli amici, non trascorrendo il tempo all'aperto, è probabile che tu abbia un problema con la tua tecnologia. Le ore trascorse online non definiscono un tossicodipendente. Ciò che definisce un tossicodipendente è l'impatto di quel tempo su tutte le altre parti della vita. Se mia figlia smette di venire a cena perché è troppo impegnata online, questo è un problema. Se mio figlio è così assorto in un videogioco che non sta facendo i suoi compiti scolastici, questo è un problema. Se il mio coniuge rimane alzato fino a tardi perché è online a fare qualsiasi cosa, allora questo è un problema. Se sono così impegnato con lo sport sul mio computer o facendo qualcosa di tecnologico che mi manca il pianoforte di mio figlio, questo è un problema.

Hai un problema con la tua tecnologia? Conoscete qualcuno che non può uscire di casa senza il proprio cellulare e tornare a casa da qualsiasi distanza per ottenerlo? La tua adolescente dorme con il suo cellulare accanto a lei e invia un SMS nel cuore della notte? Non è una dipendenza da Internet, ma siamo tutti, credo, dipendenti dalla nostra tecnologia che funziona 24/7. Cosa faresti se all'improvviso un importante impulso elettromagnetico spazzasse via Internet, la televisione e i telefoni cellulari? È certamente un passo avanti dal mio accesso wireless e dal mio letto elettrico, ma non è fuori dal regno della credibilità. La fantascienza può alla fine diventare un fatto scientifico.

Post scriptum:

Il giorno dopo aver scritto questa bozza ho ricevuto il seguente articolo tramite eCampusNews:

La tecnologia è diventata così intrecciata con le vite spesso frenetiche degli studenti universitari che la maggior parte di una nuova indagine sull'uso della tecnologia studentesca dice che sarebbero stati più abbattuti senza di essa. Eppure il sondaggio Associated Press-mtvU, pubblicato il 7 ottobre, ha anche scoperto che essere connessi perennemente ha un costo. Mentre il 57% degli studenti ha affermato che la vita senza computer e telefoni cellulari li renderebbe più stressati, un numero significativo del 25% ha affermato che sarebbe stato un sollievo. Una grande maggioranza si sente pressata per rispondere istantaneamente a messaggi di testo o vocali, la maggior parte si innervosisce se qualcuno non risponde immediatamente a un messaggio e quasi la metà si preoccupa che i messaggi che ricevono siano barzellette.

"Se non ci sei, sei disconnesso", ha detto Megan Earley, 20 anni, della Mount St. Mary's University di Emmitsburg, Maryland, sulla tecnologia studentesca. "Senti che è un'ancora di salvezza."

Solutions Collecting From Web of "Prendendo una pausa (virtuale): puoi sopravvivere senza la tua tecnologia per 24 ore? Ne dubito!"