Prendendo un Facebook Sabbatico

Pexels.com
Fonte: Pexels.com

Non è iniziato intenzionalmente come un esperimento di un anno con qualsiasi mezzo, perché se così fosse, potrei individuare la data esatta in cui ho disconnesso Facebook. Non sono mai stato l'utente di Facebook che oscillava tra "on" e "off" per stint. Descrivere me stesso come un utente piuttosto tipico. Suppongo che si possa dire che sono sempre stato orgoglioso di essere una "generazione originale di Facebook". Facebook è stata fondata nel 2004. Ho creato il mio account nel 2006, estendendosi oltre le originali scuole d'elite della costa orientale per le quali era destinato e alle università e università in tutto il paese. A quel tempo, madri e grandi zii non erano ammessi, né erano vicini casuali o estranei. Nessuna affiliazione universitaria, nessun accordo. Gli aggiornamenti di stato erano menu a discesa "Sono a una festa" e l'intero concetto non era il sovraccarico di stimolazione che è diventato una volta che l'ho lasciato. Non è questo il motivo per cui ho fatto un salto in nave.

Per essere onesti, sono andato su Facebook perché, come lo stato della relazione, mi sentivo semplicemente "complicato". Le linee tra amici, colleghi, familiari e conoscenti casuali erano confuse, ed ero stanco del gioco di tenere il passo con il Jones che stava accadendo nel mondo virtuale. Mi sentivo un po '"sopra" come si suol dire. Non mi importava davvero di chi stava facendo ristrutturare il bagno o si preoccupava degli utenti di Facebook che conoscevano ogni dettaglio della tua vita, anche se l'ultima volta che hai parlato con loro nel 2010.

Per me, Facebook parlava di amici del college e vecchi conoscenti, al passo con vecchi colleghi e professori che avrebbero lavorato ammirati e occasionalmente meme o aggiornamenti spiritosi. Per un po 'ho capito che era diventata anche la mia fonte di notizie, anche se molto prevenuta, dato che era ciò che i miei amici ritenevano degno di nota, ma comunque funzionava. In poche parole, Facebook ha perso il suo fascino. Quindi sono andato con l'intenzione di rimanere un po 'per alcuni mesi, che poi si è trasformato rapidamente in un anno. E poi, ben più di un anno. Lo psicologo in me non ha preso copiose note sul campo dell'esperimento nel mio caso di studio di n = 1. Ho comunque riflettuto su temi di ciò che osservavo su me stesso, le mie connessioni sociali e la vita senza Facebook. Qui di seguito sono le mie lezioni apprese.

1. La vita diventa molto più autentica quando non stai pensando agli aggiornamenti di stato. È incredibile, ma dopo un decennio di utilizzo di Facebook, il tuo pensiero inizia lentamente a deformarsi. Sta pensando "quale sarebbe la cosa più creativa che potrei dire / post / fare" invece di pensare "che cosa sono veramente io?" La vita sui social media è come la vita sugli steroidi di realtà televisiva. Ottenere simpatie, cuori, qualunque essa sia, è la forma più primitiva di condizionamento pavloviano. Più mi piace, più aumento il mio comportamento. E nei social media in cui tutti cercano di distinguersi, può diventare un impegno a tempo pieno per avere l'aggettivo più divertente, più glamour, più [inserire sopra la testa], postare nel regno sociale.

Una volta che inizi a vivere in maniera più autentica, non stai nemmeno scuotendo un milione di foto attentamente posizionate e modificate per mostrare il tuo meglio. Hai qualche foto per i ricordi, e poi puoi mettere il telefono giù e vivere la tua vita.

2. I social media non equivalgono alla connessione sociale. Le connessioni personali devono essere fatte e promosse. Come uno che ha fatto un bel salto in tutto il paese durante la scuola, ammetto che in quei momenti Facebook era la mia ancora di salvezza per il mondo esterno. Quando sei uno psicologo in formazione nel mondo del centro di consulenza universitaria, le tue opzioni sociali possono diventare seriamente limitate. A causa di potenziali conflitti di interesse (ad esempio il tuo nuovo amico risulta essere la ragazza di un cliente maschio che stai vedendo), la tua cerchia sociale diminuisce rapidamente, specialmente nelle piccole città. Inoltre, quando ti muovi ogni pochi anni, non sei in grado di stare abbastanza a lungo da mettere radici. Pertanto, i social media come Facebook possono diventare essenziali per mantenere le connessioni.

Ma una volta che inizi a stabilirti da qualche parte, Facebook può rapidamente diventare una stampella. Puoi lamentarti di tutte le amicizie e le connessioni perdute da lontano, glorificandole e non adattandoti alla realtà e alle nuove amicizie. Soprattutto quando maturiamo e non siamo più in un contesto universitario dove incontriamo nuovi individui ogni settimana, possiamo rapidamente colpire un solco e diventare stagnanti socialmente. Questo non vuol dire che dobbiamo coinvolgere i club tra i trentacinque e gli anni quaranta, solo che salutare i vicini e sintonizzarsi con le nostre comunità è fondamentale.

Nel mio anno senza Facebook, sono stato sorpreso di osservare che mi sentivo più solo. Ho dovuto provare più duramente a mantenere le connessioni perché per molti di noi, Facebook è la convenienza dell'amicizia. Possiamo guardare il nostro numero di amici e darci una pacca sulla spalla per i nostri 300 "amici". Ma quanti possiamo davvero chiamare nei momenti di bisogno? Nella nostra vita frenetica, possiamo accedere, recuperare e sentirci soddisfatti di essere in contatto con gli amici. Ma siamo veramente? Sono venuto a vedere che anche se mi sentivo più solo, il senso di connessione che avevo trattenuto attraverso i social media era alquanto sottile. Era una connessione superficiale che in realtà non reggeva molto peso. Mi ha costretto a dare un'occhiata a chi erano i miei veri amici e chi era realmente disposto a prendere il telefono e parlare.

3. Il passato può rimanere nel passato. Come terapeuta, sento spesso i miei clienti discutere di trigger nella loro giornata. Forse un amico ha detto qualcosa a loro, o semplicemente vedere un certo insegnante ha causato sentimenti di vergogna. Quando sei stato su Facebook per un po ', inizi a capire che le connessioni che hai raccolto lungo il percorso non sono diverse da un armadio che non ha avuto una buona pulizia di primavera. Alcuni articoli di abbigliamento devono semplicemente essere buttati fuori. Altri ti ricordano di quel tempo in cui indossavi quelle scarpe, inciampai sui tuoi piedi e ti spellasti il ​​ginocchio. Le amicizie e le connessioni sono molto simili. Forse abbiamo fatto amicizia con alcune persone quando facevano parte di un progetto di gruppo o di una lezione. Forse era quando non eravamo al nostro meglio. Vogliamo essere ricordati di quel periodo ogni volta che vediamo quella persona apparire sul nostro feed? Molti dei miei studenti universitari erano preoccupati ogni volta che c'era una rottura e non sapevano come comportarsi con un ex. De-amico e andare avanti, o de-amico e sembra che ti importava troppo. Questi sono i dilemmi generati da Facebook.

Ho conosciuto molti per iniziare completamente nuovi profili Facebook e questo è qualcosa che ho considerato molte volte. Ma questo porta a una nuova serie di problemi. Gestisci due account contemporaneamente? Hai il doppio del feed da passare? Farà del male ai sentimenti se manterrai il tuo profilo e farai dei de-friending di massa? Ancora una volta, "è complicato". Quando non c'è Facebook, non ci sono trigger del passato. Non viene contattato da vecchi amici o ex amici o complicazioni. Il passato è nel passato. E la vita può andare avanti.

4. Il tempo è di nuovo tuo amico. Raramente ho avuto la fortuna di essere uno di quegli individui che si sono persi nella distorsione temporale che è Facebook. Tutto sommato, ero abbastanza bravo a fissare un limite di tempo e ad attenermi ad esso. Ma è incredibile come liberarlo non abbia l'obbligo di tenere il passo con un feed. Dopotutto, è così che ti perdi le informazioni critiche, come chi sta avendo un bambino, chi si è trasferito, ha cambiato lavoro e così via. Ti permette semplicemente di controllare la tua email e lasciarla a quello. Per la prima volta in assoluto, mi sono ritrovato a sfogliare blog di stile, blog di cucina e una miriade di altri post trovati autonomamente da me. Ho identificato i pantaloni da viaggio più comodi, e lavoro pantaloni da yoga, leggo recensioni e in realtà ho trascorso del tempo su me stesso per un cambiamento. Quando non sei così concentrato su ciò che stanno facendo tutti intorno a te, hai davvero la possibilità di prendere un momento e basta.

5. Le preoccupazioni inutili svaniscono (soprattutto). Come la maggior parte delle persone, il mio cervello ha un modo di prendere il volo per non atterrare mai, o come direi io e se, e se terra. Facebook è eccellente per farci mettere in discussione le scelte di vita, le fasi e, francamente, che diamine stiamo facendo con le nostre vite. In molti modi, Facebook ci deruba della gioia del momento presente mentre ci addormentiamo in pensieri su come le nostre vite potrebbero sembrare diverse se vivessimo più come quelli le cui facce sorridenti abbiamo visto su Facebook. E se fossi diventato anche un avvocato? E se mi fossi risparmiato per una casa invece di quel viaggio in Europa? Forse dovrei pensare anche a sistemarmi. Confrontiamo le nostre vite con persone che semplicemente non sono noi, e come risultato finiscono per creare preoccupazioni preoccupate.

Pixabay.com
Fonte: Pixabay.com

La realtà è che la vita senza Facebook esiste certamente. Se aggiunge o toglie qualcosa alle nostre vite è una questione di prospettiva e preferenza. Mentre mi diverto a non dover tenere il passo con feed infiniti, sicuramente ci sono amici e vecchie conoscenze con cui mi manco tenere il passo. Mi piace sapere che i miei amici stanno bene. Sul rovescio della medaglia, se fossero veri amici non lo saprei già? Ci vorrebbe un'app social media per stabilire questo? Per essere sinceri, Facebook essenzialmente promuove l'aggirarsi e il ficcanaso. Qualunque cosa sia successa a così e così? È finito più o meno felice / di successo / attraente di me? Non ci piace ammetterlo a noi stessi, ma molte volte, questo è ciò che alla fine si riduce a.

Tuttavia, viviamo anche in tempi di isolamento crescente e Facebook in parte aiuta con questo. Nel suo libro Alone Together , Sherry Turkle descrive come l'avvento della tecnologia che ha lo scopo di rendere la vita più efficiente fa il contrario. Invece di creare tempo, ora ne abbiamo di meno. Perché siamo disponibili tutto il tempo. Con l'accesso costante a e-mail, testo e social media, siamo sempre "on" rispondendo a una cosa o un'altra. Il tutto stando seduti da soli aggrappati a un piccolo dispositivo, e scrutandoci dentro con le spalle curve quasi come se stessimo cercando di adattarci attraverso lo schermo di vetro nel mondo in cui la vita sta accadendo. Quando tutto intorno, sta accadendo tutto intorno a noi, passandoci accanto.

Quindi cosa prendere dal mio anno senza Facebook? Anche se ovviamente non ho mollato il morso per tornare indietro, gioco di tanto in tanto con l'idea. Ci sono organizzazioni di cui sono membro in cui mi piacerebbe interagire di più con colleghi e colleghi. Ma non voglio nemmeno occuparmi del casino di pulire il mio armadio di Facebook. Quindi il mio account è lì in background. Forse questa primavera succederà qualcosa di nuovo, ma solo il tempo lo dirà. Tutto quello che so per ora è che ho la pace di non essere assalito da un newsfeed e dai drammi associati ai social media. Mentre mi piacerebbe condividere questo articolo con gli amici e in passato li avrei pubblicati su Facebook, non so che lo farò. Almeno non ancora del tutto.

Per i tweet poco frequenti seguimi su Twitter su MillenialMedia, dove faccio finta di essere esperto di social media.

Solutions Collecting From Web of "Prendendo un Facebook Sabbatico"