Premendo il pulsante 'Reset' di ADHD

Recentemente ho parlato con diverse donne con ADHD su come gestiscono il loro trauma indotto da ADHD. Tutti hanno notato che avevano un forte bisogno, più volte al giorno, di staccarsi da quello che stavano facendo per "ricalibrare" o calmarsi. Il più giovane di loro uscì di casa più volte al giorno per eseguire una commissione. Così facendo: ascolta la musica in macchina (calma la mente dell'ADHD); preso una Diet Coke e fumato una sigaretta (entrambi hanno un impatto sulla chimica del cervello); ha buttato fuori qualcosa di piccolo dalla sua lista "da fare" (diminuita e sommersa) e si è messo all'aria aperta. La sua routine è un pacchetto straordinariamente pulito di strategie calmanti, tutte progettate inconsciamente per cambiare la chimica del suo cervello e fornire una maggiore concentrazione.

La seconda donna ha riferito che prima di farsi raddrizzare i farmaci, era solita svignarsela regolarmente per una sigaretta, che la "resettava" in modo da poter gestire meglio ciò che stava accadendo intorno a lei. Con i farmaci per il suo ADHD (che diminuiva il suo bisogno di automedicazione con sigarette e caffeina) riuscì a smettere di fumare, rendendo felice sia lei che suo marito.

La terza donna si alza semplicemente da qualunque cosa stia facendo (inclusa la cena di famiglia) per andare a fare una passeggiata, a volte sconcertando quelli intorno a lei. Si esercita costantemente e insegna lezioni di ginnastica. L'esercizio è stato più volte mostrato nella ricerca per migliorare l'attenzione per quelli con ADHD. Le consente di affrontare qualunque cosa le possa venire quando torna a casa.

Tutti "si azzerano" in qualche modo, penso. Dopo una dura giornata, metto i piedi in alto, leggo o faccio una passeggiata. La differenza è solo nell'immediatezza e nella frequenza del bisogno. Dove le donne con ADHD sentono il bisogno immediato di ricalibrare perché sono sopraffatte in quel momento, posso "aspettare" fino alla fine della giornata e ricalibrare in un momento a mia scelta.

Il problema che queste coppie stavano avendo era con l'interruzione del "flusso" della loro giornata, e il partner non-ADHD si sentiva abbandonato – come se contasse meno della commissione, della passeggiata o della sigaretta. Questo ha messo il partner ADHD in una posizione difficile – aveva bisogno di una pausa, ma sapeva che il suo partner disapprovava la sua partenza, aumentando così la sua ansia e provocando non sempre la riconnessione quando arrivò a casa 10 o 30 minuti dopo. Questa mancanza di connessione ha quindi rafforzato l'antipatia del suo partner per la sua abitudine.

Questo è un classico pattern "sintomo / risposta / risposta" e il modo per affrontarlo è rompere il modello con una migliore comprensione e comportamenti leggermente modificati. Ecco come:

  1. Riconoscere che questo "ripristino" di sé è necessario per il partner ADHD (il bisogno di farlo potrebbe essere diminuito con i farmaci). Nel complesso, la ricalibrazione dovrebbe consentire al partner di interagire meglio con il partner, pertanto dovrebbe essere considerato da entrambi come positivo per la relazione.
  2. Tuttavia, non è positivo quando provoca disconnessioni ripetute o forti sensazioni. Pertanto, il partner ADHD dovrebbe fare uno sforzo concertato per includere nella routine di ricalibrazione una sorta di soft start (come "Ho bisogno di uscire per 10 minuti ma tornerò presto") e riconnessione alla fine (forse un abbraccio, o offerta verbale per riconnettersi come "Sono tornato … cosa ti piacerebbe fare?")
  3. Il partner non ADHD dovrebbe trovare un modo per rendere l'uscita il meno stressante possibile. In una coppia, l'uomo aveva allestito il suo ufficio in modo da poter buttare via alcune cose mentre il suo compagno era fuori, distraendosi così dalla sua assenza e creando ulteriore tempo per stare con lei al suo ritorno.
  4. Infine, consiglierei di sperimentare per trovare più opzioni per le routine auto-calmanti. Ad esempio, alcuni adulti ADHD trovano utile avere una "stanza silenziosa" o un posto nella casa in cui possono ritirarsi quando hanno bisogno di ricalibrare. Ciò potrebbe includere una stanza degli attrezzi, un seminterrato o uno studio con una porta (e quando la porta è chiusa significa "non interrompere!"). Altri possono ricalibrare buttando giù alcune faccende domestiche, magari attraversando una stanza singola. L'attività è calmante.

Una moglie dell'ADHD ha notato che si sente "colpevole" prendersi la pausa a casa, e quindi ha avuto problemi a immaginare la creazione di uno spazio per la ritirata. La incoraggerei a celebrare il fatto che aveva escogitato un'efficace strategia di coping e semplicemente lavorato con il suo partner per assicurarsi che non avesse alcun impatto negativo sulla loro relazione. Con una migliore attenzione ai bisogni di ciascun partner in questa interazione (ricalibratura per uno e continuità per l'altro), entrambi possono sentirsi bene con questa routine.

Solutions Collecting From Web of "Premendo il pulsante 'Reset' di ADHD"