Preferenze per l'uguaglianza?

Le persone sono creature sociali. Questa è una affermazione che non sorprende nessuno, apparentemente banale nella stessa misura in cui è ampiamente riconosciuto (vale a dire, "molto"). Che molte persone riconoscano tale affermazione in astratto e facciano un cenno del capo quando ne sentono parlare, non significa che lo applicheranno sempre al loro pensiero in casi particolari, però. Iniziamo con un contesto in cui le persone applicheranno prontamente questa idea al loro modo di pensare al mondo: un video in cui coppie di amici guardano il porno insieme mentre vengono filmate da altri che hanno intenzione di mettere il video online per visione (al tempo di scrittura) circa 5.700.000 persone in tutto il mondo. Il video è progettato per ottenere reazioni della gente in una situazione imbarazzante, ma cosa si tratta esattamente di quella situazione che causa le reazioni imbarazzanti? Come molti di voi saranno senza dubbio d'accordo, sospetto che la risposta abbia a che fare con il suddetto punto che le persone sono creature sociali. Poiché siamo creature sociali, gli altri nel nostro ambiente saranno relativamente inclini (o poco inclini) dall'associarsi con noi, in particolare, tra le altre cose, alle nostre preferenze. Se alcune preferenze ci fanno sembrare un cattivo socio per gli altri – come, ad esempio, le nostre preferenze riguardo a quale tipo di pornografia ci desta, o il nostro interesse per la pornografia più in generale – potremmo cercare di nascondere quelle preferenze dal punto di vista pubblico. Poiché le persone stanno cercando di nascondere le loro preferenze, probabilmente osserveremo un diverso modello di reazioni a – e ricerche – la pornografia nel video collegato, rispetto a quello che potremmo aspettarci se quegli attori fossero nella comodità e nella privacy della propria casa.

Flickr/persand
O, in un pizzico, nella privacy di un negozio Apple o di una biblioteca pubblica
Fonte: Flickr / pers

Fondamentalmente, sarebbe sbagliato pensare che abbiamo un buon senso per le preferenze della pornografia di queste persone dalle loro abitudini di visualizzazione nel video, dal momento che il comportamento delle persone non corrisponde necessariamente ai loro desideri. Con questo in mente, possiamo rivolgerci a un comportamento umano piuttosto sociale: la punizione. Ora, la punizione potrebbe non essere il primo esempio di comportamento sociale che fa capolino nella testa delle persone quando pensano alle cose sociali, ma non sbagliare; la punizione è abbastanza sociale. Un sano livello di pettegolezzi umani si concentra su ciò che crediamo debba essere e non essere punito; un fatto che, con mio grande sgomento, sembra assorbire la maggior parte dei miei feed di social media a volte. Altri pettegolezzi riguardano ancora i dettagli di chi è stato punito, quanto sono stati puniti, perché sono stati puniti e, a volte, queste informazioni porteranno altre persone a unirsi alla punizione o a difendersi da qualcun altro. Da questa analisi, possiamo concludere alcune cose, tra le quali la principale è che, (a) una parte del nostro valore come associato ad altri (quello che chiamerei il nostro valore di associazione) sarà determinato dalla percezione delle nostre preferenze di punizione, e (b) la punizione può essere resa più o meno costosa, in base al grado di sostegno sociale che la nostra punizione riceve dagli altri.

Questa grande componente sociale della punizione significa che l'osservazione dei risultati delle decisioni di punizione delle persone non ti informa necessariamente sulle loro preferenze di punizione; a volte le persone potrebbero punire gli altri più o meno di quanto preferirebbero, se non fosse per queste variabili pubbliche a costituire un fattore. Con questo in mente, ho voluto rivedere due pezzi di ricerca per vedere cosa possiamo imparare sulle preferenze di punizione umana dal comportamento delle persone. Il primo pezzo afferma che i meccanismi di punizione umana si sono evoluti in una certa misura per cercare uguali risultati tra il punitore e il bersaglio della loro punizione. In breve, se qualcuno ti fa del male, vorresti punirlo solo nella misura in cui ti renderà di nuovo "pari". Occhio per occhio, come dice il proverbio; non un occhio per una testa. La seconda parte fa un'affermazione molto diversa: i meccanismi di punizione umana non sono progettati per essere equi, cercando invece di infliggere costi elevati agli altri che ti danneggiano, così da scoraggiare lo sfruttamento futuro. Sebbene entrambi questi documenti non valutino la punizione in un contesto sociale , penso che abbiano qualcosa da dirci comunque. Prima di arrivare a quel punto, iniziamo considerando la ricerca in questione.

Il primo di questi articoli è di Bone & Raihani (2015). Senza entrare troppo impantanato nei dettagli, i metodi generali del foglio vanno come segue: due giocatori entrano in gioco insieme. Il giocatore A inizia il gioco con $ 1,10 mentre il giocatore B inizia con un pagamento che va da $ 0,60 a $ 1,10. Al giocatore B viene quindi data la possibilità di "rubare" parte dei soldi del giocatore A per se stesso. La parte importante di questo furto è che lascerebbe il giocatore B (a) ancora peggio di A, (b) con un pagamento uguale a A, o (c) con un pagamento migliore di A. Dopo la fase di furto, giocatore A ha la possibilità di rispondere "punendo" il giocatore B. Questa punizione era efficiente – dove per ogni centesimo giocatore A speso, il giocatore B avrebbe perso tre – o inefficiente – dove per ogni centesimo giocatore A speso, il giocatore B avrebbe perso solo uno . I risultati di questo studio hanno rivelato i seguenti risultati di interesse: in primo luogo, il giocatore As che è stato rubato tende a punire il giocatore Bs in più, rispetto a quando gli As non sono stati rubati. Secondo, giocatore Come chi aveva accesso all'opzione di punizione più efficiente tendeva a spendere di più per la punizione rispetto a chi aveva accesso all'opzione meno efficiente. Terzo, il giocatore Come chi ha avuto accesso all'opzione di punizione efficiente ha punito anche il giocatore Bs più nei casi in cui B è finito meglio di loro. Infine, quando i partecipanti a quel primo caso stavano punendo il giocatore Bs, l'ammontare più comune di punizione che avevano emanato era l'importo che avrebbe lasciato entrambi i giocatori A e B con lo stesso pagamento. Da questi risultati, Bone & Raihani (2015) concludono che:

Sebbene molti dei nostri risultati sostengano l'idea che la punizione fosse motivata principalmente dal desiderio di vendetta, riportiamo due risultati che supportano l'ipotesi che la punizione sia motivata da un desiderio di uguaglianza (con una funzione associata di livellamento della forma fisica …)

In altre parole, gli autori ritengono di aver osservato l'output di due preferenze distinte: una per punire chi ti fa del male (vendetta) e una per creare l'uguaglianza (livellamento della forma fisica). Ma le persone erano davvero preoccupate di "essere pari" con il loro agente di danno? Prendo atto di tale affermazione e non credo che possiamo trarne conclusioni dai dati.

adleap.com
Stiamo lavorando per prevenire lo sfruttamento; non costruire una cornice.
Fonte: adleap.com

Per capire perché sono contraria a tale affermazione, voglio prendere in considerazione un precedente articolo di Houser & Xiao (2010). Questo studio comporta una configurazione leggermente diversa. Ancora una volta, due giocatori sono coinvolti in una partita: il giocatore A inizia il gioco ricevendo $ 8. Il giocatore A potrebbe quindi trasferire una certa quantità di quel denaro (o $ 0, $ 2, $ 4, $ 6 o $ 8) al giocatore B, e quindi mantenere ciò che rimaneva per sé (esisteva un'altra condizione in cui l'importo del trasferimento era determinato casualmente). A seguito di tale trasferimento, entrambi i giocatori hanno ricevuto $ 2. Alla fine, al giocatore B è stata assegnata la seguente opzione: pagare $ 1 per l'opzione di ridurre il pagamento del giocatore A in base a quanto desiderava. I risultati hanno mostrato il seguente schema: primo, quando le allocazioni erano casuali , il giocatore B raramente punito (meno del 20%) e, quando punivano, tendeva a punire l'altro giocatore indipendentemente dalla disuguaglianza. Ovvero, erano altrettanto probabili dedurre del tutto, a prescindere dalla differenza monetaria, e l'importo che deducevano non sembrava finalizzato al raggiungimento dell'uguaglianza. Al contrario, dei giocatori che hanno ricevuto intenzionalmente $ 0 o $ 2, il 54% ha optato per punire il giocatore A e, quando hanno punito, è molto probabile che abbia detratto così tanto dal giocatore A che è finito meglio di lui (il risultato ottenuto tra il 66-73% delle volte). Quando gli è stato regalato liberamente l'importo di punizione desiderato, allora i punitori non sembravano cercare l'uguaglianza come risultato . Questo risultato, concludono gli autori, è incoerente con l'idea che le persone siano motivate a raggiungere l'uguaglianza in sé.

Ciò che entrambi questi studi fanno, quindi, è variare il costo della punizione. Nella prima, la punizione è inefficiente (rapporto 1 a 1) o abbastanza efficiente (rapporto 3 a 1); nel secondo, la punizione non è limitata nella sua efficienza (rapporto X-a-1). In tutti i casi, dal momento che la punizione diventa più efficiente e meno costosa, osserviamo le persone coinvolte in più di esso. Quello che apprendiamo sulle preferenze della gente per la punizione, quindi, è che sembrano essere basate, in qualche parte, su quanto costose siano le punizioni da mettere in atto. Con questi risultati, posso ora passare alla questione di ciò che ci dicono sulla punizione in un contesto sociale. Come ho detto prima, i costi di una punizione coinvolgente possono essere aumentati o ridotti nella misura in cui altre persone si uniscono alle tue dispute. Se il tuo corso di punizione è ampiamente supportato da altri, questo significa che è più facile metterlo in atto; se la tua punizione è avversata da altri, non solo è più costoso da mettere in atto, ma potresti essere punito per aver commesso una punizione eccessiva. Questa idea è abbastanza facile da avvolgere la mente: rubare un pezzo di caramelle da un negozio all'angolo di solito non garantisce la pena di morte, e la gente probabilmente si opporrà (o attaccherà) al proprietario del negozio o ad un'agenzia governativa se tentano di tramandare una punizione così draconiana per il reato.

Ora molti di voi potrebbero pensare che terze parti non fossero presenti negli studi che ho menzionato, quindi non avrebbe senso che le persone pensassero a come queste terze parti inesistenti potrebbero sentirsi riguardo alle loro decisioni di punizione. Una simile intuizione, credo, sarebbe un errore. Questo mi riporta brevemente alla questione della pornografia. Come ho già scritto in precedenza, le menti delle persone tendono a generare eccitazione fisiologica alla pornografia, nonostante non ci sia un motivo adattativo attuale per quell'eccitazione. Invece, le nostre menti – o, più precisamente, i moduli cognitivi specifici – assistono a particolari segnali prossimali quando generano l'eccitazione che storicamente è correlata con le opportunità di aumentare la nostra idoneità genetica. Negli ambienti moderni, in cui il collegamento tra il vantaggio di cue e fitness viene interrotto dai media digitali che forniscono segnali simili, il risultato in output disadattivi: le persone vengono eccitate da un'immagine, il che rende il senso tanto adattivo quanto suscitato dalla propria sedia.

La stessa logica può probabilmente essere applicata anche alla punizione, credo: i moduli cognitivi nella nostra mente responsabili delle decisioni di punizione si sono evoluti in un mondo di punizione sociale. Non solo le tue decisioni di punizione diventeranno note agli altri, ma quelle potrebbero unirsi al conflitto dalla tua parte o opporsi a te. In quanto tali, i segnali prossimali che storicamente correlano con il grado di supporto di terze parti sono probabilmente ancora utilizzati dai nostri cervelli in questi contesti sperimentali moderni in cui quel collegamento viene intenzionalmente interrotto e le interazioni sono anonime e diadiche. Ciò che è probabilmente osservato in questi studi, quindi, non è un'avversione alla disuguaglianza tanto quanto un'avversione ai costi della punizione o, più specificamente, i costi sociali e personali stimati di impegnarsi in una punizione in un mondo in cui altre persone esistono .

Flickr/BlPlN
"Siamo qui per le nostre preoccupazioni con la tua dura punizione ultimamente"
Fonte: Flickr / BlPlN

Quando la punizione è piuttosto economica da decifrare per l'individuo in questione – come in Houser & Xiao (2010) – il fattore sociale probabilmente gioca un ruolo minore nel determinare la quantità di punizione emanata. Puoi pensare a quella condizione in cui un re sta punendo un soggetto che gli ha rubato: mentre il re è ancora sensibile ai costi sociali della punizione (punisci troppo duramente e la plebaglia insorge e ti schiaccia … probabilmente), è libero di punire qualcuno che gli ha fatto torto in misura molto maggiore rispetto al tuo contadino medio per strada. Al contrario, in Bone & Raihani (2015), il punitore è sostanzialmente meno potente e, di conseguenza, più interessato ai fattori di sostegno sociale (stimati). Puoi pensare a quelle condizioni come quelle in cui un cavaliere o un contadino sta cercando di punire un altro contadino. Ciò potrebbe portare a punizioni per la ricerca di ineguaglianza nel precedente studio e nella punizione per la ricerca di uguaglianza nel secondo caso, poiché i diversi gruppi richiedono diversi livelli di sostegno sociale, e quindi ridimensionano le loro punizioni di conseguenza. Ora, il motivo per cui le terze parti potrebbero essere interessate alla disuguaglianza tra i disputati è una questione completamente diversa, ma il riconoscimento dell'esistenza di tale fattore è importante per capire perché la disuguaglianza sia importante per le seconde parti.

Riferimenti: Bone, J. & Raihani, N. (2015). La punizione umana è motivata sia dal desiderio di vendetta che dal desiderio di uguaglianza. Evoluzione e comportamento umano, 36 , 323-330.

Houser, D., & Xiao, E. (2010). Punizione ineguaglianza. Economics Letters, 109 , 20-23.

Solutions Collecting From Web of "Preferenze per l'uguaglianza?"