Pre-Tween Silent Scream: guardare il calo di autostima di tua figlia

È una guerra alle nostre figlie.

Sapevo che stava arrivando. Sapevo che sarebbe successo. Mi hanno detto tutto. Diavolo, è successo a me. In qualche modo non ho mai pensato che sarebbe successo alla mia ragazza, la mia figlia fiduciosa, rumorosa, intensa, che non voleva essere messa a tacere. Ballava sui tavoli, cantava nei ristoranti, gettava la testa all'indietro quando rideva, indossava basette in sequenza, tutù con calzini da passeggio come guanti, accessoriata con una benda sull'occhio. In primo grado. Immaginavo che mio figlio sarebbe saltato proprio sopra la "scatola delle ragazze", quel massacro culturale che annienta, stempiling, auto-stima-annichilendo che si verifica con sorprendente prevedibilità per la maggior parte delle ragazze che fissano il barile della pubertà.

Non c'era modo che ciò accadesse alla mia ragazza. Pensavo di averla vaccinata, inoculata, con la sola forza della mia stessa volontà e buone intenzioni. (Certo, sappiamo tutti dove porta la strada delle buone intenzioni, no?)

E poi ha iniziato a succedere. Con una vendetta.

Mia figlia è sempre stata avanzata. La sua voce incredibilmente docile e straziante nella "ragazza" non fa eccezione. Lei ha solo 8 anni.

Nel caso in cui qualcuno là fuori non capisca che il grasso è davvero il più femminista dei problemi, il primo segno della sua autostima è stata quella domanda bruciante: sono grasso?

Il secondo round è arrivato sotto forma di ferite sociali inflitte (intenzionalmente e furtivamente) da altre ragazze, ferite ricorrenti che si sono rifiutate di guarire. La brutalità di BFF è andata storta. Poi si parlava di una gerarchia sociale dove una volta c'era un parco giochi. Ci sono quelli che sono "popolari" e quelli che non lo sono. Nonostante le eccellenti relazioni di insegnanti, amici e chiunque altro, ora dubita del suo stato di gioco. Era solita lanciarsi in giro per le sbarre, ancora e ancora, volando senza paura all'infinito. Ora, se qualcuno dice qualcosa di inospitale, lei fugge.

Ci sono preoccupazioni Così tante preoccupazioni. Preoccupazioni e ferite e affronti personali e mantelli e pugnali dove c'erano altalene e scivoli. Chi si siede con chi a pranzo ora merita un'analisi tipo Kremlin. C'è una lettura senza fine di foglie di tè amicizia. Sono stato invitato al suo compleanno, ma non mi ha mai chiesto un playdate. Ah, la roulette del playdate. Chi sta andando a casa con chi è la fonte della speculazione implacabile e del dolore profondo.

I problemi di classe sono scoppiati. Chi ha una "villa", l'ultima tecnologia, un trampolino, il suo bagno … Tutte le strade portano a chi non lo fa. La mia bella ragazza. Ora, piuttosto all'improvviso, lei non è abbastanza. La sua vita non è abbastanza. Il suo valore personale, il nostro patrimonio netto, è tutto in questione, non abbastanza.

In terza elementare, si fa prendere dal panico in classe per il lavoro. È una vibrante lettrice che ha appena raccontato a un insegnante che non sa leggere davvero. (Ogni singolo libro di Judy Blume che abbia mai letto, a quanto pare, apparentemente.) Lei pensa in numeri, età, proiezioni, schemi, ma dice che è "orribile in matematica." E così via.

Come è successo?

Guarda, sapevo che eravamo in piedi nell'abisso. In qualche modo pensavo fossimo completamente protetti. Ne parliamo tutto il tempo. Pensa a corpi sani o atletici, non grassi o magri. Sono stato ipercontrollato e fiducioso nella mia stessa pelle. Sono stato estremamente disciplinato nel rimanere fuori dalla sua relazione con il cibo. Non ho mai avuto una volta, non una volta MAI ho detto una cosa poco gentile su di me di fronte a lei, e ho evitato accuratamente elogi vuoti o concentrarmi sul suo sé esterno (sebbene sia davvero intelligente, talentuosa, atletica, saggia, perspicace, benvoluta, e molto bello.)

Ha un padre amorevole e eccellente. Il loro legame è stabile, forte, affidabile e profondo. Tutta la ricerca dice che è la chiave!

E ancora. E ancora. Questo.

Eravamo in piedi insieme, nel precipizio. Pensavo che fossimo una squadra, tenendoci per mano, respingendo i demoni del disprezzo di me stesso culturalmente imposto, quando prima che potessi radunare la mia intelligenza su di me, lei saltò. Si è appena trasferita, senza di me. Tutto da solo.

È come nel Catcher in the Rye. Immagino milioni di ragazze di 8, 9, 10 e 12 anni, tutte precedentemente forti, coraggiose e libere, che ansimano per aria, saltando giù da questa scogliera. Le mamme sono tutte lì, ai margini, urlando, piangendo, alcune saltandole dietro, alcune cadendo in ginocchio. Cosa abbiamo fatto?

Cosa possiamo fare? Terapia? Dai un'occhiata. Messaggi positivi nel curriculum scolastico? Dai un'occhiata. Evitare la maggior parte della televisione commerciale? Dai un'occhiata. Modellazione materna di buona autostima e immagine del corpo sana? Dai un'occhiata. Intorno a lei con modelli di ruolo positivi? Dai un'occhiata. Un sacco di attività atletiche sane? Dai un'occhiata. Discussioni preventive supportate da libri ben studiati, film, riviste femminili? Dai un'occhiata. Controlla e controlla.

È solo inevitabile? C'è qualche forza magnetica generata geneticamente che tira ragazze americane portate incessantemente verso l'abisso?

Secondo Carol Gilligan e Lyn Mikel Brown, in "Incontro all'incrocio: lo sviluppo delle psicologie e delle ragazze delle donne", sembra necessariamente così.

"Per oltre un secolo il limite dell'adolescenza è stato identificato come un momento di maggiore rischio psicologico per le ragazze. Le ragazze in questo momento sono state osservate per perdere la loro vitalità, la loro resistenza, la loro immunità alla depressione, il loro senso di se stessi e il loro carattere ", hanno scritto, nel loro libro del 1992 rivoluzionario.
Il sito web della Harvard University Press descrive la ricerca in questo modo:
"Sulla via della femminilità, cosa rinunciare a una ragazza? Per cinque anni, Lyn Mikel Brown e Carol Gilligan, ponendo questa domanda, ascoltarono cento ragazze che stavano negoziando il terreno accidentato dell'adolescenza. Questo libro ci invita anche ad ascoltare e a sentire le voci di queste ragazze ciò che viene raramente pronunciato, spesso ignorato e generalmente frainteso: come il passaggio dall'adolescenza è un viaggio nel silenzio, nella disconnessione e nella dissimulazione, un travagliato travaglio che la nostra cultura ha trama di vicoli ciechi e deviazioni ".

Pubblicherò alcune risorse che ho trovato utili nel mio prossimo post – e spero di ricevere suggerimenti da tutti voi guerrieri là fuori, combattendo l'autostima della guerra per le nostre figlie.

Solutions Collecting From Web of "Pre-Tween Silent Scream: guardare il calo di autostima di tua figlia"