Praticare i dardi nei sogni lucidi migliora le prestazioni

Molti atleti o musicisti affermano di migliorare le loro prestazioni provando mentalmente, e spesso si cita che la visualizzazione sveglia può avere un impatto positivo sulle prestazioni. Gli autori dello studio attuale suggeriscono che praticare in un sogno lucido dovrebbe avere lo stesso effetto. In realtà, un sogno lucido potrebbe essere ancora più utile per la pratica motoria, dal momento che il sognatore può sentire fisicamente il proprio corpo, e il sogno è molto più vivido e realistico del semplice tentativo di immaginare qualcosa mentre è sveglio.

In questo studio, i partecipanti sono stati invitati al laboratorio del sonno per testare le loro prestazioni su un compito di freccette prima e dopo il sonno. C'erano tre gruppi, un gruppo doveva praticare in un sogno lucido, un gruppo praticato nella vita di veglia e un gruppo non praticava. Per il compito di freccette, i partecipanti hanno avuto prima un warm up di 9, e poi hanno dovuto eseguire 21 tiri in gruppi di tre con la loro mano non dominante. La loro performance è stata confrontata alle 9:30 del mattino verso le 9:30 del mattino.

Per indurre un sogno lucido, i partecipanti venivano svegliati al mattino presto e tenuti svegli per 30 minuti, durante i quali riportavano l'ultimo sogno che ricordavano e riflettevano su qualsiasi segnale che potesse averli indizi nel fatto che stavano sognando. Dopo 30 minuti sono tornati a dormire con la speranza di raggiungere la lucidità. Una volta lucidati, avrebbero dovuto dare un segnale visivo, guardando a destra e sinistra con gli occhi (questo è registrato dagli elettrodi sugli occhi), e poi si sarebbero esercitati a lanciare le freccette.

Su 15 soggetti del sogno lucido iniziale, nove hanno avuto successo un sogno lucido che è stato verificato da segnali visivi, e tutti e nove sono riusciti a eseguire il compito di freccette. Ci sono state variazioni nel modo in cui hanno raggiunto questo compito, ad esempio, un partecipante ha lanciato un bersaglio che sembrava un ceppo d'albero, ma tutti e nove avevano un tabellone e qualcosa di simile a un dardo da lanciare. Al risveglio, hanno riferito quanti tiri di dardo erano in grado di praticare nel sogno (tre ne hanno avuti almeno 30) e gli sperimentatori hanno usato questo numero per istruire il gruppo di pratica fisica. Per esempio, se un soggetto lucido ha avuto un sogno lucido alle 7:30 del mattino durante il quale ha lanciato con successo una freccia 25 volte, poi un partecipante alla pratica fisica si svegliava alle 7:30 e praticava fisicamente 25 tiri. Alla fine, un gruppo di non praticanti ha semplicemente dormito in laboratorio.

Inizialmente, confrontando le prestazioni di questi tre gruppi, nessuno di loro migliorava significativamente nel lancio di dardi dopo il sonno. Tuttavia, il gruppo di pratica dei sogni lucidi ha mostrato molte variazioni nel miglioramento.

Quando gli sperimentatori esaminarono le relazioni dei sogni più da vicino, si resero conto che alcuni partecipanti avevano molto più successo nell'esercitarsi nei loro sogni lucidi, mentre altri avevano difficoltà e affrontato molte distrazioni. Ad esempio, un partecipante stava usando uno specchio come bersaglio, ma non era soddisfatto e ha tentato di cambiare il bersaglio in un oggetto più adatto; un altro partecipante inizialmente aveva una penna come dardo, ma allo stesso modo si è distratto cambiandolo in un dardo appropriato. In altri sogni, l'ambiente stesso era fuori controllo e i partecipanti dovevano adattarsi; in un sogno il bersaglio è stato proiettato sulla testa di una donna, cosa che si può immaginare potrebbe essere piuttosto fastidiosa, anche se la donna non sembrava essere disturbata. Per un altro partecipante, dopo un paio di tiri c'erano alcuni personaggi nel sogno che volevano che lei pagasse i soldi per ottenere più tiri. Una brutta bambola in un altro sogno continuava a voler giocare e prendeva le frecce dal sognatore.

Dopo aver contato il numero di distrazioni in ogni sogno lucido, gli sperimentatori hanno scoperto che in media c'erano 4.1 ± 2.9 distrazioni nei sogni lucidi. Confrontando le prestazioni di quei soggetti con pochi (4 soggetti con 1.3 ± 0.5 distrazioni) contro molte distrazioni (5 soggetti con 6.4 ± 1.1), gli autori hanno scoperto che il gruppo di pratica dei sogni lucidi con poche distrazioni migliorava significativamente nel compito delle freccette, del 18 percento. Inoltre, una correlazione mostrava che più le distrazioni erano presenti, minore era il miglioramento del compito di freccette (r = -742, P = .022). Così, alla fine, solo i soggetti lucidi di sogno senza distrazioni migliorarono il compito, mentre il gruppo dei sogni lucido con molte distrazioni non lo fece, né il gruppo di pratica fisica oi controlli.

Mentre preliminare, questo studio suggerisce che svolgere compiti motori nei sogni lucidi può aiutare a migliorare le prestazioni, cioè se il sognatore lucido ha poche distrazioni e può concentrarsi sul compito. I risultati sono del tutto simili a quelli di uno studio precedente sui sogni non lucidi, i quali hanno scoperto che coloro che sognavano un compito di labirinto erano migliorati più di altri dopo il sonno. Tuttavia, lo studio è limitato dal fatto che la dimensione del campione è piuttosto piccola, e alla fine solo quattro partecipanti hanno davvero avuto successo nella pratica dei sogni lucidi.

Solutions Collecting From Web of "Praticare i dardi nei sogni lucidi migliora le prestazioni"