Pragmatismo nella diagnosi psichiatrica

Il dott. Nassir Ghaemi ha scritto un post sul blog per sfidarmi a difendere il pragmatismo nella diagnosi psichiatrica e affermando che i problemi del DSM 5 sono equivalenti e radicati in quelli del DSM IV.

Qui fa parte della sfida del dott. Ghaemi: "Un membro della task force del DSM-IV mi ha detto che il leader del DSM-IV … ha detto che oltre alla loro valutazione scientifica del materiale, dovrebbero tenere a mente tre principi fondamentali:

1. Per non apportare modifiche a meno che le prove scientifiche fossero estremamente forti (es., Il conservatorismo del DSM).

2. Per non apportare modifiche che porterebbero a cambiamenti radicali nel documento (il conservatorismo del DSM di nuovo), e

3. Non apportare modifiche che potrebbero danneggiare il rimborso assicurativo ai medici (economia).

Forse l'ex leader del DSM-IV può confermare pubblicamente se queste fossero le sue istruzioni. "

Il dott. Ghaemi ha completamente le mie prime due istruzioni per la DSM IV Task Force. Nessun cambiamento nel sistema diagnostico dovrebbe mai essere fatto a meno che non sia supportato da una scienza forte e controllato per i suoi possibili rischi, nonché i suoi benefici sperati.

La sua presunta terza istruzione è imprecisa. Quando iniziammo a lavorare su DSM IV nel 1987, esposi la seguente gerarchia: lo scopo clinico del DSM IV venne prima ed era fondamentale; seguito, a distanza considerevole, dai suoi usi nella ricerca, nell'educazione, nella medicina legale; e poi, molto più indietro, che non dovremmo essere stupidi circa l'impatto di DSM sulle decisioni amministrative (disabilità, benefici VA, rimborso assicurativo, servizi scolastici, ecc.), ma che questi erano difficili da prevedere e non sarebbero determinanti.

Dr Ghaemi ignora i due motivi per cui la pragmatica deve necessariamente svolgere un ruolo importante nel prendere decisioni sul DSM:

• La scienza è sempre incompleta e mai chiara. I dati non salgono, ti afferrano per la gola e ti dicono cosa fare. La scienza è sempre soggetta a diverse interpretazioni.

• Il DSM è diventato troppo importante nella vita delle persone per ignorarne l'impatto pratico. Cambiamenti apparentemente piccoli possono causare l'etichettatura errata di milioni di "pazienti" che vengono poi sottoposti a trattamenti non necessari e spesso dannosi, a stigmi e costi.

Prosegue il dott. Ghaemi: "Ciò significa formulare giudizi pratici su ciò che è meglio per la professione psichiatrica, prima di tutto, e poi per ragioni sociali, economiche o di altro tipo. Dovremmo cambiare i criteri, ha detto esplicitamente il mio collega, in modo che i medici debbano essere indotti a usare più o meno alcuni farmaci (come antipsicotici, meno, contro antidepressivi, più) sulla base delle credenze della leadership delle task force del DSM riguardo al rischi e benefici di tali farmaci ".

Il dottor Ghaemi ha sbagliato di nuovo. I giudizi pratici non devono basarsi su ciò che è meglio per la psichiatria, piuttosto si basano su ciò che è probabilmente il migliore per i potenziali pazienti e per la salute pubblica. E sì, non dovremmo introdurre nuove diagnosi scarsamente collaudate e eccessivamente inclusive (o ridurre le soglie per quelle esistenti) quando ciò darà un'apertura al marketing ingannevole e aggressivo delle compagnie farmaceutiche che ha già un americano su cinque che prende uno psicotropismo spesso non necessario droga.

Il nostro paese ha un problema pratico molto reale a cui il dott. Ghaemi sembra ignaro. Attualmente stiamo superando la diagnosi e il trattamento di molte persone che starebbero meglio da sole e trascurando vergognosamente i veri malati che hanno disperatamente bisogno e possono trarre beneficio dal nostro aiuto. Il DSM IV ha provato (con un successo solo parziale) a arginare la marea. Il DSM 5 ha aperto le porte a molti più errori di etichettatura e al marketing ingannevole dell'azienda farmaceutica.

Il dott. Ghaemi in qualche modo non riesce a capire le differenze abbastanza ovvie negli obiettivi, nei metodi e nei valori di DSM iV e DSM 5. I loro obiettivi diametralmente opposti: il DSM IV per essere sicuri; DSM 5 per essere innovativo. I loro metodi opposti: il DSM IV era noiosamente meticoloso; DSM 5 è stato disordinatamente disorganizzato. I loro valori: il DSM IV ha abbracciato il pragmatismo; Il DSM 5 lo ha esplicitamente rinunciato, facendo valere la falsa affermazione secondo cui le decisioni erano basate sulla scienza.

Quando abbiamo completato DSM IV, ho sentito di aver fatto un lavoro attento e buono. Ma non siamo riusciti a prevedere o prevenire successivi enormi aumenti nella diagnosi di ADD, autismo e disturbo bipolare degli adulti. DSM 5 è stato ignaro del suo impatto pratico e dei rischi pratici di conseguenze indesiderate dannose.

Se mai, il nostro sistema diagnostico ha bisogno di rimpicciolirsi – invece il DSM 5 sta espandendo spericolatamente la definizione di disturbo mentale e lo fa. I seguenti problemi del DSM 5 sono dovuti alla sua mancanza di pragmatismo, non a presunti eccessi. DSM-5-è-guida-non-bible suoi-ten-peggiore-cambiamenti-ignore-

Solutions Collecting From Web of "Pragmatismo nella diagnosi psichiatrica"