PowerPoint: una maledizione della comunicazione?

Faccio un sacco di parlare in pubblico e, come molti oratori, uso diapositive PowerPoint e voglio che il pubblico ricordi ciò che dico di quelle diapositive. Io, come probabilmente la maggior parte dei lettori, sono stato nel pubblico in cui gli oratori si affidavano a PowerPoint, e come ascoltatori scopriamo spesso che non ricordiamo molto di ciò che è stato mostrato.

Le presentazioni di diapositive sono onnipresenti, nell'istruzione, nel governo e nell'industria. Il loro uso improprio è stato accusato di molti dei problemi dell'educazione e di alcune cattive politiche e decisioni nel governo (briefing sulla sicurezza) e militari (decisioni di guerra in Iraq). I critici si sono lamentati del fatto che i punti di forza tendono ad essere implacabilmente sequenziali e annidati, riflettono il pensiero acuto, presentano un tono piuttosto che un ragionamento incoraggiante e hanno più stile che sostanza (http://www.edwardtufte.com).

Uno studio recente ha testato la domanda su come PowerPoint influenzi il richiamo delle informazioni presentate. Questa domanda è stata motivata da numerosi studi citati dagli autori che mostrano che, nelle impostazioni scolastiche, PowerPoint interferisce effettivamente con l'apprendimento. Come tentativo di replica parziale, questo ultimo studio ha valutato il ricordo in un ambiente non scolastico, vale a dire i sermoni religiosi.

I soggetti erano membri regolari di una chiesa che frequentava sermoni regolari basati su PowerPoint nella loro chiesa. La loro età media era di 54 anni ed erano stati membri di quella chiesa in media per 16 anni. I membri hanno ascoltato i sermoni in diverse condizioni PowerPoint e sono stati testati per essere richiamati da un sondaggio on-line a scelta multipla quattro giorni dopo ogni sermone. Ogni sondaggio aveva 12 domande che riguardavano il contenuto, i concetti e i punti generali del sermone.

La prima ipotesi testata era che la memoria del contenuto del sermone sarebbe stata migliore quando le diapositive del predicatore includevano immagini oltre alle parole che solo con le immagini o solo con le parole. Un po 'più di concetti sono stati ricordati da diapositive che avevano parole e immagini rispetto a diapositive che avevano solo immagini. Altrimenti, non c'erano differenze.

La seconda ipotesi testata era che PowerPoint con la grafica non sarebbe stato ricordato più efficacemente dei sermoni che non utilizzavano PowerPoint. I risultati hanno indicato che non importava molto per ricordare se le diapositive avevano solo parole, solo foto o entrambe. Ancora più importante, non è stata rilevata alcuna differenza tra il richiamo dei sermoni in cui sono stati utilizzati i vetrini e dove non sono state utilizzate le diapositive.

Non sono stati forniti dettagli su quanto fossero verbose le diapositive (le parole chiave sono migliori di frasi e frasi lunghe) né su quanto efficacemente la grafica abbia rafforzato le idee (avrebbero potuto essere una distrazione).

Sono d'accordo con la conclusione degli autori che "PowerPoint ha il vantaggio di strutturare e sequenziare le idee in una presentazione ma che" non può superare la necessità di chiarezza di pensiero, concentrazione retorica e capacità di comunicazione efficaci ".

Perché è difficile ricordare il contenuto nelle presentazioni di PowerPoint? Gli autori non hanno approfondito le ragioni dell'inefficacia di PowerPoint. Alcuni dei problemi nel loro studio potrebbero essere unici per un ambiente di servizio di culto. Ma lasciatemi suggerire alcune possibilità che potrebbero esistere in qualsiasi ambiente di presentazione. Esistono molte possibilità, ma ovviamente variano con chi parla e come vengono costruite e utilizzate le diapositive.

Nella prima categoria di problemi, possiamo citare le diapositive stesse:

Diapositive scadenti. Troppi diffusori mettono troppo materiale su una diapositiva, usano troppe parole su ogni diapositiva e hanno diapositive che sono noiose o distrattive da guardare.
Troppe diapositive. Molti PowerPoints sono una discarica di informazioni, che travolge il pubblico con troppi fatti e idee. Per terminare la presentazione in tempo, l'oratore può correre attraverso le diapositive, aggravando il problema di sovraccarico cognitivo.
Scarso uso della grafica. Le diapositive possono mancare di grafica tutte insieme o hanno una grafica che distrae perché non rafforzano le idee trasmesse sulla diapositiva.

Nella seconda categoria di problemi, possiamo citare come l'oratore utilizza le diapositive:

Leggendo le diapositive. La comunicazione dovrebbe provenire da chi parla, cosa che non accade quando l'oratore sta leggendo del testo su diapositive che il pubblico sta già leggendo (e probabilmente finisce molto prima che l'oratore termini).
Mancata interazione con il pubblico. Il pubblico è passivo per natura. La memoria ottimale richiede un impegno attivo. Le diapositive non stimolano l'impegno nel modo in cui i diffusori possono e devono. Le lezioni in PowerPoint sono orientate agli oratori, mentre l'apprendimento e il ricordo efficaci richiedono il contenuto e l'orientamento del pubblico.

Ho riconosciuto questi problemi molto tempo fa dall'osservare i professori e nel mio collegio lezioni di esperienze. Questo mi ha portato a pubblicare un articolo su come rendere le presentazioni di PowerPoint più memorabili. Anche quando ben fatto, ci sono dei limiti a ciò che può essere ottenuto con le diapositive.

L'insegnamento in Power Point può intrappolare gli insegnanti in cattivi insegnamenti. Il problema di base è che tali presentazioni promuovono l'ascolto passivo, piuttosto che l'impegno attivo dello studente. Oltre all'effetto ipnotizzante di PowerPoints, gli insegnanti spesso cercano di compensare distribuendo volantini della presentazione. I relatori dovrebbero comunicare in anticipo agli studenti che le dispense non saranno distribuite (tranne forse per alcune diapositive complesse o uniche). Anche in questo caso, i dettagli dovrebbero essere mantenuti al minimo sulle diapositive stesse (utilizzare il pannello delle note in Power Point). Gli studenti dovrebbero prendere appunti e essere indirizzati a materiale supplementare in articoli pubblicati, siti Web e altre fonti di contenuti.

Le presentazioni dovrebbero coinvolgere e motivare. Troppo spesso, in realtà competono con l'apprendimento. Le diapositive dovrebbero fornire animazioni e grafica utili. Ma le presentazioni potrebbero non essere il modo migliore per diffondere le informazioni di base. Le informazioni di base vengono trasmesse al meglio in modi in cui il pubblico, non un presentatore o un insegnante, può controllare il ritmo. Questo è il motivo per cui libri, riviste, video e il Web sono preferibili per la diffusione di informazioni.

Una tipica presentazione didattica presenta una lunga serie di diapositive densi di informazioni senza pause per la riflessione, l'impegno e l'interazione. L'insegnante ronza e le immagini si fondono in una sfocatura dimenticabile. Il pieno coinvolgimento con il contenuto di una presentazione non si verificherà a meno che il presentatore non sviluppi discussioni frequenti, domande, problemi e attività.

fonti:

Buhko, AA, Buchko, K. Jl. E Meyer, JM 2015. C'è potere in PowerPoint? Un test sul campo dell'efficacia di PowerPoint sulla memoria e il richiamo di sermoni religiosi. Computer nel comportamento umano. 28, 688-695.

Klemm, WR 2007. Spettacoli di computer: una trappola per cattivi insegnamenti. Insegnamento universitario. 55 (3), 121-124.

Solutions Collecting From Web of "PowerPoint: una maledizione della comunicazione?"