Potete rassegnare le dimissioni e rimanere in buone condizioni?

Se sei come molte persone nel mondo del lavoro oggi, ti chiedi di tanto in tanto se dovresti fare una cauzione. Potresti goderti il ​​comfort del tuo attuale lavoro, ma sapere nel profondo del cuore che è ora di andare avanti. Non è mai una decisione facile. Ma una volta che hai deciso di camminare, puoi essere strategico nel tuo approccio in modo da migliorare la tua carriera, non affondarla.

La maggior parte delle persone lascia i propri manager, non i posti di lavoro, ed è per questo che la gestione aiuta a far fronte a situazioni di lavoro difficili. Le comunicazioni aperte in ufficio sono spesso pervasive come trovare un ago nel pagliaio. I dipendenti hanno paura di arruffarsi le penne, e ai manager generalmente non piace lo scontro. Quindi, prima di rassegnare le dimissioni, considera innanzitutto se non hai lasciato nulla di intentato. Hai, per esempio:

  • Hai fatto un elenco di cosa puoi fare per migliorare il lavoro?
  • Focalizzato su ciò che è giusto invece che solo sui torti?
  • Esaminato i pro e i contro di partire?
  • Ha fatto ogni possibile sforzo per comunicare in modo efficace?
  • Ho cercato di ragionare con il tuo capo?

Se hai provato tutto questo e trovi ancora insostenibile la tua situazione, è probabile che sia il momento per il prossimo capitolo. Ma qual è il modo migliore per andarsene in buone condizioni? Ci sono modi buoni e non-buoni per gestire la tua partenza.

Cosa fare e cosa non fare in caso di smettere

Ecco alcune cose da fare e da non fare che ti aiuteranno a mantenere intatta la tua carriera professionale e ti aiuteranno a mantenere il controllo durante la transizione.

NON: mostra i tuoi talenti drammatici e fai una dichiarazione. Probabilmente avrai un buon pubblico, quindi approfitta di quello che Tom Cruise ha fatto in Jerry Maguire. "Puoi anche dimostrare di avere davvero un senso dell'umorismo e di impostare il tuo computer su" Risposta fuori sede … Ho lasciato l'edificio … e non tornerà. "

DO: sii sincero. Quando HR ti chiede feedback, spiega perché te ne vai in un modo ottimista e lungimirante. Spiega un paio di cose sul nuovo lavoro che sono difficili da ignorare. Sii gentile e gentile. La tua professionalità sarà ricordata a lungo.

NON: Scrivi una lettera di dimissioni che rivela onestamente e completamente i 47 motivi per cui non sei riuscito a sopportare il tuo lavoro più a lungo, dalle lunghe ore e dalle stridule stampanti, agli incessanti spari di gomma del tuo vicino cubo.

FARE: dimettiti dal tuo capo prima con una conversazione personale e una breve lettera di dimissioni. Dare una copia a HR. Mantienilo positivo. Se non hai nulla di buono da dire, non dirlo. Ripensa ai progetti che ti sono piaciuti e concentrati su questi motivi positivi.

NON: Lascia tutti i tuoi file personali nel tuo computer, in particolare il diario delle liste della spesa personale. Il tuo sostituto sarà felice di conoscerti molto meglio come un essere umano, mentre cercano di diventare subito operativi. Potrebbero persino ricordare alcune cose di cui hanno bisogno sulla loro lista della spesa.

DO: pianificare in anticipo. Preparati per il colloquio di uscita annotando alcune cose che vuoi coprire, come i tuoi progetti più gratificanti e quelli con cui ti è particolarmente piaciuto lavorare. Ricordati di ringraziare il tuo datore di lavoro per l'opportunità. Fai una lista di cosa racchiudere oltre il regolare completamento e la transizione dei progetti in sospeso. Pulisci i tuoi file digitali e cartacei, scrivania e oggetti personali.

NON: Fai le tue ultime due settimane in ufficio un inferno vivente per tutti gli altri; dopo tutto, te ne vai. Dì ai tuoi colleghi delle tue lamentele per "aiutarli" nella loro carriera, idealmente in un contesto di gruppo. Dì loro perché credi che il nuovo datore di lavoro sia una scelta migliore. Assicurati di gongolare con il maggior numero possibile di colleghi sui tuoi imminenti incredibili benefici, in modo che siano sinceramente felici per te.

DO: resta entusiasta e concentrato. Rimanere in buoni rapporti con tutti in azienda e rimanere ottimisti. Prenditi del tempo per riflettere sulle lezioni che hai imparato, buone e cattive. Cerca di parlare molto dei tuoi colleghi e non dare da mangiare al rumor.

NON: scarseggia le ultime due settimane di lavoro, fai una lunga terapia al dettaglio, fai lunghi pranzi e appendi il refrigeratore per fare pause prolungate dopo un lungo periodo di lavoro senza fine.

DO: rimani un giocatore di squadra. Aiuto con eventuali transizioni ove possibile. Completa i tuoi progetti con diligenza e mantieni il tuo capo nel giro. Ringrazia i tuoi mentori e attenti a mantenere forte il tuo network. Se hai bisogno di una settimana extra e puoi restare, allora fallo.

Può essere facile pensare nel presente con la libertà appena trovata. Ma potresti anche muoverti all'interno dello stesso universo relativamente piccolo di colleghi del settore. Quindi pensa a lungo termine mentre passi ai pascoli più verdi.

Solutions Collecting From Web of "Potete rassegnare le dimissioni e rimanere in buone condizioni?"