Potere, paternalismo e psichiatria

In precedenza è stato affermato che esistono essenzialmente due tipi di psichiatri: autoritario e libertario, e che le differenze nei loro approcci sono attribuibili a differenze nelle loro personalità e alla loro concettualizzazione della malattia mentale (vedi Szasz, 1965). Il paziente che consulta ogni tipo di psichiatra avrà, di regola, un'esperienza radicalmente diversa in termini di trattamento, che è descritta di seguito. Sottolineo che la caratteristica distintiva che divide lo psichiatra autoritario dal suo collega libertario è un bisogno di potere e controllo. Ciò equivale alla caratteristica della personalità dell'autoritarismo.

Per prima cosa definiamo e descriviamo lo psichiatra libertario e poi lo contrapponiamo al suo partner autoritario. (L'uso della parola "libertario" qui non si riferisce a un'appartenenza politica, ma piuttosto a una filosofia che valorizza la libertà dell'individuo dal vincolo esterno e dalla coercizione.) Lo psichiatra libertario tratta i suoi pazienti su base volontaria, di solito in l'impostazione della pratica privata, sebbene possa vedere i pazienti in ospedale che hanno acconsentito alle sue cure. Questo punto è importante, poiché l'interezza dell'approccio dello psichiatra libertario al suo lavoro si basa sui principi del contratto e del consenso . Lo psichiatra libertario si impegna in uno sforzo, volontariamente intrapreso dal suo paziente, per liberare il paziente dalle sue restrizioni e dai suoi conflitti interni. Questo psichiatra può usare i farmaci con parsimonia, e lo fa sempre con giudizio. Spesso ha meno interesse a diagnosticare il suo paziente di quanto non lo capisca. Se lo psichiatra libertario pratica la psicoterapia, di solito è in una forma non direttiva, come la psicoanalisi o la psicoterapia dinamica.

Mark L. Ruffalo, LCSW
Weston State Hospital, ex manicomio trans-Allegheny, a Weston, West Virginia. Un esempio dei grandi e imponenti ospedali statali della psichiatria del XIX e XX secolo.
Fonte: Mark L. Ruffalo, LCSW

Lo psichiatra libertario è in netto contrasto con la sua controparte autoritaria. Mentre lo psichiatra libertario era nato dalla stanza di consulenza di Freud, lo psichiatra autoritario nacque dai massicci ospedali di stato di custodia del passato. Lo psichiatra autoritario si occupa, a volte esclusivamente, di pazienti involontari, e il suo scopo non è tanto curarli quanto controllarli . Non riesco a rendere questo ultimo punto alla leggera, poiché grandi menti come Goffman e Foucault hanno dimostrato gli obiettivi del controllo sociale della psichiatria istituzionale. Lo psichiatra autoritario attribuisce grande importanza alla categorizzazione e alla classificazione degli esseri umani sotto forma di diagnosi psichiatrica, e di solito ha un'affinità per l'uso di farmaci e altri mezzi per alterare la fisiologia del cervello. Questo psichiatra può rivolgersi immediatamente ai farmaci, vedendo il suo paziente non solo come malato, ma come un oggetto per lui "aggiustare" e controllare. La psicoterapia è praticata di rado dallo psichiatra autoritario, e se lo è, di solito è una modalità direttiva che consiste poco più che dire al paziente di cambiare il suo comportamento.

Qual è la base, intrapsichicamente, di questa differenza tra la psichiatria autoritaria e libertaria? Io sostengo che i due tipi di psichiatri entrano ciascuno nel campo per ragioni molto diverse e questo viene a determinare come vedono e trattano i pazienti che vedono. Lo psichiatra autoritario, per ragioni che probabilmente riguardano il suo stesso sviluppo, ha un alto bisogno di controllo, potere, obbedienza e sottomissione. Lo psichiatra libertario, al contrario, non ha tali bisogni. Lo psichiatra libertario vede i suoi pazienti come esseri umani autonomi e individuali. Sebbene lo psichiatra libertario non sia d'accordo, personalmente o moralmente, con la condotta del suo paziente, non ha intenzione di impegnarsi nella coercizione per cambiare il paziente, insistendo sul fatto che è responsabilità del paziente stesso cambiare se stesso. Lo psichiatra autoritario, d'altra parte, vede i suoi pazienti attraverso un obiettivo collettivistico e, di conseguenza, vede se stesso avere una grande responsabilità nel cambiare forzatamente gli altri, anche se i suoi pazienti stessi non desiderano essere cambiati.

Identificare e comprendere le differenze tra la psichiatria autoritaria e libertaria non è utile solo per coloro che entrano in campo mentre si impegnano nella necessaria autoesame, ma è anche utile per i pazienti che cercano aiuto psichiatrico, poiché molti hanno avuto scarse esperienze con la psichiatria in passato. Come notato altrove, la caratteristica che definisce il disturbo mentale è una sensazione di perdita di controllo – i propri sentimenti, pensieri o comportamenti. Ciò che i pazienti stanno cercando sotto forma di trattamento è la libertà e l' autonomia , anche se pochi, ovviamente, lo esprimono in questi termini. Mentre lo psichiatra autoritario sottolinea, e sembra prosperare, la privazione della libertà del paziente, lo psichiatra libertario ha come obiettivo il supporto e il mantenimento dell'autonomia e dell'autodeterminazione del paziente.

Diventa evidente, quindi, che le differenze tra lo psichiatra libertario e autoritario sono probabilmente radicate nelle loro strutture di personalità e che queste differenze arrivano a definire come ogni psichiatra si rapporta al suo paziente: il libertario in modo contrattuale e cooperativo, e il autoritario in modo paternalista e coercitivo.

Nota dell'autore: il pronome maschile è usato come predefinito nella tradizione inglese, poiché questo autore ritiene che ci siano modi migliori per migliorare la condizione delle donne rispetto allo sfoggio ora alla moda delle deformazioni linguistiche.

Solutions Collecting From Web of "Potere, paternalismo e psichiatria"