Potenziare la memoria alla Harvard Medical School

Trasformare uno studente di medicina in un medico richiede molte conoscenze. B. Price Kerfoot, professore associato di chirurgia presso la Harvard Medical School, era frustrato dalla quantità di conoscenze che i suoi studenti sembravano dimenticare nel corso della loro educazione. Sospettava che ciò fosse dovuto al fatto che si erano impegnati in quella che lui chiama "binge and purge": si sono riempiti di fatti e poi li hanno vomitati al momento del test. La ricerca nelle scienze cognitive mostra che questo è un modo molto povero di conservare le informazioni, come scoprì Kerfoot quando andò a cercare nella letteratura accademica le risposte. Ma ha anche imbattuto in un metodo davvero efficace, chiamato ripetizione distanziata. Kerfoot ha ideato un semplice strumento digitale per rendere quasi coinvolgente l'impegnarsi in una ripetizione spaziale. In oltre due dozzine di studi pubblicati negli ultimi cinque anni, ha dimostrato che la ripetizione spaziale funziona, aumentando la fidelizzazione della conoscenza fino al 50 percento. Il metodo di Kerfoot è facilmente adattato da chiunque abbia bisogno di imparare e ricordare, non solo da coloro che cercano MD.

La teoria dietro la ripetizione distanziata è semplice: quando impariamo per la prima volta un fatto, la nostra memoria è volatile, soggetta a cambiamento o scomparsa. Ogni volta che ci imbattiamo nuovamente in questo fatto, tuttavia, la memoria diventa più forte e più stabile, specialmente se gli incontri sono distribuiti nel tempo. Cramming la notte prima di un esame (o un discorso o una presentazione) è un modo sicuro per far sparire le informazioni dalla tua testa poco dopo. Ma esponendo te stesso a quella stessa informazione più volte per settimane o mesi lo fissa saldamente nel tuo cervello. L'innovazione di Kerfoot era di rendere queste sessioni di apprendimento distanziate facili e convenienti. A partire dalla conoscenza che gli studenti di medicina dovevano padroneggiare nella propria specialità di urologia, Kerfoot ha posto domande sul curriculum, con risposte a scelta multipla, che ha inviato in e-mail settimanali agli studenti che partecipavano allo studio. Gli studenti hanno impiegato alcuni minuti per rispondere alle domande sui loro computer portatili o smartphone; ogni settimana ha portato un nuovo ciclo di domande, mescolando nuovo materiale con materiale già coperto. Alla fine dell'anno, gli studenti che hanno ricevuto le e-mail distanziate hanno ottenuto punteggi significativamente più alti in un test di conoscenza delle loro urologie.

Da quel primo studio, pubblicato sulla rivista Medical Education nel 2007, Kerfoot ha valutato l'efficacia della spaziatura dell'esposizione su una varietà di altri argomenti che i medici in formazione devono imparare, come eseguire un esame fisico, diagnosticare disturbi medici e amministrare un test di screening del cancro. In ciascun caso, le informazioni distanziate fornite agli studenti sui loro dispositivi li hanno aiutati a richiamare meglio le informazioni.

Come puoi imparare come uno dei residenti della Kervard Medical School? La maggior parte dei programmi di posta elettronica ti consente di pianificare l'invio di messaggi, facilitando la creazione di un corso di ripetizione distanziata per te stesso. Dividi ciò che devi sapere – il testo di un discorso, il materiale su un esame – in unità più piccole, non più di poche frasi. Quindi inserire le informazioni in e-mail pianificate per essere inviate a se stessi a intervalli settimanali. Per ottenere il più grande effetto di rafforzamento della memoria, mischia materiale vecchio e nuovo e metti le informazioni sotto forma di domanda a cui dovrai richiamare la risposta. Scoprirai che la tua email ti sta rendendo più intelligente, non sono necessari pernottamenti.

Per saperne di più sulla scienza dell'apprendimento su www.anniemurphypaul.com, o inviare un'email all'autore all'indirizzo annie@anniemurphypaul.com.

Questo post è originariamente apparso su Time.com.

Solutions Collecting From Web of "Potenziare la memoria alla Harvard Medical School"