Possum capro espiatorio: scienza, psicologia e parole di guerra

La recente notizia che i baby-oposs sono annegati alla Drury School come parte di una raccolta di fondi ha scatenato la condanna nazionale e internazionale per crudeltà verso gli animali (per ulteriori discussioni su questo argomento vedi "Effetti a lungo termine della violenza verso gli animali da parte dei giovani" Giovani incoraggiati a uccidere Possum Joey in Nuova Zelanda, "Salvare la fauna selvatica senza annegare opossum" e legare in essa.   Ha anche portato in discussione pubblica le problematiche legate al trattamento degli opossum in Nuova Zelanda insieme alle discussioni sull'uso del veleno orribile 1080 e sulla scienza incongruente che sta dietro "uccidere nel nome della conservazione". I disordinati interi di questi problemi sono stati diviso e sparso per il mondo da vedere. Per ottenere una prospettiva più "locale" su ciò che sta accadendo in Nuova Zelanda, sono molto fortunato di aver potuto collaborare con il neozelandese, Lynley Tulloch, in questo saggio. 1

Possum di capri espiatori: scienza di Iffy, psicologia demonizzante e parole di guerra infuocate

Le scuole neozelandesi hanno bisogno di tutto l'aiuto possibile per promuovere l'educazione umana, piuttosto che un'educazione disumana che favorisce l'uccisione di oppio e altri animali nella loro ben pubblicizzata guerra alla fauna selvatica, il cui obiettivo è liberare la Nuova Zelanda dai predatori e così chiamati "invasivi" entro il 2050. Questo è terreno fertile per gli psicologi della conservazione e gli antrimologi, perché promuovere la gentilezza e la compassione, piuttosto che odiare e uccidere i giovani, è assolutamente necessario per produrre generazioni future che rispetteranno e apprezzeranno la fauna selvatica. La fauna selvatica della Nuova Zelanda merita di essere conservata. Ha alcune delle biodiversità più eccezionali al mondo. Esistente per 80 milioni di anni in totale isolamento dal resto del mondo, la Nuova Zelanda era l'ultimo arcipelago ad essere popolato da esseri umani.

L'intensa trasformazione della vasta gamma di ecosistemi della Nuova Zelanda in terreni agricoli monoculturali è l'unico fattore più significativo nella perdita di biodiversità della Nuova Zelanda. E invece di concentrarsi su questo problema, l'allevamento di prodotti lattiero-caseari sta diventando più intenso. Tuttavia, questo è spesso ignorato a favore dell'incolpare le specie di mammiferi introdotte.

La Nuova Zelanda ha bisogno di un capro espiatorio ed è qui che l'opossum entra nel quadro. L'opossum della coda del pennello fu introdotto in Nuova Zelanda dall'Australia nel 1837 allo scopo di stabilire un commercio di pellicce. L'opossum è citato nell'Encyclopedia of New Zealand (Te Ara) come il "parassita più dannoso del paese".

Nei primi anni 2000 c'erano circa 50-70 milioni di opossum in Nuova Zelanda. Ognuno di loro viene accusato di aver distrutto foreste, di aver infettato il bestiame con la tubercolosi e di aver minacciato l'industria casearia.

La dottrina dell'opossum come pest è diventata così radicata nella psiche neozelandese che è quasi considerato antipatriottico mettere in discussione la validità di queste affermazioni.

In effetti, gli opossum in Nuova Zelanda sono stati demonizzati a tal punto che il loro trattamento nella vita e nella morte è considerato in gran parte irrilevante. A nessuno interessa molto quello che succede al "parassita avido" – può essere randellata, intrappolata, sparata, avvelenata, investita e trasformata in guanti di pelliccia. Il suo cadavere può essere mascherato da raccoglitori di fondi per prendersi gioco di lei. I turisti sono invitati a non rallentare o cercare di evitare gli opossum, ma invece mirano a loro e li eseguono.

Il messaggio è chiaro L'opossum è un oggetto di derisione e odio. Si potrebbe pensare che l'opossum stia deliberatamente facendo guerra alla biodiversità endemica della Nuova Zelanda. Eppure gli opossum stanno facendo ciò che qualsiasi specie fa quando vengono introdotti in un nuovo ambiente: adattarsi o perire.

L'uso sconsiderato del 1080: ciò che il pubblico deve sapere sulla mancanza di conoscenza sugli effetti ad ampio raggio di questo orribile veleno

Gli annegamenti di joey hanno scatenato un dialogo utile e una discussione tanto necessaria su oppio e altri animali che vengono presi di mira in tutta la Nuova Zelanda. Vale la pena scrivere sull'uso del veleno 1080 perché molte persone non hanno idea di quanto sia orribile per gli umani, i non umani e gli incantevoli paesaggi della Nuova Zelanda. Molti di coloro che hanno contribuito alla debacle di Joe hanno suggerito che il 1080 è ancora più crudele degli annegamenti, e probabilmente lo è. Fondamentalmente, il joey lentamente muore di fame nella tasca della madre. Un documento scritto dal Ministero delle industrie primarie (MPI) nel 2012 ha ammesso che "non si considera spesso la considerazione dell'impatto sul benessere dei giovani dipendenti".

Gli account di morte a partire da 1080 sono orribili. È ben noto causare nausea, letargia, dolore e malattia, che sono seguiti da mancanza di respiro, vertigini e ansia. C'è un periodo prolungato di sofferenza prima che gli animali muoiano, in alcune specie fino a 90 ore. SAFE for Animals della Nuova Zelanda ha pubblicato i fatti cruenti sull'uso del 1080, e non è una lettura facile per chiunque abbia un cuore. Un elenco di "fatti rapidi" può essere visto qui.

Perché molti neozelandesi accettano l'uso di un veleno così crudele? Crediamo che la risposta a questo sia che i parametri della discussione pubblica sull'uso del 1080 in Nuova Zelanda sono stati in gran parte formati con l'intento di convincerci che "non c'è alternativa". Un rapporto parlamentare 2011 sull'Amministrazione del Commissario per l'ambiente del 1080 lo dimostrarono affermando che, "l'unica opzione per controllare possum, ratti e ermellini su quasi tutti i terreni di conservazione è di eliminare il veleno dagli aerei." Caso chiuso.

Non dovremmo mai chiudere le porte sulle nostre opzioni. C'è sempre un'alternativa, specialmente quando le questioni etiche serie rimangono messe a tacere o indirizzate in modo inadeguato. Un recente rapporto del Commissario parlamentare per l'ambiente neozelandese del 2017 mostra che poco è cambiato in sei anni. E uno dei principali riferimenti scientifici utilizzati è la ricerca degli zoologi Graeme Elliot e Josh Kemp. Kemp è del Dipartimento di Conservazione (DoC) e quindi potrebbe esserci un conflitto di interessi usando la sua ricerca in questo modo.

Indipendentemente dalle serie preoccupazioni etiche sull'uso del 1080, la richiesta per il suo utilizzo è stata recentemente aumentata. A luglio 2016 l'ex primo ministro della Nuova Zelanda, John Key, ha stabilito l'obiettivo di un predatore liberare la Nuova Zelanda entro il 2050. E quale modo migliore per ucciderli, poi far cadere 1080 sulle loro teste subdole. Questo li insegnerà. Mi dispiace possums ma lo show deve andare avanti.

È importante notare che la Nuova Zelanda utilizza circa il 90% della fornitura mondiale di 1080. È stata vietata negli Stati Uniti a causa del suo effetto su animali non bersaglio, incluse le specie autoctone, e non esiste un antidoto medico praticabile.

Esiste semplicemente una ricerca insufficiente sulle valutazioni del rischio tossicologico di 1080 per giustificare il dumping a tonnellate. Il DoC minimizza la tossicità del 1080 dichiarando che usa "biodegradabile 1080 per proteggere le specie native da parassiti introdotti come possums, ratti e ermellini".

Il Dr. Sean Weaver concorda sul fatto che semplicemente non sappiamo molto sugli effetti ad ampio raggio dell'utilizzo di 1080. Il dottor Weaver, che ha un dottorato di ricerca. nella conservazione della foresta e ha fatto la sua missione per salvare le foreste pluviali del mondo. Weaver suggerisce che ci sono lacune nella ricerca su 1080. In particolare, chiede la ricerca di effetti collaterali indesiderati a causa della tossicità cronica di 1080. In un saggio molto importante chiamato "Tossicità cronica del 1080 e le sue implicazioni per la gestione della conservazione: A Case Study neozelandese, afferma il dottor Weaver, ci sono prove che 1080 potrebbe avere capacità di interferenza endocrina (con potenziale rilevanza per la fauna selvatica non bersaglio) ma che questo richiede ancora indagini più dettagliate. "Ciò può verificarsi a causa di sub a lungo termine -il contatto letale con la sostanza.

Anche l'efficacia del 1080 deve essere messa in discussione. Gli scienziati in pensione Pat e Quinn Whiting-O'Keefe hanno affermato che non vi è alcuna prova di un beneficio netto dell'ecosistema nell'uso di 1080. In un saggio di Clyde Graf intitolato "L'uso a lungo termine della Nuova Zelanda di 1080 avvelena gli ecosistemi forestali e potrebbe spingono gli uccelli e le popolazioni di insetti a estinguersi "scrivono:

Innanzitutto, non esiste un solo studio scientificamente attendibile che dimostri che l'antenna 1080 utilizzata sulla terraferma sia di beneficio netto per qualsiasi specie di fauna autoctona della Nuova Zelanda. Quindi il rialzo per le specie native è del tutto non provato, nonostante 15 anni di tentativi sempre più disperati da parte di DoC di mostrarne uno.

In secondo luogo, ci sono prove schiaccianti da parte della stessa ricerca di DoC che l'antenna 1080 sta uccidendo un gran numero di animali nativi, inclusi uccelli, insetti e altri invertebrati. Inoltre, la maggior parte delle specie autoctone rimane interamente non studiata. Di conseguenza, esiste un ampio margine negativo per le specie native.

Terzo, non esiste uno studio a livello di singolo ecosistema. Cioè, non abbiamo la minima idea di conseguenze non intenzionali e secondari effetti negativi di cui la scienza ecologica ci assicura che ce ne sono molti.

In quarto luogo, mentre è probabile che gli opossum, se non controllati, causino nel tempo qualche spostamento delle specie arboree nelle nostre foreste, il grado di tale cambiamento non è grande e la paura di un crollo della chioma è del tutto ingiustificata.

Al contrario, le operazioni aeree della DoC stanno causando danni uccidendo un gran numero di specie native di uccelli, invertebrati e pipistrelli.

Tutto sommato, c'è una netta mancanza di trasparenza nella selezione della ricerca che plasma la politica pubblica sul 1080. I neozelandesi meritano di meglio. E, gli scienziati e coloro che studiano le relazioni uomo-animale devono entrare nelle discussioni sugli eclatanti aspetti negativi di una guerra nazionale sulla fauna selvatica che è basata sulla violenza verso gli esseri senzienti.

La "Nuova Zelanda tutta la" guerra alla fauna selvatica ": gli umani come" predatori morali "e il linguaggio della guerra

Nel suo dottorato Jamie Steer ha scoperto che all'interno della Nuova Zelanda c'era un "posizionamento degli umani come" predatori morali "contro un'invasione straniera di specie introdotte." Ha sostenuto che la creazione di una nuova direzione nel nostro approccio alla conservazione in Nuova Zelanda è severamente ostacolata dal dominanza della retorica di guerra promossa dalle agenzie governative. L'alleanza dell'identità nazionale con le specie native e l'atteggiamento xenofobo nei confronti degli animali introdotti è pervasivo.

Il linguaggio della guerra permea ogni discussione sul controllo dell'opossum. Ad esempio, Predator Free NZ afferma sul suo sito web: "Il nostro presidente, Sir Rob Fenwick, ha dichiarato una chiamata alle armi per proteggere il nostro paese – in una battaglia nazionale contro i predatori invasivi." DoC usa lo slogan "Battaglia per i nostri uccelli" emotivo . Il Commissario parlamentare per l'ambiente parla di "Le nostre foreste sotto attacco".

Tutto questo discorso di guerra è sufficiente per far precipitare un possum sulla cima del più alto albero kahikatea e sventolare la sua bandiera bianca in segno di sconfitta. A meno che il suo piede non sia intrappolato in una trappola per gin mentre aspetta di essere colpito a morte.

Nel suo saggio intitolato "Una guerra ai parassiti e alle erbe infestanti è 'malevola' e 'incompetente' e alla fine fallirà", il dott. Steer ha definito la Nuova Zelanda il nostro infantile atteggiamento di guerra nei confronti delle specie introdotte. Sostiene che lo sterminio e il massacro sono le parole corrette per ciò che alcuni vogliono fare alle specie introdotte. Definirlo una "guerra" è un modo per stabilire una fedeltà. Sono atteggiamenti "noi contro loro", posizionando le persone da un lato e l'opossum dall'altro. Come fa notare il dott. Steer, gli opossum non hanno idea della battaglia in cui sono presumibilmente fidanzati.

Continua dicendo che queste "patetiche guerre telefoniche sono maligne, incompetenti e ignoranti, e hanno bisogno di fermarsi".

L'importanza di discutere su ciò che sta accadendo agli opossum: è tempo di una rivoluzione di cuore

Tutto ciò ci riporta ai massacri dell'opossum. Quando ai bambini vengono insegnati questi stessi atteggiamenti infantili e disinformati verso gli animali, ci stiamo impegnando nella cattedra e nella diffusione della propaganda di cui la maggior parte dei giovani è ignorante. I bambini vengono indottrinati e le scuole pubbliche non dovrebbero servire a questi scopi e devono essere richiamati. Un'educazione disumana come questa può avere effetti di lunga durata (per ulteriori discussioni si veda "Effetti a lungo termine della violenza verso gli animali da parte dei giovani" e collegamenti ivi contenuti).

Apprezziamo immensamente la biodiversità della Nuova Zelanda e sappiamo che la questione delle specie introdotte deve essere affrontata. E, mentre la Nuova Zelanda ha concesso diritti alle foreste e ai corpi idrici, gli animali senzienti vengono presi di mira nei modi più brutali e non scientifici. Tutto questo nonostante il fatto che la Nuova Zelanda riconosca gli animali come esseri senzienti!

È estremamente subdolo modellare l'opinione pubblica demonizzando un animale innocente e sanzionando ciò che equivale alla crudeltà sugli animali di massa. Non è sicuramente un bell'aspetto per l'immagine turistica della Nuova Zelanda.

I neozelandesi che credono che l'hype e la disinformazione diffuse da coloro che favoriscono una guerra totale per la fauna selvatica meritano di meglio. Così anche gli opossum e tutti gli altri animali che vengono uccisi brutalmente e brutalmente "in nome della conservazione".

Come abbiamo scritto sopra, l'uccisione di opossum e altri animali è terreno fertile per gli psicologi della conservazione e gli antroposologi, perché la promozione della gentilezza e della compassione, piuttosto che l'odio, è strettamente necessaria per produrre generazioni future che rispetteranno e apprezzeranno la fauna selvatica. I ricercatori e gli altri hanno anche bisogno di cambiare la verbosità e incoraggiare le persone a smettere di usare parole di guerra.

Tutto sommato, gli opossum sono diventati i capri espiatori sfavorevoli dei programmi di sradicamento della Nuova Zelanda che sono sostenuti dalle scuole che promuovono l'educazione disumana. L'uccisione deve fermarsi e i campi di sterminio si chiudono una volta per tutte. Uccidere "in nome della conservazione" rimane incredibilmente inumano e brutale e si basa su una scienza e un linguaggio incerti che incitano le persone a compiere atti di violenza imperdonabili nei confronti di altri animali.

Tutto sommato, la scienza, la psicologia e il clamore dietro la guerra in Nuova Zelanda sulla fauna selvatica sono altamente discutibili. La migliore lezione che gli educatori e altri adulti possono insegnare ai giovani, e uno per il quale potrebbero e dovrebbero servire come modello esemplare, è che la vita di ogni singolo individuo è importante.

Abbiamo bisogno di risvegliare i nostri cuori. È giunto il momento per un cambiamento di cuore – una rivoluzione di cuore – e nuovi corsi di interazione che si tradurranno in una pacifica convivenza tra umani e altri animali basata su questo principio guida compassionevole ed empatico.

1 Dr. Lynley Tulloch è uno scrittore indipendente la cui esperienza abbraccia argomenti diversi come ambiente, istruzione, giustizia sociale e diritti degli animali. Il Dr. Tulloch gestisce anche un'organizzazione chiamata Starfish Bobby Calf Project in Nuova Zelanda.

Ulteriori informazioni su Possum hunting and killing

Compassione e rispetto, seguendo la guida della dott.ssa Jane Goodall

Lettera al Ministro della Pubblica istruzione della Nuova Zelanda

Petizione per porre fine all'uccisione di possum (proposta da Lynley Tulloch)

Informazioni sull'uso del veleno 1080 da SAFE New Zealand

Salvare la fauna selvatica senza annegare opossum

Gli ultimi libri di Marc Bekoff sono Jasper's Story: Saving Moon Bears (con Jill Robinson); Ignorando la natura non di più: il caso di conservazione compassionevole ; Perché i cani e le api si deprimono: l'affascinante scienza dell'intelligenza, delle emozioni, dell'amicizia e della conservazione degli animali ; Rinnegare i nostri cuori: costruire percorsi di compassione e convivenza ; The Jane Effect: Celebrando Jane Goodall (edita con Dale Peterson); e The Animals 'Agenda: libertà, compassione e convivenza nell'era umana (con Jessica Pierce). Canine Confidential: Perché i cani fanno ciò che fanno saranno pubblicati all'inizio del 2018. Per saperne di più su marcbekoff.com.

Solutions Collecting From Web of "Possum capro espiatorio: scienza, psicologia e parole di guerra"