Possiamo parlare?

LaurieEssig
Fonte: LaurieEssig

Il discorso non è mai stato gratuito. Ha sempre avuto dei costi. Questo è ora più o meno senso poiché la maggior parte della gente è d'accordo che non vi è posto per insulti razziali e di genere – come "n-word" e "c-word" – e che tale discorso crea un ambiente ostile per le persone storicamente discriminate gruppi.

Ma a metà tra il senso comune e il panico morale, c'è tutta una serie di altri atti linguistici – e quel discorso è ora sotto attacco. E onestamente, non sono sicuro di come parlarne, perché parlare non è qualcosa che sembriamo, come una cultura, in grado di fare più.

Che si tratti del Congresso o dell'università, il dialogo sembra così ventesimo secolo. Nella blogosfera, il dialogo è ridotto per richiamare la cultura. In classe, richiama i mix di culture con le richieste di avvertimenti sui trigger e le dichiarazioni discriminatorie dei gruppi storicamente privilegiati per creare un'atmosfera matura con possibilità educative e politiche, ma anche una stagnazione di paura e silenzio.

Una recente tempesta di fuoco su Laura Kipnis simboleggia il campo minato che è diventato parlare. In un saggio provocatorio intitolato "Paranoia sessuale colpisce l'academa", Kipnis attacca i codici di cattiva condotta sessuale nel campus come radicalmente disinteressante.

Se questo è femminismo, è il femminismo dirottato dal melodramma. L'ossessione della fantasia melodrammatica con vittime indifese e potenti predatori è ciò che sta plasmando la conversazione del momento, a scapito di coloro i cui interessi sono presumibilmente protetti, cioè gli studenti. Il risultato? Il senso di vulnerabilità degli studenti è alle stelle.

Il controverso articolo di Kipnis ha prodotto una varietà di risposte, incluse alcune che sono abbastanza vivaci. Ma ciò che mi preoccupa è la risposta di studenti e amministratori della stessa università di Kipnis, nel nord-ovest.

Una trentina di studenti hanno marciato con un materasso (qualcosa che è diventato un simbolo di protesta nei casi di violenza sessuale nel campus) per chiedere che l'amministrazione nord-occidentale risponda al pezzo di Kipnis. Gli studenti hanno presentato una petizione

… chiamiamo per una rapida condanna ufficiale dei sentimenti espressi dal professor Kipnis nel suo articolo infiammatorio e chiediamo che in futuro questo tipo di risposta arrivi automaticamente.

Secondo il Daily Northwestern, gli amministratori, incluso il decano degli studenti Todd Adams,

si unì alla cerchia degli studenti durante la discussione. Adams ha detto che l'università avrebbe "considerato assolutamente la petizione … Penso che sia fantastico che siano diventati insieme e hanno deciso che vogliono sentire la loro voce su questo tema … Penso che sia sempre stato importante … è incredibile ed è bello vedere che gli studenti continuano ad averlo all'avanguardia.'"

E questo mi rende triste perché fondamentalmente non sono d'accordo con Kipnis e tuttavia immagino che qualcosa come una conversazione potrebbe venire da esso. Ma le conversazioni non possono accadere quando i manifestanti chiedono a un'università di censurare pubblicamente qualcuno per opinioni offensive o quando gli amministratori lo descrivono come meritevole di considerazione.

Il Kipnis contrasta è difficilmente un incidente isolato. In effetti, le femministe continuano a essere chiamate per non essere il giusto tipo di femministe. Come scrisse Suzanna Walters in un precedente pezzo di Chronicle:

Questa è, ovviamente, non la prima volta che le femministe hanno diretto il loro risentimento verso altre femministe. In effetti, il femminismo, sia nelle sue applicazioni teoriche che in quelle pratiche, è ben noto per le lotte intestine. Già nel 1976, l'attivista pioniere Jo Freeman scrisse di … "cestinare" o, come diceva lei, il "lato oscuro della sorellanza".

Ma nell'attuale clima culturale, la cultura della spazzatura / chiamata equivale all'azione politica con l'esecuzione delle emozioni della rabbia ipocrita.

Come se questa svolta affettiva non bastasse a distruggere la politica femminista, c'è stato un simultaneo abbraccio del melodrammatico. Come ha sottolineato Kipnis nel suo articolo, un articolo con il quale per lo più non sono d'accordo, molti campus universitari hanno respinto modalità di narrazione più complesse e umoristiche per il senso melodrammatico di pura vittimismo e pura villianità. Gli studenti della Northwestern che hanno organizzato la marcia hanno descritto il saggio di Kipnis in modo melodrammatico come "violenza" ed è questo che DEVE PARLARE .

Il saggio di Kipnis non era violenza; la violenza è violenza Abbiamo perso la nostra strada come cultura e come movimento se non possiamo fare questa distinzione. Il problema è che in molte università le critiche alla libertà di parola vengono utilizzate per trasformare tutto il discorso che è potenzialmente discriminatorio come simile all'odio e persino alla violenza.

Ho simpatia per questo impulso. C'è una critica femminista di vecchia data alla pretesa di "libertà di parola" ed è buona. Come sostengono Catharine MacKinnon e altri, il discorso ha dei costi specialmente quando la sua espressione proviene da una classe dominante per giustificare la continua oppressione dei gruppi subordinati. In altre parole, la parola è "libera" quando espressa tra coloro che occupano posizioni simili nella struttura sociale, ma dal momento che la maggior parte dei discorsi è tra persone che non hanno lo stesso potere e, soprattutto, gli atti linguistici hanno una storia (ad es. parola "), non possiamo agire come se tutto il discorso fosse privo di costi.

Ma ciò che è accaduto nell'accademia e nella cultura in generale è una perdita assoluta di economia di scala. Il discorso dell'odio è confuso con un discorso offensivo. Il discorso offensivo è confuso con la violenza. E le uniche persone che si sentono libere di parlare sono quelle che non vengono mai chiamate. Non sorprende che le persone meno probabilità di essere chiamate fuori siano quelle che non sono le femministe, ma piuttosto le persone che hanno storicamente beneficiato degli atti linguistici.

In altre parole, non possiamo parlare. Abbiamo perso la capacità di parlare l'uno con l'altro. Invece, insistiamo a mettere a tacere il discorso offensivo o disturbante, anche se non abbiamo abbastanza tempo per affrontare le questioni molto più ampie di incitamento all'odio e violenza effettiva. Siamo troppo occupati a chiamare persone che non sono nemiche per aver detto cose con le quali non siamo d'accordo. Odio dirlo (a causa degli atti linguistici che seguiranno), ma una politica di rabbia contro altre femministe non è affatto politica.

Solutions Collecting From Web of "Possiamo parlare?"