Possiamo mai avere "Freeh" da abusi sui minori?

Ieri invece di realizzare la miriade di cose sulla mia lista delle cose da fare, ho passato ore a leggere il rapporto di Freeh. C'erano molte ragioni per cui volevo leggere tutte le 287 pagine. Lavoro alla Penn State e volevo sapere come erano andate le cose in modo così terribilmente sbagliato. Sono uno psichiatra e ho dovuto fare una serie di rapporti obbligatori. E io sono una madre.

Ricordo quando le accuse contro Sandusky furono annunciate per la prima volta all'inizio di novembre. Stavo facendo cadere mio figlio in un campo della Model UN, dove l'unica persona che conosceva era un consigliere che aveva incontrato l'estate prima. Mi sentivo inquietante lasciarlo in albergo e ho rinforzato le mie istruzioni per "chiamarmi", se avesse dubbi o domande. Ho quindi guidato a un'altra conferenza in cui sono stato coinvolto in una presentazione su etica e disturbi alimentari. Sì, dovevamo ammettere, dal momento che i fallimenti etici di Penn State hanno dominato le notizie, siamo di Penn State e stiamo parlando di etica.

Ora con questo rapporto, ecco alcuni dei miei pensieri e preoccupazioni in corso.

1. È stato gratificante vedere che il rapporto era completo ed è disponibile per il pubblico da leggere e discutere. Troppo tempo, gli abusi sui minori continuano a causa del sudario della segretezza. Per fermare gli abusi sui minori, dobbiamo essere consapevoli che sta accadendo. Dobbiamo capire i segnali di pericolo. Dobbiamo essere disposti a prendere posizione e proteggere i nostri figli.

2. Stava diventando consapevole di una cultura che impediva alle persone di riferire ciò che sapevano. Quale cultura doveva essere in atto che potesse far sì che tre custodi che assistevano agli eventi temessero di perdere il lavoro se tentassero di denunciare ciò che vedevano? Ma questa è una preoccupazione in molti aspetti della nostra cultura. Chi ha il potere? Chi sarà creduto?

3. Era preoccupante che nel 1998, quando una madre portò avanti le sue preoccupazioni e le persone sembrarono procedere con un rapporto, non fu fatto nulla, anche se le agenzie che avrebbero dovuto proteggere i bambini sarebbero state coinvolte. Questo è sconvolgente per me. Ho avuto sfide simili. Come aiutiamo i bambini quando riportiamo la loro storia di abusi e i genitori convincono l'agenzia che non è successo nulla di sbagliato, ma che poi non riporteranno indietro il bambino per il trattamento perché abbiamo redatto il rapporto? Mette i medici, a volte, in situazioni difficili. Dobbiamo presentarci, ma potremmo perdere il bambino dal trattamento. Potremmo perderli dalla possibilità di ottenere l'aiuto di cui hanno bisogno. Se attraverso il rapporto e le indagini, potremmo essere certi che il trattamento e la protezione sarebbero offerti al bambino che potrebbe essere un rischio accettabile. Ma spesso i rapporti vengono chiusi senza alcun intervento chiaro, come nel caso di Sandusky nel 1998.

Eppure questo blog è progettato per offrire messaggi di journaling. Quindi, come prendiamo questo materiale e scriviamo per la salute?

Bene…..

• In primo luogo, chiaramente, se sei stato vittima di pedofilia e se ti senti a tuo agio, puoi scrivere dell'evento e osservare l'impatto emotivo che ha avuto sulla tua vita. Le persone con cui collaboro e che hanno subito abusi hanno spesso una grande difficoltà nel fidarsi degli altri. (Molto comprensibile.) Conosci qualcuno che è stato abusato? Come ha influito sulle loro vite? Oppure prenditi un momento per scrivere su sottili forme di abuso nella tua famiglia o nella cultura del lavoro. Hai avuto individui che ti hanno fatto stare male con te stesso? Ti sei sentito impotente a impedire a qualcuno di usare emotivamente, fisicamente o sessualmente e / o abusare di te? Ci sono volte nelle relazioni che sentiamo di non avere il potere di parlare. Scrivi di un periodo in cui non ti sentivi di poterti esprimere. Un tempo in cui non ti sentivi in ​​grado di tracciare i limiti necessari per farti sentire al sicuro. Quello che è successo? Come hai potuto cambiare le cose ora?

• Scrivi di sentirsi impotenti. Cosa significa per te? Come definisci il potere? Cosa ti aiuta a sentirti potente? Talvolta equipariamo il denaro o la fama con il potere, ma ognuno di noi può diventare potente nelle nostre vite. Lo facciamo capendo cosa è importante per noi, come rimanere fedeli ai nostri valori, come, a volte, dire "no" agli altri.

• Scrivi sui confini che ritieni importanti nella tua vita. Pensi di poter dire a qualcuno quando non vuoi fare qualcosa? Puoi impostare dei limiti? Se no, cosa ti trattiene? A volte siamo preoccupati di deludere gli altri. Ma dobbiamo tenere a mente, stiamo deludendo noi stessi? Stiamo andando contro i nostri stessi valori? Diario sui tuoi valori. Cosa è importante per te?

• Il rapporto descrive una cultura del silenzio. Rivista sugli aspetti della "cultura" nella tua vita. Sei in grado di parlare in famiglia? Se non sei d'accordo con qualcuno in passato, come è stato ricevuto? Qual è la cultura nel tuo lavoro? Sei in grado di esprimere le tue opinioni? Pensi di essere preso sul serio? Diario sulla tua esperienza delle diverse situazioni culturali nella tua vita.

• Prenditi questo tempo per il diario sulla nostra cultura in generale. L'altro giorno nel mio gruppo di giornalisti, una giovane donna ha sollevato la domanda su come può riprendersi dal suo disturbo alimentare quando la nostra cultura dà tanti messaggi sull'apparenza, ecc., Che fanno sentire le persone cattive su se stesse. Abbiamo discusso del fatto che, per avere successo, gli annunci pubblicitari hanno spesso bisogno di farci stare male con noi stessi, così che compreremo il prodotto per ottenere qualunque beneficio promesso. Quali messaggi stai ricevendo dalla nostra cultura? Scrivi velocemente, non pensare troppo, scrivi oltre il tuo censore interiore per scoprire cosa stai assorbendo … La nostra cultura mi dice … mantieni la ripetizione di quel tronco per trovare i messaggi sottostanti con cui vivi. Ora lavora per metterli alla prova.

• E infine, scrivi di un argomento che ti appassiona. Scrivi o parla. Dobbiamo iniziare discussioni su bullismo, pedofilia e stupri e su come aiutare le persone a rimanere al sicuro. Ignorare e allontanare questi problemi non aiuta. Sappiamo che l'abuso accade. Il silenzio lo incoraggia. Scriviamo opinioni o parliamo. Non possiamo lasciare che il silenzio e il danno continuino.

Allora vai….

Scrivi!

Martha Peaslee Levine, MD

http://www.psychologytoday.com/blog/your-write-health

http://www.eatingdisordersblogs.com/your_write_to_health/

http://www.beamaia.com

Solutions Collecting From Web of "Possiamo mai avere "Freeh" da abusi sui minori?"