Possiamo annullare il declino cognitivo?

Un recente studio della ricercatrice francese Isabelle Mosnier, dell'Assistenza Publique-Hopitaux di Parigi, ha rilevato che il declino cognitivo nelle persone anziane con problemi di udito potrebbe essere invertito dando ai pazienti impianti cocleari, seguiti da un'intensa terapia linguistica.

Mosnier ha studiato 94 pazienti, di età compresa tra 65 e 85 anni. Tutti avevano una perdita uditiva da severa a profonda in almeno un orecchio. Sappiamo da studi precedenti che la perdita dell'udito e il declino cognitivo sono statisticamente associati. Peggio la perdita dell'udito, più probabile e più grave è il declino cognitivo, inclusa la demenza.

Quello che lo studio di Mosnier ha mostrato è che nei pazienti con il deterioramento cognitivo più grave, gli impianti cocleari e la logopedia hanno effettivamente invertito la perdita. Gli impianti e / o la terapia hanno anche diminuito la depressione. Non sorprendentemente, hanno anche migliorato la percezione del parlato in ambienti silenziosi e rumorosi.

Lo studio, pubblicato sulla rivista JAMA Otolaryngology-Head & Neck Surgery, è importante perché è il primo a misurare l'effetto degli impianti cocleari sulla memoria e la flessibilità mentale nei pazienti anziani.

Spesso la chirurgia per impianto cocheale non viene presa in considerazione per i pazienti anziani con sordità grave. Ciò ha in parte a che fare con il nostro atteggiamento sprezzante nei confronti della perdita dell'udito come una condizione naturale dell'invecchiamento. Ma la chirurgia ha molto successo negli anziani, ben oltre i 90 anni, e può fare un'enorme differenza nella qualità della vita.

Per ulteriori informazioni su questo studio, vedi "Impianti cocleari mostrati per invertire il declino cognitivo".

P. Murali Doraiswamy, MD, professore di psichiatria e medicina alla Duke University e coautore del piano d'azione dell'Alzheimer, definisce lo studio "un chiaro campanello d'allarme". Anche se afferma che lo studio presentava alcune carenze, "il miglioramento nella cognizione era enorme, circa il doppio di quello che si vede con una qualsiasi delle attuali medicine FDA per curare l'Alzheimer. "Aggiunge che i risultati sulla perdita dell'udito che interessano i test cognitivi si applicano probabilmente ad altri sensi come la vista, l'olfatto e il tatto. Ad esempio: "Gli studi hanno dimostrato che problemi di visione non corretti aumentano il rischio di demenza", afferma.

Mentre il collegamento tra perdita dell'udito e problemi cognitivi più lievi è stato messo in dubbio da alcuni, sta diventando sempre più accettato. "Ogni medico sa che la perdita dell'udito può causare problemi cognitivi, ma non si concentrano su di essa come una priorità quando valutano qualcuno con sospetta demenza – che è una grande occasione mancata", dice Doraiswamy. "Abbiamo bisogno di studi controllati a lungo termine per verificare se gli impianti cocleari possono ritardare l'insorgenza della demenza nei soggetti a rischio, cosa che confermerà il caso".

Le implicazioni dello studio hanno rilevanza globale: "Il nostro studio ha dimostrato che la riabilitazione dell'udito utilizzando impianti cocleari negli anziani è associata a miglioramenti nelle funzioni cognitive compromesse", ha scritto Mosnier. "Data la proiezione di un aumento di oltre 100 milioni di persone con demenza in tutto il mondo entro il 2050, qualsiasi studio che suggerisca un modo per compensare tale declino, anche temporaneamente, ha un enorme significato di salute pubblica".

Solutions Collecting From Web of "Possiamo annullare il declino cognitivo?"