Portare Gaslighting alla luce, parte I.

"Sei pazzo…"

"Sei solo emotivo …"

Suona familiare? In tal caso, potresti aver sperimentato l'illuminazione a gas, una forma di manipolazione subdola e di difficile identificazione (e nei casi gravi, l'abuso emotivo). Il termine "gaslighting" è nato dalla commedia di Patrick Hamilton del 1938, Gas Light , che narra la storia di un marito che tenta di manipolare sua moglie facendogli credere di aver perso la testa. Ciò si ottiene oscurando segretamente le lampade a gas in tutta la casa e, quando la moglie commenta le luci soffuse, il marito le dice che sta immaginando le cose. Questo, insieme ad altre piccole manipolazioni del suo ambiente che il marito rifiuta di provare, induce la moglie a chiedersi se potrebbe effettivamente essere pazza.

La trama del dramma cattura l'essenza della luce a gas, che è definita come una forma di manipolazione sulla fine mite e l'abuso emotivo, o persino la guerra psicologica all'estremità estrema che si traduce nel lento smantellamento della fiducia in se stesso del gaslightee. In altre parole, la luce del gas porta le vittime a mettere in discussione la validità del proprio giudizio, il loro senso di sé, la loro percezione della realtà e la validità delle loro emozioni. Ripetuta nel tempo, l'illuminazione a gas può portare la vittima a perdere la capacità di fidarsi della propria memoria, delle proprie esperienze e, in alcuni casi, della propria sanità mentale.

Come succede? Alcune forme di illuminazione a gas includono negare le cose che sono state dette durante una discussione, sfidare i sentimenti di un'altra persona (che non dovrebbero essere discussi), dire ad un'altra persona come pensare o sentire o distorcere le informazioni a favore del benzinaio. Alcune dichiarazioni di gaslighting includono:

"È tutto nella tua testa…"

"Non è mai successo …"

"Sei troppo sensibile …"

"Sei nel tuo periodo o qualcosa del genere?"

"I tuoi sentimenti sono sbagliati …"

Le forme più severe di illuminazione a gas possono includere negare l'abuso fisico o sessuale che si è verificato o altri eventi negativi importanti accaduti in passato.

Certamente, non ricordare le cose dette nel calore del momento durante una discussione non è una luce a gas. È normale, poiché nessuno può ricordare tutte le conversazioni alla lettera. L'illuminazione a gas si verifica quando qualcuno nega di aver detto o fatto qualcosa di doloroso e lo accende sull'altra persona, accusandoli semplicemente di "essere troppo sensibili" o "pazzi" nel tentativo di sostituire o sovrascrivere la realtà della persona. In un certo senso, il gaslightee che sta comunicando il risentimento è punito per aver sollevato le dichiarazioni oi comportamenti del benzinaio. Chiamare qualcuno troppo sensibile o pazzo è molto diverso da una risposta non illuminata dal gas che comunica, "Non ne ho affatto memoria" o "Non intendevo quello." Non è che il benzinaio semplicemente non credono di aver detto o fatto qualcosa, piuttosto, c'è il bisogno di minare e disorientare il gaslightee, criticarlo e insistere sul fatto che mettono in dubbio la propria credibilità.

Se senti di essere tirato per difendere la tua sanità mentale o il tuo valore come persona, o se trovi che la tua autostima precipita quando provi ad inviare un reclamo, chiediti se è possibile che si sia verificata una luce a gas. Per ulteriori informazioni sul perché la gente spenta, come riconoscere i segnali di gaslighting e cosa fare per proteggersi (o riprendersi dagli effetti di) gaslighting, rimanete sintonizzati per i prossimi tre post del blog della serie, "Portare Gaslighting a Leggero."

Solutions Collecting From Web of "Portare Gaslighting alla luce, parte I."