Politica: tre parole che dobbiamo ascoltare di più in politica

Non hai sentito quelle tre parole dei liberali dopo le loro accuse offensive di istigazione della destra alla tragedia di Tucson. Non li hai sentiti da Michele Bachmann dopo la sua revisione del Tea Party in risposta al discorso sullo stato dell'Unione del Presidente Obama. Queste tre parole sono quasi del tutto assenti dal panorama politico. Tuttavia, affinché l'America continui ad ascoltare la sua popolazione, affinché i politici lavorino insieme per trovare soluzioni ai problemi di oggi e che il tono del discorso civile rimanga al di sotto di un ruggito assordante, abbiamo bisogno di ascoltare quelle tre parole più spesso.

Quali sono queste tre parole, chiedi? "Ho sbagliato". Queste tre semplici parole sono assolutamente radioattive nella nostra politicosfera. Politici, esperti, pontificatori e proselitisti sono terrorizzati di pronunciare quelle parole, anche se sono chiamate sul tappeto per affermazioni indicibilmente sbagliate, fatti non fattuali, negazione della realtà e, beh, solo semplici menzogne ​​(e non dimenticare le dannate bugie e statistiche). Anche l'errore (una versione meno dolorosa dell'errore) è così difficile da ammettere che quei membri della politocrazia, quando vengono dipinti in un angolo con le loro taglie, ritornano agli "errori fatti", ormai infami, "quindi distanziandosi semanticamente dagli stessi errori che fecero, in effetti, fatti.

Da dove viene questa avversione per queste tre piccole parole? Sfortunatamente, essere in errore porta con sé un evidente bagaglio di tale peso che quegli abitanti della Beltway credono che saranno schiacciati dal suo peso. A livello psicologico, sbagliare può ferire la propria autostima e far sentire male le persone. Quando quella reazione umana comune viene applicata all'insicuro, all'egomana e al narcisistico che popola la politicosfera, un riconoscimento di scorrettezza è un attacco diretto alla loro incrollabile certezza su tutto ciò in cui credono.

Per i veri credenti (di tutti i tipi), sbagliare è un fallimento che produce un terremoto psichico di magnitudo 8,0 che invierebbe onde d'urto attraverso il loro intero sistema di credenze su cui sono stati costruiti quegli errori. E poiché la loro giustezza è così retta, ammettere altrimenti è un assalto alle loro basi morali. Non sorprende che i sinonimi per torto siano blasfemi, depravati, malvagi, indecenti, empi e malvagi. Chi vorrebbe essere associato a tali parole.

Il prezzo percepito da pagare per essere sbagliato si estende ben oltre le mura della nostra crania. Agli occhi degli altri, si apre la porta alla possibilità che qualsiasi altra cosa dica o faccia possa anche essere sbagliata. E i costi sociali percepiti di confessare il peccato dell'inganno sono devastanti: imbarazzo, vergogna e perdita di stima pubblica, credibilità, autorità e influenza.

Viviamo in una cultura popolare in cui ogni mancanza, di cui è sbagliato uno dei suoi generi più eclatanti, rende un fallimento degno di disonore e ostracismo. Viviamo anche in una cultura dell'eccezionalismo in cui l'ammissione di aver torto è considerata un duro colpo per l'identità nazionale, la stima e l'orgoglio dell'America. E, naturalmente, nella nostra cultura politica, sbagliare diventa un bastone da usare contro i detrattori e i nemici per screditare tutte le future asserzioni e azioni.

Eppure, credo che "cowboying" per essere sbagliato sia in realtà un segno di forza che la maggior parte della gente rispetta e ammira, in particolare contro l'attuale contesto politico di negazione, ignoranza, vittimizzazione, deviazione ed equivoco, che sono tra i peggiori tipi di viltà. Mostra fiducia senza arroganza, riverenza per ciò che è giusto piuttosto che fedeltà a ciò che è opportuno, rispetto per gli altri e rispetto per se stessi.

Tale ammissione dice anche "Sono umano" e affermando che ciò che dovrebbe essere ovvio è, in questi giorni, un atto di coraggio in un mondo politico popolato da molti che hanno l'arroganza di credere di avere l'onniscienza di una divinità piuttosto che i limiti dell'umanità. Infine, essere in grado di dire "Ho sbagliato" dice anche ai detrattori: "Se sono abbastanza forte da ammettere che ho torto, sono abbastanza forte da sopportare i tuoi attacchi al Don Chisciotte".

Credo che ci sia troppo parlare e non abbastanza da camminare qui. E dobbiamo iniziare da qualche parte. Sono pronto a camminare sul tavolo della colpevolezza e ad accettare le conseguenze. All'inizio di questo pezzo ho notato che i liberali non erano d'accordo nel collegare la macchina del rumore di destra alla tragedia di Tucson. Anche se odio ammetterlo, ho bisogno di quelle tre piccole parole in questo momento. Quindi eccoli: "Ho sbagliato". Qualcuno vuole unirsi a me?

Solutions Collecting From Web of "Politica: tre parole che dobbiamo ascoltare di più in politica"