Polifarmacia, PTSD e morte accidentale da farmaci soggetti a prescrizione medica

Polifarmacia, PTSD e morte accidentale da farmaci soggetti a prescrizione medica

Il New York Times del 14 febbraio riporta la preoccupante notizia di un allarmante aumento delle morti per overdose accidentale tra il nostro personale militare in servizio attivo e i nostri veterani di guerra. Il solito scenario è una diagnosi di PTSD (spesso accompagnato da una sindrome del dolore) trattata senza successo con una vasta gamma di farmaci psicotropi, che nel loro insieme finiscono per uccidere il paziente – spesso in giovane età. L'autopsia rivela significativi livelli ematici di farmaci prescritti che riflettono il cocktail di droga pesante e nessun'altra apparente causa di morte.
PTSD / pazienti dolorifici sono spesso prescritti una combinazione di psicotropi che possono includere – un antidepressivo, un antipsicotico, un antiansia, un sonno e un farmaco antidolorifico. A volte, l'enorme carico di farmaci è aggravato ancora di più, sia dalla prescrizione simultanea di più di un farmaco di una determinata classe o dall'auto-medicazione aggiuntiva effettuata dalla condivisione di pillole tra i pazienti.
I singoli psicofarmaci possono avere seri effetti collaterali – in una combinazione eccessiva a volte minacciano la funzione respiratoria e cardiaca in un modo potenzialmente letale. E il tutto è persino più pericoloso della somma delle sue parti poiché i farmaci possono interagire per aumentare i livelli ematici l'uno dell'altro. I farmaci da prescrizione stanno superando le droghe illegali come causa primaria di overdose e morte accidentale.
A suo merito, l'esercito sta prendendo piede e sta cominciando ad avviare procedure per limitare e rivedere la polifarmacia incurante ed eccessiva. Ma questo è un problema difficile senza soluzioni pronte. Alcuni dei fattori coinvolti sono:
1) La prescrizione eccessiva di più farmaci che è anche dilagante nella vita civile. Non esiste una letteratura di ricerca per guidare e limitare la polifarmacia, quindi diventa soggetta al capriccio del singolo medico, spesso sotto la pressione del paziente per il sollievo.
2) PTSD non ha un trattamento farmacologico efficace, incoraggiando l'approccio potenzialmente sparpagliamento sparare potenzialmente di trattare i singoli sintomi individualmente con il proprio farmaco.
3) La recente ubiquità e incuria della prescrizione di pericolosi farmaci per il dolore, che è risultata come un'eccessiva compensazione da parte dell'esercito dopo che in precedenza era stata criticata per essere troppo parsimoniosa nel loro uso.
4) Poiché sono farmaci legali, accessibili e poco costosi, i farmaci per il dolore sono ora un'alternativa allettante all'uso illecito di droghe ricreative, ma con conseguenze pericolose data la loro interazione con altri farmaci psicotropi.
5) La tendenza ad aggiungere sempre e mai al tramonto i farmaci porta al continuo uso di farmaci che non sono stati efficaci, ma si sommerà agli effetti collaterali cumulativi e interagenti. 6) Inseguendo gli effetti collaterali di un farmaco aggiungendone un altro per gestirli – ad esempio se un antidepressivo provoca ansia o insonnia è di solito un errore aggiungere un'altra pillola potenzialmente dannosa per trattare questi effetti collaterali piuttosto che ridurre la dose o provare un altro antidepressivo.
7) Mancanza di personale di salute mentale che si traduce in spinte di pillola piuttosto che un facile accesso al trattamento con una chiara efficacia per la terapia cognitivo comportamentale con PTSD.
8) Dimenticare, l'ingiunzione di Ippocrate di "PRIMA NON FARE DANNO". Questo si è evoluto nell'antica Grecia specificamente per scoraggiare i praticanti dall'essere eccessivamente aggressivi nell'usare trattamenti pericolosi per condizioni che non rispondono (e potrebbero non rispondere bene) agli interventi esistenti. È importante riconoscere che a volte il trattamento diventa peggiore della malattia. Questo è esattamente il nostro moderno dilemma con alcuni casi di PTSD in cui la moderazione è più sicura e salutare di un perfezionismo e perfezionismo del trattamento irragionevole, che può essere costoso e talvolta persino letale.

Nessuno di questi problemi sarà facile da risolvere, ma alcuni passaggi correttivi immediati sembrano ovvi:
1) Migliorare notevolmente la disponibilità di CBT. Se è troppo costoso o difficile reclutare professionisti addestrati per la salute mentale, istruisci la necessaria coorte di medici e paraprofessionisti. La CBT è prontamente insegnabile a coloro che hanno una formazione precedente limitata.
2) Educare i medici sui rischi e sui limiti della polifarmacia sia per il DPTS che per le sindromi dolorose, e in particolare per la combinazione di entrambi.
3) Richiedere spiegazioni speciali dai medici ogni volta che prescrivono più di tre farmaci psicotropi, o prescrivere dosaggi superiori ai dosaggi standard, o prescrivere farmaci con interazioni significative, o prescrivere contemporaneamente due farmaci della stessa classe.
4) Richiedere un controllo automatico e accurato della garanzia della qualità per garantire che vi siano ragioni adeguate per le eccezioni.
5) Le farmacie dovrebbero utilizzare abitualmente gli algoritmi di interazione farmacologica disponibili per individuare dosi pericolose e combinazioni di farmaci e per avvisare i medici.
6) La disintossicazione e la riabilitazione prontamente disponibili dovrebbero essere fornite a coloro che sono diventati dipendenti da prescrizione di farmaci e / o altre sostanze che creano dipendenza.
Questo problema di overdose di prescrizioni nelle forze armate ha il suo parallelo nella vita civile. Le tragiche vittime di overdose in entrambe le sfere rappresentano canarini nella miniera di carbone, solo le vittime più ovvie di quella che è diventata la nostra orgia nazionale per aver usato droghe psicotrope.

Solutions Collecting From Web of "Polifarmacia, PTSD e morte accidentale da farmaci soggetti a prescrizione medica"