Polifarmacia: arte, scienza, molta alchimia

La polifarmacia è diventata così onnipresente che le overdose più accidentali sono ora causate da farmaci da prescrizione che da droghe di strada. Sorge spontanea la domanda se questo uso quasi di routine di più farmaci psicotropi abbia senso? La risposta è mista, a volte sì; spesso forse; e troppo spesso, no. La polifarmacia a volte è assolutamente indicata come standard di pratica; a volte è un'arte clinica di ultima istanza necessaria per problemi altrimenti intrattabili; a volte è un segno di scarsa prescrizione e pensiero magico simile all'alchimia.

Le migliori indicazioni per la polifarmacia sono poche e ben stabilite: 1) depressione bipolare; 2) depressione psicotica o agitata; 3) condizioni di co-morbidità che richiedono farmaci indipendenti (ad es. ADD e depressione maggiore); 4) Quando la risposta parziale al primo farmaco richiede l'aggiunta di un altro in modo congiunturale; e 5) Quando c'è una combinazione di problemi psichiatrici e di dolore.

C'è una via di mezzo in cui la polifarmacizzazione è desiderabile (forse anche necessaria), ma deve essere praticata come una forma d'arte senza linee guida chiare basate sulla ricerca. Questo perché la ricerca sulla polifarmacia è così molto scomoda e costosa, che richiede un numero elevato di cellule e una dimensione di campione enorme. La polifarmacia artistica è più necessaria e di successo quando un paziente con un problema particolarmente difficile o non rispondente incontra un clinico con abilità speciali nell'adattamento personalizzato di un regime farmacologico multiplo per produrre una felice combinazione di efficacia ottimale e minimi effetti collaterali.

Sfortunatamente, però, una grande quantità di polifarmacanza manca di rima apparente, ragione o razionale. Diverse trappole portano a tale polifarmacia alchemica: 1) I farmaci che non hanno funzionato affatto sono continuati indefinitamente anche quando vengono aggiunti nuovi farmaci; 2) I farmaci vengono somministrati per inseguire gli effetti collaterali degli altri farmaci che il paziente sta assumendo; 3) I farmaci sono prescritti per ogni singolo sintomo che il paziente presenta; 4) Alcuni praticanti hanno le loro combinazioni preferite (spesso mutevoli) che danno a quasi ogni paziente; 5) Il paziente riceve trattamenti non coordinati erogati da diversi medici (in particolare un problema per chi riceve dolore o medicina del sonno indipendentemente prescritta dal medico di base e 6) Alcuni pazienti cercano più farmaci (in particolare un problema per il dolore e l'attenzione prescritti deficit di droga).

Recentemente, l'esercito americano ha riportato un allarmante aumento delle morti per overdose in pazienti che ricevevano alte dosi di farmaci multipli e interagenti. La polifarmacia è stata un problema per 30 anni, ma sembra essere ancora più comune e pericolosa ora che mai a causa di: 1) L'uso massiccio di farmaci antidolorifici che sono sinergicamente sedativi con farmaci psicotropi; 2) Il marketing aggressivo delle aziende farmaceutiche che promuovono un uso eccessivo dei loro prodotti; 3) Una riduzione delle risorse di psicoterapia; 4) La tendenza a trattare sintomi individuali non sindromi; 5) L'incapacità di somministrare alla monoterapia una buona probabilità a causa di una dose e di una durata inadeguate;
6) La polifarmacia è diventata uno stile di pratica incontrastato; 7) I pazienti sono più alla ricerca di droghe a causa della pubblicità e della seduttività dei farmaci antidolorifici; e infine 7) Un fallimento nell'accettare che alcuni pazienti semplicemente non rispondono bene a nessun farmaco e che accumulare più farmaci può causare più danni che benefici.

I problemi causati dalla polifarmacia sono chiari; la loro soluzione molto meno. È improbabile che la ricerca clinica possa marciare in soccorso: gli studi sono troppo difficili da fare. Il miglior make-up è il controllo di qualità di prim'ordine utilizzando gli indicatori di destinazione integrati nel record elettronico del paziente. Tutti i pazienti in polifarmacia dovrebbero essere taggati e monitorati a intervalli frequenti e regolari per garantire che vi sia un appropriato razionale clinico per ciascun farmaco e una revisione della sua efficacia, degli effetti collaterali e delle possibili interazioni farmaco / farmaco.

Una nota cautelativa: per i pazienti al momento con molti farmaci e preoccupati se questa sia una buona idea. Prima di tutto, non cambiare nulla da solo. Potresti aver bisogno di tutti i farmaci che stai assumendo e / o potresti avere problemi di astinenza se ti fermi all'improvviso. Chiedi al tuo medico di rivedere i farmaci con te, discutere il loro ruolo attuale e fare piani per possibili aggiustamenti futuri. Un secondo parere può essere utile se non si sta migliorando o se si hanno molti effetti collaterali o se si continua a non comprendere la motivazione di tutti i farmaci che si stanno assumendo. . La polifarmacia potrebbe essere giusta per te, ma è sempre bene essere informati e assicurarsi che abbia senso.

Solutions Collecting From Web of "Polifarmacia: arte, scienza, molta alchimia"