Podcast Teaser: Love, un'indagine scettica

[dalla guest blogger e podcast co-conduttrice Julia Galef]

Ehi, lettori razionali! Sono onorato di essere il blogger ospite di Massimo e co-conduttore del prossimo podcast Rationally Speaking per gli scettici di New York. Dal momento che il nostro secondo episodio è programmato per trasmettere la settimana di San Valentino, non abbiamo potuto resistere al fare l'argomento di questo spettacolo, "The Skeptic's Guide to Love".

Mi rendo conto che sollevare questo argomento rischia di alimentare il malinteso diffuso e irritante che "scettico" = "cinico guastafeste", che è l'ultima cosa che voglio fare. Quindi, per favore lascia che il disco mostri che sono appassionatamente favorevole all'amore. (Anche pro-gentilezza, pro-maternità e pro-cuccioli, nel caso qualcuno tenga traccia.)

Eppure … proprio come altri fenomeni misteriosi e inspiegabili (vedi: "coscienza"), l'amore fa raggiungere le persone per le spiegazioni metafisiche, e questo mi porta a raggiungere i miei strumenti per lo skep. Ho notato che molte persone sembrano pensare all'amore come una sorta di essenza immateriale che è presente o assente, come l'anima. Per loro, "amore" non è solo il nome che diamo a un certo insieme di emozioni, è un'altra entità del tutto, di cui le emozioni sono solo un sintomo. Ecco perché senti le persone parlare di come fanno o non "credono nell'amore", o di sapere se l'amore esiste – di nuovo, in modo simile al modo in cui la gente parla dell'anima.

Tuttavia, come buoni scettici, cosa facciamo di fronte a un fenomeno misterioso e inspiegabile? Cerchiamo spiegazioni! La scienza ha già trovato correlazioni tra particolari ormoni e certe forme o stadi dell'amore. La dopamina è associata all'ossessione romantica e all'ossitocina e alla vasopressina con attaccamento a lungo termine. I biologi evoluzionisti hanno anche alcune teorie sul perché l'amore si è sviluppato (il legame di coppia era necessario per elevare il nostro giovane umano indifeso, per esempio).

Ma la scienza sarà mai in grado di spiegare l'amore? Non importa quante correlazioni troviamo tra l'attività cerebrale e l'amore, la correlazione non è causalità. Si potrebbe anche obiettare che, proprio come gli altri qualia, l'esperienza reale dell'essere innamorati è un fenomeno soggettivo e privato che non può mai essere studiato scientificamente perché ogni occorrenza del fenomeno ha un solo osservatore.

A parte: gli scienziati non sono gli unici che hanno cercato di spiegare l'amore. I filosofi da quando i greci hanno anche considerato il loro dominio. Personalmente, non penso che la filosofia sia in grado di contribuire con qualcosa di utile alla discussione. (Stai per non essere d'accordo con me su questo, non sei Massimo? Portalo!)

[Nota di Massimo: beh, la filosofia non suppone di "spiegare" le cose nel modo in cui la scienza fa, si suppone che rifletta sulle cose e analizzi i loro significati per l'esperienza umana.]

Infine, cosa succederebbe se potessimo spiegare l'amore scientificamente: cambierebbe il nostro atteggiamento nei suoi confronti? La consapevolezza che questa sensazione trascendente è generata dalla presenza di una particolare sostanza chimica nel nostro cervello sminuisce la trascendenza? E se fossimo costretti ad ammettere che i concetti di "anima gemella" o "vero" amore non hanno senso, ci piacerebbe meno profondamente?

Massimo e io abbiamo i nostri pensieri in merito, naturalmente, ma vogliamo sentire i vostri. Lasciaci i tuoi commenti qui sotto, cari lettori, e non vediamo l'ora di discuterli nell'episodio n. 2 di Rationally Speaking: The Podcast!

-Julia

Solutions Collecting From Web of "Podcast Teaser: Love, un'indagine scettica"