PMS e insonnia: cosa fare?

PMS e insonnia: cosa fare?

L'insonnia, un problema fin troppo comune, è solitamente attribuita a stress, depressione, ansia, consumo di alcol o caffeina, scarsa igiene del sonno, sindrome delle gambe senza riposo e apnea notturna. Ormonalmente, le anomalie della tiroide e livelli insolitamente bassi di melatonina possono causare anche l'insonnia. Mentre tutte queste sindromi dovrebbero essere considerate nel valutare l'insonnia, il ruolo che la sindrome premestruale e gli ormoni femminili (progesterone, estrogeni) giocano nell'insonnia viene discusso raramente.

sfondo

Nelle donne sane i disturbi del sonno si verificano due volte più spesso degli uomini. L'insonnia è spesso più comune nelle 1-2 settimane prima dell'inizio delle mestruazioni (fase luteale del ciclo), rispetto alla prima metà del ciclo mestruale. Il ruolo di regolazione del sonno degli ormoni femminili appare ancora più grande nelle donne con PMS (noto anche come PMDD, disturbo disforico premestruale) e nelle donne nelle fasi post-menopausa e postpartum del ciclo riproduttivo.

La scoperta più comune negli studi sulle donne mestruate in buona salute è una riduzione del sonno dei sogni (sonno REM) nella fase luteale del ciclo mensile. Il sonno REM di solito si verifica al momento della notte quando la temperatura corporea è più bassa, ma il progesterone aumenta la temperatura corporea, quindi (presumibilmente) riducendo il sonno REM. È possibile che le variazioni nel progesterone (che agisce in qualche modo come atti del valium, nel recettore GABA-a) e nei suoi metaboliti possano influenzare direttamente la qualità del sonno o attraverso gli effetti sulla temperatura corporea. In breve, sembra che il progesterone, l'ormone che sale a livelli molto alti (nella seconda metà del ciclo) per preparare le donne alla gravidanza, aiuti le donne ad addormentarsi meglio e a dormire meglio (ma a sognare di meno).

La melatonina, l '"ormone del sonno", sembra intimamente coinvolta nell'asse ormonale femminile. Sorprendentemente, i recettori per gli ormoni femminili e la melatonina si trovano entrambi nelle stesse aree del cervello, e la melatonina si trova persino nel liquido ovarico umano! La relazione tra melatonina, sebbene molto rilevante, è chiaramente complessa. In alcuni studi il progesterone e la melatonina si oppongono l'un l'altro e in altri studi supportano le azioni l'uno dell'altro. L'estrogeno, d'altra parte sembra ridurre l'azione della melatonina.

Donne con PMS

Nelle donne con PMS, i disturbi del sonno sono molto comuni nella seconda metà del ciclo mestruale (rispetto alla prima metà del ciclo) e il sonno dei sogni è ridotto. Studi hanno documentato che le donne con PMS hanno livelli più bassi di progesterone verso la fine del ciclo rispetto alle loro controparti sane, e ho visto questo nella mia pratica. Livelli più bassi di allopregnenolone (un prodotto di degradazione del progesterone che aiuta a bloccare l'ansia) si trovano anche nelle donne con PMS, così come i livelli più bassi di attività del recettore GABA. Il GABA sta calmando e riduce l'ansia.

È stato anche documentato un timing anormale della secrezione di melatonina nella PMS ed è possibile che ciò sia correlato alla ridotta disponibilità di serotonina durante la seconda metà del ciclo mestruale. La ridotta serotonina potrebbe causare una minore produzione di melatonina e potrebbe essere il risultato di una maggiore infiammazione nel corpo, poiché è noto che l'infiammazione blocca la produzione di serotonina nel cervello. I mediatori infiammatori (famiglia TGF-beta-1) sono coinvolti in processi che controllano lo sviluppo del follicolo ovarico, la culla dell'uovo.

Si tratta di cose piuttosto complesse, e siamo lontani dal comprendere tutte o anche la maggior parte delle interazioni, ma chiaramente i dati indicano che molti sistemi corporei si intersecano tra i cicli riproduttivo e sonno.

Cosa si può fare?

Nonostante la mancanza di chiarezza sui meccanismi, l'insonnia associata alla sindrome premestruale è piuttosto curabile se viene effettuata un'attenta valutazione.

Se pensi di avere PMS, segui attentamente i tuoi cicli mestruali e stati d'animo su un grafico per tre mesi. Prendi i tuoi ormoni femminili misurati più volte durante la prima metà e la seconda metà del ciclo, utilizzando campioni di sangue o campioni di saliva, assicurandoti di misurare gli ormoni ipofisari (FSH e LH) nel sangue almeno una volta ogni metà del ciclo. Misura la tua melatonina nella seconda metà del ciclo attraverso il test della saliva e registra ciò che stai mangiando durante quel periodo del tuo ciclo. Rivista anche se notate più fastidi e dolori durante quel periodo di tempo, poiché questo indica una componente infiammatoria, che abbassa la serotonina cerebrale. Questo approccio ti aiuterà a essere sicuro che sia PMS e che aiuti a far luce su cosa fare.

Alcune donne con PMS beneficiano della terapia della luce con umore migliorato, forse attraverso il suo effetto sui ritmi biologici, il timing migliorato dell'output surrenalico o il rilascio di melatonina. La privazione del sonno (dormire da 3-7 AM) sembra normalizzare i ritmi circadiani e il sonno REM, oltre a migliorare l'umore durante la seconda metà del ciclo mestruale, tuttavia questo trattamento è stato studiato solo per brevi periodi di un giorno. Gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI) sono anche efficaci nel trattamento della sindrome premestruale.

L'integrazione con progesterone è molto spesso utile se si hanno carenze di progesterone documentate o eccessi di estrogeni. I livelli di melatonina possono essere misurati durante la notte e la melatonina può essere efficace nell'alleviare l'insonnia della sindrome premestruale. I cambiamenti nella dieta possono essere indicati se i dolori e i dolori (che indicano un processo infiammatorio) sono un sintomo significativo, poiché la riduzione dell'infiammazione aumenta la capacità del cervello di produrre serotonina e melatonina e mantenere un buon umore e bassi livelli di ansia.

Vai a www.wholepsychiatry.com per maggiori informazioni sul webinar "Ormoni femminili".

Solutions Collecting From Web of "PMS e insonnia: cosa fare?"