Pistole o niente pistole per quelli con malattie mentali?

Qual è la risposta alla prevenzione della violenza giovanile e scolastica?

Adobe license 240_F_45125995_yDQlnkHYkxvkIVuSy0t8QPgcT5kWVzEJ

Fonte: licenza Adobe 240_F_45125995_yDQlnkHYkxvkIVuSy0t8QPgcT5kWVzEJ

Un’altra sparatoria a scuola ha chiesto a tutti, “Perché?”, Ma anche: “Cosa possiamo fare di questi orribili assalti ai bambini e ai loro insegnanti?” La risposta è complessa.

Lo studio dell’ACE del CDC ha mostrato la connessione tra il trauma nell’infanzia e vari esiti negativi nel corso della vita. Questi includono problemi comportamentali, malattie mentali, dipendenze, comportamenti negativi per la salute e problemi di salute fisica. Ulteriori ricerche mostrano che i risultati negativi possono includere aggressività e violenza durante la vita, a meno che non ci sia qualcuno che interrompa l’evento traumatico e fornisca una buona cura al bambino.

Il secondo dibattito che si verifica ogni volta che c’è una sparatoria di massa è se implementare leggi sul controllo delle armi “di buon senso”, come controlli di fondo più approfonditi. Questo è un ottimo posto per iniziare il nostro dialogo sulle armi; tuttavia, c’è molto di più che noi, come società, possiamo fare per prevenire questi eventi tragici.

I malati di mente dovrebbero avere accesso alle pistole? Qui è dove ci manca una parte dell’immagine. I sintomi della malattia mentale NON sono gli stessi dei fattori di rischio per la violenza verso gli altri, né la malattia mentale viene misurata o curata con gli stessi metodi della violenza. La malattia mentale può essere o meno un fattore di rischio di violenza. Ci sono fattori di rischio molto ricercati per la violenza, e vediamo questi fattori più e più volte quando i media cominciano ad autopsia le storie di questi tiratori. Non tutti i malati di mente sono pericolosi, e non tutte le persone pericolose sono malate di mente.

I fattori di rischio per la violenza includono, ma non sono limitati a:

  • Goffaggine sociale
  • Rifiuto dal loro gruppo di pari
  • Tratti narcisistici
  • Cattiva gestione della rabbia
  • Malattia mentale attiva, non curata, grave o disturbo dello spettro autistico
  • Scuola grave o difficoltà di lavoro
  • Comunicazioni violente
  • Bassa tolleranza alla frustrazione
  • Forte interesse per le armi e / o il lato “più oscuro” della società
  • Una grave perdita che disturba l’ego o il senso di sé

Propongo che chiunque abbia commesso un atto violento in passato e / o abbia diversi fattori di rischio per la violenza dovrebbe avere una valutazione completa del rischio e un piano di riduzione del rischio generato. Inoltre, la ricerca indica che i fattori di rischio variano a seconda del sottogruppo età, sesso e tipo di violenza. Ci sono due sottogruppi di coloro che sono violenti: 1) quelli che sono coinvolti penalmente, e 2) quelli che sono gravemente malati di mente (eruttivi) e hanno fattori di rischio per la violenza. Gli assassini di massa sono spesso di tipo eruttuoso.

Ci sono meno di quattro strumenti di valutazione del rischio di violenza convalidati per giovani utilizzati negli Stati Uniti. Questi includono il SAVRY (Dr. Randy Borum, 1999), LS-CMI (Andrews & Bonta. 1995), PCL-YV (Dr. Hare, 2008 ) e CARE-2 (Dr. K. Seifert, 2007). Tutti gli strumenti di rischio convalidati utilizzano fattori di rischio simili. Questi strumenti si trovano più spesso nei sistemi di giustizia penale che in quelli di salute mentale. Le valutazioni sono un buon inizio, ma non sono sufficienti. Bisogna sapere come intervenire al meglio quando c’è il rischio di pericolosità.

Le valutazioni e gli interventi di trattamento per il rischio di violenza sono diversi da quelli usati per problemi di salute mentale. Il fornitore, il consulente, l’insegnante, il preside, il medico, l’ospedale o il personale delle forze dell’ordine devono sapere quando e come indirizzare qualcuno per una valutazione completa del rischio e un piano di riduzione del rischio. Inoltre, tutte le discipline di cui sopra devono lavorare insieme come una squadra per fermare queste tragedie, perché questi giovani ad alto rischio sono spesso coinvolti in molteplici agenzie pubbliche. Ogni pronto soccorso dovrebbe avere anche uno strumento di rischio rapido e facile.

Molti sulla strada per diventare un assassino di massa non hanno ancora violato la legge. Tuttavia, possono venire a conoscenza di un medico, di un abuso di sostanze o di un fornitore di salute mentale. Spetta a coloro che operano nel campo della salute e dei servizi sanitari comportamentali acquisire una formazione per identificare quegli individui a rischio con uno strumento rapido e valido e per sapere come attuare o riferire un giovane per un piano di riduzione del rischio. Se il trattamento è efficace, può prevenire una tragedia come le recenti riprese a scuola.

Ogni scuola nel paese ha potenzialmente accesso ai fondi federali per mettere strumenti di valutazione del rischio nelle loro scuole. La chiave è usare uno strumento validato piuttosto che crearne uno, usarne uno sul CDC Compendium o usarne uno senza convalida.

I servizi di salute mentale basati sulla scuola sono essenziali per fornire valutazioni e interventi per potenziali criminali giovanili in cui la maggior parte di essi sono: nelle scuole. L’espulsione dalla scuola senza l’obbligo di una valutazione del rischio e un piano di riduzione del rischio per tornare a scuola non è realmente efficace e inaccettabile.

La valutazione e il trattamento per questo gruppo sono molto specializzati e richiedono una formazione in metodi forensi e approcci al trattamento. È anche necessario che tutti i terapeuti scolastici siano formati per fornire questi servizi. Tuttavia, il trattamento obbligatorio per coloro a rischio di pericolosità è ancora un argomento molto controverso. La domanda che sorge è: possiamo violare i diritti di una persona prima che abbiano commesso un crimine? Forse no, ma possiamo richiedere una valutazione e un trattamento per tornare a scuola o al lavoro. Dobbiamo discutere queste domande ampiamente e pubblicamente.

Dov’è la “linea” tra rischio alto, medio o basso di pericolosità? Solo la ricerca può dircelo. Il Canada fornisce sovvenzioni per questa ricerca e dobbiamo fare lo stesso negli Stati Uniti

Inoltre, la violenza giovanile è spesso il risultato di abusi sui minori, negligenza o violenza domestica a casa o nel vicinato durante la prima infanzia. Il trauma di essere stato brutalizzato da bambino lascia un giovane vulnerabile a ripetere la violenza che ha visto a casa e dirigerlo verso gli altri.

In conclusione, ci sono una varietà di strategie per aiutare a prevenire terribili atti di violenza da parte dei giovani. Dobbiamo aumentare la nostra capacità di fornire questi servizi in ogni comunità.

Solutions Collecting From Web of "Pistole o niente pistole per quelli con malattie mentali?"