Pillole e parlare

IGNORAZIONE PROFESSIONALE o puro pregiudizio ….? Una recente dichiarazione fatta da uno psicologo – apparentemente parlando autorevolmente per quel particolare ramo della scienza medica – annuncia che ora si ritiene che i problemi psicologici possano essere meglio aiutati non solo dalla prescrizione di Pills, ma indulgendo in "Talk" con il paziente .

Questa è davvero un'affermazione piuttosto sorprendente, se non ignorante, da parte di un medico contemporaneo, tenendo presente che entro la fine del XIX secolo e l'inizio del 20, la scienza medica che si occupa di mente, cervello e comportamento – ora noto come Psicologia / Psichiatria – è iniziato davvero.

Fu al primo congresso internazionale di psicoanalisi tenutosi a Vienna nel 1908, che il primo tentativo coordinato della professione medica di esaminare seriamente la natura della vita mentale – come spiegare una mentalità "sana" in contrapposizione a quella "disfunzionale" – era davvero in corso … .. e Sigmund Freud e Carl Gustav Jung erano i due medici più importanti a guidare la Convenzione. Eppure, mentre entrambi gli uomini hanno lavorato in accordo all'inizio, le loro opinioni sulla natura delle forze mentali interne responsabili di ogni singolo Sé umano – per carattere, personalità, atteggiamento, significato e senso di scopo nella vita …. presto divergono in modo significativo.

Anche così, entrambi hanno usato lo stesso metodo di "guarigione" – Talk. Di conseguenza, il mobile più importante nell'ufficio del medico era il divano. Le sedute rilassate del paziente sul lettino costituivano i principali mezzi di trattamento. Lui o lei starebbe sdraiato, mentre il dottore ha scelto il momento per iniziare a porre domande significative a lui o lei …. avviare un dialogo (Talk) sapientemente strutturato dallo psicologo per portare gradualmente il paziente a una piena consapevolezza degli atteggiamenti mentali negativi e positivi – sentimenti e pensieri sia consci che inconsci – che stavano plasmando la natura della sua personalità , carattere e visione della vita. Freud e Jung hanno iniziato questo metodo psichiatrico nella convinzione che fosse solo quando tale autocoscienza è stata raggiunta …. che i pazienti potessero diventare criticamente consapevoli della natura dei problemi psicologici da cui stavano soffrendo … e potrebbe quindi essere portato a capire come e perché non potrebbero funzionare adeguatamente all'interno della gamma generale della normale coscienza umana. Di conseguenza, era compito dello psicologo – attraverso innumerevoli ore di conversazione – portarli a pensare e sentire ai livelli, e ai problemi, che costituivano la funzione di una coscienza normale; rendersi conto di come l'intera gamma della propria "umanità" non sia stata realizzata coscientemente.

Con questo risultato sono diventati normalmente "interi" …. realizzando una consapevolezza più completa della propria identità personale: sono diventati "individuati" …. come lo chiamava Jung.

A volte queste sedute andavano avanti per mesi, così profondamente radicate nella psiche erano i malfunzionamenti associati a forme psicotiche, schizofreniche e altre forme di disturbo mentale. Ma è stato attraverso queste "sessioni di discussione" che lo psichiatra ha portato il paziente a una vera consapevolezza dell '"io" – al riconoscimento della sua identità personale.

Jung ha visto le difficoltà insite in questo comune viaggio psicologico – se non spirituale – mentale: nelle richieste conflittuali di ego, auto-orgoglio, guadagno materiale, egoismo, avversione e odio, ecc …. contro quelli di compassione, amore, valori caritatevoli, altruismo nella ricerca di un bene superiore, empatia per il destino degli altri … .; li ho visti come costituenti l'essenza della coscienza umana. E sapeva che se questa lotta incorporata tra questi due lati della psiche umana non fosse stata né riconosciuta, né coinvolta, allora un certo grado di equanimità, insieme con un senso di responsabilità, significato e scopo, non sarebbe parte di una persona la maggior parte dell'esperienza umana della vita.

E una "pillola"? È probabile che una pillola possa raggiungere tali livelli di restauro mentale; portare a termine il percorso intenzionale e completo della coscienza che ho cercato di descrivere?

Dove sono stati i nostri sostenitori della pillola di dottorato negli ultimi cinquant'anni?

Carl Gustav Jung nacque in Svizzera nel 1875 e morì nel 1961, circa quindici anni dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale. Sembra essere più o meno dimenticato.

Solutions Collecting From Web of "Pillole e parlare"