Piangere per la salute mentale?

Goethe scrisse sul pianto: "Non sono le lacrime che piangiamo a farci male, ma colui che lottiamo per non piangere perché gocciolano nei nostri cuori tristi e stanchi".

Uno dei nostri più profondi bisogni umani deve essere compreso. Quindi, naturalmente, ne consegue che una delle esperienze più dolorose nella vita di ogni giorno è essere fraintesa. E un sacco di incomprensioni si verificano intorno all'atto di piangere.

Le persone hanno diverse interpretazioni di cosa significa piangere. E quelle interpretazioni divergenti possono essere una fonte di dolore interpersonale. L'angoscia del matrimonio di un cliente illustra questo principio. "Josie", come la chiamerò, andrebbe spesso in chiesa con suo marito, sperando che l'esperienza condivisa possa sostenere la loro vicinanza. Il guaio era che ogni volta che si strappava il timore e la gratitudine nel servizio, suo marito si sentiva preoccupato e angosciato. Non importava quanto spesso lei gli dicesse che era FELICE e che le sue lacrime non erano qualcosa di cui preoccuparsi, ma gioiosa, continuava a desiderare che non piangesse. Cercava sempre di fermarsi quando si sentiva vicino alle lacrime. Così entrambi finirono per sentirsi frustrati l'uno con l'altro invece dell'armonia desiderata. Josie ha avuto lo stesso problema con gli altri quando hanno frainteso le sue lacrime. Josie prese le distanze da un'amica quando aveva queste lacrime gioiose e una compagna di classe seduta accanto a lei si chinò per sussurrarle all'orecchio: "Se hai bisogno che qualcuno parli, sono disponibile." Sapeva che la donna stava cercando di essere gentile , ma ha completamente frainteso le lacrime.

Un altro esempio dimostra i diversi significati del pianto, e quindi le diverse risposte al pianto. Proprio la scorsa settimana sono andato a una conferenza ed ero così colpito dai diversi modi in cui due dei presentatori hanno risposto alle loro stesse lacrime. Uno si permetteva di essere presente con se stesso con i suoi sentimenti di gratitudine, tenerezza, persino amore, mentre si strappava alla standing ovazione che gli veniva data. Un altro presentatore, anche lui commosso, ha continuato a cercare di fermare le sue lacrime e ha fatto commenti auto-denigratori, esprimendo preoccupazione per il fatto che non sarebbe stata in grado di completare la sua presentazione se avesse pianto.

Così spesso incontro, sia nella stanza della terapia, sia nella vita "esterna" che le persone sono confuse riguardo al semplice atto di piangere. Devo ammettere che sono molto sensibile all'argomento, visto che sono un banditore. Ma di solito piango solo quando provo intensa gioia, amore, tenerezza e meraviglia. La tristezza, la normale tristezza quotidiana, non mi trova mai a piangere. Solo la perdita cataclismica mi fa piangere, e poi non sono solo le lacrime a gocciolare, ma a singhiozzare.

Alcune persone, di solito, ma certamente non sempre, piangono quando sono arrabbiate. La loro rabbia si fonde con disperazione e / o senso di colpa e vergogna per essere arrabbiata. Possono anche essere estremamente ansiosi nel mostrare rabbia. E, naturalmente, molte persone piangono con gravi perdite.

E poi ci sono quelli che piangono perché sono (inconsapevolmente) sperando di ricevere affetto e cura, e hanno imparato che non funziona per loro chiedere direttamente. E raramente, molto raramente, qualcuno può intenzionalmente cercare di manipolare un altro per provare sensi di colpa, sperando di "fare" l'altro come vuole.

Molte convinzioni limitanti possono essere incorporate in preoccupazioni per piangere. Ognuno è unico e ha le proprie ragioni per arrivare alla propria interpretazione del significato del pianto, ma alcune credenze comuni sono:

1. È "debole" piangere. Significa che la persona non è in uno stato o sentimento "potente". "La vulnerabilità" è cattiva.

2. Se uno non condanna i sentimenti vili e vulnerabili, crescerà e crescerà. (La mentalità "Ricarica la verga, rovina il bambino").

3. Si può rimanere "bloccati" nei sentimenti vergognosi.

4. Uno non sarà in grado di sentirsi di nuovo potente.

5. Uno è "negativo" e quindi "cattivo".

Suggerimenti per piangere dalla tristezza

Il pianto può essere l'atto più forte di auto-guarigione e auto-cura. Le lacrime di dolore nutrono i semi della crescita. L'opposto diretto dell'autocommiserazione, il pianto sano è il metodo naturale di auto-rinnovamento.

Ma come piangi è cruciale.

  1. Piangi da solo quando non sei preoccupato di come sembri con gli occhi che colano o le labbra gonfie
  2. Scegli un momento in cui non sarai interrotto
  3. Non tentare di trattenere le lacrime o di trattenere ciò che il naturale processo di lutto tenta di espellere
  4. Riconoscere il dolore che causa le lacrime; piangere pienamente, in modo ampio e profondo.

Consentendo a te stesso una così profonda espressione di tristezza, metti un valore alle tue emozioni. Piangere senza inibizioni, in privato, conferma l'importanza delle tue emozioni.

Credo che nelle parole della canzone, "C'è un tempo per piangere e un tempo per ridere; un tempo per piangere e un tempo per ballare ". Quindi quando hai voglia di piangere, piangi. Qualunque cosa significhi per te.

Solutions Collecting From Web of "Piangere per la salute mentale?"