Più prove che i vantaggi del contatto pelle a pelle I cervelli dei bambini

Eyalos/Shutterstock
Fonte: Eyalos / Shutterstock

Negli ultimi anni, un'ondata di prove empiriche ha identificato l'importanza del precoce contatto pelle a pelle per ottimizzare gli esiti dello sviluppo neurologico dei neonati più avanti nella vita. Il delicato contatto pelle a pelle è particolarmente importante per lo sviluppo cerebrale di neonati pretermine che spesso trascorrono i loro primi giorni o settimane di vita in unità di terapia intensiva neonatale (NICU), secondo un nuovo studio pubblicato il 16 marzo sulla rivista Current Biology .

Per questo studio, i ricercatori perinatali guidati da Nathalie Maitre del Nationwide Children's Hospital e dal Vanderbilt University Medical Center hanno misurato varie risposte del cervello di 125 bambini utilizzando un cap elettroencefalogramma (EEG) morbido e confortevole. Le coorti di studio comprendevano bambini nati pretermine a un'età gestazionale di 24-36 settimane e neonati a termine congeniti da 38 a 42 settimane.

Maitre et al. ha scoperto che le prime esperienze di un bambino di essere toccato modellano l'impalcatura somatosensoriale del cervello legata allo sviluppo cognitivo, percettivo e sociale. I ricercatori concludono che il contatto umano fisico rilassante e confortante migliora gli esiti dello sviluppo neurologico, specialmente per i 15 milioni di bambini nati prematuramente ogni anno.

Le esperienze somatosensoriali perinatali che includono il contatto pelle a pelle sembrano essere fondamentali per lo sviluppo del cervello sano a lungo termine. In una dichiarazione a Cell Press , disse Maitre,

"Fare in modo che i bambini prematuri ricevano un tocco positivo e di supporto come la cura della pelle da parte dei genitori è essenziale per aiutare il loro cervello a rispondere a un tocco gentile in modo simile a quelli dei bambini che hanno vissuto un'intera gravidanza nel grembo della madre.

Quando i genitori non riescono a farlo, gli ospedali potrebbero voler prendere in considerazione terapisti occupazionali e fisici per fornire un'esperienza tattile attentamente pianificata, a volte mancante in un ambiente ospedaliero. "

Le ultime scoperte di Maitre e del suo team confermano le precedenti scoperte di altri ricercatori perinatali sui benefici del contatto pelle a pelle e "Kangaroo Care" (pelle a pelle nella tasca della camicia del genitore per almeno un'ora) ogni volta possibile. Kangaroo Care (noto anche come "KC") è un metodo di caregiving originariamente sviluppato per gestire il rischio di ipotermia nei bambini prematuri nati in Columbia, dove c'è carenza di incubatrici e madri o padri usano spesso il proprio calore corporeo per mantenere il loro i bambini scaldano

Il contatto pelle a pelle e "Kangaroo Care" migliorano il legame genitore-bambino

I risultati iniziali di uno studio in corso, "Lo stress dei genitori prima e dopo il contatto pelle-a-pelle nelle UTIN", sono stati presentati nel 2015. I ricercatori hanno scoperto che piccole dosi di coccole intime tra madri e bambini possono contribuire notevolmente alla riduzione livelli di stress materno dopo un parto pretermine. Sfortunatamente, questo legame tattile precoce viene spesso interrotto dai severi requisiti medici di un'unità di terapia intensiva neonatale.

In una dichiarazione dell'ottobre 2015 all'American Academy of Pediatrics (AAP), la neonatologa Natalia Isaza Brando del Children's National Health System di Washington, DC, ha dichiarato:

"Sappiamo già che ci sono benefici fisiologici nei neonati quando vengono trattati pelle a pelle, come stabilizzazione della frequenza cardiaca, schemi respiratori e livelli di ossigeno nel sangue, guadagni nel tempo e nel peso del sonno, diminuzione del pianto, maggiore successo dell'allattamento al seno e prima dimissione ospedaliera.

Ora abbiamo più prove che il contatto pelle a pelle può anche diminuire lo stress genitoriale che può interferire con il legame, la salute e il benessere emotivo, e le relazioni interpersonali dei genitori, così come i tassi di allattamento al seno. Questa è una tecnica semplice per aiutare sia i genitori che i bambini che forse dovrebbero essere incoraggiati in tutte le UTIN ".

La cura del canguro è diventata sempre più popolare per i neonati, in particolare i neonati pretermine o con basso peso alla nascita. Durante il KC un bambino viene tenuto pelle a pelle contro il petto di un adulto, di solito uno dei genitori. Idealmente, la cura del canguro inizia immediatamente dopo la nascita e continua il più regolarmente possibile durante lo sviluppo postnatale. Anche i brevi periodi di KC sono risultati vantaggiosi sia per i bambini che per i genitori su una varietà di livelli, specialmente durante i primi 28 giorni di vita.

Nel 2014, uno studio del Dr. Ruth Feldman, professore alla Bar-Ilan University, e colleghi hanno riferito che il contatto pelle-a-pelle materno-pretermine ha migliorato l'organizzazione fisiologica e il controllo cognitivo dei neonati prematuri durante i primi 10 anni di vita. I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista Biological Psychiatry.

Le nascite premature sono una preoccupazione per la salute in tutto il mondo. Sebbene la medicina moderna abbia sostanzialmente aumentato il numero di neonati prematuri sopravvissuti, molti soffrono di difficoltà cognitive a lungo termine e di anormalità nei sistemi neurobiologici. Le ultime ricerche suggeriscono che il tempo trascorso in terapia intensiva neonatale, in cui i prematuri sono spesso privati ​​di un contatto gentile, amorevole, pelle a pelle, può interrompere le risposte allo stress e i circuiti neuronali.

Sulla base delle ultime prove empiriche, Nathalie Maitre e colleghi stanno perfezionando modi nuovi per facilitare in modo sicuro un maggior contatto pelle a pelle nelle UTIN. Stanno anche studiando l'interazione tra la risposta del cervello di un bambino al tatto e la sua risposta al suono calmante della voce di una persona. Resta sintonizzato per una ricerca più all'avanguardia su questo argomento.

Solutions Collecting From Web of "Più prove che i vantaggi del contatto pelle a pelle I cervelli dei bambini"