Più distruttivo di bugie

Spesso vediamo il processo in cui la disfunzione è nascosta, dove ai miti viene detto ai bambini di nascondere i fatti e la realtà della loro situazione. Sono questi processi che sono spesso più dannosi, più distruttivi delle vere bugie. Sono questi processi che possono condurre una persona all'angoscia mentale e persino a quella che chiamiamo "pazzia". Vediamo situazioni in cui le persone vengono abusate e trascurate dalle loro famiglie e queste esperienze sono rimodellate per apparire come qualcosa di diverso da quello che sono. Vediamo individui così disperati e disperati da cercare qualsiasi mezzo per sfuggire alla sofferenza solo per un momento, e la fuga è spesso attraverso metodi autodistruttivi.

Morris è abbandonato dai suoi genitori biologici; viene quindi posto in un contesto di affidamento. I genitori adottivi accettano di adottare Morris e gli dicono: "Ci prenderemo cura di te, ti amiamo molto". I genitori adottivi non indicano che in realtà stanno solo cercando l'incentivo finanziario fornito dallo Stato per trattenerlo. Quando i genitori adottivi si separano, il padre diventa violento e lo manda a vivere per le strade. Attraverso l'abuso, la madre adottiva si rasa e non intraprende alcuna azione per affrontare l'abuso o proteggere Morris dal padre violento. Nessuno conosce l'abuso, è tenuto a porte chiuse, la famiglia è attiva nella propria comunità religiosa, il padre è coinvolto in vari progetti civici e funzioni comunitarie. Sono considerati "persone simpatiche e regolari", ma dietro le porte chiuse della loro casa si trova un'altra storia, quella che conduce Morris alla più grande angoscia.

James vive in un quartiere della classe medio-alta. Viene fornito molto in termini di ricchezza materiale, ma emotivamente è privato. Suo fratello ha un ruolo glorioso e molte aspettative sono rivolte al fratello. Il padre è emotivamente violento e spesso distante. La madre fa scuse per il padre o cerca di rimodellare gli eventi che James ha vissuto. La madre è un maestro della mistificazione. Nella comunità, presentano una buona "immagine pubblica". Il fratello inizia a ribellarsi e automaticamente inizia a definirsi "il problema" mentre la madre cerca di scoprire perché è così arrabbiato e depresso e gli fa indossare un farmaco psichiatrico. James comincia a sentire che molta attenzione, anche se negativa, è stata deviata a suo fratello, così inizia a recitare. Fa esperimenti con gli psicofarmaci di suo fratello e poi passa alla sperimentazione con altri farmaci. Cerca di riempire il vuoto nella sua vita con le droghe. I genitori, in particolare la madre, iniziano a preoccuparsi di come saranno percepiti nella comunità dai loro figli "indisciplinati". Decidono che sarebbe buono per preservare l '"integrità" della loro famiglia per mandare James lontano per vivere con altri parenti. Non mettono in relazione con i parenti le circostanze delle sfide di James e non osano dire ai loro amici e ai vicini perché è partito. Invece, loro dicono: "Oh, James, va in vacanza per un po ', sta visitando la zia e lo zio". Sentendosi abbassata la stima e precipitando ulteriormente allontanandosi, così come l'impatto di molte droghe, James entra in uno stato psicotico. La zia e lo zio non hanno idea di cosa fare e chiamano i genitori. I genitori e la zia e lo zio, senza che James lo sappia, lo fanno ammettere in un ospedale psichiatrico. Il ciclo di ospedalizzazione psichiatrica continua e ogni volta la storia rimane che è "in vacanza" o "visita qualcuno". Nel frattempo tra i ricoveri e la sua confusione, si concede relazioni superficiali, avendo rapporti sessuali non protetti e dedicandosi a più droghe con i cosiddetti "amici" perché si è sentito abbandonato dalla sua famiglia e si è alienato dal mondo che lo circonda. . Alla fine, la storia delle "vacanze" ha esaurito la sua utilità e dal momento che le domande cominciano a sorgere da familiari, amici e vicini di casa, è necessario sviluppare una nuova storia. La famiglia inciampa in una nuova e meravigliosa storia: facciamogli ammalare. Se possiamo dire che è malato, allora la gente avrà pietà di lui e di noi. Quindi, da quel giorno in avanti, James si dice che sia malato. James ha una rottura terribile con una ragazza e in questo va su tutte le furie, diventando suicida, litigando con sua madre e entrando di nuovo in uno stato psicotico. Si dice che sia la sua malattia. Lo stesso James comincia ad apprezzare questa idea di essere malato, poiché scopre che può manipolare le situazioni, scusarsi per le scelte sbagliate e scappare da situazioni difficili e impegnative dicendo che è malato. Quindi, malato rimane. Mentre le domande vengono dall'esterno per spiegare questa malattia e come alcuni dettagli attentamente custoditi vengono conosciuti, James rimane agitato e escogita i mezzi per fuggire da queste persone e da queste domande. Si è educato bene sulla sua malattia e si imbatte negli altri come un "esperto" su tutte le questioni ad esso relative. Se non può semplicemente fuggire, allora può presentare questa "informazione esperta" e sperare che porti le persone fuori strada. Parla di voler essere separato dalla sua famiglia, di allontanarsi dalle tipiche aspettative della società, tuttavia rimane attaccato alla sua famiglia solo per ragioni finanziarie. Fa il discorso di voler essere separato, ma in realtà non può vivere senza le sue 'cose'. Quindi, anche James proietta un'immagine pubblica di essere questa persona desiderosa di uno stile di vita bohémien, ma in realtà riceve felicemente tutto ciò che i genitori gli offrono finanziariamente.

E così è con l'entanglement che creiamo. Può essere molto facile per le persone separarsi dalla persona o dalle persone che hanno contribuito alla loro angoscia, ma questa separazione si chiama liberazione? La liberazione arriva solo quando siamo in grado di affrontare la verità, di confrontare la nostra esperienza e di disimparare tutto ciò che si diceva fosse detto e tutti i messaggi di chi eravamo detti. Quindi possiamo ricominciare la vita, non è un compito facile.

Solutions Collecting From Web of "Più distruttivo di bugie"