Più dibattito sulla cosiddetta dipendenza da zucchero e cibo

Un post recente che ho scritto sulla dipendenza da zucchero e se esiste o meno sembra toccare un nervo. Alcuni lettori hanno concordato con la conclusione della recente revisione nel "Journal of Clinical Nutrition", che ha esaminato 160 studi sull'argomento e ha concluso che non vi era "alcun supporto dalla letteratura umana" per affermare che lo zucchero crea dipendenza, o che giochi un ruolo nei disturbi alimentari.

Altri, tuttavia, hanno scritto perplessi, poiché hanno letto di esperimenti che sono giunti alla conclusione opposta. E tutto quello che serve è una rapida occhiata online e una scansione della TV di realtà per sapere che parlare di dipendenza da cibo e zucchero è dilagante.

Un ricercatore che sta conducendo interessanti studi di laboratorio con i ratti è lo psicologo di Princeton, Bart Hoebel. Ha dimostrato che se vengono privati ​​del cibo per un giorno, poi bevono una soluzione di saccarosio con il loro cibo, i ratti iniziano a fare baldoria di zucchero ogni giorno. La dopamina è rilasciata nel cervello, simile alla risposta osservata negli esseri umani dipendenti da droghe. Dopo alcune settimane di abbuffate quotidiane, il loro cervello mostra adattamenti neurochimici, ancora una volta, simili ai cervelli degli esseri umani tossicodipendenti.

Ma lo psicologo David Benton, ricercatore dell'Università di Swansea, specializzato in influenze dietetiche sull'umore e sulla funzione cognitiva, suggerisce che solo quando lo zucchero viene somministrato in "un modo altamente prescritto e insolito", come ha fatto Hoebel negli studi sui ratti, "è ha riferito che i segni di dipendenze si verificano ". Egli osserva che lo studio potrebbe anche essere visto come facendo presupporre che l'abbuffata comporta solo una preferenza per il cibo dolce, quando in realtà cibi salati, ricchi di grassi o altri appetibili possono essere ugualmente interessanti per abbuffate mangiatori.

Ciò che è interessante è l'affermazione di Benton che la dieta non è necessariamente un precursore del binge eating. Ma per quanto riguarda i bulimici e gli abbuffati, che si trasformano in disordini alimentari sempre più gravi proprio da tali cicli di fame / abbuffata? Gli studi sui ratti di Hoebel possono riflettere con precisione il comportamento di almeno un certo segmento di mangiatori di binge e bulimici.

In ogni caso, puoi vedere come la ricerca di Hoebel possa supportare la vera e propria diluvio di chat che stiamo ascoltando in questi giorni a proposito della dipendenza da zucchero e cibo in generale.

Poi, diverse settimane fa, i risultati di uno studio biennale della Yale University sono stati pubblicati negli "Archives of General Psychiatry" che affermavano, per la prima volta, di separare i cosiddetti "tossicodipendenti" dai ricevitori. Lo studio ha sottoposto 39 donne a un'immagine di un milkshake. Quindici di loro mostravano una risposta neurologica notevolmente maggiore all'immagine, proprio come l'immaginario di alcol attiva i centri di ricompensa nel cervello degli alcolizzati.

I ricercatori hanno notato che, proprio come con le persone che abusano di alcol o droghe, non esiste un'unica spiegazione o soluzione alla cosiddetta dipendenza da cibo. Gli psichiatri che hanno condotto lo studio di Yale hanno aggiunto che né la chirurgia gastrica-bypass né i cambiamenti dello stile di vita erano probabilmente una soluzione a lungo termine alla dipendenza da cibo e che "l'attuale enfasi sulla responsabilità personale … può avere un'efficacia minima. "

Questo ci preoccupa: che tipo di messaggio è questo per dare a milioni di persone che lottano con l'eccesso di cibo, una percentuale significativa di chi, se le scoperte dello studio sono accurate, sono dipendenti dal cibo? Senza una qualche forma di speranza, è una diagnosi crudele.

La differenza tra alcol e tossicodipendenza è che se le persone riescono in qualche modo a non entrare in un bar, in una casa di crack, nelle braccia del loro rivenditore o in altre situazioni pericolose, vivranno ancora. I cosiddetti tossicodipendenti non possono astenersi dalla loro dipendenza e vivono ancora. Come dice Marcia, "Un approccio a questo dibattito è che non ha importanza. Viviamo in un mondo di cibo e dobbiamo mangiare e gestire il nostro desiderio di abbuffare. Questo è diverso dal fumo e dall'alcool dove il tacchino freddo funziona perché non abbiamo bisogno di queste sostanze per vivere ".

Gli esperti di disturbi alimentari, compresi i consulenti nutrizionali come Marcia e i programmi ospedalieri e residenziali, utilizzano un tipo di terapia espositiva. L'obiettivo, dice Marcia, "è di mostrare ai pazienti che non ingrassano quando mangiano zucchero (o qualunque cosa tendano ad abbuffarsi) in quantità ragionevole. L'altro obiettivo è mostrare ai pazienti che possono mangiare quantità ragionevoli di zucchero o altri alimenti altamente appetibili quando mangiano regolarmente "piuttosto che in uno schema caotico o di abbuffata ed epurazione.

Nel mio prossimo post, parlerò della mia intervista Chevese Turner, fondatrice e CEO della Binge Eating Disorder Association (BEDA). Chevese ha molti pensieri interessanti sulle implicazioni per chi mangia binge di questa recente ricerca sulla cosiddetta dipendenza da zucchero e cibo.

Stai attento,

Nancy

Solutions Collecting From Web of "Più dibattito sulla cosiddetta dipendenza da zucchero e cibo"