Più che un'immagine: diventare consapevoli del proprio corpo dall'interno

Una delle conseguenze del vivere in una società satura di immagini è che molti di noi sviluppano una relazione piuttosto superficiale e orientata all'immagine con i nostri corpi. La nostra esposizione quasi continua a pubblicità, TV, film, internet e altri media ci addestra a vedere, capire e sperimentare il nostro corpo come "immagini in movimento", cioè come immagini da mostrare agli altri, piuttosto che come spostando casa e terra del nostro essere.

Guardarsi allo specchio è la prima cosa che fanno molte donne dopo essersi alzate dal letto la mattina. Questo rituale quotidiano apparentemente innocuo è solo uno dei modi in cui ci identifichiamo con le nostre apparenze fisiche. Con il tempo, molti di noi diventano più investiti in ciò che noi sembriamo che in ciò che siamo. Le donne in particolare imparano a vedere e sperimentare noi stessi attraverso gli occhi degli altri (o dell'obiettivo di una macchina fotografica), e misuriamo la nostra bellezza e bontà basandoci su facciate poco profonde. A seconda di quanto permettiamo alle immagini prodotte in serie di influenzare la nostra auto-percezione, possiamo in gran parte trascurare la nostra vita interiore e limitare la nostra auto-riflessione agli spietati (e spesso crudeli) esami che eseguiamo di fronte allo specchio.

È difficile sentirsi a proprio agio in un corpo che è costantemente auto-scrutato e percepito come perennemente in mostra per gli altri. Inoltre, questa preoccupazione / identificazione con il modo in cui ci appare ci disconnette da come i nostri corpi si sentono all'interno.
E se invece di concentrare le nostre energie sul nostro aspetto esteriore, prestassimo maggiore attenzione alla nostra esperienza sensoriale interiore? In effetti, un aspetto essenziale della pratica della pace con il tuo corpo, che è il tema di questa serie di blog (iniziata il 19 gennaio), sta spostando la tua attenzione da come il tuo corpo guarda all'esterno a come ci si sente dall'interno.

Ci sono diversi modi per farlo. Uno dei più facili è concentrarsi sul respiro per aiutarti a prendere coscienza della tua esperienza fisica interna. Puoi farlo sedendo o sdraiandoti in silenzio e indirizzando la tua attenzione sulla sensazione del tuo corpo che tira dentro l'aria, e lasciandola fuori. Questo può sembrare abbastanza facile, ma nella nostra sbrigativa cultura sovradimensionata, il semplice atto di stare seduti o sdraiati abbastanza a lungo per osservare il ritmo e la sensazione del tuo respiro è un atto radicale di gentilezza nei confronti del tuo corpo che richiede qualche sforzo.

Una volta che hai trovato una posizione solida ma comoda, che ti permette di rilassarti e di respirare naturalmente dalla pancia inferiore, chiudi gli occhi per filtrare le distrazioni esterne e focalizzare la tua attenzione verso l'interno. Passa alcuni minuti sentendo il tuo corpo inspirare ed espirare. Se la tua mente inizia a vagare, come probabilmente lo farà, semplicemente restituisci la tua attenzione al tuo respiro, sentendoti inalare ed espirare. A poco a poco, quindi, lascia che la tua consapevolezza si espanda in modo da farti notare che altro (cioè, oltre alla respirazione) sta accadendo nel tuo corpo. Gentilmente, senza giudizio, puoi semplicemente osservare le sensazioni fisiche che stai vivendo in questo momento. Usando il respiro per ancorare la tua consapevolezza all'interno del tuo corpo, nota se senti dolore, disagio o tensione. Il tuo corpo nel complesso è rilassato? Ansioso? Stanco? Stretto? Hai lo stomaco affamato o pieno (o nessuno dei due)? Riesci a percepire il sottile ma vitale campo energetico che pervade la tua intera forma fisica, animando ogni organo, cellula e arto? Fondamentalmente, il tuo corpo è una danza di miliardi e miliardi di particelle in movimento. Vedi se riesci a percepire l'energia di quel movimento. Potresti avvertire un leggero formicolio o ronzio o qualche altra sensazione in cui la tua consapevolezza è concentrata.

Rallentare abbastanza a lungo da essere presente alla tua respirazione e controllare come tutto il tuo corpo sente dall'interno è un'abilità che si sviluppa con la pratica. Se ti senti frustrato o distratto, o senti di non averlo, non preoccuparti. Prenditi il ​​tuo tempo e / o riprova questo esercizio più tardi (o domani) per darti la possibilità di imparare come ci si sente a sperimentare la tua forma fisica dall'interno. (Per ulteriori esercizi progettati per aumentare la tua capacità di vivere comodamente nel tuo corpo, vedi il mio libro The Religion of Thinness: Soddisfare la fame spirituale dietro l'ossessione delle donne con cibo e peso).

Spesso, la nostra attenzione è così preoccupata del nostro aspetto esteriore che molti di noi non sono abituati a sintonizzarsi su ciò che Eckart Tolle chiama il "corpo interiore" (vedi The Power of Now, Capitolo 6). Anni di esposizione a immagini e messaggi dei media che ci incoraggiano a identificarci con il nostro aspetto fisico ci hanno insegnato a vivere principalmente nella nostra testa, dove esprimiamo giudizi sul nostro valore (o sulla sua mancanza) in base a ciò che assomigliamo. Eppure questa semplice pratica di stare seduti o sdraiati per qualche istante può, con il tempo, insegnarti a prestare attenzione al tuo corpo in un modo nuovo, uno che ti permette di abitarlo più pienamente, spostare la tua energia fuori dalla tua testa nel tuo tutto il corpo e trasforma il tuo atteggiamento di giudizio verso te stesso in uno di compassione e presenza.

Fortunatamente, puoi provare questo esercizio quasi sempre e ovunque, non solo quando sei seduto o sdraiato tranquillamente. Che tu sia bloccato nel traffico, seduto al computer o piegato il bucato, puoi sempre spostare l'attenzione verso l'interno prendendo alcuni respiri consapevoli e diventando presente alla tua esperienza fisica in quel momento.

Sviluppare una consapevolezza della propria esperienza sensoriale interna può aiutarvi a discernere ciò di cui il vostro corpo ha realmente bisogno nel regno del desiderio. Nel suo eccellente libro What a Body Knows (www.whatabodyknows.com), il filosofo e ballerino Kimerer LaMothe fa il caso di recuperare la saggezza del corpo agendo / muovendosi in modi che si armonizzano con i movimenti interni del corpo, specialmente i suoi desideri per il cibo , sesso e spirito.

LaMothe riconosce come la nostra cultura ci addestra a ignorare la vita interiore del nostro corpo incoraggiandoci a muoversi e ad agire secondo schemi mentali, come se i nostri corpi fossero burattini e noi burattinai. In un blog intitolato "Movement Manifesto 1" (http://www2.psychologytoday.com/blog/what-body-knows/200910/movement-manifesto-part-1-2), LaMothe osserva:

Nella nostra epoca contemporanea, il movimento è stato cooptato dal linguaggio dell'esercizio e della forma fisica e moralizzato in un compito che dovremmo svolgere. Ci congratuliamo con noi stessi quando riusciamo a spronare in azione i nostri corpi apparentemente pigri, e poi a misurare i minuti trascorsi, i chilometri percorsi e le calorie contate. Trattiamo i nostri corpi come animali domestici che dobbiamo mettere alla prova, così continueranno ad obbedire ai nostri comandi. Guadagniamo la nostra giusta ricompensa nel vestire abiti, criceti o concezioni di bellezza che ci feriscono.

Come sottolinea LaMothe, tale addestramento culturale ci allontana dalla saggezza dei nostri corpi, in particolare dalla saggezza dei nostri desideri di cibo, sesso e spirito. Questa alienazione dà origine a una cultura di dieta, divorzio e antidepressivi, tutti sintomi del modo in cui abbiamo perso il contatto con i nostri impulsi interiori attraverso i nostri tentativi di controllarli e contenerli. Proprio come contare le calorie distorce la nostra capacità di notare la fame e la soddisfazione della fame, così la sensazione della nostra società sul sesso come piacere estremo ci disconnette dal nostro bisogno di contatto fisico e connessione.

Il recupero della saggezza interiore del corpo ci impone di sintonizzarci sulla nostra esperienza sensoriale, di prestare attenzione alla vita interiore del nostro corpo. Invece di trattare i nostri desideri fisici come forze indisciplinate che devono essere domate, possiamo imparare a sperimentare questi desideri come guide per darci la soddisfazione che cerchiamo. Se ci sintonizziamo con i nostri corpi interiori, ci diranno di cosa abbiamo bisogno e come muoverci in modi che ci lascino legati a noi stessi e al mondo che ci circonda.

Per praticare la pace con i nostri corpi dobbiamo imparare come relazionarci con loro più che un'immagine. Abbiamo bisogno di superare la nostra fissazione con il modo in cui guardiamo e approfondiamo l'esperienza profonda e potente dell'essere (in) una forma fisica. Così facendo, poniamo fine al ciclo di identificazione femminile con l'apparenza, creiamo un apprezzamento spirituale della nostra fisicità e impariamo a godere di quale dono può essere il nostro corpo.

Solutions Collecting From Web of "Più che un'immagine: diventare consapevoli del proprio corpo dall'interno"