Phubbing: l'abitudine al telefono # 1 di cadere per migliori relazioni

Matthew Kane/Unsplash
Fonte: Matthew Kane / Unsplash

Il phubbing è la pratica di snobbare gli altri a favore dei nostri telefoni cellulari. Siamo stati tutti lì, come vittima o perpetratore. Potremmo non accorgerci nemmeno più di quando siamo stati "phubbati" (o stiamo facendo il phubbing), è diventata una parte normale della vita. Tuttavia, studi di ricerca stanno rivelando il profondo impatto che il phubbing può avere sulle nostre relazioni e sul nostro benessere.

C'è un'ironia nel phubbing. Quando guardiamo i nostri telefoni, ci connettiamo spesso con qualcuno sui social media o tramite messaggi di testo. A volte, sfogliamo le nostre foto nel modo in cui una volta giravamo le pagine degli album fotografici, ricordando i momenti con le persone che amiamo. Sfortunatamente, tuttavia, questo può disturbare gravemente i nostri rapporti attuali, presenti e di persona, che tendono anche a essere i nostri più importanti.

La ricerca dimostra che il phubbing non è innocuo, ma gli studi fino ad oggi indicano anche la strada verso una relazione più sana con i nostri telefoni e tra loro.

Cosa ci fa il phubbing

In uno studio intitolato "La mia vita è diventata una grande distrazione dal mio cellulare", Meredith David e James Roberts suggeriscono che il phubbing può portare a un declino in uno dei rapporti più importanti che possiamo avere da adulto: quello con il nostro compagno di vita.

Secondo il loro studio su 145 adulti, il phubbing diminuisce la soddisfazione coniugale, in parte perché porta a conflitti per l'uso del telefono. Gli scienziati hanno scoperto che abbassando la soddisfazione coniugale, il phubbing influenzava la depressione e la soddisfazione della vita di un partner. Uno studio di follow-up condotto da scienziati cinesi ha valutato 243 adulti sposati con risultati simili: il phubbing del partner, in quanto associato a minore soddisfazione coniugale, ha contribuito a una maggiore sensazione di depressione.

Il Phubbing modella anche le nostre amicizie casuali. Non sorprendentemente a chiunque sia stato fregato, gli utenti telefonici sono generalmente considerati meno educati e attenti. Non dimentichiamo che siamo estremamente in sintonia con le persone. Quando gli occhi di qualcuno vagano, intuitivamente sappiamo quali studi del cervello mostrano anche: la mente sta vagando. Ci sentiamo inascoltati, mancati di rispetto e disattesi.

Una serie di studi ha mostrato che solo avere un telefono e presentarsi durante una conversazione (ad esempio sul tavolo tra di voi) interferisce con il senso di connessione con l'altra persona, i sentimenti di vicinanza vissuti e la qualità della conversazione. Questo fenomeno è particolarmente vero durante le conversazioni significative: perdi l'opportunità di una vera e autentica connessione con un'altra persona, il principio fondamentale di ogni amicizia o relazione.

In effetti, molti dei problemi con l'interazione mobile riguardano la distrazione dalla presenza fisica di altre persone. Secondo questi studi, le conversazioni senza smartphone presenti sono valutate come di qualità significativamente superiore rispetto a quelle con gli smartphone in giro, indipendentemente dall'età, dall'etnia, dal sesso o dall'umore delle persone. Ci sentiamo più empatici quando gli smartphone vengono messi via.

Questo ha senso. Quando siamo al telefono, non guardiamo le altre persone e non leggiamo le loro espressioni facciali (lacrime agli occhi, cipiglio, sorrisi, ecc.). Non sentiamo le sfumature nel loro tono di voce (era tremante per l'ansia?), O notiamo la loro postura del corpo (accasciata e triste, o eccitata ed entusiasta?).

Non c'è da meravigliarsi se il phubbing nuoce alle relazioni.

La via del phubbed

Che cosa tendono a fare le persone "phubbed"?

Secondo uno studio pubblicato a marzo di quest'anno, essi stessi iniziano a rivolgersi ai social media. Presumibilmente, lo fanno per cercare l'inclusione. Potrebbero rivolgersi al proprio cellulare per distrarsi dai sentimenti molto dolorosi di essere socialmente trascurati. Sappiamo dalla ricerca sull'imaging cerebrale che i registri esclusi sono un vero e proprio dolore fisico nel cervello. A loro volta, i ragazzi chiarificati diventano più propensi ad attaccarsi ai loro telefoni in modi malsani, aumentando così le proprie sensazioni di stress e depressione.

Uno studio su Facebook dimostra che il modo in cui interagiamo su Facebook influenza se ci fa sentire bene o male. Quando usiamo i social media solo per guardare passivamente i post degli altri, la nostra felicità diminuisce. Un altro studio ha dimostrato che i social media ci rendono davvero più soli.

"È ironico che i telefoni cellulari, originariamente progettati come uno strumento di comunicazione, possano effettivamente ostacolare piuttosto che favorire la connessione interpersonale" scrivono David e Roberts nel loro studio "Phubbed and Alone". I loro risultati suggeriscono la creazione di un circolo vizioso: A l'individuo fremente si rivolge ai social media e il loro comportamento compulsivo li porta presumibilmente a trascinare gli altri – perpetuando e normalizzando la pratica e il problema del "phubbing".

"È ironico che i telefoni cellulari, originariamente concepiti come uno strumento di comunicazione, possano effettivamente ostacolare piuttosto che favorire la connessione interpersonale" -Meredith David e James Roberts

Perché le persone entrano nell'abitudine del phubbing in primo luogo? Non sorprende che la paura di perdere e la mancanza di autocontrollo predicono il phubbing. Tuttavia, il predittore più importante è la dipendenza: dai social media, al telefono cellulare e a Internet. La dipendenza da Internet ha correlazioni cerebrali simili a forme fisiologiche, come la dipendenza da eroina e altre droghe ricreative. L'impatto di questa dipendenza è particolarmente preoccupante per i bambini il cui cervello e le abilità sociali sono ancora in via di sviluppo.

Nicholas Kardaras, ex professore clinico di Stony Brook Medicine e autore di Glow Kids , arriva a paragonare lo screen time alla cocaina digitale. Considera questo: l'impulso a controllare i social media è più forte della voglia di sesso, secondo una ricerca dell'Università di Chicago, Wilhelm Hoffman.

Questi risultati non sorprendono: decenni di ricerche hanno dimostrato che il nostro più grande bisogno dopo cibo e riparo è per connessioni sociali positive con altre persone. Siamo profondamente persone sociali per le quali la connessione e il senso di appartenenza sono cruciali per la salute e la felicità. (In realtà, la sua mancanza è peggiore per te del fumo, della pressione alta e dell'obesità). Quindi, a volte erriamo. Cerchiamo una connessione sui social media a costo di opportunità face-to-face per una vera intimità.

Come smettere di fregare le persone

La consapevolezza è l'unica soluzione per prevenire il phubbing. Sappi che ciò che guida te e gli altri è il desiderio di connettersi e di appartenere. Mentre potresti non essere in grado di controllare il comportamento degli altri, tu stesso hai l'opportunità di modellare qualcosa di diverso.

La ricerca di Barbara Fredrickson, splendidamente descritta nel suo libro Love 2.0 , suggerisce che l'intimità avvenga nei micro-momenti: parlare a colazione, lo scambio con il ragazzo dell'UPS, il sorriso di un bambino. La chiave è essere presenti e consapevoli. Uno studio rivelatore ha dimostrato che siamo più felici quando siamo presenti, indipendentemente da ciò che stiamo facendo. Possiamo essere presenti con la persona di fronte a noi in questo momento, non importa chi sia?

Gli studi di Paula Niedenthal rivelano che la forma più essenziale e intima di connessione è il contatto visivo. Eppure i social media sono principalmente verbali. Le ricerche condotte da scienziati, come Dacher Keltner e altri del GGSC, hanno dimostrato che la postura e le più minute espressioni facciali (il serrarsi delle labbra, i piedi di corvo degli occhi sorridenti, le sopracciglia rovesciate in segno di comprensione o scuse) comunicano più delle nostre parole.

La cosa più importante è che sono alla base dell'empatia – la capacità di percepire ciò che un'altra persona sta provando – che è così importante per un'autentica connessione umana. La ricerca mostra che l'altruismo e la compassione ci rendono anche più felici e più sani e possono persino allungare le nostre vite. La vera connessione prospera su presenza, apertura, osservazione, compassione e – come Brené Brown ha così meravigliosamente condiviso nel suo TED talk e nel suo best seller Daring Greatly – vulnerabilità. Ci vuole coraggio per connettersi con un'altra persona in modo autentico, ma è anche la chiave per la realizzazione.

Cosa fare se sei stato fregato

Che cosa succede se sei stato fregato? Pazienza e compassione sono fondamentali qui. Comprendere che probabilmente il phubber non lo fa con intenzioni malevole, ma sta seguendo un impulso (a volte irresistibile) per connettersi. Proprio come te o te, il loro obiettivo non è escludere. Al contrario, stanno cercando una sensazione di inclusione. Dopo tutto, uno studio sociologico rivelatore mostra che la solitudine sta aumentando a un ritmo allarmante nella nostra società.

Inoltre, età e genere giocano un ruolo nelle reazioni delle persone al phubbing. Secondo gli studi, i partecipanti più anziani e le donne sostengono un uso del telefono più limitato nella maggior parte delle situazioni sociali. Gli uomini si differenziano dalle donne per il fatto che considerano le telefonate più appropriate in quasi tutti gli ambienti, compresi – e questo è abbastanza scioccante – le impostazioni intime. Allo stesso modo, nelle aule scolastiche, gli studenti maschi trovano che il phubbing è molto meno inquietante delle loro controparti femminili.

Forse anche peggio che disconnetterci dagli altri, tuttavia, la dipendenza da Internet e il phubbing ci disconnettono da noi stessi. Immersi in un mondo virtuale, ci incurviamo su uno schermo, sforziamo inutilmente i nostri occhi e ci sintonizziamo completamente dai nostri stessi bisogni – per il sonno, l'esercizio fisico e persino il cibo. Uno studio inquietante indica che per ogni minuto che passiamo online per il tempo libero, non stiamo solo compromettendo le nostre relazioni, stiamo perdendo anche tempo prezioso per l'auto-cura (ad esempio, il sonno, le attività domestiche) e la produttività.

Quindi, la prossima volta che stai con un altro umano e ti senti tentato di tirare fuori il tuo telefono – basta. Mettilo via. Guardali negli occhi e ascolta ciò che hanno da dire. Fallo per loro, fallo per te, fallo per rendere il mondo un posto migliore.

Una versione di questo articolo è apparsa per la prima volta sul Greater Good Science Center.

Solutions Collecting From Web of "Phubbing: l'abitudine al telefono # 1 di cadere per migliori relazioni"