Peter Kinderman sulla British Psychological Society

Eric Maisel
Fonte: Eric Maisel

La seguente intervista fa parte di una serie di interviste sul "futuro della salute mentale" che durerà per oltre 100 giorni. Questa serie presenta diversi punti di vista su ciò che aiuta una persona in difficoltà. Ho mirato ad essere ecumenico e ho incluso molti punti di vista diversi dal mio. Spero che vi piaccia. Come per ogni servizio e risorsa nel campo della salute mentale, si prega di fare la dovuta diligenza. Se desideri saperne di più su queste filosofie, servizi e organizzazioni menzionati, segui i link forniti.

**

Intervista a Peter Kinderman

EM: Sei il presidente eletto della British Psychological Society. Come può un individuo in difficoltà emotiva o mentale fare uso di ciò che la British Psychological Society ha da offrire?

PK: The British Psychological Society è l'organismo professionale per psicologi nel Regno Unito, quindi rappresenta psicologi clinici e di altro tipo, ma aiuta anche a promuovere il lavoro degli psicologi accademici, diffonde la parola sulla scienza psicologica e aiuta i membri del pubblico saperne di più su questo argomento affascinante.

Penso che, in tutta onestà, il primo posto in cui qualcuno in difficoltà emotiva dovrebbe trasformarsi è i loro cari, e quindi usare professionisti … almeno qui nel Regno Unito, dove il nostro piuttosto meraviglioso servizio sanitario nazionale offre un accesso abbastanza buono alla salute e al sociale professionisti della cura Quindi, in parte, il ruolo della British Psychological Society è di mantenere tutti questi standard – fare pressione sul governo e le organizzazioni sanitarie sull'uso e la qualità degli psicologi, per garantire che l'insegnamento e la formazione siano leader mondiali in termini di qualità, e per garantire che le persone utilizzino la scienza di alta qualità. Ma la British Psychological Society può aiutare le persone a trovare uno psicologo (c'è una funzione di ricerca sul nostro sito web), ha molte informazioni sulla psicologia e sulla salute mentale e, soprattutto, stiamo producendo opuscoli informativi di alta qualità, scritti per pubblico

EM: Specificamente, puoi descrivere alcuni dei report gratuiti (in realtà documenti a lunghezza di libro) che la British Psychological Society ha commissionato e prodotto?

PK: Quindi abbiamo prodotto una serie di rapporti su tutta una serie di problemi. Dovrei menzionare alcuni dei miei preferiti personali. Abbiamo documenti di posizione sull'uso della tortura negli interrogatori (abbiamo preso posizione su questo argomento molti anni fa), abbiamo fatto alcuni commenti sostanziali sulla diagnosi e in particolare sulla pubblicazione del DSM-5. Abbiamo anche alcuni documenti utili sulla formulazione, un'abilità chiave per gli psicologi. I documenti più lunghi – i libri, in realtà – su oscillazioni d'umore angoscianti ("disturbo bipolare") e psicosi sono particolarmente importanti, però.

Questi documenti sono scritti per il pubblico in generale (non per accademici o professionisti). Quindi, mentre esaminano la ricerca più recente in ciascun argomento, inseriscono anche questa ricerca in un contesto comprensibile. Pensiamo che siano documenti positivi – mentre chiariscono che questi problemi possono essere molto seri per alcune persone (e sosteniamo che molto più denaro dovrebbe andare alla ricerca e alla cura di persone con problemi di salute mentale), sottolineiamo anche che questi tipi di problemi – spesso considerati semplicemente sintomi inspiegabili della malattia – possono essere compresi da una prospettiva psicologica. Le persone meritano di far comprendere le loro esperienze in un vero approccio bio-psico-sociale. Troppo spesso, questo viene ignorato a favore di quello che è un modello riduzionista, biomedico, e le nostre relazioni sono scritte per dare un'immagine più arrotondata, più scientifica, più empatica e più ottimistica.

EM: Come ti piacerebbe vedere migliorare o cambiare il nostro attuale modello dominante di "diagnosi e trattamento dei disturbi mentali"?

PK: Credo che i servizi di salute mentale dovrebbero essere basati sulla premessa che le origini del disagio sono in gran parte sociali. L'idea guida alla base dei servizi di salute mentale deve cambiare da un presupposto che il nostro ruolo consiste nel trattare la "malattia" con l'apprezzamento che il nostro ruolo è di aiutare e sostenere le persone che sono angosciate a causa delle loro circostanze di vita e come hanno fatto senso di e reagito a loro.

Ciò significa anche che dovremmo sostituire "diagnosi" con descrizioni chiare dei problemi. Dobbiamo smettere di considerare il vero disagio emotivo delle persone semplicemente come il sintomo di "malattie" diagnostabili. Ciò non significa rigettare il rigore o il metodo scientifico, anzi il contrario. Possiamo definire direttamente i problemi delle persone – è ciò che fanno gli scienziati – e questo avrebbe una maggiore validità scientifica e sarebbe più che sufficiente come base per la pianificazione della cura individuale e per la progettazione e la pianificazione dei servizi.

I nostri servizi sanitari dovrebbero ridurre drasticamente la nostra dipendenza dai farmaci per affrontare il disagio emotivo. Non dovremmo guardare ai farmaci per "curare" o anche "gestire" le "malattie" sottostanti inesistenti. Dobbiamo offrire servizi che aiutino le persone ad aiutarsi reciprocamente piuttosto che a privarle di potere: servizi che facilitano l''agenzia' personale in gergo psicologico. Ciò significa coinvolgere una vasta gamma di operatori sociali e psicologi in team multidisciplinari e promuovere soluzioni psicosociali piuttosto che mediche. Laddove è necessaria una terapia individuale, dovrebbero essere disponibili a tutti le terapie psicologiche efficaci, formulate (e quindi personalizzate su misura). Quando le persone sono in crisi acuta, potrebbe essere necessaria assistenza residenziale, ma questo non dovrebbe essere visto come un problema medico.

Adottare questo approccio porterebbe a un passaggio fondamentale dal punto di vista medico a quello psicosociale. E poiché le esperienze di abbandono, rifiuto e abuso sono estremamente importanti nella genesi di molti problemi, dobbiamo raddoppiare i nostri sforzi per affrontare i problemi di fondo di abuso, discriminazione e disuguaglianza sociale.

EM: Puoi parlarci un po 'dei libri recenti che hai scritto?

PK: Beh, ho scritto due libri. Il primo "The New Laws of Psychology" discusse il ruolo di "natura" e "educazione". Ho approfondito una discussione che ho fatto su un giornale, dove ho sostenuto che (naturalmente) fattori biologici, fattori sociali, fattori circostanziali – il nostro apprendimento come esseri umani – ci influenzano mentre questi fattori esterni influiscono sui processi psicologici chiave che ci aiutano costruisci il nostro senso di ciò che siamo e il modo in cui il mondo funziona. Questo è importante, per me, perché spiega come la natura e l'educazione siano bloccate in ciò che ho definito una "danza complessa, interattiva". Significa anche che ci sono cose che possiamo fare al riguardo.

Il mio libro più recente, "una prescrizione per la psichiatria", si basa su un approccio psicosociale alla salute mentale e al benessere per raccomandare una revisione generale dei nostri servizi di salute mentale. Sostenendo che le origini del disagio sono in gran parte sociali e che quindi abbiamo bisogno di un cambiamento da un "modello di malattia" a un "modello psicosociale", il libro sostiene che dovremmo rifiutare la tradizionale diagnosi psichiatrica, ridurre in modo significativo il nostro uso di farmaci psichiatrici, su misura aiutare i bisogni unici di ogni persona, investire in terapie psicologiche e sociali più grandi e collocare servizi di salute mentale e di benessere in un contesto sociale piuttosto che medico. Termino 'una prescrizione' con un manifesto per il cambiamento … le idee di base della mia risposta alla domanda 3.

EM: Se tu avessi una persona amata in un disagio emotivo o mentale, cosa suggeriresti che lui o lei faccia o provi?

PK: Sono molto riluttante a offrire consigli. È un grande argomento … e se potessi offrire un saggio consiglio di "auto-aiuto" che in realtà ha funzionato per tutti, sarei un milionario. Quasi ogni semplice consiglio andrà a caso, ovvio o sbagliato. Quindi probabilmente non mi sarà di grande aiuto. Ma ecco qui:

1. Ottieni le basi giuste

Mangia bene, nutriente, abbassa il contenuto di grassi saturi e il contenuto di sale basso. Mangia cinque porzioni di frutta fresca o verdura al giorno, bevi molta acqua e assicurati di avere le tue vitamine. Cerca di ottenere il tuo indice di massa corporea nella zona sana. Non voglio sembrare prudente, ma non fumare, bere moderatamente ed essere generalmente piuttosto cauto con le droghe ricreative. Ottieni almeno 7 ore di sonno a notte. Il sonno è davvero importante … e ci sono anche prove che il cervello ha bisogno di dormire per rimanere fisicamente sano.

Sebbene semplice, è tutto difficile. Ci sono molti consigli e aiuti specifici che l'NHS può offrire qui, dal fumo smesso e altri servizi simili alle cliniche del sonno, ecc. Ma il messaggio è lo stesso … avere i fondamentali, fisici, i fondamenti giusti.

2. Cinque modi per il benessere

C'è un grande approccio chiamato "i cinque modi per il benessere." Questo è un approccio che funziona davvero, e viene preso da sempre più persone. È consigliato da MIND e NHS e ci sono molti consigli per aiutarti a compiere passi efficaci verso un migliore benessere mentale.

I cinque modi sono:

a) Resta attivo – fai qualcosa di fisico ogni giorno. Potrebbe essere semplice come portare il cane a fare una passeggiata (se hai un cane!), Ma andare a fare una nuotata o andare in palestra tutti i giorni.

b) Mantenete i vostri rapporti – per tutti i tipi di ragioni, gli amici sono vitali. Buoni amici, amici di sostegno, amici che non ti giudicano o cercano di approfittare di te. E tutti possiamo prendere provvedimenti per mantenere le nostre amicizie. Possiamo assicurarci di 'telefonare, scrivere, scrivere testi, ecc. Potresti anche considerare un tipo di approccio semi-professionale – gruppi di auto-aiuto per persone in una posizione simile a te stesso.

c) Impara: mantieni attivo il tuo cervello. Coinvolgi il tuo cervello. Il tuo cervello è la macchina più fantastica che sia mai stata creata e deve essere esercitata (direi, sono un accademico, ma onestamente … è un bene per te!).

d) Dare – questo non è un lavaggio del cervello politico, ci sono prove reali del fatto che essere coinvolti in attività di beneficenza (ed è probabilmente meglio dedicare tempo e fatica, piuttosto che denaro) rende le persone più felici.

e) Rimanere aperti – questa è forse la cosa più difficile, ma si riferisce direttamente alla meditazione … quindi merita la sua sezione.

3. Consapevolezza

La ruminazione tende ad essere facilitata se impariamo a essere consapevoli; se siamo in grado di essere consapevoli e capire come funzionano i nostri pensieri. Questo NON significa assumere qualsiasi tipo di pratica religiosa, ma alcune delle tecniche pratiche per liberare la mente dal "disordine" possono essere utili. Anche in questo caso, è raccomandato dal NHS, oltre ad essere parte dei cinque modi di benessere. In parte, significa essere in grado di decidere dove concentrare la nostra attenzione, perché se siamo bravi in ​​questo, rende meno probabile che i nostri pensieri saranno sempre riportati alle nostre elucubrazioni.

4. "Prendilo, controllalo, cambialo"

E se siamo consapevoli di ciò che sta accadendo nelle nostre menti, possiamo iniziare a cambiare le cose. La mia collega, Sara Tai, ha sinteticamente riassunto la famosa "terapia comportamentale cognitiva" o CBT; "Prendilo, controllalo, cambialo."

Così …

a) Prima 'prendilo'; identifica quello che stai pensando. Spesso è davvero utile usare un cambiamento nelle proprie emozioni come spunto per esaminare il proprio pensiero. Quindi, quando noti un'emozione inutile o uno spostamento dell'umore, o quando noti che stai facendo qualcosa che sai può causare problemi (essendo ad esempio scattante, o bevendo troppo), ciò potrebbe fungere da spunto per esaminare i tuoi pensieri – "cosa sto pensando?".

b) E poi "controlla". Sei (dopo aver ingaggiato il tuo fantastico cervello in modo consapevole) pensando in modo sensato, saggio, proporzionato alla situazione? Il tuo umore sta influenzando il modo in cui stai pensando?

c) E poi "cambialo". Genera un punto di vista alternativo; domanda le prove per i tuoi pensieri negativi e trova le possibili alternative.

5. Terapia

Finalmente … se hai provato tutto questo … prova la terapia.

Non lo consiglierei a tutti – molte persone probabilmente preferiscono evitare i terapeuti e usare le risorse e il supporto a nostra disposizione nella vita di tutti i giorni. Ma la terapia può essere un'opportunità di pensare le cose con un professionista in un'atmosfera calma, solidale e non giudicante, e questo può essere utile. Personalmente preferisco l'approccio diretto della CBT, ma ci sono molti approcci diversi, che sembrano tutti utili, quindi è una questione di trovare un approccio che si adatta alle tue esigenze.

**

Peter Kinderman scrive: Sono professore di psicologia clinica all'Università di Liverpool e Presidente eletto della British Psychological Society. Recentemente ho lanciato un corso gratuito, online, ad accesso libero che esplora la nostra comprensione della salute mentale e del benessere e ha pubblicato "A Prescription for Psychiatry", che presenta la mia visione per il futuro dei servizi di salute mentale. Puoi seguirmi su Twitter come @peterkinderman.

**

Eric Maisel, Ph.D., è l'autore di oltre 40 libri, tra cui The Future of Mental Health, Ripensare la depressione, Padroneggiare l'ansia creativa, Boot Boot per la vita e The Van Gogh Blues. Scrivi Dr. Maisel a ericmaisel@hotmail.com, visitalo su http://www.ericmaisel.com e scopri di più sul futuro del movimento per la salute mentale su http://www.thefutureofmentalhealth.com

Per saperne di più e / o per acquistare The Future of Mental Health visita qui

Per vedere il roster completo di 100 ospiti intervistati, visita qui:

Interview Series

Solutions Collecting From Web of "Peter Kinderman sulla British Psychological Society"