Pessimismo dell'intelligenza, ottimismo della volontà

Lamentazioni per un 2016 deludente. Le persone – alcune persone – erano rattristate e persino traumatizzate dal plebiscito britannico per lasciare l'Unione Europea, [1] il voto dei colleghe elettorali per abbracciare Donald Trump, [2] e il referendum popolare colombiano per il rifiuto di un accordo di pace. [3] Ad altri non piace il fatto che la quarta stagione di Sherlock assomiglia a un film 007. [4]

Queste persone deluse guardano al 2017 con un misto di speranza e paura. Felice che un piano di pace rivisto fosse sostenuto dal congresso colombiano. Spero che i negoziati sulla Brexit non annullino il cosmopolitismo e le protezioni ambientali e dei lavoratori che l'Europa fornisce al Regno Unito. Confidando che gli equilibri dell'autorità esecutiva garantiti (?) Dalla burocrazia, dai tribunali, dai mezzi termini e dalla sua stessa follia limiteranno l'autonomia di Trump. Preoccupato per il fatto che il signor Holmes si dedicherà troppo all'eccentrica e troppa poca intelligenza. E timoroso che la speranza non porti il ​​frutto che tanto desiderano.

Essere delusi fa parte del destino dell'ambientalista. Ma così è un senso insistente di sentirsi positivo.

Romain Rolland, il premio Nobel francese di un secolo fa, ha chiesto "il pessimismo dell'intelligenza, che penetra ogni illusione e l'ottimismo della volontà" [5].

Quella straordinaria miscela di pensiero realistico pur mantenendo pulsioni utopiche ha parlato con il giornalista radicale Antonio Gramsci mentre si tratteneva in un carcere fascista durante la dittatura di Mussolini. [6]

In termini ambientali, significa affrontare i fatti, non le distorsioni, dei cambiamenti climatici e dell'inquinamento umano; di fronte a mendaci e creduloni oppositori; insistendo su un'educazione scientifica realistica e denunciando la copertura mediatica supina che si inchina davanti al falso idolo del capitale; e chiede leggi, regolamenti e leggi rinnovate e rivitalizzate da parte dei governi in linea con gli standard internazionali.

Quindi cosa significa questo per gli Stati Uniti negli anni a venire?

Nel rivedere i lugubri dischi dei due candidati presidenziali del 2016 dei due principali partiti, abbiamo trovato poco da ispirare da questi docili servitori degli ideali imperiali e corporativi. [7]

Trump è allo stesso tempo inarticolato e confuso nel suo modo di pensare, quindi è molto difficile distinguere le sue convinzioni da un giorno all'altro, dato il modo in cui combina lo stridore con l'incoerenza e l'ignoranza. Ma nella misura in cui la nebbia a volte si chiarisce, sembra mettere in dubbio la scienza del riscaldamento globale. [8] E il suo Partito si sdegna di continuo sugli scienziati del clima del mondo, sostenendo che sono dei carrieristi egoisti. [9]

Qualunque strada che Trump e i suoi corali decidono di prendere, devono affrontare il fatto che le imprese statunitensi sono state entrambe stimolate e frenate dal diritto ambientale: rappresenta un corpus legislativo e precedente ragionevolmente risoluto che aiuta le aziende a decidere in merito agli investimenti e alle politiche manageriali. Interrompere quel processo sarebbe caotico. E cercare di liberarsi dell'Agenzia per la protezione ambientale, che non dimentichiamo, è una creatura del Partito Repubblicano, potrebbe potenzialmente affrontare un ostruzionismo democratico nella camera alta. [10]

Ma Trump potrebbe smantellare l'attuale piano d'azione per il clima della Casa Bianca, che tenta di ridurre le emissioni di gas serra, insieme al piano per l'energia pulita dell'EPA. [11] L' indebolimento di tali iniziative aprirà la strada a ulteriori devastazioni alimentate dal carbone.

E la selezione dei giudici della Corte Suprema potrebbe essere anche un momento ancora più grande. Se Trump ha un mandato a tempo pieno, e forse due, avrà almeno uno e probabilmente quattro candidati, dando così potenzialmente ai reazionari una maggioranza molto chiara sulla Corte, virtualmente per la prima volta da quando ha tentato di distruggere il New Deal. [12] Ciò potrebbe giocare un ruolo enorme nella capacità della società civile di limitare l'agenda anti-ambiente del governo federale, cosa che hanno fatto con successo nel difendere il lavoro di Bill Clinton da George W. Bush. [13]

Non che il record di Clinton fosse così eccezionale. Il Partito Democratico in generale, e l'attuale amministrazione Obama in particolare, hanno terribili testimonianze ambientali. Anche un partito doveroso hack come Al Gore riconosce il fatto. [14]

Quindi sia l'attuale governo che il prossimo sollevano accigliate ecologiche. La retorica oratoria di Obama era eccellente, la prestazione materiale era scarsa. La retorica di Trump è scarsa e attendiamo la performance.

Una cosa è certa. Per trasmettere il messaggio agli americani, ai giornalisti, ai politici e ai funzionari, dobbiamo riflettere a lungo su come utilizzare le prove. Clinton era cattivo nella sua campagna, e Trump semplicemente lo evitò.

Ma come metodo per attuare e attuare le politiche, le prove possono ancora essere importanti (anche se a volte funziona diversamente.) La decisione del 2003 di invadere l'Iraq ha incarnato prove basate su criteri piuttosto che politiche basate su dati concreti). [15]

Quindi dobbiamo fornire ai cittadini, ai giornalisti e ai nostri rappresentanti informazioni e interpretazione dalla scienza, non dall'ideologia; ricerca, non fantasia; matematica, non contabilità; geografia, non profitti.

E ovunque, mentre affrontiamo un clima politico potenzialmente rischioso come quello fisico, dobbiamo farlo con il pessimismo dell'intelligenza (affrontare problemi molto reali) e l'ottimismo della volontà (credendo che la verità possa parlare con e attraverso il potere) che Romain Rolland proposto un secolo fa. La sua formula ha tenuto molte persone nei giorni più bui.

Solutions Collecting From Web of "Pessimismo dell'intelligenza, ottimismo della volontà"