Perso nel momento

Qualche giorno fa, mi sono divertito a partecipare a un programma radiofonico NPR con Matt Gross, autore della serie Getting Lost sul New York Times. Abbiamo coperto un sacco di territorio relativo al perché perdere se stessi in posti nuovi può essere una buona cosa. C'era un'idea che mi rimaneva legata, però, in relazione a qualcosa che Matt diceva sulle diverse varietà di "lost-hood". Ha descritto la sensazione di essere perso nel momento, e si è avvicinato all'idea dando una descrizione atmosferica di la sensazione che si prova quando si è completamente assorbiti dall'ambiente circostante, squisitamente e piacevolmente consapevoli di ogni sfumatura delle esperienze sensoriali del momento. Ripensa a uno dei tuoi momenti di viaggio più preziosi. Le probabilità sono, puoi ricordare le immagini, i colori, i suoni, gli odori e anche come la tua pelle ha sentito in quel momento. Potresti aver avuto il tempo di scattare una foto del momento, ma entrambi sappiamo che ogni fotografia che potresti avere potrebbe essere solo un pallido riflesso di tutto ciò che sentivi. La foto potrebbe servire come un gentile stimolo alla memoria, ma non riesce a trasmettere ciò che ti stava accadendo in quel momento, e guardarlo potrebbe anche lasciarti con una sensazione di vuoto delusione.

Ho pensato molto a questa idea di essere perso nel momento e penso che sia una frase fuorviante. Ciò che Matt stava descrivendo non era disorientamento. Piuttosto, questo tipo di esperienza è esattamente ciò che dovremmo cercare di fare più spesso mentre ci spostiamo nel mondo. Pensa a cosa ti succede in un giorno medio quando cammini da un posto all'altro. Cosa sta succedendo? Stai pensando a dove sei appena stato. Stai pensando a cosa succederà dopo. Stai pensando all'argomento che hai avuto con una persona cara pochi giorni fa. Stai controllando il tuo telefono. Stai pianificando la tua giornata lavorativa. Dove sei? Ovunque si trovi, è il più lontano possibile dai tuoi immediati dintorni. Questo è ciò che chiamo perso!

Di tanto in tanto, la maggior parte di noi fatica a trovare la nostra strada, e molte persone mi hanno chiesto se posso suggerire suggerimenti o trucchi che potrebbero aiutarli a minimizzare questi eventi. Una cosa che suggerisco è che imparano una lezione dalle tradizionali culture di wayfinding come gli Inuit, gli aborigeni australiani, i boscimani africani oi navigatori marini di Puluwatese. Una delle cose che tutti questi wayfinder umani di successo hanno in comune è che sanno davvero come perdersi nel momento. Ciò che intendo è che tali individui hanno imparato a praticare una consapevolezza squisitamente sintonizzata e quasi meditativa di ciò che li circonda. In altre parole, per sapere dove stai andando, devi avere una vivace consapevolezza di dove sei adesso. Un vantaggio marginale di sintonizzare il momento il più possibile è che non solo avrete una maggiore consapevolezza di ciò che vi circonda, ma coltiverete anche una sensazione di attaccamento intimo al vostro ambiente. Penso che non sia un caso che le stesse culture nelle quali troviamo un orientamento al posto molto sviluppato siano anche quelle in cui troviamo riverenza per la Terra e un senso di gestione responsabile piuttosto che il semplice possesso della terra.

Potrebbe sembrare un compito arduo prendere tempo da una giornata intensa per osservare in silenzio e immergersi nel proprio ambiente fisico, ma non è così difficile coltivare l'abitudine. In un esperimento in corso sulla psicogeografia urbana che sto dirigendo in collaborazione con il laboratorio BMW-Guggenheim, una sorta di think tank itinerante incentrato su questioni urbane, conduciamo persone in brevi passeggiate attraverso la città, fermandole a intervalli e chiedendo loro osservare i loro dintorni e notare come ciò che li circonda influenza i loro sentimenti. I partecipanti mi hanno detto che prendere parte a queste passeggiate li ha resi consapevoli di come l'ambiente influenzi l'umore e di sperimentare una maggiore consapevolezza del luogo per i giorni successivi. Un'altra tattica che potrebbe funzionare per risvegliare il tuo senso del luogo è cercare di abbattere le vecchie abitudini. Camminare piano. In effetti, prova a camminare così lentamente che ti senti un po 'vistoso. Non solo la stranezza del ritmo servirà a concentrare la tua mente, ma avrai il tempo di notare realmente ciò che accade intorno a te. Questo esercizio è in qualche modo correlato alla meditazione ambulante che fa parte di certe pratiche contemplative.

Potresti non avere il tempo per tale autodidatta ogni giorno, ma anche un piccolo sforzo non solo ti ricompenserà con alcune nuove e rinfrescanti intuizioni su come l'ambiente ti influenza, ma potrebbe anche aiutarti a evitare di perdersi nel paesaggio. Potresti imparare ad amare dove sei ancora più di quanto tu non abbia già fatto.

Solutions Collecting From Web of "Perso nel momento"