Pericolo per sé e altri

K. Ramsland
Fonte: K. Ramsland

Una dichiarazione di questa settimana su Andreas Lubitz, che si è chiuso nella cabina di pilotaggio di un volo di Germanwings per metterlo in crash con altri 149 a bordo, ha mostrato una riluttanza a chiamare l'atto un suicidio. Il funzionario che ha detto che ha aggiunto che il suicidio è solitario. Tuttavia, un esame di molti casi di omicidio di massa mostra che questa nozione è troppo ristretta.

Qualunque siano le ragioni di Lubitz per questo atto strabiliante, sappiamo che gli assassini di massa suicidi sviluppano un'aggressione che increspa sia verso l'interno che verso l'esterno. Vogliono che gli altri moriscano con loro, e talvolta il più possibile. Alcuni addirittura vogliono diventare famosi per questo.

Lubitz non ha lasciato alcuna nota (almeno, non è stata scoperta fino ad ora), ma ciò non cancella il potenziale che voleva includere gli altri nella sua spirale della morte. Abbiamo sentito che ha sofferto di una debilitante depressione. Spesso, le persone incolpano gli altri – anche la società – per il loro dolore da psiche.

Qualunque cosa possiamo imparare su quest'uomo durante l'indagine intensiva, sappiamo di molti episodi passati di qualcuno che diventa un pericolo per sé e per gli altri. Ogni incidente di omicidio-suicidio si adatta a questa categoria, sia che abbia un'altra vittima o 100.

Ho scritto su questo argomento l'anno scorso, con il titolo "Coercive Suicide", in cui ho intervistato un esperto di omicidi di massa. Ho anche scritto il mio libro sull'argomento, Inside the Minds of Mass Murderers . Descrivo i suicidi coercitivi ogni volta che insegno sull'assassinio di massa o sul suicidio.

Un'alta percentuale di questi criminali era stata depressa, arrabbiata, instabile e insoddisfatta delle loro vite. Eppure, invece di prendersi cura di sé stessi, decidono di portarne altri con loro. Quello che era un atto interiore e solitario è diventato sempre più esteriore e molto pubblico.

Alcuni sentono il bisogno di fare uno spettacolo pubblico della loro morte come una "lezione". Qualcuno deve pagare!

Posso pensare a molti esempi, ma un uomo che si aspettava pienamente un alto numero di vittime ha vissuto a Bath, nel Michigan, negli anni '20. Era una piccola città, quindi tutti conoscevano Andrew Kehoe, un accanito lagnanza che aveva acquistato una fattoria locale.

La Bath Consolidated School è stata inaugurata nel 1922, riunendo i bambini provenienti dall'area generale sotto lo stesso tetto. Ciò ha aumentato le tasse, ma le ha mantenute più sicure e ha standardizzato la loro istruzione.

Kehoe era infelice, perché aveva così tanta terra per la valutazione delle tasse, quindi si sedette sul consiglio scolastico per evitare di spendere troppo. Quando ha perso quella battaglia, era tutto finito. Tra le tasse e la malattia di sua moglie, stava andando in rovina. Ma non stava andando da solo.

Il 18 maggio 1927, il vicino di Kehoe, il signor Ellsworth, udì un'esplosione. Vide fumo e fiamme nella proprietà di Kehoe. Proprio mentre chiedeva aiuto, vide altri edifici andare in fiamme, poi vide un pennacchio di fumo alla scuola.

Lui e sua moglie sono arrivati ​​in città per trovare il loro figlio. Potevano sentire i bambini urlare. All'arrivo, hanno trovato il loro figlio al sicuro, ma molti altri bambini erano morti. Ellsworth vide un mucchio di piccoli corpi sotto un muro sbriciolato, con polvere, pezzi di gesso e sangue mescolati insieme.

Corse per prendere la corda e vide Kehoe guidare in città. Kehoe gli fece un cenno con un sorriso. Mezz'ora dopo, Kehoe ha fatto esplodere il suo camion, uccidendosi. Aveva collegato la scuola con esplosivi, si è scoperto.

Il corpo carbonizzato della moglie di Kehoe è stato scoperto dietro il suo fienile vuoto, ora bruciato a terra. Anche i suoi due cavalli erano morti, zoppicando con il filo. Emerse un'immagine che Kehoe aveva pianificato questo orribile atto per punire tutti quelli che poteva prima di togliersi la vita.

Alla fine, ha fallito in gran parte, perché un cortocircuito ha impedito alla sua opera d'arte di abbattere l'intera scuola. Eppure 38 bambini e 8 adulti sono morti, tra cui Kehoe. Sessantuno altri sono stati gravemente feriti.

Kehoe aveva pubblicato un cartello sulla sua proprietà come sua dichiarazione finale: con attenzione le lettere scritte a mano su un pezzo di legno erano le parole: "I criminali sono fatti, non nascono".

Mentre le persone depresse, arrabbiate o disperate guardano i resoconti dei media su come gli altri hanno lasciato un segno mentre terminavano le loro vite, possiamo aspettarci di vedere più affermazioni così fatali. Ogni volta che gli esperti di salute mentale valutano qualcuno come "un pericolo per sé o per gli altri", devono tenere presente che essere pericolosi non è necessariamente né / né; le persone instabili possono certamente essere entrambe le cose.

Dovremmo smettere di pensare al suicidio come atto principalmente solitario.

Solutions Collecting From Web of "Pericolo per sé e altri"